26.8 C
Rome
mercoledì 10 Agosto 2022
26.8 C
Rome
mercoledì 10 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homein fondo a sinistraPotere al Popolo visto dalla stampa inglese

Potere al Popolo visto dalla stampa inglese

L’Independent si accorge di Potere al popolo. Come Corbyn ha ispirato la sinistra italiana

di Rosa Gilbert

In Italia è sorto un nuovo movimento chiamato “Potere al Popolo”, ispirato alla nuova sinistra in Europa, in particolare a Momentum (giovani corbynisti britannici, ndr) e alla trasformazione del Labour sotto Jeremy Corbyn. Fondato il mese scorso durante un incontro a Roma, si è diffuso in 90 città del paese, organizzando assemblee pubbliche per la costruzione di una lista per le elezioni generali che si terranno a marzo.

I sostenitori indicano il calo degli standard di vita e il tradimento di lavoratori, giovani e precari da parte dei governi che si sono succeduti come motivazione a prendere in mano la situazione. Proprio come il tradimento delle giovani generazioni in Gran Bretagna dalla convergenza ideologica dei principali partiti ha spinto un afflusso di sostegno a Corbyn e Momentum, questo nuovo movimento in Italia segnala un rifiuto della scelta tra vari gradi di politiche guidate dal mercato che non offrono alcuna speranza per la gioventù espropriata del paese.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

In Italia, il partito democratico, apparentemente di centro-sinistra, ha attuato riforme neoliberiste più severe della coalizione di destra di Berlusconi, costringendo gli studenti a lavorare gratuitamente e “liberalizzando” il mercato del lavoro per rendere più facile licenziare i lavoratori e impiegarli a breve termine, contratti incerti.

Questo sta approfondendo un divario generazionale che è persino più grande che nel Regno Unito. Con i giovani italiani che affrontano un tasso di disoccupazione del 35% e un tenore di vita più basso rispetto ai loro genitori, un’intera generazione è stata spremuta dalle amministrazioni tecnocratiche e neoliberiste degli ultimi anni, aprendo una voragine a sinistra, fino a novembre, rimasto vuoto.

Potere al Popolo mira a fornire un’alternativa veramente di sinistra in un clima politico in cui l’estrema destra è stata incoraggiata dall’insicurezza economica e dal declino dei livelli di vita che sono il risultato di misure di austerità prese dai principali partiti politici. Secondo Giuliano, uno dei principali organizzatori di Napoli, gli attivisti sono stati ispirati dalla capacità di Momentum di mobilitarsi come movimento sociale ai fini delle elezioni politiche vincenti del partito: «Incorporare gli elementi positivi delle lotte del movimento sociale dalle recenti mobilitazioni in una ben organizzata forma di partito con attivisti impegnati senza imporre un approccio soffocante dall’alto verso il basso. L’innovazione di Momentum che utilizza i social media e le riunioni locali per creare un’ondata di sostegno popolare in un così breve arco di tempo è un ottimo esempio di ciò che può essere raggiunto».

La piattaforma elettorale assemblata sotto lo striscione di Potere al Popolo comprende sindacati di alto livello come l’USB, che vanta 500mila membri ed è particolarmente forte tra i lavoratori iper-sfruttati nel fiorente settore della logistica in Italia. Integrali al progetto sono le varie iniziative per i migranti e gli alloggi che hanno creato infrastrutture sociali in cui lo stato ha fallito, come il centro sociale Je So ‘Pazzo a Napoli – completo di ambulatori, biblioteca, mensa, bar e campo da calcio – dove è nato Potere al Popolo. Come gran parte dell’ondata di Momentum, la riduzione della sinistra all’attivismo extraparlamentare nella storia recente ha accumulato le forze necessarie per lanciare questa piattaforma.

L’ispirazione è arrivata anche da La France Insoumise, il cui leader Jean-Luc Mélenchon ha inviato la sua benedizione a Potere al Popolo lo scorso fine settimana per unirsi a loro in una “comune avventura per la costruzione di un’alternativa popolare per l’Europa”, condannando sia il Partito Democratico che il governo e, in Grecia, la Syriza di Alexis Tsipras, per compromessi, tradimenti e “speranze spezzate”.

Sebbene ci siano poche possibilità di ottenere il risultato elettorale che abbiamo visto in Gran Bretagna a giugno, gli attivisti di Potere al Popolo hanno in mente una strategia a lungo termine: “Il nostro vero obiettivo è avviare un processo che possa ridare fiducia alle nostre comunità nella loro capacità di attuare il cambiamento, oltre a spostare i termini di una campagna elettorale che si sta rivelando la più reazionaria degli ultimi 20 anni. In tal modo, miriamo a creare un movimento duraturo”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari