lunedì 28 Settembre 2020

L’Africa è il parco giochi di Bill Gates per Ogm e vaccini

L’Africa è il parco giochi di Bill Gates per Ogm e vaccini

Covid, malaria, agricoltura: gli africani sembra le cavie per i progetti di Bill e Melinda Gates (Rémi Carayol)

 
Il 2 aprile, Jean-Paul Mira, responsabile del reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Cochin (Parigi), parlando sul canale di informazione di LCI dei possibili benefici del vaccino BCG contro Covid-19, ha interrogato Camille Locht, direttore della ricerca dell’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica (Inserm). “Questo studio non dovrebbe essere fatto in Africa, dove non ci sono maschere, né trattamenti, né rianimazione? “Risposta del professore: “Hai ragione, e stiamo pensando a uno studio in Africa […]. Questo non ci impedisce di pensare anche a uno studio in Europa e in Australia».
Le reazioni indignate non si sono fatte attendere. “No, gli africani non sono cavie! “, indignato SOS Racisme. Su iniziativa dell’associazione Esprit d’ébène, un collettivo ha denunciato “osservazioni che sono un insulto all’Africa e all’umanità”. Una petizione che chiedeva di vietare i test del vaccino contro il coronavirus in Africa è stata firmata da oltre 130.000 persone. I due scienziati hanno fatto presto a scusarsi. Citando “un video troncato”, l’Inserm ha cercato di spegnere l’incendio facendo in modo che gli studi clinici non riguardassero solo l’Africa. Ma il danno è stato fatto.
Nell’Africa francofona, lo scambio ha colpito la coscienza di molte persone. Sui social network, il video è diventato rapidamente virale. I luoghi della cospirazione sono ovviamente saltati per l’occasione, ma anche molti neocolonialisti. Kemi Seba, il fondatore della tribù dei Ka (sciolta per aver incitato all’odio razziale), che da quando ha lasciato la Francia è diventato un araldo dell’antimperialismo e che gode di una certa aura nell’Africa francofona, ha dedicato uno dei suoi interventi cinematografici alla polemica di inizio aprile.
“Siamo considerati come carne da cannone […]. Si sta combattendo una guerra contro il popolo africano […]. Non siamo più ingenui, rifiutiamo i loro vaccini”, ha detto in un video che ha raccolto più di 820.000 visualizzazioni su YouTube.
Anche altri utenti di YouTube meno conosciuti hanno denunciato un complotto per “uccidere più africani”. In particolare, molti commentatori hanno preso di mira uno degli uomini più ricchi del pianeta, il solito “capro espiatorio” dell'”anti-Vax”: Bill Gates. “Così vedrete Bill Gates, con i suoi doni in Africa, per salvare i poveri africani, mentre ha, sullo sfondo, un’idea machiavellica, quella di spopolare l’Africa per salvare gli europei”, dice il più serio di tutti, Prao Séraphin, un economista della Costa d’Avorio.
Queste accuse contro il famigerato filantropo-capitalista hanno preso fuoco all’inizio di quest’anno dopo che la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF), che lui e sua moglie hanno creato nel 2000, ha annunciato che avrebbe liberato decine di milioni di dollari per combattere il virus, tra cui 60 milioni di dollari per la ricerca su un vaccino.
Diversi siti hanno poi tolto dal contesto ciò che Bill Gates disse 10 anni fa per sostenere la tenace idea che il fondatore di Microsoft si era prefissato la missione di ridurre la popolazione mondiale del 10-15 per cento attraverso i vaccini – in realtà, è la crescita della popolazione che vuole limitare.
Questa voce non è nuova. Circola in Africa da anni. Gli attivisti anti-OGM, “antivax” o anti-imperialisti l’hanno diffusa regolarmente. Per quanto assurdo possa essere, non è sbucato dal nulla: Bill Gates può vantarsi di aver salvato milioni di vite grazie ai vaccini che ha finanziato, ma sta causando molta paura nel continente. Molti credono che gli investimenti di BMGF siano una calamità per l’Africa.
“Bill Gates è una minaccia peggiore dei terroristi, è terrorismo scientifico”, dice Ali Tapsoba, figura di spicco nella lotta contro gli OGM in Burkina Faso. Per questo noto attivista del Burkina Faso, difensore dell’agricoltura biologica e dell’uso terapeutico delle piante per la salute, il miliardario americano rappresenta tutto ciò contro cui lotta: il premio sulla tecnologia globalizzata a scapito delle soluzioni naturali in salute e in agricoltura.
“Bill Gates è convinto che la tecnologia e le grandi imprese siano la soluzione per salvare il mondo”, ha detto Lionel Astruc, autore di un sondaggio sulla sua fondazione l’anno scorso (The Art of False Generosity, The Bill and Melinda Gates Foundation, Actes Sud, 2019). Questa visione del mondo si confronta con molte credenze del continente. Con una certa idea della vita, in cui la natura ha un posto predominante. Risveglia vecchie storie di scienziati europei che usano gli africani come cavie per testare i vaccini. Sperimentazioni cliniche illegali condotte dalla società farmaceutica Pfizer in Nigeria; scandali Tenofovir, sempre in Nigeria; morti di lomidine in Camerun: non mancano gli esempi – sotto la colonizzazione, ma anche dopo l’indipendenza.
Eppure l’influenza di Gates in Africa è proporzionale al peso del suo portafoglio: dei circa 3 miliardi di dollari investiti ogni anno dalla sua struttura, quasi la metà “beneficia” il continente. Solo in Burkina, la fondazione ha investito più di 100 milioni di dollari negli ultimi anni nell’agricoltura, nella nutrizione e nella pianificazione familiare. BMGF è anche uno dei principali donatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – nel 2017 è stato il secondo maggior contributore, con un contributo di 324 milioni di dollari, dietro agli Stati Uniti, ma molto più avanti di Regno Unito, Giappone e Germania.
Una delle principali lotte della Fondazione riguarda gli organismi geneticamente modificati (OGM). Gates, che sostiene l’agricoltura chimica e biotecnologica con grandi spese a scapito delle sementi gratuite, dell’agricoltura alimentare e dei piccoli agricoltori, è oggi considerato il principale promotore degli OGM nel continente.
BMGF, che è diventata azionista della Monsanto nel 2010 e che negli ultimi dieci anni ha speso centinaia di milioni di dollari per la ricerca biotecnologica in Africa, finanzia una galassia di associazioni, fondazioni e ONG impegnate nella grande causa delle biotecnologie e il cui obiettivo è la promozione degli OGM.
Due di loro, in gran parte sostenuti dalla sua fondazione, giocano un ruolo importante in questo lobbying: AGRA (Alliance for a Green Revolution in Africa) e AATF (African Agricultural Technological Foundation). Il loro obiettivo: sedurre gli scienziati africani finanziando la ricerca e convincere i decisori politici esaltando i benefici degli OGM, per poi imporli agli agricoltori, che non avranno voce in capitolo.

