28.5 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
28.5 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
Homecronache socialiGiornata della Memoria 2020. Eresia della memoria e dell'accoglienza

Giornata della Memoria 2020. Eresia della memoria e dell’accoglienza

Giornata della Memoria 2020. Agli Archivi della Resistenza cena concerto con Pierpaolo Capovilla e presentazione della campagna #IoAccolgo

Sabato 25 gennaio in occasione della Giornata della Memoria 2020 torna la quarta data della “Rassegna per chi non si rassegna” con un doppio appuntamento: un incontro per presentare la campagna nazionale #Ioaccolgo e la cena-concerto “Eresia”, poesie di Majakovskij interpretate da Pierpaolo Capovilla con il concerto dei Parolieri a chiudere la serata.
Sabato 25 gennaio 2020 presso il Circolo enogastronomico Archivi della Resistenza al Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (MS). Alle ore 17.30 presentazione della campagna nazionale “Io accolgo” sostenuta da varie associazioni tra cui l’ARCI (www.ioaccolgo.it). Interventi di Walter Massa (Arci Nazionale Coordinatore Commissione Diritti dei migranti e dei richiedenti asilo, politiche antirazziste), Francesco Marchese (ARCI Liguria), Gianluca Mengozzi (ARCI Toscana). Coordina Checchino Antonini (giornalista di Popoff Quotidiano)


Alle 19.30 aperitivo offerto dal circolo. Alle 20.00 cena sociale (25 euro tutto compreso e 20 euro per studenti e precar*). Alle 22 la lettura delle poesie di Majakovsij nello spettacolo “Eresia” di Pierpaolo Capovilla e a seguire concerto dei “Parolieri” con Daniele Pedrazzi (voce e chitarra), Nicola Bogazzi (voce e basso), Orso Maria Arrighi (voce e batteria), Davide Giromini (voce e tastiera). Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Campagna “Io accolgo” (dal sito www.ioaccolgo.it)

CHIEDIAMO L’ABROGAZIONE DEI DECRETI SICUREZZA – FIRMA ANCHE TU!

Chiediamo al Governo e al Parlamento di abrogare i decreti Sicurezza e gli accordi con la Libia perché violano la nostra Costituzione e le Convenzioni internazionali, producono conseguenze negative sull’intera società italiana e ledono la nostra stessa umanità.

Le nostre proposte:

– Reintrodurre il permesso di soggiorno per motivi umanitari e la residenza anagrafica per i richiedenti asilo. Senza documenti i migranti sono condannati all’esclusione e allo sfruttamento, con conseguente aumento della marginalità e del disagio sociale.
– Riaprire l’accesso dei richiedenti asilo al sistema di accoglienza integrata e diffusa gestito dai Comuni. Questo sistema (ex-SPRAR) prevede percorsi di formazione e inserimento lavorativo che permettono una positiva inclusione nella società italiana.
– Mai più morti in mare e persone lasciate per settimane sulle navi. Chi rischia la vita in mare deve essere soccorso e fatto sbarcare al più presto in un porto sicuro. E chi soccorre non può essere criminalizzato.
– Stop ai respingimenti in Libia. Annullare gli accordi Italia-Libia, sulla base dei quali i migranti vengono intercettati in mare e riportati in Libia, dove vengono rinchiusi nei centri di detenzione, in condizioni disumane e sottoposti a violenze e torture

 

Attenzione i posti sono limitati, prenotatevi per la cena-concerto a info@archividellareistenza.it o al 3290099418)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]