mercoledì 23 Ottobre 2019

Scrive Carola: Fortezza Europa e catastrofe climatica

Scrive Carola: Fortezza Europa e catastrofe climatica

Un articolo di Carola Rackete, capitana della Sea Watch. L’apartheid climatico porterà solo ad altre tragedie nel Mediterraneo

di Carola Rackete, capitana della Sea Watch

 

Quello che ho visto dalla mia barca nel Mediterraneo permette di intravedere il futuro di milioni di persone, se non facciamo qualcosa ora. Sono spaventata dai danni che stiamo facendo al pianeta e dall’ostilità verso coloro che fuggono da siccità, carestie, incendi e tempeste. Molte persone sono preoccupate per il rapporto tra migrazione e crisi climatica, perché temono che questo possa portare a una maggiore xenofobia e a politiche più severe: ma la xenofobia e politiche rigorose in materia di frontiere sono già qui.

Quest’estate i media mi hanno prestato molta attenzione quando sono stata arrestata nel porto italiano di Lampedusa perché sono una giovane donna e capitano di una nave, la SeaWatch 3, che aveva salvato 40 persone dal Mediterraneo. Sono stata arrestata dopo aver trascorso due settimane in mare cercando di trovare una soluzione politica per sbarcare legalmente questi profughi della guerra civile in Libia. La mia nave è entrata in acque italiane, nonostante un ordine di Matteo Salvini, l’ex ministro di estrema destra. Da allora, per i media, sono diventata la donna che ha sfidato il diritto in Italia e in Europa.

Le autorità italiane mi stanno ancora indagando (anche se il giudice mi ha rilasciato perché ha ritenuto che il mio obiettivo fosse quello di salvare delle vite umane). Questo mi preoccupa? Non proprio perché le mie azioni erano giustificate. Ciò che mi spaventa è il danno che stiamo facendo al pianeta e l’ostilità verso coloro che fuggono da siccità, carestie, incendi e tempeste. A mio parere, i pericoli del collasso climatico e la necessità di aiutare coloro che cercano di attraversare il Mediterraneo sono intimamente connessi.

E’ comprensibile che molti siano preoccupati di parlare del rapporto tra migrazione e crisi climatica, perché temono che questo possa portare a una maggiore xenofobia e a politiche più severe alle frontiere. Il problema è che la xenofobia e le rigorose politiche di frontiera sono già qui. L’ho visto con i miei occhi nelle persone che tiro fuori dal mare e in quelle che non sono riuscita a salvare.

Il collasso climatico aggrava le ragioni per cui le persone hanno bisogno di migrare, come le condizioni socio-economiche disperate o l’oppressione politica. Nelle situazioni in cui le persone stanno già lottando per sopravvivere, il collasso climatico intensifica la pressione, sia che si tratti dell’innalzamento del livello del mare, della scarsità d’acqua, dei danni provocati dalle tempeste o dei raccolti falliti.

Le persone che vivono nelle zone più svantaggiate del pianeta – che meno hanno contribuito alla crisi climatica – sono le prime a subire gli effetti di questo collasso. Le devastanti tempeste in Mozambico, le siccità in Somalia che hanno ucciso quasi tutto il bestiame e le ondate di calore in India sono solo un assaggio di ciò che accadrà se continueremo a inviare gas serra nell’atmosfera. Sempre più persone dovranno migrare per sopravvivere.

Nei prossimi decenni, milioni di persone saranno costrette a migrare per evitare il cambiamento e il peggioramento delle condizioni ambientali. Finora, molti di loro si sono spostati all’interno, dalle zone rurali alle aree urbane, o si stanno spostando verso i paesi vicini. Solo pochi di loro percorrono lunghe distanze. E poi si scontrano con i muri di paesi che spesso sono in parte responsabili della creazione delle condizioni – sia ambientali che politiche – che li fanno migrare.

I paesi del Nord hanno conquistato e saccheggiato il Sud durante il periodo coloniale e tuttora tengono in ostaggio quei paesi con i debiti sovrani. E ora stanno derubando le persone dei loro bisogni fondamentali di sopravvivenza per soddisfare la dipendenza dai lussi del carbonio.

Eppure i paesi ricchi stanno amplificando la loro retorica di destra. Ciò ha conseguenze terribili per le persone colpite, sia che muoiano nei centri di detenzione di Manus e Nauru in Australia, che muoiano sotto la custodia delle forze di sicurezza statunitensi al confine con il Messico, o anneghino nel Mediterraneo, che attualmente è il confine con il maggior numero di morti al mondo.

I politici giustificano queste condizioni orribili sostenendo che devono dissuadere più persone dal voler attraversare le frontiere. Ma il numero di migranti e rifugiati in arrivo suggerisce che questa strategia non funziona. Naturalmente non tutte le migrazioni sono legate alla crisi climatica, ma l’emergenza climatica farà sì che ogni attuale “crisi migratoria” sembrerà un gioco da ragazzi. Recentemente, un rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla povertà e i diritti umani ha messo in guardia da un futuro “apartheid climatico”, in cui i paesi poveri subiranno le peggiori conseguenze del collasso climatico, mentre i ricchi pagheranno per un po’ di sicurezza. “I diritti umani potrebbero non sopravvivere alle prossime turbolenze”, conclude tristemente la relazione. La mia più grande paura è che questa visione distopica del nostro futuro possa avverarsi. In Italia mi è apparso chiaro che l’erosione dei diritti umani è già in corso.

Quello che abbiamo fatto con l’equipaggio di Sea-Watch è una cosa relativamente piccola. Un momento di solidarietà con coloro la cui vita è in pericolo imminente. Si potrebbe dire che era un gesto simbolico. Le nostre azioni hanno dimostrato l’ipocrisia dell’Unione europea in materia di migrazione, ma sono state anche un’audace affermazione del tipo di futuro che vogliamo: un futuro di uguaglianza globale, solidarietà e giustizia.

Quando ho lavorato su navi per la ricerca polare, ho visto in prima persona gli effetti del riscaldamento globale sulla natura. Ma durante il mio volontariato alla Sea-Watch, ho potuto intravedere il futuro che attende milioni – anche miliardi – di persone. Ci sono sempre persone che generano disastri o ne traggono vantaggio per il potere e la fortuna. La crisi climatica causerà disastri che potrebbero aiutare i tiranni o i fascisti a prendere le redini della situazione. Dobbiamo fare il possibile per evitare che si impadroniscano dell’Europa.

Non basta che gli europei applaudano coloro che sfidano l’ideologia della fortezza Europa. Non otterremo nulla con un sostegno passivo. Dobbiamo tutti agire e chiedere e creare il futuro che vogliamo. Uniamoci ai movimenti di attivisti che chiedono un’azione per combattere il cambiamento climatico. Riducete drasticamente il vostro impatto ecologico. Aiutate i migranti e i rifugiati già presenti nei vostri paesi ad integrarsi nella società. Sostenere organizzazioni come Sea-Watch in qualsiasi modo possibile. E alzate le vostre voci – e votate – contro l’ideologia dell’odio e della divisione.

Come cittadina tedesca, ho il privilegio di poter rischiare l’arresto senza timore di essere deportata in un luogo pericoloso o di poter annegare in mare. Ma come tedesca ho anche un altro pensiero. Molti di noi si chiedono cosa avremmo fatto negli anni ’30, quando la retorica razzista divenne politica razzista e poi genocidio. Spero che le mie azioni con Sea-Watch parlino di ciò che avrei fatto se avessi vissuto in quel momento. La domanda che vi pongo è: cosa farete ora?

tradotto dall’edizione in spagnolo di OtherNews

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.