giovedì 5 20 Dicembre19

Sesso “socialista”, e se fosse meglio?

Sesso “socialista”, e se fosse meglio?

Le relazioni di genere erano più egualitarie al tempo della Rdt: perché riportare il “socialismo” nella nostra vita amorosa e sessuale

da New York, Mathieu Magnaudeix/Mediapart

La fortuna di Kristen Ghodsee è iniziata con l’entusiasmo di un editore, e un piccolo malinteso. Docente di studi russi e dell’Europa orientale presso l’Università della Pennsylvania, l’antropologa Ghodsee documenta da 20 anni le conseguenze sociali della caduta del muro di Berlino, a partire dall’emergere del neoliberismo nell’ex blocco orientale: in particolare, ciò che ha fatto ai corpi e ciò che ha cambiato nelle relazioni economiche e intime tra uomini e donne.

Nell’agosto 2017, ha pubblicato un articolo sul New York Times che traeva ispirazione dal suo libro precedente, Red Hangover, un’esplorazione della vita quotidiana post-socialista nell’Europa dell’Est, pubblicato nel 2017. Scriveva così: “Quando gli americani pensano al comunismo nell’Europa dell’Est, pensano alle restrizioni di viaggio, ai paesaggi grigi cupi di cemento, alle lunghe code davanti ai negozi vuoti, ai servizi di sicurezza che controllano la vita privata dei cittadini. Era una realtà, ma la nostra rappresentazione della vita comunista non racconta tutta la storia. Le donne del blocco orientale godevano di molti diritti e privilegi all’epoca sconosciuti nelle democrazie liberali, a cominciare dai grandi investimenti statali nell’istruzione e nella formazione, dalla piena integrazione nella forza lavoro, dal generoso congedo di maternità e dall’assistenza gratuita all’infanzia. Un altro beneficio ha ricevuto poca attenzione: le donne sotto il comunismo avevano più piacere sessuale».

 

Kristen Ghodsee

 

Un lavoro del genere, ovviamente titolato su quest’ultimo aspetto, sarebbe stato un sicuro successo. Ed è valso a Ghodsee l’offerta di un contratto dalla casa editrice Nation Books. Pubblicato nel 2018, il suo libro, Why Women Have Better Sex Under Socialism, è stato notato, citato e commentato da molti media americani, soprattutto da quelli più di sinistra. E’ appena uscita l’edizione tedesca. È stato pubblicato in spagnolo, polacco e olandese.

In ogni intervista, Ghodsee si scusa: il suo lavoro non riguarda solo il sesso e, lontano da lei, l’idea di feticismo sessuale delle donne dell’ex blocco orientale. In effetti, il suo punto di vista va oltre. “Il capitalismo deregolamentato – riassume all’inizio del suo libro – è un male per le donne. Se adottiamo alcune idee del socialismo, la loro vita sarà migliore. Applicato correttamente, il socialismo permette l’indipendenza economica, migliori condizioni di lavoro, un migliore equilibrio tra lavoro e famiglia. E sì, del miglior sesso».

Precisiamo che negli Stati Uniti “socialismo” significa “socialismo democratico”: l’idea di un sistema politico ed economico post-neoliberale più equo e ridistributivo, dove lo Stato federale riconquisterebbe un posto centrale per assicurare la transizione ecologica, garantire buoni posti di lavoro, protezione sociale universale e alloggi per tutti. Nonostante Trump, o forse a causa sua, questo concetto, che va anche contro i dogmi neoliberali del Partito Democratico, è in piena espansione, grazie alle proposte politiche di Bernie Sanders o della deputata newyorkese Alexandria Ocasio-Cortez…, ed è diffamato dalla destra, che agita la stessa maccartista “paura del rosso”.

Per Ghodsee, l’eco del suo libro negli Stati Uniti riflette questa più ampia consapevolezza: “Molte persone stanno cominciando a capire che ci sono altri modi di organizzare la società, che non siamo solo le pedine del brutale capitalismo».

Il suo libro si basa su diversi studi sul campo che ha condotto negli ultimi 20 anni, ma anche sul lavoro di riferimento di storici come Dagmar Herzog, Ingrid Sharp e Josie McLellan che hanno osservato, in particolare nella RDT, una “rifamiliarizzazione” delle relazioni sessuali e di genere dopo la caduta del Muro.

Non è, tuttavia, un tentativo di riabilitazione politica della dittatura della Germania orientale o dei regimi socialisti in generale. “Non credo che dovremmo tornare alla Germania dell’Est o all’URSS, je ne romantise absolument, non voglio idealizzare questi regimi”, ha detto a Mediapart. Ghodsee che documenta anche la privazione della libertà, la sorveglianza e la dittatura. Oppure, nel campo del genere e del corpo, la totale assenza di discussioni sulla violenza sessuale, la repressione dell’omosessualità e la sussistenza di ruoli di genere distribuiti tra uomini e donne.

