giovedì 29 Ottobre 2020

Una breve storia dello sport

Una breve storia dello sport

300mila anni fa il primo caso di sport. Un gruppo di Homo sapiens era a pochi giorni dalla scoperta dell’elettricità. Poi Edgar ha lanciato un sasso

di Cara Michelle Smith

Il primo caso di sport è avvenuto trecentomila anni fa. Un gruppo di Homo sapiens incredibilmente avanzati era a pochi giorni dalla scoperta dell’elettricità, dall’invenzione del linguaggio più complesso della storia e dal perfezionamento di un sistema politico anni luce prima della democrazia.
Poi Edgar ha lanciato un sasso.
Il sasso si è innalzato sopra un albero. Uno spettatore, Paul, è stato sopraffatto dal violento impulso di fare quello che Edgar aveva appena fatto, ma meglio, altrimenti… sarebbe morto? Avrebbe perduto il suo pene? Non ne era sicuro.
Invece di lanciare come Edgar, però, Paul lanciò il sasso e lo colpì con l’anca. Una donna fischiava da lontano.
“Ha sbagliato”, disse Edgar. “Non hai visto come ho fatto?”.
“L’ho fatto”, disse Paul, “e ho pensato che il tuo metodo avrebbe potuto usare un po’ di grinta”.
Cresceva la folla. Si formarono delle alleanze. La comunità si divise in due fazioni: quelli che erano d’accordo con il tradizionalismo di Edgar e quelli che sostenevano l’approccio innovativo di Paul al gioco. Gli studiosi politici hanno presentato le loro ricerche per discutere se il ventiquattrenne Edgar fosse troppo grande per lanciare sassi. I bambini hanno lasciato la scuola per concentrarsi sul lancio dei sassi per sport.
“Tra qualche anno”, si sono detti, “le nostre imprese saranno conosciute da tutti”.
Quell’inverno la comunità morì di fame.
La prima donna a praticare sport fu Lara, un’adolescente del 2400 a.C. che passava le sue giornate a guardare i ragazzi che si spalmavano di cipolle fino a quando qualcuno non moriva o cedeva.
Basti dire che Lara ne fu colpita.
Alla fine, Lara decise di voler giocare, così raccolse delle cipolle e andò al campo. Quando i ragazzi arrivarono, le loro facce divennero paonazze.
“Sento odore di cipolle”, sussurrò Isaiah, un ragazzo che non capiva bene le ruote. “Vuole giocare con noi!
“Una ragazza? In piedi sul campo? Con un braccio pieno di cipolle” disse Abramo, un ragazzo che sarebbe morto ventenne dopo aver confuso il frutto buono con quello velenoso. “Sto per vomitare!”.
I ragazzi hanno deciso di lapidare Lara. Ma proprio mentre Isaia stava per scagliare la prima pietra, l’istinto di Lara ha preso il sopravvento. Si tolse una delle sue sette tuniche di iuta e cominciò a tifare in modo maniacale per i ragazzi.
“Cosa sta facendo?” Disse Isaia. “Sembra ridicola…”
“Fermati”, disse Abramo. “Non so spiegare perché, ma sono abbastanza sicuro che farà sesso con il giocatore più impressionante”.
La partita è iniziata, e Lara ha continuato a ballare e ad applaudire a bordo campo fino a quando i ragazzi non hanno finito di abusare l’uno dell’altro. L’atto di Lara di sopravvivere – applaudire i ragazzi – rappresenta, ancora oggi, il ruolo più comune per le donne nello sport.
Anche se può sembrare che gli atleti abbiano sempre avuto vita facile, molti di loro hanno dovuto affrontare la disapprovazione a casa.
“Avrebbe potuto essere uno scultore, o un signore della guerra, ma ha gettato via tutto”, scriveva Costantina, la madre di Georgius, in un diario, nel 1598. “E per cosa? Una vita di meloni che si infilano nei cerchi di bambù?”.
Il famoso Georgius Galilei, si sappia, non aveva rivali nel lanciare i meloni attraverso i cerchi di bambù. Il suo fratello meno atletico, Galileo, acquistò fama postumo.
Un esempio è il Grande lancio della pigna del 1748, quando Edmund James e George Francis si impegnarono in un’epica battaglia per determinare chi avrebbe potuto colpire un bersaglio con una pigna da più lontano.
I cittadini hanno speso sei anni di tasse per promuovere l’evento, durante i quali trentaquattro prostitute sono state arrestate, dodici libbre di oppio sono state confiscate e settantotto carrozze sono state rovesciate. Nessuno dei cavalli della città sopravvisse alla notte.
Probabilmente avete sentito parlare di Billie Mack McTavern, la famosa giocatore di freccette che ha colpito il bersaglio non una, non due volte, ma novantotto volte in poco meno di quarantasei secondi.”Fermati”, disse
Purtroppo, alcuni atleti hanno usato lo sport per parlare di cose al di fuori dello sport. Quando gli atleti diventano così, la risposta dei fan dello sport è clamorosamente chiara: “Pensate davvero che le cose non sportive siano più importanti dello sport?
Non sorprende che la maggior parte di questi atleti non possa più fare sport. Alla gente non piace essere distratta dal proprio passatempo più amato: guardare un gruppo di uomini in rosso inseguire un gruppo di uomini in blu.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.