giovedì 29 Ottobre 2020

Il delegato “math” ora preferisce Sanders

Il delegato “math” ora preferisce Sanders

La matematica dalla parte di Sanders: vince il caucus democratico anche in Nevada. E stacca i moderati nei sondaggi

di John Cassidy

Bernie Sanders sbanca in Nevada e si afferma sempre più come l’anti-Trump. Il senatore vince con ampio vantaggio i caucus, porta a casa la sua terza vittoria e lancia la volata alla conquista della nomination democratica. «Vinceremo in tutto il Paese», dice trionfante. A nulla sono valsi i tentativi dei rivali di fermare la corsa del senatore. Pete Buttigieg, finora spina nel fianco di Sanders, è arrivato – secondo i dati preliminari – solo terzo in Nevada dietro a Joe Biden e staccato di quasi 30 punti dal vincitore. Buttigieg – che si presenta come l’unico a poter strappare voti repubblicani – si congratula con Sanders ma invita a valutare attentamente i pericoli e le conseguenze di una sua possibile nomination. E’ lo stesso refrain retorico che adopera anche il discutibile multimiliardario Bloomberg (prima dem poi repubblicano e ora di nuovo in corsa con i democratici), uscito con le ossa rotte dal dibattito tv di mercoledì sera. Molti commentatori calcano la mano sulle divisioni nel campo moderato per minimizzare il dato sociale di un’America popolare che sceglie un’opzione esplicitamente socialista. «Il senatore Sanders crede in una rivoluzione ideologica inflessibile che esclude molti democratici, per non parlare dei molti americani che taglia fuori», avverte Buttigieg. La città delle luci regala invece una nuova pesante sconfitta a Elizabeth Warren, inchiodata solo al quarto posto. Per la senatrice, considerata da molti osservatori ormai all’ultima spiaggia, si tratta di un nuovo schiaffo pesante che conferma le difficoltà a decollare della sua campagna elettorale. Delusa anche Amy Klobuchar, che non arriva neanche al 5% delle preferenze ai caucus. L’appuntamento del 3 marzio è il test cruciale per i candidati democratici, quello che potrebbe dare una scossa decisa alla corsa alla Casa Bianca restringendo il numero dei candidati e aprendo il vero scontro, quello con Trump. Qui sotto un editoriale del New Yorker fa il punto sulle tendenze che si manifestano nei sondaggi a ridosso del voto in Nevada. Anche Trump partecipa al gioco congratulandosi con il “pazzo Bernie” e attaccando mini-Mike, il candidato molto simile a lui che stavolta vuole giocare nel campo democratico: consiglia a Sanders di fare attenzione e di non farsi rubare la nomination come nel 2016. «Non c’è possibilità che mini-Mike Bloomberg possa rilanciare la sua campagna dopo la peggiore perfomance della storia in un dibattito presidenziale» twitta. (giulio af buratti)

