12.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
12.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home consumare stanca WhatsApp: nei gruppi solo se li autorizza l'utente

WhatsApp: nei gruppi solo se li autorizza l’utente

WhatsApp sta testando una funzione che consentirà agli utenti di essere inseriti in un gruppo solo se lo autorizzano gli stessi utenti

I gruppi delle chat possono essere a volte una perdita di tempo o un invasione dei propri spazi. WhatsApp sta testando una funzione che consentirà agli utenti di essere inseriti in un gruppo solo dopo autorizzazione. In pratica, elimina l’inclusione diretta. L’utente avrà a sua disposizione tre diversi tipi di filtro (Tutti, Solo i Contatti, Nessuno) che consentirà di decidere quali categorie di persone possono aggiungerlo ad una discussione con più utenti. Per rispondere all’invito si avranno 72 ore dalla ricezione del collegamento. La novità è avvistata nelle ultime Beta dell’app per dispositivi iOS e riportata dal sito WABetaInfo.WhatsApp è utilizzata da oltre 1,5 miliardi di utenti. Tra WhatsApp e Messenger, due app dell’ecosistema Zuckerberg, le persone mandano oltre 100 miliardi di messaggi ogni giorno, ha fatto sapere Facebook di recente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]