mercoledì 3 Giugno 2020

Francia, la polizia uccide ancora. Una città si ribella

Francia, la polizia uccide ancora. Una città si ribella

Ad Argenteuil, non convince la versione ufficiale sulla morte di un ragazzo morto dopo aver incrociato la Bac, Brigata anti-criminalità (Audrey Pronesti)

Mentre giovedì si è tenuta una marcia pacifica ad Argenteuil, gli avvocati della famiglia del giovane Sabri Chouhbi, morto domenica scorsa sulla sua moto da motocross subito dopo aver superato un’auto BAC, hanno sollevato incongruenze nelle versioni della polizia e messo in discussione la gestione dell’indagine.

Parenti in lutto, una folla con gli occhi annebbiati e la richiesta di verità. Il quadro è tristemente familiare ai residenti dei quartieri popolari. Questo giovedì ad Argenteuil, diverse migliaia di persone hanno marciato per rendere omaggio a Sabri Chouhbi, 18 anni, morto domenica scorsa sulla sua moto da cross, mentre superava la strada di un veicolo della polizia.

Gli eventi fanno eco anche ad altri episodi della storia recente dei quartieri popolari. La morte di Mouhsin Sehhouli, 15 anni, e Laramy Samoura, 16 anni, in un incidente tra la loro moto da cross e un’auto della polizia a Villiers-le-Bel, nel novembre 2007. Quella di Ibrahima Bah nell’ottobre 2019, il ventiduenne che ha perso la vita nella stessa comune di Val-d’Oise. Anche lui guidava una moto da cross e anche lui aveva attraversato la strada di un’auto della polizia.

Tarek Mouadane è in buona posizione per ricordarlo, lui che ha fondato l’associazione “Bleu Blanc Rouge” nel 2005, dopo la morte di Zyed Benna e Bouna Traoré, due adolescenti di Clichy-sous-Bois. Non è la prima volta che succede”, conferma l’Argenteuillais. Ce ne sono stati altri e ce ne saranno altri, purtroppo. “Di fronte a questo inizio insopportabile, a volte è la rabbia e la rabbia che si esprime. La stessa collera che ha tenuto sveglio Argenteuil nelle notti successive alla tragedia. Ci sono stati incidenti a distanza tra i residenti e la polizia, che hanno ferito tre poliziotti e hanno portato all’arresto di una quindicina di giovani.

Ma non è di questo che si tratta questo giovedì. Non siamo qui per dimostrare o per esprimere richieste”, ha detto Mouadane. È una marcia simbolica. Accompagniamo la famiglia nel loro dolore, siamo lì per loro”. Omar Slaouti, militante per l’uguaglianza e candidato di vari partiti di sinistra alle elezioni comunali di Argenteuil, continua: “È una marcia senza slogan, senza rabbia. C’è ovviamente un fortissimo senso di ingiustizia, ma oggi è l’amore che si diffonderà dalla città di Champagne al luogo dove viveva. È un momento di raccoglimento. Avremo il tempo di parlare del sentimento di ingiustizia. »
Con altri, Omar Slaouti ha fondato il collettivo “Lumière(s) pour Sabri”. È questa singolare terminologia, un po’ diversa dalla tradizionale “verità” e “giustizia” che si lega a collettivi di questo tipo, che adorna le magliette nere indossate da diverse centinaia di persone presenti. All’inizio della marcia, ai piedi della città della Champagne dove viveva Sabri, sono state vendute diverse centinaia di queste magliette, ad un prezzo libero il cui minimo è fissato in cinque euro.

Sono le giovani donne e gli uomini che, per la maggior parte, sono attivi durante tutto il giorno per garantire che la marcia proceda il più agevolmente possibile. Alcuni distribuiscono gel idroalcolico o maschere, altri garantiscono la sicurezza o gonfiano i palloncini bianchi che saranno lanciati per punteggiare questo raduno. Molti hanno conosciuto Sabri e trovano difficile nascondere la loro emozione alla menzione del suo nome. Siamo tutti commossi”, dice Adam, 20 anni, che è stato compagno di classe per tre anni al liceo.Era un ragazzo sempre sorridente, molto rispettoso, che c’era per tutti”.


Ci sono alcuni personaggi della città: attivisti dell’associazione, artisti o altre personalità come Sabri, 28 anni, famoso per i suoi video sul PSG con lo pseudonimo di “Parisienourien”. Era un fratellino”, dice il nativo di Argenteuil, commosso. Era stato nella classe di mia nipote per molti anni. Spesso aiutava mia madre a fare la spesa, a portare le bottiglie d’acqua… Non era il piccolo delinquente o il piccolo delinquente, Sabri, per niente! “Dalle 16.00, la folla cammina sotto un sole cocente, sulle colline di Argenteuil. Gli organizzatori distribuiscono bottiglie d’acqua e invitano le persone a rinfrescarsi. Lontano dallo stato d’animo ribelle delle notti precedenti, è giunto il momento della meditazione. Quando si richiede un minuto di silenzio o quando il nome Sabri viene applaudito e cantato sotto le finestre dell’appartamento di famiglia, la folla lo segue con dignità.
La folla non è composta solo da giovani. Come Samira* (il suo nome è stato cambiato su sua richiesta), ci sono anche i padri e le madri. Sono qui per far sì che la polizia smetta di fare tutto questo”, dice la madre di due adolescenti. Anche se guidava una moto o infrangeva la legge, la polizia deve fermarli, dare loro le multe. Spesso basta parlare con i ragazzi e loro capiscono. Sabri non meritava di morire. Nessuno merita di passarci, né i genitori, né i figli. Ci preoccupiamo quando i nostri figli sono là fuori. Non è normale. “Quando la folla arriva sul luogo della tragedia, si ferma. E’ tempo per la famiglia di riflettere. Il padre, Khalid, porta un ritratto del figlio. All’inizio della marcia, ha ringraziato i presenti e ha chiamato tutti a calmarsi. Infine, verso le 18.30, la processione ha raggiunto il Parc des Cerisiers, dove è stata allestita una scena.

C’è Mara Kanté, colei che ha passato 29 mesi in prigione dopo i disordini di Villiers-le-Bel nel 2007, prima di essere assolta dalla giustizia. Al microfono, dichiara il suo sostegno ma anche la necessità di lottare, di usare le leve politiche per fermare questo tipo di dramma. Anche Youssouf Traoré è venuto ad esprimere la sua compassione, quasi quattro anni dopo la morte del fratello Adama a Beaumont-sur-Oise. Si sono susseguiti vari oratori, tra cui il padre, Khalid, che si è molto commosso. Qualche minuto prima, dei palloncini bianchi sono stati lanciati nel cielo, come un addio a Sabri.

Emilie, 36 anni, che si descrive come la “zia adottiva” di Sabri, ascolta e guarda il tutto con il cuore pesante. Vedere tutte queste persone oggi riflette la personalità di Sabri”, dice. Qui piaceva a tutti. Siamo tutti rattristati da quello che le sta succedendo e non capiamo. Aspettiamo risposte, sperando che sia fatta giustizia e che la verità venga fuori. Questo è ciò che serve ai suoi genitori per elaborare il lutto in modo adeguato. »

In realtà, ci sono ancora elementi che devono essere chiariti. Al momento degli eventi, Sabri si è imbattuto in un’auto della Brigata anticriminalità di Ermont (BAC) di pattuglia ad Argenteuil. Questa concomitanza non manca di suscitare domande: l’incidente di Sabri è stato causato da un intervento dei quattro ufficiali della BAC?
Nell’ambito dell’indagine preliminare aperta il 17 maggio per individuare le cause del decesso e affidata alla sicurezza dipartimentale della Val-d’Oise, la Procura della Repubblica di Pontoise si è affrettata il giorno successivo a garantire, in una dichiarazione, che “i primi accertamenti confermano l’assenza di shock tra il veicolo della polizia e la moto”. Tuttavia, non è esclusa l’ipotesi di un inseguimento o di un tentativo di arresto. Secondo l’ufficio del pubblico ministero, gli agenti di polizia hanno spiegato di aver visto arrivare una moto nella direzione opposta e di essersi spostati sul marciapiede per evitarli. Secondo loro, la strada, anche se a doppio senso, era stretta.

Gli avvocati della famiglia, Lucie Simon e Camille Vannier, sollevano incoerenze nelle versioni degli agenti di polizia. Gli agenti della BAC sostengono che Sabri ha riconosciuto la loro auto non contrassegnata e si è recato volontariamente sul marciapiede. “Su cosa si basano le loro affermazioni? Lucie Simon ha chiesto a Mediapart. Tanto più che era notte e Sabri aveva puntato i fari della loro auto direttamente sul suo volto. “La questione è “se la polizia ha cercato di bloccare Sabri stando in mezzo alla strada o inseguendolo prima”, dice.

Lucie Simon non manca di mettere in discussione anche lo svolgimento dell’indagine e in particolare la sorprendente gestione della scena dell’incidente, che non è stata congelata, “con il rischio di perdere le prove”. Non sappiamo se gli esperti hanno trovato tracce di pneumatici sul terreno, per esempio. E diversi detriti della moto erano ancora in strada nei giorni successivi. Camille Vannier si rammarica che l’indagine sia stata affidata alla sicurezza del dipartimento di Val-d’Oise, mentre “un cambiamento di scenario avrebbe potuto garantire un’indagine più imparziale”.

Date le circostanze, gli avvocati chiedono che la famiglia sia informata dei risultati dell’autopsia, delle comunicazioni radio delle squadre BAC, di quelle della polizia di emergenza e di tutte le perizie.

Pascale PASCARIELLO (Mediapart) e Audrey PRONESTI

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.