2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homecronache socialiIl dito e la crepa. Un'altra lettera da Codogno

Il dito e la crepa. Un’altra lettera da Codogno

Ecco, l’elemento tragico perde in fretta il suo fascino… Ho visto che molti giudicano, da fuori. Ti sanno dire cosa fare… E devi vedere con che toni

da Codogno, Francesco “baro” Barilli, la vignetta è di Lele Corvi

Ti è mai capitato di vedere una crepa sul muro, una venatura del legno? Lo so, nulla di particolarmente originale: è capitato a tutti, mi sa che ne hanno già parlato in diversi, anche scrittori dico. Capita a tutti di osservare questa crepa o venatura, e dopo un po’ di vederci una forma. Che vedi solo tu. E agli altri dici “Cazzo, ma non vedi che è un profilo, un gatto, un fiore?!” e loro, dopo un po’, magari ti dicono “Sì sì, è vero!!!”. Spesso lo fanno per farti stare zitto, a volte quella forma finiscono col vederla davvero.Tienila lì, questa cosa sulla crepa sul muro, che al solito ci servirà per una chiusa circolare.

Ricorderai: nella seconda puntata di questo diario ti scrivevo di una persona, di un’ambulanza, di un allarme poi rientrato… Niente, ero stato ottimista: morta oggi, quella persona. Non ti dirò nome, età, chi o cosa fosse per me. Ti faccio un altro salto logico (scusa, è il brandy). A scrivere racconti mi sono dedicato da sempre. In origine si trattava di sfoghi adolescenziali, poi passai alla trasposizione dei miei sogni, deformati in ossessioni e metafore di basso ingegno sulla vita e sulla morte. Specie sulla morte, ero affascinato dall’elemento tragico di ogni vita. La vita, poi, ti dà modo di conoscerlo sul serio, e l’elemento tragico perde in fretta il suo fascino…

Ecco, questo è il punto: l’elemento tragico perde in fretta il suo fascino… Ho visto che molti giudicano, da fuori. Ti sanno dire cosa fare, come comportarti… E devi vedere con che toni, eh. Apri i social, basta quello. Guarda, io non sono cristiano (poi sulla religiosità un giorno magari parleremo, che è cosa complessa). Non sono quindi legato “per obbedienza” al precetto “non giudicate o sarete giudicati”. Però l’ho sempre trovato nobile e “alto”: ho sempre pensato intendesse “non puntate il dito, non condannate!!”. A questo precetto ho cercato di restare fedele: pure l’intera discografia di De Andrè lo insegna e mi ha aiutato. Ricordi? “Imputato, il dito più lungo della tua mano è il medio, quello della mia è l’indice…” (sì, so che ti aspettavi una citazione da “La città vecchia”, ma ho voluto sorprenderti…).

Quindi, io non giudico. Meglio: non pontifico e non condanno, che giudicare (nel senso “formarsi un proprio giudizio su qualcosa o qualcuno, dopo una propria valutazione”) è cosa diversa e di cui non mi vergogno. Ecco, vorrei dire questo a quelli che pontificano o condannano…(un inciso, scusa: i politici sono i peggiori solo perché sono più esposti, ma sono solo degni rappresentanti di un popolo incattivito e stupido; se ci sarà tempo, in questo diario ne parleremo, più avanti). Dicevo: vorrei dire questo a chi pontifica o condanna: state solo osservando una crepa nel muro da troppo tempo, tanto che ora siete convinti di averne decifrato il disegno. Ma non siete intuitivi o saggi. Nemmeno coglioni e di certo non siete furbi. Solo illusi.

P.S.: Scritto la mattina del 9 marzo 2020, PRIMA che tutta l’Italia diventasse “zona rossa”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili