1.8 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
1.8 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
Homecronache socialiCoronavirus: 4mila operatori sociali del Lazio senza garanzie

Coronavirus: 4mila operatori sociali del Lazio senza garanzie

Chi pagherà i lavoratori che restano a casa per via della chiusura di scuole e centri di accoglienza? Il Forum del Terzo Settore del Lazio chiede garanzie alla Regione

Sono almeno quattromila – operatori sociali e sociosanitari del Lazio, impiegati nelle scuole, nell’assistenza scolastica ai ragazzi con disabilità, nei centri di accoglienza e nell’assistenza domiciliare. Tutti effetti collaterali della chiusura di scuole, università e centri diurni inserita nelle misure di prevenzione che dovrebbero arginare la diffusione del coronavirus. «Tutte queste persone sono costrette a stare a casa dal lavoro ma non è chiaro quali garanzie retributive avranno dal momento che i servizi non vengono erogati», dice Francesca Danese, portavoce del Forum del Terzo Settore del Lazio reclamando un incontro urgente con Zingaretti, presidente della Regione Lazio e gli assessori competenti, a Sanità, Lavoro, Politiche sociali e Bilancio. «Nessuno mette in discussione le misure di prevenzione che sono state adottate ma vorremmo capire cosa accadrà a questi lavoratori», spiega Danese annunciando l’invio di una lettera alla Pisana per richiedere una convocazione urgente per affrontare l’emergenza degli operatori nei servizi gestiti dal Terzo Settore coinvolti «in maniera significativa» dal decreto governativo e dalle misure della Regione. «Sono certa – si legge nella missiva – capirete la necessità di un incontro immediato, siamo disponibili anche a prevedere una delegazione ristretta, viste le indicazioni contenute nel decreto».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]