Lo sviluppo più significativo delle primarie democratiche degli ultimi giorni non è stato il dibattito a Las Vegas di mercoledì sera, divertente come lo è stato per chiunque non sia nel giro di Michael Bloomberg. È stata la pubblicazione di tre distinti sondaggi d’opinione che hanno mostrato Bernie Sanders con un sostanziale vantaggio sugli altri candidati in California, che vota nel Super Martedì del 3 marzo, ora a meno di due settimane di distanza.
I risultati dei sondaggi sono importanti non solo perché la California, lo stato più popoloso della nazione, porta un premio di 416 delegati “pledged” (vincolati, ndt) – più di un decimo del totale di 3.979. I sondaggi riflettono come la campagna di Sanders stia crescendo in forza, in vista del giorno più importante delle primarie, e illustrano anche come le regole per l’assegnazione dei delegati potrebbero funzionare a suo vantaggio. Insieme, questi fattori lo pongono in una posizione potenzialmente molto forte, anche se il processo delle primarie è ancora in una fase iniziale.
Uno dei tre sondaggi, del Public Policy Institute of California, ha mostrato che il senatore del Vermont ha un enorme vantaggio di 18 punti-32% per cento a 14 sul secondo candidato, Joe Biden. Negli altri due sondaggi – della Monmouth University e del SurveyUSA – il vantaggio di Sanders è stato inferiore ma comunque notevole: rispettivamente sette punti e quattro punti.
Non è saggio dare molto credito ai risultati di un singolo sondaggio, naturalmente. Ma se si combinano tutti e tre i sondaggi e li si pondera in base alle dimensioni del campione, emergono due risultati chiave: Sanders ha circa il 27,4% dei voti, e gli unici altri candidati a superare la soglia del 15% sono Biden e Bloomberg (entrambi lo hanno fatto in modo risicato).
La capacità di Sanders di forgiare un così grande vantaggio in California riflette la sua forza tra i progressisti, i giovani elettori e gli elettori di minoranza, in particolare i latino-americani, una coalizione che potrebbe benissimo portarlo alla vittoria nei caucus di sabato in Nevada (com’è poi accaduto, ndt). Ma sono importanti anche la natura divisa della sua opposizione e il fatto che solo altri due candidati sono al 15% per cento. Dato il modo in cui sono strutturate le primarie, questo potrebbe finire per amplificare enormemente la vittoria di Sanders, in termini di delegati assegnati a lui.
Un punto chiave da ricordare è che in California, come in molti altri stati, il Partito Democratico ha deciso che ai candidati non verrà assegnato alcun delegato a meno che non ricevano il quindici per cento dei voti in un particolare distretto del Congresso o il quindici per cento dei voti in tutto lo stato. (272 dei delegati sono assegnati ai singoli distretti, e 144 sono legati al voto in tutto lo Stato).
Per vedere come potrebbe funzionare questo sistema, immaginate che i risultati effettivi in California replichino i risultati del sondaggio di Monmouth, uscito giovedì. Elizabeth Warren, che era al 10%, e Pete Buttigieg, che era al 9%, potrebbero finire praticamente senza delegati. Nel frattempo, Sanders, che era al 24%, e Biden, che era al secondo posto, al 17%, avrebbero ricevuto uno stanziamento sovradimensionato. “Allo stato attuale del sondaggio, è possibile che solo due o tre candidati raggiungano la vitalità in un determinato distretto congressuale”, ha spiegato Patrick Murray, direttore del Monmouth University Polling Institute, rilasciando il nuovo sondaggio. “Questo permetterebbe a Sanders di accumulare metà dei delegati o più, guadagnando solo un quarto del totale dei voti”.
Non ci sarebbe nulla di sconveniente in un simile risultato. Riflette semplicemente il modo in cui sono state stabilite le regole delle primarie, e si applicano in egual misura a tutti i candidati. Ma se si estrapola dalla California ad altri stati in cui Sanders è in aumento nei sondaggi e le regole per l’assegnazione dei delegati sono simili, è facile capire perché molti osservatori professionali – dentro e fuori le campagne – credono che, alla fine del Super Tuesday, Sanders potrebbe aver accumulato un vantaggio irreversibile nel numero dei delegati promessi.
“Dalle gare delle primarie dell’Iowa e del New Hampshire… Sanders ha aperto un ampio vantaggio sul resto del campo negli stati del Super Tuesday”, hanno scritto Mitch Stewart e Dan Kanninen, due membri dello staff della campagna di Bloomberg, in un controverso promemoria della campagna che è trapelato poco prima del dibattito di mercoledì. “Allo stato attuale della gara, Sanders è pronto a lasciare il Super Tuesday con oltre 400 delegati in vantaggio rispetto al suo prossimo concorrente più vicino, un vantaggio probabilmente insormontabile”, ha avvertito il promemoria.
Le altre campagne hanno giustamente sbattuto la fuga di notizie di questo documento come uno sforzo sfacciato per mettere sotto pressione Biden, Buttigieg e i rivali di Amy Klobuchar-Bloomberg nella corsia moderata per lasciare la gara.

Dopo la pietosa performance di Bloomberg nel dibattito, è forse lui che dovrebbe prendere in considerazione un’uscita anticipata. Ma la matematica dei delegati non può essere spazzata via. Il sito web indipendente FiveThirtyEight, il cui modello di previsione per le primarie tiene conto degli ultimi sondaggi e del metodo di assegnazione dei delegati, oltre ad altri fattori, mostra anche che Sanders è in testa di oltre trecento delegati rispetto al suo rivale più vicino entro la fine del Super Tuesday.
Per esserne sicuri, questa analisi si basa sul fatto che le tendenze recenti continuano, cosa che potrebbe non accadere. Un forte show per Biden in Nevada, seguito da una grande vittoria in South Carolina, potrebbe alterare la dinamica, così come un notevole rimbalzo per Warren, dopo la sua forte performance nel dibattito di mercoledì. Anche in assenza di qualche nuovo importante sviluppo, Sanders è ben lungi dall’avere la certezza di ottenere la maggioranza dei delegati promessi alla fine del processo. A meno che la sua quota di voto non aumenti in modo sostanziale da dove è attualmente nei sondaggi, il raggiungimento di un risultato così decisivo da parte di Sanders sembra una forzatura. In questo momento, però, il senatore sembra avere un’ottima possibilità di avere una pluralità di delegati alla convention di Milwaukee.

John Cassidy è uno scrittore dello staff del The New Yorker dal 1995. Scrive anche una rubrica di politica, economia e altro ancora per newyorker.com.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.