mercoledì 3 Giugno 2020

E anche Batman fece lo smart working

E anche Batman fece lo smart working

Abbiamo tradotto una pagina del diario di Batman: «Sarò sincero: mi ha fatto male quando ho scoperto di non essere un lavoratore indispensabile» ()

Bat diario, giorno . . .

Sinceramente, chi tiene più il conto?

Oggi ho cotto il pane, organizzato le mie conserve e lucidato tutte le mie palline di gas che esplodono. Di nuovo.

Non esco di casa da più di otto settimane e la cosa comincia a stancarmi. Sì, vivo in un’enorme tenuta con un’intera tana piena di prodotti e aggeggi, ma anche Batman ha avuto una casetta per la febbre.

Sarò sincero: mi ha fatto male quando ho scoperto di non essere un lavoratore indispensabile. Sono Batman! Il Cavaliere Oscuro! L’eroe che Gotham merita, ma, evidentemente, non quello di cui ha bisogno. A quanto pare, gli eroi di cui Gotham ha bisogno in questo momento sono i dipendenti del negozio di alimentari, i camionisti e le infermiere. Non c’è una grande richiesta di esperti di rampini, al momento.

Mi mancano tutte le piccole cose, sapete? Assistere ai galà dei musei, uscire con le top model, inseguire branchi di teppisti in giro per il porto e poi legarli alle caviglie fuori dalla sede della polizia. Cose normali.

Mi manca Alfred. Io e Robin ci siamo tenuti a distanza da lui, perché è anziano. Parliamo con lui in video chat tutte le sere, ma non è la stessa cosa. Inoltre, non so come piegare le lenzuola a misura. Posso sventare un’organizzazione criminale che sta cercando di distruggere un’intera metropoli, ma non so nemmeno da dove cominciare con queste dannate lenzuola.

Mi mancano i miei genitori. So che sono morti molto prima di questo, ma la loro mancanza è davvero il fulcro di tutto il mio affare.

Ora che lavoro da casa, ho passato molto tempo su Zoom con Two-Face, il Joker, l’Enigmista e Poison Ivy. L’altro giorno, per scherzo, il Joker ha cambiato il suo sfondo con la Bat-caverna. Ci siamo fatti tutti una bella risata.

I cattivi non l’hanno detto ad alta voce, ma credo che anche loro si sentano soli. Nessuno ha voglia di trame scellerate in questo momento. Avvelenare le riserve d’acqua con una soluzione che fa congelare il volto della gente in un sorriso permanente sembra una sciocchezza, vista l’attuale situazione globale.

Comunque, lo sapevate che si possono far ricrescere gli scalogni in un bicchiere d’acqua? È pazzesco. Me l’ha insegnato Poison Ivy.

Circa una volta a settimana vado a fare un giro in macchina. Non va bene lasciare la Batmobile in garage. Faccio il giro della città, ma non c’è davvero niente da fare. Il crimine è molto più in basso. Se avessi saputo che l’ultimo borseggiatore che ho beccato sarebbe stato l’ultimo per mesi, l’avrei gustato di più.

Gotham è così diversa. Le strade sono silenziose, tranne che per il suono delle sirene. E non c’è un solo Bat-Signale nel cielo. Ho chiamato il commissario Gordon per chiedergli se poteva accenderlo, in memoria dei vecchi tempi, e lui ha detto che era “molto occupato” e che avrei dovuto “smettere di disturbarlo per fargli prendere Animal Crossing”. Voglio solo che veda la fantastica Bat Island che ho costruito! Non è divertente se nessuno viene a trovarci.

La parte più difficile di tutto questo è cercare di rimanere motivati. Ho combattuto il crimine online per rimanere lucido. Ieri ho fatto bloccare un uomo dal gruppo Facebook degli Amanti degli uccelli della contea di Herkimer, perché il suo codice postale tecnicamente rientra nella contea di Otsego. Ama i tuoi uccelli, signore.

Ora che faccio tutta la mia lotta al crimine sul mio computer, ho smesso di sforzarmi di allacciarmi l’intero costume di Batman. Indosso il cappuccio e il mantello, ma sotto sotto sono solo pantaloni della tuta. Scommetto che la mia cintura di ordinanza non mi entra più.

Mi rendo conto che Gotham può andare avanti senza Batman per qualche mese, ma non sono sicuro che Bruce Wayne possa farlo. Non è il momento migliore per avere una crisi di identità. Robin mi ha suggerito di parlare con un terapista. Sono un po’ sorpreso che nessuno me l’abbia suggerito prima di cominciare a pensare che ho dei problemi di gestione abbastanza chiari.

Poi c’è il senso di colpa. Mi rendo conto che, sia come supereroe che come playboy miliardario, sono isolato da molte delle cose peggiori di questa pandemia. Non devo preoccuparmi dell’insicurezza alimentare, della disoccupazione o dei bambini che studiano a casa. Non posso fare a meno di chiedermi se sarebbe stato meglio per il mondo se avessi usato la mia fortuna quasi illimitata per combattere la disuguaglianza invece di farmi aggiungere e poi togliere i capezzoli dal mio Bat-costume.

Quei pensieri mi hanno reso triste, così ho cucinato più pane.

Continuo a ricordarmi: un giorno tutto questo finirà. Usciremo dalle nostre case, saremo di nuovo insieme e non dovremo indossare maschere. A meno che non lo vogliamo.

Fino ad allora, sono fiducioso. Sono grato. Sto congelando un sacco di pane appena sfornato. Sono Batman.

Oh, ho anche fatto dei sogni folli. In uno, ero Michael Keaton. Poi ero George Clooney. Poi ero casualmente Val Kilmer. Non ho idea di cosa significhi.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.