«Sto solo dicendo che c’era un bambino nell’acqua del bagno», spiega, un marmocchio che fu buttato un po’ in fretta quando il Muro cadde, e che si potrebbe riassumere come segue: una maggiore “indipendenza” delle donne.

«Le donne della Germania dell’Est dovevano essere madri e lavoratrici – spiega la docente –  al momento della caduta del Muro, il 90% dei tedeschi dell’Est erano impiegati, contro il 55% dell’Ovest. Il congedo di maternità era normale, gli asili nido e gli asili nido erano curati dallo Stato. Le donne erano economicamente più indipendenti e meglio rappresentate e formate in settori come la matematica. Non dovevano temere una gravidanza, quindi l’età della prima gravidanza nella RDT era inferiore prima del 1989 rispetto a quella della RFT. L’implicazione sessuale di questa indipendenza era reale: le donne avevano più libertà di scelta del partner».

Questa autonomia incoraggiava “un comportamento maschile più generoso in camera da letto” in una società in cui il divorzio era anche una procedura abbastanza comune. Ghodsee cita diversi studi basati su indagini, appena prima e dopo la caduta del Muro, che sembrano indicare una maggiore soddisfazione sessuale tra le donne eterosessuali della Germania dell’Est.

Per sociologi e storici, la caduta del Muro è stato un “meraviglioso laboratorio”, dice Ghodsee. Un’opportunità storica per dimostrare come un regime sessuale capitalista e più normativo possa essere ripristinato in pochi anni. «Il Muro cadde il 9 novembre, la Germania si riunificò il 3 ottobre 1990. In meno di un anno. L’economia della Germania orientale è nelle mani della Treuhand* e il 40% dei tedeschi dell’Est perse il posto di lavoro. Fu rapidamente la leadership della Germania occidentale a imporsi: gli uomini avevano bisogno di lavorare, così le donne sarebbero rimaste a casa. In questo modo è stato anche possibile eliminarle dalle statistiche sulla disoccupazione. A molte donne della Germania dell’Est non piaceva essere disoccupate, rimesse in cucina, economicamente dipendenti dal marito», dice Ghodsee.

Questa “rifamiliarizzazione” nel contesto della devastazione economica è stata quasi immediatamente accompagnata da un calo del tasso di fertilità, poi descritto dalla stampa tedesca occidentale come un “sciopero del ventre”. Fu una normalizzazione capitalista, dove le donne dominate e “pagate meno degli uomini” sono incoraggiate ad allearsi con l’uomo capace di sostenerle. La fine di una parentesi emancipatrice.

Per Ghodsee, evocare l’esperienza della Germania dell’Est, di cui ha trovato elementi in altre repubbliche socialiste, è interessante solo se permette di pensare alla nostra società contemporanea. Perché non cercare di organizzare ulteriormente una certa “risocializzazione” della società, se si tratta di liberare le donne? «Il lavoro di cura degli altri, come l’assistenza all’infanzia, spesso fornita dalle donne, ma anche i nostri affetti e rapporti sessuali non dovrebbero essere centri di profitto per il capitalismo», dice l’antropologa che sostiene l’uscita dal mercato della sanità (negli Stati Uniti la sanità gratuita universale è un argomento importante nelle primarie democratiche), dell’assistenza all’infanzia, agli anziani, dei trasporti pubblici.

Ghodsee non critica la prostituzione in quanto tale, che lei definisce più come “lavoro sessuale”, e che è esplosa negli stati ex socialisti dopo la caduta del Muro. D’altra parte, osserva che era meno presente nella RDT, in cui, visto che un certo numero di bisogni primari era soddisfatto, «poche persone avevano bisogno di scambiare sesso con denaro». Più in generale, Ghodsee sogna vite in cui le nostre emozioni e i nostri desideri non sono trattati come materie prime da cui il capitalismo deriva un valore aggiunto, come nel caso di app e siti di incontri come Tinder, «il cui modello di business è proprio quello di tenerti il più a lungo possibile, per evitare di incontrare qualcuno». Vite più libere, più creative, dove il neoliberismo, la precarietà, il debito, la dipendenza economica non regnerebbero più sulle nostre scelte emotive, coniugali e sessuali.

*Il Treuhandanstalt, chiamato colloquialmente Treuhand, era un’agenzia istituita dal governo della Repubblica Democratica Tedesca per la privatizzazione delle imprese della Germania orientale, Volkseigene Betriebe, prima della riunificazione tedesca

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.