mercoledì 3 Giugno 2020

Che cosa ne sarà del Noi/ 4 scenari per il mondo che verrà

Che cosa ne sarà del Noi/ 4 scenari per il mondo che verrà

I quattro scenari del “prossimo mondo”. Tra restaurazione neoliberale, balzi autoritari e tentativi eco-socialisti (Fabien Escalona e Romaric Godin) 

In politica, avere ragione non basta. Certo, la sinistra che denuncia il neoliberalismo e si converte all’ecologia può trarre dalla situazione una relativa gratificazione intellettuale. Dopo tutto, la pandemia ha rivelato meglio di qualsiasi ondata di calore o incendio boschivo l’insostenibilità del nostro modo di sviluppo. Ha messo in evidenza le conseguenze dannose della ragione neomanageriale applicata allo Stato, nonché le disuguaglianze di status e di ricchezza che non possono essere giustificate dall’utilità sociale.

Tuttavia, le ipotesi di una continuazione dell’attuale economia politica, o anche di uno slancio disciplinare selvaggio da parte degli Stati e della comunità imprenditoriale, sono altrettanto credibili, e ancor più, dell’avvento di una trasformazione democratica, ecologica ed egualitaria delle nostre società. Una tale trasformazione può infatti essere impedita da rapporti di potere squilibrati tra gruppi sociali e dalle tattiche usate dalle élite al potere per riprodurre la passività delle popolazioni governate.In ogni caso, una lega impura tra “vecchio” e “nuovo” caratterizzerà necessariamente l’ordine sociale che emergerà dalla crisi attuale. Per comprendere meglio il caotico susseguirsi degli eventi, è possibile individuare in seguito gli scenari tipici dell’egemonia politica del mondo. Quelle descritte di seguito non sono tanto opzioni impermeabili l’una all’altra quanto una sfumatura di possibilità storiche.

Per comodità, si distinguerà quindi tra uno scenario conservatore, quello di un “neoliberalismo zombie” sotto l’egida di una destra elitaria; uno scenario di ritiro dirigista e xenofobo, realizzato da una destra cesarista; uno scenario di resurrezione socialdemocratica, che corona gli sforzi di una sinistra elitaria; e infine uno scenario post-capitalista ed ecologista, corrispondente alla vittoria di una sinistra popolare e inclusiva.

Scenario 1: neoliberismo restaurato

In apparenza, il neoliberismo avrebbe dovuto essere una delle vittime del coronavirus. Tutti i suoi pilastri, dall’austerità fiscale al libero scambio alla determinazione dei salari basata sul mercato, sono stati messi in discussione dai leader che hanno improvvisamente scoperto le qualità dello stato sociale e della regolamentazione. Ma questa improvvisa rivelazione, incarnata nei tranquilli discorsi di un Emmanuel Macron che cita il Consiglio Nazionale della Resistenza e promette che nulla tornerà come prima, potrebbe essere attesa a lungo.

L’arresto quasi totale dell’economia per quasi due mesi aggraverà la crisi di un capitalismo già senza fiato. L’emergenza sanitaria, che richiedeva un discorso “di sinistra”, sarà quindi seguita da un’emergenza economica che potrebbe benissimo sostenere un ritorno alla vecchia logica neoliberale. Il modello è classico: di fronte all’incertezza, il tempo non sarebbe quello di costruire qualcosa di nuovo, ma piuttosto di salvare ciò che possiamo dal vecchio ordine. Sarebbe allora una forma di Restaurazione, nel senso politico del termine, quella di un profondo ritorno all’antico che, tuttavia, integrerebbe gli elementi della modernità permettendogli di assicurare il trionfo di tale ordine.
Il neoliberismo ha i mezzi per realizzare questo trucco. Prima di tutto, rappresenta l’esistente, è la forma attuale di essere del capitalismo. Appare quindi come l’elemento conservatore del sistema. In caso di emergenza, il primo riflesso è spesso la conservazione piuttosto che il lancio di esperimenti che aggiungono incertezza all’incertezza. Il neoliberismo rappresenta quindi un conservatorismo in grado di alimentare paure e interessi per mantenere un certo status quo economico. Rimane quindi fondamentalmente il campo del “blocco borghese” definito da Bruno Amable e Stefano Palombarini, ma potrebbe anche contare sull’aggregazione di alcuni timori alimentati dal ricatto dell’occupazione a tempo indeterminato in tempi di crisi del settore privato.

Ha anche i mezzi per ampliare questo sostegno presentandosi come una forma di novità, come modello per il futuro. Per le parole d’ordine del momento, “stato”, “recupero”, “protezione” e “sovranità” (leggi il nostro dossier), non sono del tutto estranee ad esso. Il neoliberismo non ha mai cercato l’annientamento dello Stato, non ha mai preteso di evitare l’intervento dello Stato per salvaguardare i mercati e il capitalismo e per aiutare la società ad entrare nei modelli macroeconomici dominanti. Può quindi usare queste parole per difendere gli stessi interessi di prima in una nuova veste.

