mercoledì 5 Agosto 2020

Corona virus, quanto mondo sarà messo in quarantena?

Corona virus, quanto mondo sarà messo in quarantena?

Coronavirus, a rischio le libertà personali. Le quarantene incoraggiano la xenofobia e l’esercizio muscolare del potere

di Robin Wright

La Cina è stato il primo paese a limitare con la forza i movimenti personali, gli eventi pubblici e le attività commerciali del suo popolo – undici milioni di persone – a Wuhan, megalopoli ed epicentro globale del coronavirus covid-19. Il 23 gennaio, soldati con maschere nere si sono schierati lungo le barriere della stazione ferroviaria. Il governo ha requisito stadi, sale espositive e altre grandi sedi come centri di quarantena; le file di letti allestite all’interno sembravano più caserme militari che reparti ospedalieri. Per contenere la più grande epidemia in Asia, i funzionari cinesi della sanità e della sicurezza sono andati a controllare porta a porta le persone con sintomi. L’isolamento è stato poi esteso a più di una dozzina di altre città della provincia di Hubei, limitando la vita quotidiana di sessanta milioni di persone. È la più grande quarantena nella storia dell’umanità.
Domenica, l’Italia ha chiuso le sue regioni settentrionali – comprese Venezia e Milano, il cuore economico del Paese, e sede di sedici milioni di persone – per almeno un mese per contenere la più grande epidemia in Europa. A livello nazionale, tutti gli incontri pubblici, compresi i matrimoni e i funerali, sono stati vietati. Con un decreto d’emergenza senza precedenti, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha dichiarato in una conferenza stampa – convocata alle 2 del mattino – che l’Italia ha affrontato “un’emergenza nazionale”. I governatori locali – alcuni hanno dato un piccolo avvertimento in anticipo e altri che hanno appreso in televisione – si sono lamentati del fatto che il piano era incoerente e l’applicazione non era possibile. Ma il governo ha detto di avere poca scelta. In sole ventiquattro ore, l’Italia ha registrato 1400 nuove infezioni. Uno di questi era Nicola Zingaretti, il leader del Partito Democratico della coalizione di governo, che ha sede a Roma, lontano dal fronte covid-19 in Italia. “Beh, è arrivato”, ha detto, in un video su Facebook. Le scuole di tutto il Paese erano già chiuse. Anche il Vaticano, sede di 1,2 miliardi di cattolici nel mondo, lo era. Lunedì Conte ha annunciato un blocco nazionale che entrerà in vigore martedì mattina; sarà applicato a circa sessanta milioni di persone.
In sole dieci settimane, il numero di casi segnalati di coronavirus covid-19 è salito a più di centodiecimila in cento Paesi. Negli Stati Uniti, trentaquattro Stati hanno ora casi. Il primo caso a Washington, D.C., riportato nel fine settimana, è quello del rettore della storica Christ Church di Georgetown, che una settimana fa ha celebrato quattro funzioni per cinquecentocinquanta persone; in una di esse ha distribuito la comunione e ha trascorso parte della funzione ricordando alla congregazione i disinfettanti per le mani. Dopo che giovedì è stato ricoverato in ospedale, la chiesa ha inviato un’e-mail di avviso ai parrocchiani e ieri ha annullato la funzione.
La grande incognita è se le restrizioni imposte in Cina e in Italia siano foriere di un fenomeno globale, anche negli Stati Uniti. I governi di sei continenti si stanno affannando a capire come arginare il contagio della comunità, ormai diffuso ma difficile da rintracciare a ritroso per contenere i tassi di infezione. Alcune parti del mondo saranno messe in quarantena nelle enclavi fino a quando non sarà trovato, testato, approvato e disponibile un vaccino, almeno a un anno di distanza?
“Dobbiamo essere realistici. Non credo che sarebbe così draconiano come nessuno che entri o esca. Ma, se continuiamo ad avere casi come questo, in particolare a livello comunitario, ci sarà quella che chiamiamo ‘mitigazione’, dove dobbiamo essenzialmente fare distanziamento sociale”, ha detto il Dr. Anthony Fauci, capo dell’Istituto Nazionale di Allergie e Malattie Infettive, ha detto su Fox News Sunday. “Non si vuole allarmare la gente, ma, data la diffusione che abbiamo visto, tutto è possibile”. E questo è il motivo per cui dobbiamo essere pronti a intraprendere qualsiasi azione appropriata per contenere e mitigare l’epidemia”.
Allo stesso tempo, nessun paese può semplicemente mettere in quarantena la sua via d’uscita dalla crisi del covid-19, mi ha detto Wendy E. Parmet, la direttrice del Centro per le politiche sanitarie e il diritto della Northeastern University. “Ci sono ragioni per essere scettici sull’efficacia della quarantena per malattie respiratorie come il coronavirus”. Le quarantene possono essere uno strumento utile se fatte bene. Possono abbassare “un po’” i tassi di infezione e guadagnare tempo, ha detto. Ma storicamente sono state fatte in modi discriminatori e disordinati che forniscono “una seducente illusione di contenimento”. L’esempio migliore è l’attenzione sproporzionata degli Stati Uniti sulla nave da crociera Grand Princess a lungo raggio, che ha più di venti passeggeri che sono risultati positivi al covid-19. Lunedì, finalmente, attraccherà a Oakland; i passeggeri saranno messi in quarantena per due settimane in California, Texas e Georgia. Nel frattempo, ha detto Parmet, la malattia si è diffusa ampiamente e rapidamente in gran parte degli Stati Uniti.

