mercoledì 21 Ottobre 2020

E in Colombia ricomincia la guerriglia

E in Colombia ricomincia la guerriglia

Colombia, l’ELN ha annunciato un cessate il fuoco unilaterale di un mese  come un “gesto umanitario”. Ma una parte delle Farc, ha ripreso le armi

 

da Bogotà, Pascale Mariani  

Bogotá (Colombia), corrispondenza – Jesus Emilio Carvajalino, alias Andrés Paris dopo il suo nome di guerra, sembra uscito da un altro secolo quando esce con l’aria di uno zio comunista da questo caffè in un quartiere alla moda di Bogotá. Come tutti gli ex comandanti delle Farc, non passa inosservato durante i suoi viaggi. Due auto blindate, porte aperte e guardie del corpo lo attendono all’esterno sotto il cielo pesante della capitale colombiana.
“Sarò il numero 210, 215, 250? “, chiede Andrés Paris, riferendosi ai 190 ex guerriglieri assassinati dopo la firma dell’accordo di pace nel 2016. Piano di sterminio? Vendetta personale? E’ difficile sapere da dove vengono i proiettili che colpiscono le ex ribelli. Alcuni di questi crimini sono stati attribuiti alle forze dell’ordine o a gruppi paramilitari, ma la maggior parte rimane irrisolta. Un ex leader politico delle FARC, Andrés Paris è protetto dall’Unità di protezione nazionale, un organismo statale che garantisce la sicurezza di oltre 8.000 persone minacciate di morte nel paese. L’ex scorta delle FARC ha un organico misto di veterani e personale di società di sicurezza private. “Non so chi tra le mie guardie del corpo potrebbe rivoltarsi contro di me”, dice l’ex guerrigliero.
A dicembre, Andrés Paris ha preso ufficialmente le distanze dal partito Farc. Fondato nell’agosto del 2017, con una rosa rossa come simbolo, “el partido” all’inizio riuniva i 13.000 guerriglieri smobilitati, guidati da una leadership di 111 membri. La sua creazione è stata inclusa nell’accordo di pace firmato con il governo di Juan Manuel Santos, vincitore del Premio Nobel 2016 per aver compiuto questa impresa. Con il voto, al congresso fondatore è stato deciso di mantenere l’acronimo FARC: le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia che diventano la Forza Rivoluzionaria Alternativa del Comune. Poco dopo, il partito ha registrato scarsi risultati elettorali. Il Paese non ha perdonato le migliaia di rapimenti, omicidi e altri abusi commessi durante il conflitto.
“Oggi il partito non ha più di 2.400 attivisti”, ha detto Andrés Paris. Insieme ad altri ex combattenti, ha appena creato Corporeconciliación, un’associazione di ex ribelli insoddisfatti del modo in cui i loro leader stanno gestendo il periodo post-conflitto. È l’ultima manifestazione della disgregazione dell’ex guerriglia colombiana. Dopo mezzo secolo di esistenza unita nella guerra, le FARC si dividono in una serie di tendenze: dai dissidenti armati ai rappresentanti che siedono nell’Assemblea nazionale, accanto ai membri eletti della destra colombiana.
Le differenze vanno al di là delle semplici differenze politiche. “Critichiamo gli attuali leader del partito per non aver chiesto con sufficiente energia al governo l’applicazione di quanto concordato all’Avana”, spiega Andrés Paris. Secondo lui, “gli ex combattenti sono stati abbandonati” dai leader del nuovo partito. Con l’arrivo al potere nel 2018 del conservatore Ivan Duque, erede dell’ex presidente Alvaro Uribe, l’attuazione del testo firmato da Juan Manuel Santos sembrava già compromessa. Il Centro democratico, il partito di Uribe, aveva fatto una campagna per la promessa di “sbriciolare” l’accordo di pace dell’Avana. Da allora, molti dei suoi punti cruciali, come la sostituzione concertata delle colture di coca o la riforma agraria parziale, non sono stati attuati.
Al di là delle differenze di posizione nei confronti del sabotaggio dell’accordo di pace, stanno emergendo storie di denaro tra gli ex Farc. “Ricevono la maggior parte delle entrate delle Farc e le dividono tra loro. Non ci sono soldi per gli ex combattenti, ma ci sono soldi per loro”, Andrés Paris è indignato. Secondo lui, un piccolo gruppo di leader e i loro parenti hanno “monopolizzato il denaro e i posti di lavoro migliori”. Come la maggior parte dei 10 seggi al Senato e alla Camera dei deputati, assegnati automaticamente al partito Farc – una delle poche clausole dell’accordo dell’Avana che è stata applicata.