All’interno della struttura ideologica del neoliberismo, ci sono già forti elementi neo-keynesiani. Lo Stato può arrivare a correggere le deviazioni dell’economia dal suo corso normale, quello della concorrenza pura e perfetta. Quando l’incertezza è radicale, come accade oggi con la pandemia, questo aspetto keynesiano prende naturalmente il sopravvento. Per salvare i mercati e il settore privato, le autorità pubbliche devono intervenire in modo massiccio. I neoliberisti difenderanno quindi naturalmente vasti “piani di ripresa dell’attività” che, peraltro, sono ciò che i datori di lavoro oggi chiedono perché temono l’abisso aperto dalla crisi sanitaria.

Questo accresciuto ruolo dello Stato permetterà di sviluppare il tema della “protezione”, in particolare dell’occupazione, ma è anche probabile che faccia parte della difesa della “crescita verde”. L’idea sarà quindi che il sostegno al settore privato permetterà di finanziare e sostenere gli investimenti per la transizione verde. La politica pro-capitale diventerà quindi l’essenza dell’ecologia, che finirà per radunare la forza crescente della politica europea, i Verdi (leggi il nostro dossier). Questo fenomeno era infatti iniziato poco prima della crisi sanitaria, con l’accordo tra ecologisti e conservatori in Austria.

Da quel momento in poi, il neoliberismo sarà davvero una forza per il restauro. I suoi sostenitori continueranno a difendere gli interessi del capitale, inteso come interesse generale della società, pur presentandolo in forme attraenti ad una parte dell’opinione pubblica che difende l’intervento statale e la transizione ecologica. È anche così che la Restaurazione del 1815 riuscì a conquistare alcuni ambienti liberali: convertendosi allo Stato di diritto, al parlamentarismo e a una forma di libertà di stampa.

Ma quale sarebbe la realtà di una tale Restaurazione di un neoliberalismo nazionalizzato e reso verde? Se il neoliberismo cambia la sua strategia per un po’ di tempo diventando più “neo-keynesiano”, se lo Stato è più presente, la logica di fondo del capitalismo neoliberale non cambierà e sarà addirittura preservata.

Per la “ripresa” non basterà a risolvere il problema strutturale del capitalismo contemporaneo, soggetto a un rallentamento della produttività. Da anni il neoliberismo promette di superare questa difficoltà attraverso “riforme”, digitali o ecologiche… invano. Ma questo elemento è un formidabile richiamo per il neoliberismo. Impedirà un reale ritorno alla globalizzazione nella misura in cui ciò comporterebbe un aumento dei costi di produzione. Allo stesso modo, è escluso un ritorno alla finanziarizzazione dell’economia nella misura in cui questo rappresenta un modo per il capitalismo di aggirare questo rallentamento della produttività. Infine, questo fatto porterà anche a disarmare l’eventuale richiesta di una maggiore progressività della tassazione, nella misura in cui la redditività del capitale dovrà essere salvaguardata: la concorrenza fiscale svolge un ruolo essenziale in questo contesto.

Pertanto, questo nuovo neoliberalismo continuerà a difendere, come il vecchio, l’idea della ridistribuzione da parte delle imprese attraverso la partecipazione agli utili, in nome di un presunto “valore del lavoro”. Ciò presuppone che il denaro pubblico speso dalla “ripresa” si concentri sull’offerta produttiva, che la tassazione rimanga poco ridistributiva e che la capacità dei dipendenti di influenzare la condivisione del valore aggiunto sia sempre più ridotta.

La reazione contenuta in qualsiasi forma di restaurazione si concentrerebbe quindi sul mondo del lavoro. Anche in questo caso, questa reazione sarà incoraggiata dal ricatto del lavoro, ma potrebbe anche basarsi sul sostegno a una cosiddetta “modernità”, in particolare la “digitalizzazione” dell’economia che, grazie agli esperimenti di contenimento, potrebbe apparire come il massimo nell’evoluzione del lavoro. Tuttavia, per consentire lo sviluppo del telelavoro e delle piattaforme di lavoro, si ricorrerà a nuove riduzioni del codice del lavoro, anche se queste forme di occupazione ridurranno, attraverso la nebulizzazione del mondo del lavoro, la sua capacità di difesa.

Queste future “riforme necessarie”, che potrebbero includere anche dibattiti già avviati, come la messa in discussione della settimana lavorativa di 35 ore, saranno tanto più facilmente “vendute” nella convinzione che la crisi economica causata dal coronavirus sarà profonda e violenta. Sarà necessario “ricostruire” l’economia e “fare sforzi” per questa ricostruzione. La natura della crisi, che include uno shock dell’offerta, sarà anche un argomento per far accettare queste concessioni al mondo del lavoro.

In secondo luogo, una volta che la situazione si è stabilizzata, l’austerità sembra inevitabile. La pressione del debito pubblico porterà necessariamente ad uno smembramento dello stato sociale e ad una riconfigurazione dello stato sociale. Se alcuni settori, come quello sanitario, potrebbero essere risparmiati per tener conto degli effetti sull’opinione pubblica dopo l’epidemia, altri saranno necessariamente fortemente coinvolti. Questo potrebbe iniziare prima se la crescita è debole e la riduzione del deficit non va abbastanza veloce, poiché l’alternativa sarebbe inevitabilmente una diversa politica fiscale.

Ma mentre il neoliberismo cambia il suo discorso e può fare certe concessioni, la sua essenza, che è una risposta allo stato attuale del capitalismo, rimane la stessa. Il suo obiettivo è quello di raggiungere la disciplina e la sottomissione nei ranghi del lavoro. Da questo punto di vista, è anche possibile che le politiche siano ancora più violente. In linea con la tendenza iniziata prima della crisi del 2020, il neoliberismo potrebbe quindi rafforzare la sua funzione repressiva per ridurre la resistenza alle sue politiche e nascondere le proprie contraddizioni interne. In questo senso potrebbe essere d’aiuto il clima autoritario dovuto all’epidemia.

Questo scenario è senza dubbio uno dei più probabili, ma ha i suoi punti deboli. In primo luogo, presuppone che la crisi economica faccia dimenticare le lezioni della crisi sanitaria. Ma non è certo che l’opinione pubblica accetterà ancora una volta, come ha fatto dopo il 2008, il ritorno di vecchie ricette in nome dell'”economia”.

Il riciclaggio del discorso del neoliberismo in tutte le direzioni comporta anche il rischio di una perdita di sostanza politica che rende sempre meno credibili i movimenti politici neoliberali. La sua grande occasione, come è stato detto, è il suo carattere “conservatore”. Ma l’inefficacia delle soluzioni alla crisi strutturale del capitalismo e alla sfida ecologica potrebbe indebolire questa posizione: salvare un sistema “zombie”, operando su riforme impopolari, debiti infiniti e promesse mai mantenute, potrebbe non essere un progetto abbastanza entusiasmante per una gran parte della popolazione.

Scenario 2: “neo-illiberalismo”, piuttosto che puro ritorno nazionalista

Quando l’utopia del mercato è troppo violenta, è probabile che la società reagisca per proteggersi. Un tale “contro-movimento” non si svolge però necessariamente in senso emancipatorio. L’economista Karl Polanyi (1886-1964) ha definito “distruttiva” la “soluzione fascista all’impasse raggiunta dal capitalismo liberale” nel primo terzo del ventesimo secolo.

L’ascesa del fascismo, così come dei regimi autoritari e reazionari dopo la prima guerra mondiale e la definitiva dislocazione del sistema economico internazionale, hanno dimostrato che la globalizzazione capitalistica poteva essere reversibile, così come la democrazia e le libertà costituzionali potevano essere smantellate. Le frustrazioni materiali, il desiderio di protezione dal disordine mondiale e la nostalgia per la perduta omogeneità nazionale potrebbero mai portare a soluzioni equivalenti?

Una risposta positiva indicherebbe il sostanziale sviluppo delle forze politiche nativiste alla destra dello spettro politico negli ultimi quarant’anni. Coltivando il rifiuto dell’immigrazione e del multiculturalismo, denunciano la perdita di sostanza delle nazioni di fronte al “globalismo”, e giocano sulle ambiguità tra le etnie, il popolo dei cittadini e il popolo dei “piccoli”. Dovrebbero solo affidarsi alla pandemia e alla sua scia di drammi economici e sociali per proporre la restaurazione di uno Stato forte, rimpatriando il più possibile la sua produzione e comprando la fedeltà dei circoli popolari attraverso una relativa ridistribuzione, riorientando il loro risentimento verso elementi ancora più vulnerabili della popolazione.

La grande debolezza di questo scenario è che non stiamo rivivendo gli anni Trenta. Per quanto riguarda il fascismo in particolare, le sue forme più originali sono inseparabili da un contesto di estrema brutalizzazione delle società da parte di una trentennale “guerra civile europea”.
Come lo storico Eric Hobsbawm l’ha ben sintetizzato ne L’era degli estremi (ripubblicato da Agone nel 2020), la caratteristica della “destra fascista” rispetto alla “destra non fascista” è stata la mobilitazione delle masse. “Così i fascisti sono i rivoluzionari della controrivoluzione”, scrive, sottolineando che “non si appellano ai guardiani storici dell’ordine conservatore, alla chiesa e al re: al contrario, cercano di sostituirli con un principio di leadership del tutto estraneo alla tradizione e incarnato in uomini fatti da sé legittimati dal sostegno delle masse e sostenuti da ideologie laiche, anche culti”.

