12.2 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
12.2 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
Homecronache socialiMuri di solidarietà alle Cinque Terre

Muri di solidarietà alle Cinque Terre

Dall’Europa un progetto per salvare 6 ettari di muri a secco alle Cinque Terre con corsi per migranti e disoccupati

In dialetto li chiamano cia’n, sono i muri a secco che caratterizzano il paesaggio delle Cinque Terre. Settemila km lineari costruiti dall’uomo a partire dall’anno Mille per strappare un po’ di terra da coltivare. Un’opera monumentale riconosciuta nel 1997 Patrimonio Unesco e dallo scorso anno protagonista di un progetto europeo: Stonewallsforlife, appunto, muri di pietra per la vita.

Il progetto, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma LIFE “adattamento ai cambiamenti climatici”, prevede il recupero e il mantenimento di 6 ettari di terrazzamenti e 4.000 metri quadrati di muri a secco per migliorare la produzione agricola, preservare il territorio e incrementare la capacità di resistenza alle alluvioni. Si parte da Manarola, per poi spostarsi nei comuni di Vernazza e Monterosso ed arrivare in fine in Catalogna nel Parco del Garraf, anch’esso caratterizzato da un paesaggio fragile e prezioso come quello delle Cinque Terre. 

Ma il progetto ha anche una forte valenza sociale: nei cinque anni della sua durata sono previsti corsi di formazione sulle tecniche di costruzione dei muri a secco indirizzati a quaranta fra disoccupati e migranti che potranno, successivamente, trovare un impiego sul territorio. 

“L’obiettivo è quello di formare manodopera specializzata per la cura del nostro territorio ma anche per preservare memoria e tradizioni di questi luoghi” – ha spiegato Patrizio Scarpellini, per il Parco delle Cinque Terre, che è capofila del progetto.

Foto Catherina Unger

D’altronde il Parco e l’intero territorio delle Cinque Terre da tempo investono nella solidarietà: i primi corsi dedicato a profughi e migranti partirono nel 2010 poi ancora nel 2015 quando grazie ad un accordo tra il Parco, il Ministero dell’Ambiente e la Caritas diocesana si conclusero dando un’opportunità lavorativa a 10 ragazzi. “Da allora, negli anni successivi, abbiamo realizzato altri tre corsi – racconta Eugenio Bordoni della Fondazione Manarola – e formato tanti ragazzi, la maggior parte provenienti dall’Africa occidentale, molti di loro continuano a lavorare nelle aziende della zona, altri si sono spostati. La scommessa qui è riuscire ad ingrandire le aziende per creare un’economia di scala, creando lavoro e salvando il nostro territorio”.

Oltre all’Ente Parco, che si occuperà di coordinare tutte le azioni, sono partner del progetto la Fondazione Manarola, che dal 2011 si occupa di censire e recuperare i terreni incolti nella area di Manarola, il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Genova, responsabile dell’analisi, del monitoraggio delle azioni e dei risultati del progetto; ITRB Group che metterà a disposizione la sua esperienza nella redazione di proposte a programmi UE; Legambiente che seguirà la parte legata alla comunicazione e alla sostenibilità ambientale mentre il Diputaciò Barcelona, partner internazionale, ha un ruolo chiave nella replicabilità del progetto in altre aree dell’Unione Europea con condizioni orografiche analoghe. 

L’importo complessivo del progetto è di 3.715.000 euro e il programma LIFE rimborserà il 55% dei costi con un contributo di circa 2.039.000 euro, l’Ente Parco stanzierà circa 970.000 euro e la parte rimanente dovrà essere sostenuta dai membri del consorzio attraverso contributi economici o impegno di personale.

Manarola, sito pilota

Per quanto riguarda le fasi del progetto, che è partito lo scorso luglio, al momento sono entrati in azione i ricercatori del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Genova, che hanno iniziato le prime attività di rilevamento per analizzare lo stato di conservazione e le eventuali criticità delle opere di sostegno dei terrazzamenti  nel sito pilota di Manarola. 

Mentre inizierà probabilmente in autunno il primo corso per imparare la tecnica di costruzione dei muri a secco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cambiamento climatico: Total sa tutto dal 1971

Una ricerca rivela il negazionismo climatico e la narrativa greenwashing del colosso petrolifero francese Total [Mickaël Correia]

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]