Mezzi collaudati per far accettare gli OGM

In compenso, AGRA “sta lavorando in tutto il continente per aiutare milioni di piccoli agricoltori ad aumentare la loro produttività e il loro reddito agricolo”, secondo una presentazione sul sito web della fondazione. Dall’altro lato, fornisce sussidi ai programmi di ricerca biotecnologica ed esercita una costante pressione sui sistemi legislativi dei Paesi africani, intervenendo nella revisione delle politiche e dei regolamenti agricoli su questioni come la proprietà della terra e le sementi. Dalla sua fondazione, AGRA ha ricevuto quasi 630 milioni di dollari dal BMGF.

Allo stesso tempo, l’AATF, che il BMGF ha finanziato per 169 milioni di dollari nell’ultimo decennio, svolge un ruolo di lobby con i governi africani per convincerli ad adottare leggi sulla biosicurezza – un prerequisito per la commercializzazione dei prodotti transgenici. Agisce anche come intermediario tra grandi aziende e vari programmi presentati come umanitari, come il transgenico cowpea o il Wema (Water efficient maize of Africa).

Questi programmi hanno tutto da soddisfare: gentilmente offerti dalle multinazionali all’AATF e ai Paesi partecipanti all’esperimento, questi semi transgenici, presumibilmente più resistenti, dovrebbero permettere di combattere la fame e la povertà. Tuttavia, a parte il fatto che nessuno di questi programmi ha ancora avuto successo, molti li vedono come un modo per ottenere l’accettazione degli OGM.

