domenica 20 Ottobre 2019

Violenza di polizia in Francia, Macron ordina e copre gli abusi

Violenza di polizia in Francia, Macron ordina e copre gli abusi

Francia, centinaia di feriti, la morte di Zineb Redouane, la sparizione di Steve Caniço. Il governo nega la violenza, egittimando gli abusi e rimuovendo i tabù

di Michaël Hajdenberg/Mediapart

Per diversi mesi, il governo francese ha ripetutamente negato l’esistenza della violenza della polizia, nonostante centinaia di feriti e la morte di Zineb Redouane, 80 anni, colpita da un candelotto della polizia mentre era nella sua casa di Marsiglia, a dicembre, nel corso delle violenze contro una manifestazione di gilet jaunes. Legittimando gli abusi e rimuovendo i tabù, ha reso possibile la domanda terrificante: “Dov’è Steve?”. E’ il bilancio funesto del mantenimento dell’ordine voluto dall’esecutivo e dal suo ministro dell’Interno, Christophe Castaner.

E’ passato un mese da quando nessuno sa dov’è Steve, sparito nel nulla, a Nantes, dopo le cariche della polizia alla Festa della musica, su un canale sulla Loira, la notte del 21 giugno scorso. Diverse persone finirono in acqua, di Steve più nessuna traccia. Ed è una tragedia di per sé: se nessuno osa credere in un lieto fine a questa ricerca, è perché tutti hanno capito dove potrebbe aver portato la follia della polizia quella notte, questa follia degli ultimi mesi.

Steve e Zineb. Due sparizioni in seguito a due atti di polizia incomprensibili. Due persone che non indossavano un giubbotto giallo. Due esseri che non hanno minacciato nulla o nessuno. Due vittime collaterali di una strategia del terrore: un’ottuagenaria che voleva solo chiudere le imposte durante una manifestazione contro gli sfratti; un giovane di 24 anni che voleva celebrare la musica sulle rive della Loira.

In entrambi i casi, il governo e la polizia non possono nemmeno discutere la loro solita retorica sulla violenza e l’autodifesa. Nemmeno una presenza ingiustificata durante una manifestazione, poiché questo era il rimprovero fatto da Emmanuel Macron al Geneviève Legay, la 73enne gravemente ferita di Nizza: avrebbe dovuto restare a casa anziché manifestare

Non importa: la polizia non sbaglia mai in questo paese. Mai. La violenza della polizia non esiste. Questo autorizza il Ministro degli Interni ad assegnare medaglie a poliziotti sospettati di aver subito le peggiori botte sui manifestanti.

Conoscevamo la massima economica liberale di “Laissez faire, laissez passer”. Scopriamo la dottrina della sicurezza: laissez faire, laissez tirer (lascia stare, lascia perdere). Perché per Zineb Redouane come per Steve Caniço, anche guardando bene, nonostante tutta la malafede del mondo, non c’è argomento che possa giustificare simili tragedie.

Le circostanze e il profilo degli scomparsi non sono ancora stati sufficienti a suscitare una parola di compassione da parte del Presidente della Repubblica (s’è detto semplicemente “preoccupato” sabato 20 luglio), una visita di un ministro ad un famiglia, un rimpianto per ogni portavoce.

Tutto nella tradizione del silenzio e della negazione assoluta che accompagnano per mesi i 24 gilet gialli resi orbi, i 315 feritoi alla testa, le 5 mani strappate (secondo il conto di David Dufresne, giornalista d’inchiesta specializzato in malapolizia).

Tutti questi dimostranti, a volte semplici passanti, non hanno certo perso la vita. Ma molti di loro hanno perso il senso e il gusto.

Ogni anno, ci sono morti in Francia a seguito di interventi di polizia – 15 nel 2018, secondo il rapporto annuale IGPN, l’Inspection générale de la Police nationale, pubblicato la scorsa settimana. Ma in termini di polizia, quando si trattava di rispondere ai movimenti sociali o alle mobilitazioni organizzate, la dottrina era chiara da anni: evitare a tutti i costi che ci sia la minima vittima.

Sono bastati pochi mesi per renderlo obsoleto. Dopo la scomparsa di Steve Caniço, il Ministero degli Interni ha annunciato l’apertura di un’inchiesta da parte dell’IGPN. Ma per mesi, l’IGPN ha aperto le indagini, mentre altri creano commissioni. Per meglio seppellire i problemi.

L’IGPN non si preoccupa nemmeno di fingere. Per il suo capo, Brigitte Jullien, che “confuta la definizione di violenza della polizia”, ​​se ad oggi non è stato sospeso alcun agente di polizia, è “perché nessuna indagine ha concluso che la responsabilità un agente di polizia è stato assunta su base individuale “.

