giovedì 22 Ottobre 2020

Marsiglia, tre poliziotti condannati per torture su un migrante

Marsiglia, tre poliziotti condannati per torture su un migrante

Tre agenti condannati a Marsiglia dopo  una spedizione punitiva. Il confinamento sociale non ferma gli abusi di polizia

Dopo un controllo, tre CRS (un corpo della police nationale francese con funzioni antisommossa e di protezione civile) hanno portato un rifugiato afgano di 21 anni in un terreno abbandonato e l’hanno picchiato. L’indagine dell’IGPN, rivelata dal sito d’inchiesta Mediapart, rivela una spedizione punitiva in un contesto di xenofobia. Per due di esse sono state pronunciate sentenze di quattro anni e 18 mesi di carcere, mentre la terza ha ottenuto una sospensione condizionale della pena di un anno. Una storia che rivela punti di contatto impressionanti con alcune prassi in voga presso settori più o meno ampi di colleghi italiani e un trend certamente in crescita oltralpe dove la polizia, complice l’etat d’urgence e una solida subcultura fascistoide, è scatenata contro i movimenti sociali e in abusi di “consueta” malapolizia come quello raccontato da Mediapart. 

Jamshed S., un rifugiato afgano di 21 anni, è stato portato in una terra desolata a circa 30 chilometri da Marsiglia, dove è stato picchiato, ammanettato e lasciato lì senza speranza di aiuto, essendo stato distrutto il suo telefono.

Il pestaggio, che assomigliava molto a una spedizione punitiva, è stato meticolosamente organizzato dal CRS. I suoi assalitori, il brigadiere Michel Provenzano, 46 anni, e l’apprendista paciere Mathieu Coelho, 26 anni, sono stati condannati rispettivamente a quattro anni e 18 mesi di prigione per “sequestro e detenzione illegale”, dopo un’immediata comparizione in tribunale il 6 maggio presso il tribunale di grande istanza di Marsiglia. Sono stati imprigionati alla fine del processo.

Il terzo membro dell’equipaggio, Audrey Vallone, 23 anni, è stato condannato a un anno con la condizionale. Tutti e tre non potranno più esercitare la loro professione.

Tali condanne contro gli agenti di polizia sono rare. Ma in questo caso, le audizioni condotte dall’IGPN (Ispettorato generale della Polizia nazionale) hanno portato a confessioni e hanno rivelato violenze xenofobe commesse consapevolmente fuori dal campo visivo.

Il 12 aprile, durante un’operazione di controllo, la squadra di tre agenti di polizia è stata fermata da un passante, di circa 60 anni, che ha detto che un “giovane lo ha aggredito per una sigaretta”. … Dato che non ne aveva uno, il giovane gli ha sputato addosso”, spiega Audrey Vallone, l’assistente alla sicurezza. “Non abbiamo visto alcun segno di sputo”, dice.

Ma il brigadiere a capo dell’unità, Michel Provenzano, “è impazzito all’improvviso. Ha preso il giovane per il colletto” e “lo ha spinto violentemente contro il finestrino anteriore destro della macchina”, continua.

Mentre Jamshed S., il giovane afgano, fa notare alla polizia che non “devono trattarlo così”, il brigadiere gli dice che “se non è contento, può tornare al suo paese e dire qualcosa del genere”.

Dopo aver controllato il suo permesso di soggiorno ed essere tornato con il loro veicolo, il brigadiere ha comunque deciso di tornare sulla scena e di arrestare Jamshed S., che “si è lasciato portare dentro”. Ammanettato, lo ha messo nel retro con lui e poi ha chiesto al suo equipaggio di “portarlo lontano, fuori dalla zona”, spiega Audrey Vallone.

Un’idea condivisa dall’agente Mathieu Coelho, uscito dall’accademia di polizia nel dicembre 2019, che durante la sua udienza ha detto: “Ho detto ‘portiamolo e portiamolo da qualche altra parte! “, con l’intenzione di “lasciarlo più lontano in modo che ‘cammini'”.

Ma i filmati di videosorveglianza, che hanno permesso di ripercorrere il percorso del veicolo, rivelano una strategia completamente diversa. La polizia prende l’autostrada e si dirige a quasi trenta chilometri dalla città. All’interno del veicolo, il brigadiere chiede al collega di ispezionare il cellulare del rifugiato, in particolare le foto e i messaggi. “Ma siccome non era scritto in francese, mi ha chiesto di lasciar perdere”, dice.

Dà anche tutte le istruzioni all’autista, mostrandogli l’uscita dell’autostrada e la strada sterrata che porta ad un vecchio parcheggio. Il parcheggio è privo di telecamere e si trova non lontano dalla casa del brigadiere, come riferito dagli investigatori.