“Basta che non vi tocchiate in faccia!” [Pat Achilles, newyorker.com]

Ci sono tre risposte distinte alle emergenze sanitarie che sono state usate impropriamente in modo intercambiabile in mezzo alla crisi del coronavirus, mi ha detto Lauren Sauer, del Johns Hopkins Office of Critical Event Preparedness and Response, mi ha detto. Distanziamento sociale, termine appena entrato nel lessico moderno, è tenere volontariamente qualche metro di distanza dalle altre persone o scegliere di non andare ai raduni di massa su raccomandazione dei funzionari della sanità pubblica. È la strategia meno restrittiva che i funzionari statunitensi hanno in gran parte raccomandato finora, soprattutto per i settori vulnerabili della società.

La quarantena, una pratica registrata per la prima volta nel Libro del Levitico nell’Antico Testamento, è invocata a causa della probabile esposizione a una malattia. Le persone vengono allontanate dal pubblico per un periodo di tempo, volontariamente o per ordine legale, per vedere se la malattia si sviluppa. La parola quarantena risale alla peste della peste della peste nera che si diffuse nel Mediterraneo nel XIV secolo, quando i governi imposero l’isolamento per quaranta giorni – o quaranta in italiano. La peste nera uccise circa venticinque milioni di persone, circa un terzo della popolazione europea dell’epoca. L’Italia e la Cina hanno imposto la quarantena in risposta al covid-19. Negli Stati Uniti, il senatore Ted Cruz, del Texas, e il rappresentante Paul Gosar, dell’Arizona, hanno annunciato domenica scorsa che si sono auto-quarantenati per quattordici giorni, perché hanno interagito e hanno stretto la mano a una persona non identificata alla Conservative Political Action Conference del mese scorso, che è risultata positiva al nuovo virus.
La misura più restrittiva è l’isolamento dopo che una persona ha sintomi o è confermata da un test di laboratorio. “In quarantena, si aspetta di vedere se si sviluppa la malattia”, ha detto Sauer. “Se sei in isolamento, sei malato e aspetti che la malattia si risolva”.
Finora, i paesi stanno reagendo in modi molto diversi all’epidemia di covide-19. Una pratica sempre più comune è stata quella di mettere in quarantena i passeggeri di ritorno dalle cosiddette hot zone, o paesi con numerosi casi di coronavirus, tra cui Cina, Italia, Iran, Corea del Sud e Giappone. Ma, con più di un centinaio di paesi colpiti, i requisiti necessari per mettere in quarantena in modo efficace il volume di passeggeri provenienti da così tanti luoghi potrebbero sopraffare i sistemi. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha detto domenica che Israele, che ha più di tre dozzine di casi, sta considerando una mossa che costringerebbe sia gli israeliani che gli stranieri che arrivano da qualsiasi parte del mondo ad andare in quarantena. Le conseguenze e i meccanismi di applicazione sono stati però incoerenti. In una delle misure più severe, il governo ceco ha decretato che uno qualsiasi dei suoi sedicimila cittadini in Italia deve mettersi in quarantena per quattordici giorni quando ritorna – o deve affrontare una multa di centotrentamila dollari.
Le quarantene in Cina sono state sbagliate e troppo, troppo tardi, mi ha detto Parmet. Sono state fatte in modi che potrebbero mettere a repentaglio la vita, perché persone sane e malate sono bloccate insieme in vaste regioni geografiche. “In queste quarantene su vasta scala, si sta spingendo profondamente in potenziali violazioni dei diritti umani”, ha detto Sauer. Dobbiamo stare attenti a tutto ciò che avalliamo, sia attivo che passivo”. Questo è il momento in cui le norme sociali possono cambiare e le libertà personali sono a rischio”. Per loro natura, le quarantene incoraggiano la xenofobia, la divisione e l’esercizio muscolare del potere statale. “Ci sono anche conseguenze politiche a lungo termine”, ha aggiunto. “Le conseguenze intangibili che spingono verso un governo autoritario mi preoccupano molto”.
La risposta degli Stati Uniti, al contrario, è stata troppo poco, troppo tardi, ha detto Parmet. “Abbiamo davvero perso tempo. È sbalorditivo che gli Stati Uniti possano essere in fondo al mondo sviluppato per quanto riguarda la fornitura di kit di test e l’emissione di politiche che mitighino la malattia. Abbiamo bisogno di una strategia molto più solida per gestire la trasmissione della comunità”. Nel frattempo, ha detto Parmet, nessuno dovrebbe farsi illusioni sul fatto di tenere fuori il nuovo coronavirus del mondo.

“Sto ancora cercando di recuperare quell’ora di panico che ho perso questo fine settimana”.
Teresa Burns Parkhurst/newyorker.com

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.