Sarebbe una coincidenza che il 21 giugno, a Nantes, una dozzina di granate, trenta candelotti a gas lacrimogeno e una dozzina di proiettili di LBD (lanceur de balles de défens, i flash ball) siano state lanciate nel bel mezzo della notte su giovani che hanno avuto l’errore di ballare una mezz’ora troppo. Sarebbe stata solo sfortuna se quattordici frequentatori della festa sono caduti in acqua.

Cosa rara, perfino un sindacato di polizia, SGP-FO, ha denunciato “una grave condotta scorretta, un ordine aberrante, mettendo a rischio i nostri colleghi e gli utenti”.

Un mese dopo, il commissario non è stato sospeso, né nessuno dei suoi uomini. Nessuna indagine è stata affidata all’Ispettorato Generale dell’Amministrazione, irrangiungiblie per il prefetto del Pays de la Loire. Come se questa follia della polizia non potesse essere condannata o addirittura sospettata. Come se l’escalation nell’uso delle armi non potesse essere messa in discussione.

Zineb Redouane, è morta il 2 dicembre 2018. Dopo oltre sei mesi di indagini, l’ufficiale di polizia che ha sparato con il cannone lacrimogeno non è stato ancora identificato. Il CRS che ordinò le cariche non ricorda nulla. Di fronte alle immagini di videosorveglianza, non riconoscono il tiratore, sostenendo la scarsa qualità dell’immagine. Per quanto riguarda il capitano della compagnia di CRS presente il giorno della tragedia, ha rifiutato di fornire dati all’IGPN per l’esame balistico, dei cinque lanciatori hanno sparato granate.

Cosa fa la magistratura?

Il procuratore di Marsiglia ha iniziato sottolineando la storia medica di Zineb Redouane piuttosto che il trauma causato dalla sparatoria. Il giorno dopo la sua morte arrivò al punto di dichiarare che “lo shock facciale non era la causa della morte”. Ribes, il procuratore responsabile dell’inizio delle indagini sulla morte di Redouane, fu persino con la polizia durante la tragedia. Ma non ha trovato utile informare né gli investigatori né il magistrato di Marsiglia.

Allo stesso modo, mentre ovunque in Francia, i manifestanti sono condannati a tutta velocità a severe pene per ragioni insensate, a Nizza, nel caso di Legay, il procuratore ha fatto di tutto per proteggere il commissario Souchi, responsabile dell’onere sproporzionato.

[Una situazione, per fare un paragone per i lettori italiani, che riproduce su una scala gigantesca quello che avviene da alcuni anni nella procura di Torino, la “procura con l’elmetto”, con pene rapide e spropositate affibbiate ai militanti no tav per reati bagatellari e l’archiviazione sistematica delle denunce di abusi di polizia. Si veda il documentario Archiviato, prodotto da legali del movimento no tav o il saggio sull’impunità di polizia di Checchino nel numero 3/2019 di Micromega].

Non ci sono più regole, né più limiti. Dozzine di manifestanti ambientalisti e pacifisti sono stati gasati a distanza ravvicinata e violentemente evacuati dal CRS Pont de Sully a Parigi. L’uso del gas era così massiccio che persino il comandante del CRS ha perso conoscenza.

Ma perché mettersi in imbarazzo quando l’esempio viene dall’alto? Emmanuel Macron, subentrato a Christophe Castaner, stesso ordino di non parlare di repressione o di violenza della polizia, “queste parole sono inaccettabili in uno stato di diritto”.

Cosa è inaccettabile nello stato di diritto?

Naturalmente, queste violenze e tragedie sono esistite nei quartieri popolari per anni. Ma se alcuni media tentano di documentarlo, il più delle volte, questi abusi e brutalità sono protetti da occhi indiscreti. Ma da qualche mese, grazie a innumerevoli video, l’ingiustizia si materializza agli occhi di tutti: è necessario essere ciechi per aver perso questi manifestanti mirati in testa mentre sono di schiena o le mani in aria, mentre altri vengono manganellati e massacrati senza motivo.

Così quando i pubblici ministeri, i ministri e persino il presidente della Repubblica perdonano tutti gli abusi commessi dalla polizia. Anche così, l’omicidio di una persona anziana diventa una violenza legittima. Quando le autorità più alte scelgono di continuare ad armare la polizia con LBD nonostante le condanne dell’ONU. E quando – va detto – tutto ciò viene fatto senza generare grandi ondate di proteste. Quindi, il dramma diventa inevitabile. Zineb e Steve potrebbero essere solo i primi.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.