Quando la polizia è arrivata in questo lotto vuoto, ha tolto il giovane afgano ammanettato dal veicolo. Il brigadiere si toglie l’arma, “mette gli occhiali da sole e il portafoglio sul cruscotto”, e se ne va con la vittima. C’erano dei cespugli, non riuscivo a vedere cosa stava succedendo”, ha detto l’agente di polizia, che “non voleva avvicinarsi”, rimanendo lontano, ha detto, dalla recluta del CRS Mathieu Coelho. Ma ciò che sente non lascia dubbi sui fatti. “L’afgano ha gridato e ha chiesto di essere lasciato andare. Si lamentava, si sentiva dalla sua voce. »

Proteggendo di più il suo capo, il suo collega, la matricola Mathieu Coelho, ammette di aver “sentito anche lui il giovane urlare”. Al suo ritorno, il brigadiere gli avrebbe detto di averlo “preso a pugni”. Interpellato senza un interprete, Jamshed S. spiega che su questo terreno libero, “il più anziano, quello con i capelli bianchi, mi ha colpito più volte, ero ancora ammanettato”. Mi ha colpito con una torcia e delle pietre, il giovane lo incoraggiava e la ragazza rideva».

Per più di dieci minuti, riceve diversi colpi. Il brigadiere gli ha detto: “Vai avanti, piangi, piangi e ti lascio. Senza più manette, viene abbandonato sul posto. Ma prima di partire, la recluta si preoccupa di rompere il suo cellulare, e “mostrando all’afghano quello che ne aveva fatto”, dice la poliziotta. Il brigadiere ordina poi di andarsene in fretta “prima che l’afgano prenda i nostri placcaggi”, aggiunge. Ignorando gli ultimi gesti di aiuto della vittima, i tre poliziotti hanno lasciato la scena del crimine. “Ecco, è una bella sensazione, è un sollievo”, ha concluso il brigadiere, secondo la poliziotta.

Quando sono arrivati alla stazione di polizia, hanno deciso di scrivere un finto rapporto dell’evento (non vi vengono in mente storie come quella di Cucchi e Aldrovandi? o anche, sebbene per ora meno cruente, la mole di denunce per la gestione discutibile dell’ordine pubblico nella fase uno dell’emergenza covid?), facendo attenzione a “sbagliare volontariamente il suo indirizzo”. In questo documento dichiarano di averlo arrestato per aver sputato su un passante, di averlo multato per “essere uscito senza autorizzazione in relazione a Covid-19” e di averlo poi portato alla stazione di polizia centrale. “Il rapporto e la verbalizzazione dell’individuo servivano solo a mascherare l’accaduto”, conclude il giovane poliziotto.

Dopo le confessioni dei suoi due colleghi, la versione del capo brigadiere è difficile da accettare. Secondo lui, il giovane rifugiato afghano lo aveva minacciato, precisando che “non era facile capire tutto” perché “non parlava molto bene il francese”.

“Mi ha parlato in afghano che non capivo”, ha continuato, testimoniando che “per me parlava di un attacco, ma non sono un traduttore. Il resto del suo ascolto è difficilmente più coerente. Dopo aver negato di aver lasciato la città, ritratta le sue dichiarazioni ma contesta di averlo colpito.

Per concludere: “È davvero una pratica d’altri tempi. Non volevo lasciare che il suo comportamento rimanesse impunito. …] Mi ha spinto al limite. Era un insulto e una minaccia per la Francia. »

Dopo venti minuti di cammino, Jamshed S. sarà finalmente prelevato e ascoltato da un’altra pattuglia di polizia – cosa che in Italia non è frequentissima – il cui rapporto sarà trasmesso alla procura di Marsiglia. Gli viene quindi consigliato di recarsi in ospedale per far notare le sue ferite, in particolare una ferita al cranio e alla parte bassa della schiena. Alla fine è stato visitato da un medico solo tre settimane dopo gli eventi. Non sarà pronunciata alcuna Disabilità Totale del Lavoro (TWD).
Contattati dall’IGPN, i poliziotti che hanno raccolto la dichiarazione del giovane afgano il 12 aprile hanno spiegato di aver recuperato una persona che “aveva tracce di terra sulle natiche” e che era “spaventata e smarrita”.

Nel corso dell’udienza, il presidente Céline Ballerini ha ricordato l’elenco dei reati: “arresto arbitrario, sequestro di persona”, “violenza volontaria da parte di un soggetto in possesso di pubblica autorità”, nonché “falsificazione e distruzione di beni altrui”.

“L’elenco dei reati commessi da questi tre agenti di polizia è esemplare, ha concluso, e non può che giustificare una severa repressione perché, agendo in questo modo, hanno seriamente minato la fiducia che la popolazione deve mantenere nella polizia e nell’onore di questa amministrazione. …questi tre imputati avevano la libertà e l’integrità di una persona senza alcun quadro giuridico e senza alcuna spiegazione plausibile», conclude l’inchiesta di Pascale Pascariello.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.