24.7 C
Rome
martedì 22 Giugno 2021
24.7 C
Rome
martedì 22 Giugno 2021
HomemondiAnche Neal Young sta con Sanders

Anche Neal Young sta con Sanders

Neil Young, che ha preso la doppia cittadinanza per votare contro Trump, sostiene Bernie Sanders: “Ogni suo punto di vista è ciò in cui credo”

di Naaman Zhou

Neil Young ha appoggiato Bernie Sanders come presidente, dicendo che il senatore del Vermont è “il vero candidato” per vincere la nomination democratica.
Scrivendo sul suo sito web personale, il 74enne musicista ha detto che le politiche di Sanders sul cambiamento climatico, il debito degli studenti, l’assistenza sanitaria e il salario minimo sono stati i “grandi cambiamenti” necessari per battere Donald Trump alle elezioni del 2020.
“Sostengo Bernie perché ascolto quello che dice”, ha scritto. “Ogni sua osservazione è ciò in cui credo. Ciascuna di esse. Nel 2016, se Bernie si fosse candidato al posto di Hilary Clinton, credo che non avremmo il casinista incompetente che abbiamo ora.
“La DNC* diffonderà il suo punto di vista sul fatto che ‘Bernie sta dividendo’ … Questo perché Bernie non è con la DNC. Bernie è con voi … Credo in Bernie Sanders. Credo che Bernie sia il vero protagonista”.
Young ha acquisito la doppia cittadinanza statunitense e canadese a gennaio. L’anno scorso ha detto al LA Times che la sua ragione principale per richiedere la cittadinanza statunitense era per votare contro Trump alle elezioni, in particolare a causa dell’inazione del governo statunitense sul cambiamento climatico.
L’elogio di Young per Sanders segue altri apprezzamenti musicali del rapper Cardi B, delle pop star Lizzo, Miley Cyrus e Ariana Grande, dei musicisti indie Weyes Blood e Jeff Magnum del Neutral Milk Hotel, e dell’ex compagno di band di Young, David Crobsy.


The Strokes, Vampire Weekend e Bon Iver si sono esibiti in vari raduni della campagna per Sanders il mese scorso.
Ma il leggendario gruppo rap Public Enemy si è separato dal loro storico personaggio Flavour Flav a seguito di una disputa dopo aver accettato di esibirsi in un raduno di Los Angeles per Sanders questo mese.
Entrambe le parti hanno detto che la disputa non riguardava la politica di Sanders, ma quello che Flav considerava un uso non autorizzato della sua “somiglianza, immagine e orologio con marchio registrato” nel materiale promozionale. Flav ha chiarito al Guardian: “Non ho niente contro Bernie. Penso che sia una brava persona e gli auguro buona fortuna”.
Sanders è stato anche sostenuto dal regista Spike Lee, dall’attore Danny DeVito, dall’autrice Naomi Klein, dal giornalista Glenn Greenwald e dal filosofo e accademico Cornel West.
In politica, il senatore del Vermont è stato appoggiato dai rappresentanti del congresso Alexandria Ocasio-Cortez, Ilhan Omar, Rashida Tlaib e l’attivista per i diritti civili ed ex candidato alla presidenza Jesse Jackson Sr.
Il principale avversario rimasto di Sanders nella corsa democratica, Joe Biden, è stato sostenuto dagli ex candidati presidenziali Kamala Harris, Amy Klobuchar, Cory Booker e Pete Buttigieg, dall’attore Alec Baldwin, dal musicista Cher e dall’autore di fantasy George RR Martin.

*Democratic National Committee (DNC) è la principale organizzazione di governo del Partito Democratico

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]

Per il Vaticano l’omotransfobia è libertà religiosa

Ddl Zan, il Vaticano impugna il "relitto fascista" del Concordato per bloccare il Ddl Zan. Il Pd disposto a trattare la resa

Novara, un omicidio insanguina lo sciopero della logistica

Un padroncino travolge un sindacalista Adl Cobas a Biandrate nel giorno dello sciopero della logistica

Nicaragua: Ortega fa arrestare la comandante Dos

Nicaragua, il regime di Ortega ha arrestato Dora Maria Téllez, la Comandante Dos, figura di spicco della rivoluzione sandinista

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio