domenica 22 Settembre 2019

Ferma il capitalismo, e fermerai il climate change

Ferma il capitalismo, e fermerai il climate change

Mettere fine ai cambiamenti climatici richiede mettere fine al capitalismo. Abbiamo il fegato per farlo?

di Phil McDuff*

Dopo le enormi manifestazioni del #ClimateStrike del 15 marzo in tutto il mondo e verso le prossime di questi giorni, riprendiamo un articolo del Guardian sul significato e la prospettiva di questo movimento, l’esplosione giovanile che sta rappresentando e lo smascheramento delle inefficaci politiche sul riscaldamento globale degli ultimi trent’anni. Un movimento che esige un cambiamento radicale e non solo misure simboliche.

L’attivismo per il cambiamento climatico è sempre più il dominio dei giovani, come la sedicenne Greta Thunberg, l’improbabile volto del movimento dello sciopero scolastico per il clima, che ha visto migliaia di ragazze/i uscire dalle scuole per chiedere che la generazione dei loro genitori si assuma la responsabilità di lasciare loro un pianeta in cui vivere. In confronto, l’establishment politico esistente sembra sempre più un impedimento al cambiamento. Le conseguenze del riscaldamento globale sono passate dalla realtà meramente teorica e prevedibile a osservabile negli ultimi anni, ma questo fatto non è stato accompagnato da una svolta nei termini dell’urgenza. La necessità di mantenere le ruote del capitalismo ben oliate ha la precedenza anche davanti a un contesto di incendi, inondazioni e uragani.

I ragazzi di oggi, man mano che diventano più politicamente consapevoli, saranno molto più radicali dei loro genitori, semplicemente perché non ci sarà altra scelta per loro. Questo emergente radicalismo sta già cogliendo di sorpresa le persone. Il Green New Deal (GND, letteralmente il “nuovo patto verde”), un termine attualmente soprattutto associato alla deputata ventinovenne degli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez, ha provocato una reazione selvaggiamente disorientata dell’ala del “libero mercato”, che sostiene che si tratta di un cavallo di Troia, niente più che un tentativo di portare il marxismo a cavalcioni della legislazione sul clima.

La critica è ridicola. In parte perché il GND è lontano dall’essere veramente radicale e rappresenta già una soluzione di compromesso, ma soprattutto perché l’economia radicale in questo contesto non è una clausola nascosta, ma una caratteristica principale. Il cambiamento climatico è il risultato del nostro attuale sistema economico e industriale. Le proposte in stile GND sposano ampi cambiamenti di politica ambientale con riforme socialiste a livello più ampio perché il livello di cambiamenti necessario per tenerci a una temperatura al di sotto dell’”assolutamente catastrofico” è fondamentalmente, a un livello strutturale profondo, incompatibile con lo status quo.

In questo momento possiamo, con un massiccio investimento di sforzi entro il 2030, mantenere il livello di riscaldamento al di sotto di 1,5 ° C. Questo rappresenta un quadro “cattivo, ma gestibile”. Non riuscire a ottenere questo risultato vedrebbe il mondo attraversare barriere termiche più severe che potrebbero portare a esiti come il crollo dell’ecosistema, l’acidificazione degli oceani, la desertificazione di massa e le città costiere inondate a livelli di inabitabilità.

Dovremo semplicemente provare di tutto per riuscirci. Le politiche come una tassa sul carbonio non serviranno. Dobbiamo rivedere a livello fondamentale il nostro rapporto con la proprietà, il lavoro e il capitale. L’impatto di una radicale riconfigurazione dell’economia industriale richiede cambiamenti altrettanto grandi per il welfare state. Reddito di base, programmi di lavori pubblici su larga scala, tutto deve essere sul tavolo per garantire che gli shock del sistema in arrivo non lascino affamati e indigenti vaste aree della popolazione globale. Forse a livello ancora più fondamentale, non possiamo continuare a trattare il sistema di welfare come uno strumento per disciplinare le classi apparentemente inattive. Il nostro sistema deve essere riformato con una visione più umana dell’assenza di lavoro, della povertà e della migrazione di quanto non abbiamo ora.

Sfortunatamente per i nostri figli, le persone che devono convincere di tutto questo sono le persone che hanno guadagnato parecchio da questo sistema e sono fortemente incentivate a negare che sia tutto così negativo. Già adesso, Joke Schauvliege, una ministra dell’ambiente belga, è stata costretta a dimettersi dopo aver falsamente affermato di essere stata informata dai servizi di sicurezza dello Stato belga che c’erano dei ” fantasmi” dietro le quinte dietro le manifestazioni in Belgio.

Questo cospirazionismo dell’élite, queste affermazioni secondo le quali un vero movimento di massa non può esistere davvero e deve essere in qualche modo guidato da agenti provocatori, è solo uno dei modi in cui coloro che governano attualmente hanno fatto ricorso in una sorta di manipolazione politica, nel tentativo di mantenere la presa sul potere.

Manipolazione è un termine che non uso alla leggera, perché descrive una forma genuina di abuso emotivo, in cui un molestatore negherà la realtà nel tentativo di convincere la vittima a dubitare letteralmente della propria sanità mentale, e questo significato non dovrebbe essere diluito dall’uso eccessivo del termine. Tuttavia, faccio fatica a pensare ad un’altra parola che riassuma adeguatamente il modo in cui gli adulti “sensibili” stanno raddoppiando la loro tattica di produrre una realtà politica che non ha alcuna relazione con il mondo che vediamo intorno a noi. È il marxismo di Groucho piuttosto che di Karl: “A chi crederai? Ai seri politici di professione o ai tuoi occhi mentitori? “

L’incontro della senatrice americana Dianne Feinstein con gli studenti che le hanno chiesto di intervenire sulla questione è diventato virale a causa della maniera condiscendente in cui si è degnata di rispondere a loro che, in sostanza, le chiedevano di lasciar loro un pianeta dietro per sopravvivere. “faccio questo da 30 anni”, ha detto, “so quello che sto facendo”. La risposta ovvia è, naturalmente, che incasinare qualcosa per 30 anni è già troppo, può bastare, grazie. Un lungo periodo senza alcun risultato non significa avere esperienza.

Questa è una pillola dura e aspra da ingoiare per i politici professionisti i cui piedi sono saldamente sotto il tavolo. È sempre più evidente che tutte le loro tattiche non hanno fatto quasi nulla se non far scorrere il cronometro, ma continuano a insistere sul fatto che sono i giovani a non capirlo e che le cose non sono così semplici. Sono l’incarnazione vivente della famosa vignetta del New Yorker, in cui un uomo vestito elegante sta seduto in un paesaggio post-apocalittico che racconta al suo giovane pubblico “Sì, il pianeta è stato distrutto. Ma per un bel momento abbiamo creato molto valore per gli azionisti “.

Questa è la realtà contro gli interessi acquisiti dei potenti. Qualsiasi politica significativa deve sconvolgere la base del potere stabilito e la classe politica. Qualsiasi politica che non sconvolga queste persone sarà inutile. Fare finta di poter scendere a compromessi mentre aspettiamo un proiettile magico e tecnologico che manterrà le temperature basse senza costare nulla è ben al di là di un’ignoranza deliberata. È una questione di morale di base.

Molti degli studenti/esse che oggi scioperano per il clima non avranno nemmeno trent’anni quando la scadenza degli 1,5°C arriverà nel 2030. Ci chiedono di considerare una semplice domanda: il loro futuro vale più del preservare la nostra reputazione? Quale sarà la nostra risposta?

*Phil McDuff scrive di economia e politiche sociali.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.