“Questo permette loro di darsi una certa verginità e di deviare le nostre argomentazioni, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto commerciale degli OGM”, dice Ali Tapsoba. È vero che in Africa la diffidenza nei confronti degli OGM è sempre più forte. Nonostante le enormi risorse finanziarie mobilitate, molti africani, soprattutto tra gli agricoltori, diffidano di queste tecnologie importate.

Lo stesso vale per i vaccini. La fondazione finanzia molte ricerche, in particolare sulla malaria: con oltre 3 miliardi di dollari di donazioni negli ultimi 20 anni, è di gran lunga il maggiore contributore privato al Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria. Ma piuttosto che sostenere tutte le ricerche, anche quelle sulle piante, dà la priorità alla ricerca di vaccini, che le ha valso molte critiche da parte di attivisti ambientali e ricercatori. Attraverso l’Ong Path, ha finanziato lo sviluppo del Mosquirix, un vaccino che ha suscitato molte speranze al momento del suo lancio, ma i cui risultati sono considerati deludenti.

La fondazione sostiene anche molti programmi che mirano a far progredire la pianificazione familiare – in altre parole, spingendo gli africani a limitare il numero dei loro figli. Il BMGF finanzia Family Planning 2020, che mira a garantire che 120 milioni di donne e ragazze abbiano accesso volontario alla contraccezione moderna.

Come spesso accade, questo si basa sulle buone intenzioni: “Bisogna poter scegliere quando si vuole avere dei figli”, ha detto Melinda Gates due anni fa. Se le donne possono spaziare le loro nascite, idealmente a tre anni di distanza l’una dall’altra, sappiamo che i bambini che nascono saranno più sani. Hanno il doppio delle probabilità di sopravvivere nei primi anni della loro vita. Quindi la pianificazione familiare è la chiave dello sviluppo. »

Ma un discorso del genere è spesso percepito, in Africa, come una forma di perpetuazione del colonialismo. Promuovendo l’accesso ai contraccettivi, i coniugi Gates sono accusati di cercare di imporre la norma delle piccole famiglie, o addirittura di sostenere una forma di malthusianesimo.
Alcuni dei programmi finanziati dalla loro fondazione sollevano anche dei veri e propri timori nella comunità scientifica. Per sradicare la malaria, la coppia Gates sostiene un progetto per la diffusione delle zanzare geneticamente modificate. Guidato da Target Malaria, un consorzio di oltre 150 ricercatori e 14 istituzioni di tutto il mondo, il progetto è in fase di sperimentazione in quattro paesi africani: Burkina Faso, Mali, Ghana e Uganda.
Finanziato in gran parte dal BMGF, il progetto mira a “modificare le zanzare che trasmettono la malaria per ridurre la trasmissione della malattia” creando zanzare geneticamente modificate in vitro e rilasciandole nell’ambiente naturale con l’obiettivo di ridurre la popolazione di alcune delle specie che trasmettono la malaria – non uccidendole direttamente, ma alterandone i processi riproduttivi. Per molti attivisti e scienziati, questo è un salto nell’ignoto che nessuno può controllare. La forzatura genetica prevista dal progetto Target Malaria non è mai stata testata, né in Burkina Faso né altrove, e solleva molti interrogativi nella comunità scientifica.

Secondo Ali Tapsoba, “il rilascio di zanzare geneticamente modificate porta con sé il rischio di un terribile disastro sanitario”. Creiamo mostri che non controlleremo. Secondo lui, gli abitanti dei due villaggi colpiti dalle emissioni, situati nella regione di Bobo-Dioulasso nel Burkina Faso meridionale, e più in generale di tutto il Burkinabè, sono utilizzati come “cavie”.

Analogamente, il BMGF finanzia una ricerca condotta dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) – uno dei suoi principali beneficiari – che mira a impiantare una scheda di vaccinazione sotto la pelle sotto forma di nanoparticelle che emetterebbero luce fluorescente visibile da uno smartphone. Finora il sistema è stato testato solo sui ratti, ma i ricercatori sperano di testarlo sugli esseri umani. Per farlo, la Gates Foundation ha pagato per sondaggi d’opinione, non negli Stati Uniti o in Europa, ma in tre paesi in via di sviluppo – Kenya, Malawi e Bangladesh – per scoprire se la gente sarebbe disposta a fare l’esperimento.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.