8.1 C
Rome
domenica 5 Febbraio 2023
8.1 C
Rome
domenica 5 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniCovid19, che fine hanno fatto gli open data delle Regioni?

Covid19, che fine hanno fatto gli open data delle Regioni?

Da Trasparency International Italia un appello alle Regioni a rendere disponibili tutti i dati sui tamponi effettuati in formato machine readable “perché la trasparenza è alla base di una buona informazione”

Dati che vengono, dati che vanno. E che spariscono. Covid 19 è anche questo. A denunciarlo, in un comunicato stampa rivolto ai presidenti delle regioni, è Trasparency International Italia. Come ricorda l’organizzazione, che si occupa della lotta alla corruzione a livello globale, lo scorso 18 aprile Infodata de il Sole ha pubblicato un articolo con i dati disaggregati sui tamponi effettuati in Lombardia, attraverso i quali è stato possibile disegnare un identikit di chi ha contratto il virus nella Regione d’Italia più duramente colpita dalla Pandemia. Poi i dati sono “spariti”, o meglio da disponibili a tutti, ovvero open, sono stati chiusi, mentre quelli in possesso dell’Istituto Superiore di sanità sono tuttora disponibili.

Un atteggiamento quanto meno strano. Soprattutto, se si considera che, nelle scorse settimane, il tira e molla con il Governo sulla questione della gestione centralizzata della crisi, tamponi inclusi, che la Lombardia, insieme ad altre regioni del nord, ha gestito a modo suo e, spesso, al di fuori dei criteri prescritti da Roma. Il risultato lo abbiamo sotto gli occhi: l’esplosione del contagio nelle Rsa, con pazienti e addetti potenzialmente positivi che non sono stati testati, o lo sono stati in ritardo, e le tante persone con sintomi tuttora in attesa di un responso in autoisolamento nelle proprie abitazioni.

Per questo motivo Trasparency, insieme a OnData e ad altre organizzazioni, invita, con una lettera, le regioni a rendere accessibili a tutti i cittadini e ai giornalisti i dati sui tamponi.

Specialmente in questa situazione di emergenza è importante avere dati precisi – evidenzia Trasparency International Italia – aperti e fruibili da cittadini e giornalisti. Perché la trasparenza è alla base di una buona informazione, fondamentale per conoscere lo stato reale delle cose“.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Situazione d’emergenza in cui, viene da dire, le regioni non possono comunque abdicare al loro dovere di trasparenza nei confronti dei cittadini per le decisioni prese e azioni intraprese nel loro interesse.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft parla come te

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]