Al centro delle critiche: Rodrigo Londoño, alias Timochenko. È diventato comandante supremo di Farc nel 2012 quando il suo predecessore Alfonso Cano è stato ucciso in un bombardamento, ha assunto la guida del partito dalla sua fondazione. Ma mentre il processo di pace sta perdendo slancio, la sua aura di leader indiscusso sta svanendo. Le foto della sua nuova vita pubblicate sui social network, come quella in cui appare come un padre felice che legge un racconto in pigiama, infastidiscono molti ex ribelli. Per i veterani, il ritorno alla vita civile si sta rivelando più complicato del previsto nella dura realtà economica. Per i veterani, il ritorno alla vita civile si sta rivelando più complicato del previsto nella dura realtà economica del Paese. Eppure ricevono un reddito di circa 200 euro al mese – un piccolo privilegio in una Colombia dove l’assistenza sociale è inesistente.
Un’ampia sezione del partito ritiene che Tymoshenko si sia imborghesito”, dice David Gonzalez, un giornalista esperto del conflitto. Lo accusano di fare accordi con i partiti tradizionali, quando l’idea di base era quella di fare politica in modo diverso. “Troppo consensuale per molti, Tymoshenko è considerato un traditore da alcuni dei suoi ex soldati.
“Molti di noi sospettano che Tymoshenko e la sua cricca abbiano concluso un patto segreto con il governo Santos”, accusa Alejandro*, un ex-miliziano che, all’interno delle FARC, lavorava nell’intelligence. Per lui, “alcuni leader di partito, guidati da Tymoshenko, si sono assicurati di non consegnare i loro beni nel quadro del processo di pace. Hanno ancora una quantità enorme di proprietà e di denaro, che hanno monopolizzato. Il blocco orientale, in preparazione all’acquisizione della capitale, aveva acquistato molti appartamenti a Bogotá attraverso candidati. Tutte queste proprietà sono state mantenute da coloro che sono al potere all’interno del partito”. Alejandro non ha alcuna prova di questo. Ma tali accuse illustrano l’animosità prevalente.
Il prossimo congresso nazionale del partito Farc si propone di mettere a tacere le differenze. Prevista per aprile, è stata rinviata a causa della crisi del coronavirus. Tymoshenko ha già annunciato che in questa occasione proporrà di cambiare il nome del partito. Un’iniziativa che, se votata, renderà ufficiale lo scioglimento della Farc.
“L’oligarchia ha raggiunto il suo obiettivo: smobilitarci, disarmarci e ora dividerci”, deplora Carlos*, un ex guerrigliero che preferisce rimanere anonimo. “Alcune persone stanno danneggiando il partito facendo false accuse – osserva Tymoshenko nelle colonne di El País de Cali – è molto pericoloso: in qualsiasi momento un ex combattente può venire a uccidermi, e si convincerà di aver ucciso un traditore”. All’inizio di gennaio, a pochi chilometri dalla casa dove trascorreva le vacanze, l’esercito ha giustiziato due ex combattenti accusati di aver preparato il suo assassinio. Come Andrés Paris e altri ex guerriglieri, Tymoshenko sottolinea la responsabilità del governo per questa rottura del movimento ribelle: “Tutte le clausole dell’accordo di pace che non sono state eseguite creano le condizioni per un ritorno all’insicurezza». “Gli altri continuano a combattere”.
Ma il colpo più duro per la festa è arrivato sotto forma di un video di 32 minuti postato su Internet il 29 agosto 2019. Ivan Marquez, capo della delegazione delle FARC che ha negoziato l’accordo di pace dal 2012 al 2016, ha dichiarato che riprenderà le armi. Marquez era considerato il numero due del movimento di guerriglia dopo Timoshenko, il suo rivale di lunga data.
Dopo essere scomparso per diversi mesi, Ivan Marquez è apparso circondato da uomini in uniforme, con fucili sparsi sulle spalle, come ai bei vecchi tempi. Tra loro c’era Gesù Santrich, uno dei principali leader politici. Nervosissimo, è tornato alla macchia dopo aver passato diversi mesi in prigione, accusato di traffico di droga, e dichiara di essere vittima di una probabile montatura giudiziaria. Accanto a Ivan Marquez nel video ci sono anche El Paisa, che comandava la formidabile colonna di Teofilo Forero, e Romaña, conosciuto in Colombia come l’inventore delle “pesche miracolose”, i rapimenti di massa degli anni 2000. “I principali capi militari erano lì”, osserva Alejandro*.
Annunciamo al mondo che è iniziato un secondo Marquetalia, in nome del diritto universale dei popoli di prendere le armi per combattere l’oppressione”, ha detto Ivan Marquez, il nuovo leader della dissidenza armata. È la continuazione della lotta di guerriglia, in risposta al tradimento dello Stato agli accordi di pace dell’Avana. “Il governo accusa i nuovi guerriglieri di essere rifugiati nel vicino Venezuela, lontano da Marquetalia, la culla andina di Farc, dove un gruppo di contadini comunisti ha preso le armi nel 1964. Si dice che i dissidenti riuniscano da 2.000 a 3.000 combattenti. Prendendo il nome di FARC-EP (EP per “Ejercito del Pueblo”, “Esercito del Popolo”), stanno attirando sempre più nuove reclute, ex guerriglieri e giovani dimenticati dalle campagne colombiane.
Le diverse tendenze degli ex guerriglieri si contendono l’eredità di Manuel Marulanda, fondatore delle FARC, morto di vecchiaia nel 2008. La sua vedova, Sandra Ramirez, è oggi senatrice del partito, una tendenza vicina a Timochenko. Ha conservato i modi umili delle sue origini contadine e pesa ogni sua parola. “Alla nostra decima conferenza abbiamo tutti alzato la mano e approvato all’unanimità l’accordo de L’Avana”, che prevedeva come primo gesto la posa di armi da guerriglia.
Alcuni dissidenti hanno notato che il “compagno Marulanda” ha ripetuto che deporre le armi sarebbe stata l’ultima cosa da fare. “Diceva che, sì”, replica la senatrice. Ma ha anche detto che se c’è un accordo, viene firmato un impegno, e che ogni impegno deve essere rispettato. Impariamo anche questo da lui: mantenere la parola data. “Sandra Ramirez si ferma per andare ad accarezzare il suo cagnolino, che abbaia a squarciagola in un angolo della sede del Farc, una confortevole casa nel quartiere Teusaquillo. “Per noi, il gruppo di Ivan Marquez e compagnia è una barca alla deriva. Non prendiamo le armi solo perché il governo non ha mantenuto le promesse”, osserva.
“A Marquetalia, solo poche decine di loro hanno fondato la Farc. Oggi, più di 2.000 di loro stanno ricominciando una guerra di guerriglia”, dice Andrés Paris, pessimista sul futuro della pace. Il gruppo di Ivan Marquez si è unito al gruppo di Gentil Duarte. Duarte guida l’ex Fronte 1 delle FARC, che aveva preso le distanze dal processo poco prima della firma dell’accordo di pace. Il suo gruppo di guerriglieri domina le giungle di Guaviare, e si estende verso Caqueta e Putumayo, regioni strategiche e cocainomani del sud del paese. Le nuove FARC sono in competizione per il controllo con altri gruppi ribelli come l’ELN (Esercito di liberazione nazionale, anch’esso creato nel 1964) o gruppi paramilitari al soldo dei trafficanti di droga.
L’entusiasmo per la pace è stato di breve durata. I colombiani ora si sentono come se avessero fatto un salto indietro nel tempo di 20 anni. Gli assassinii politici sono in costante aumento, l’anno scorso sono stati registrati 36 massacri, e gran parte del territorio è di nuovo in guerra. Il dissenso guidato da Ivan Marquez sta pensando a un nuovo modo di condurre il conflitto. Niente più scontri armati di più giorni, soldati contro guerriglieri, in montagna o nella giungla colombiana. “Avremo un nuovo modo di operare contro lo Stato. Risponderemo solo all’offensiva. Non vogliamo continuare ad ucciderci l’un l’altro come fratelli di classe mentre un’oligarchia arrogante continua a manipolare il nostro destino”, ha detto Marquez nel suo video. Un ex combattente vicino alla dissidenza assicura che il nuovo guerrigliero prenderà in considerazione l’uso di droni per attaccare chi è al potere. Alcuni ex membri del Farc si rifiutano di criticare la dissidenza armata. “Il dissenso siamo noi”, dice Pedro*, ex comandante di un fronte di guerriglia. Gli altri stanno solo continuando la lotta. “Da parte sua, Andrés Paris avverte: “Non saremo noi gli strumenti dell’antiguerriglia. Non possiamo permetterci di discutere con chi prende di nuovo le armi. Ne abbiamo abbastanza delle armi dello Stato e dei paramilitari diretti contro di noi. “Perché allora ha scelto di restare nel rispetto della legge? “Ci uniamo ai guerriglieri a 18 anni, non oltre i 60”, dice.
Troppo vecchi o troppo coinvolti nella vita civile per tornare alla macchia, molti dicono di essere solidali con chi riprende le armi. “È un atto di dignità, secondo Pedro*. Molti di noi non possono tornare nella giungla perché abbiamo messo su una famiglia e non vogliamo abbandonarla”, dice, indicando il suo compagno, anche lui ex guerrigliero, un ex guerrigliero, un bambino di pochi mesi in braccio. Ma se un giorno non avremo scelta, ce l’avremo».

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.