Ad eccezione dell’ex Jugoslavia, le popolazioni dell’area euro-atlantica sono state risparmiate dalla guerra sul loro territorio per tre quarti di secolo. Inoltre, sono stati influenzati da un potente movimento di individualizzazione dei valori che non si adatta realmente alla replica di un episodio fascista, né ai regimi nazional-clericali. La destra nazionalista contemporanea è, inoltre, una forza capace di essere relativamente permissiva sulla questione morale, a condizione che ciò consenta di stigmatizzare altre minoranze. Allo stesso tempo, sono privi di qualsiasi progetto di trasformazione radicale dell’ordine sociale: la loro ideologia è proiettata verso gli standard culturali del passato e non verso il futuro di un “uomo nuovo” da plasmare.

Inoltre, i governanti fascisti beneficiavano della compiacenza delle élite borghesi, ansiose di liquidare qualsiasi desiderio di cambiare l’ordine sociale.

Questo è in effetti il dilemma della destra nativista contemporanea: culturalmente, le sue prospettive di alleanze sono dalla parte dei conservatori neoliberali; elettoralmente, le opzioni economiche implicite in queste alleanze sono mal adattate alla fedeltà dei gruppi sociali che ne soffrirebbero.

Contattato da Mediapart, il sociologo Alain Bihr ritiene che queste forze “possano certamente riuscire a costituire, in un dato stato-nazione, un blocco di classi (riunendo la frazione della borghesia i cui interessi rimangono essenzialmente nazionali, la piccola borghesia agraria, artigianale e commerciale e le frazioni di proletariato) attorno a un progetto nazionalista”. Ma, una volta saliti al potere, non sarebbero stati in grado di realizzare un tale progetto. Il filosofo Jacques Bidet, in “Loro” e “Noi” vanno nella stessa direzione: “Al di là dell’offerta xenofoba e autoritaria”, scrive, “[il partito nazional-populista] non ha alcuna politica per opporsi al liberalismo. Incapace di realizzarsi come nuovo fascismo, il suo destino è quello di entrare nella culla familiare della destra, solo ringiovanendo e radicalizzando il suo potenziale estremista. »

In questa prospettiva, avremmo a che fare con uno scenario meno chiaro del neofascismo rudimentale. Più ibrido, corrisponderebbe a una declinazione cesarista e nativista della governance neoliberale. I suoi protagonisti – dalla destra classica o radicale, o in coproduzione – continuerebbero a piegarsi agli imperativi del mercato globale ma trarrebbero la loro legittimità da un cambiamento nella competizione politica in campo culturale. Lì cercherebbero di occupare una posizione di identità nazionale, consolidandola chiudendo le istituzioni a loro favore. L’equilibrio di potere, il pluralismo e la tutela dei diritti fondamentali sarebbero compromessi in nome degli ostacoli che essi costituirebbero per la volontà della maggioranza.

L’ipotesi corrisponde al fenomeno “neo-illiberale”: un misto tra la conservazione dei fondamenti del neoliberismo (come la mobilità del capitale o l’indipendenza delle banche centrali) e la crescita dell’autoritarismo politico. Trump negli Stati Uniti, Orbán in Ungheria o Modi in India ne sarebbero i protagonisti – un gruppo di uomini forti con accenti nazionalisti, legati agli interessi delle grandi multinazionali, tra cui in particolare le piattaforme digitali che potrebbero servire alla loro propaganda o anche ai loro progetti di sorveglianza.

Se guardiamo a questi esempi, ma anche ai conservatori britannici o polacchi, possiamo notare anche la presenza di un ingrediente ridistributivo, e/o un allentamento dei dogmi del libero scambio e dell’austerità. La tendenza può essere ciclica e fragile, ma risponde all’interesse strategico di allontanare gli ambienti popolari dalla protesta socialista o liberale. Lo sottolinea l’economista Ulysses Lojkine in un contributo al Grand Continent.Riconoscendo l’eterogeneità dei casi che mobilita, rileva tuttavia “un punto in comune” con diversi governi occidentali: “La combinazione di politiche pro-capitaliste, tipiche della destra, e di politiche eterodosse rivolte alle classi lavoratrici, che si pensava fossero riservate alla sinistra”.

Infatti, queste politiche non si occupano mai della distribuzione del potere economico, e sono accompagnate da meccanismi disciplinari e di esclusione (cittadini indegni, stranieri…), in modo da non poter essere attribuite alla sinistra. Ma testimonierebbero la ricerca di un “compromesso di classe” in cui i detentori di capitale risulterebbero sempre vincitori, ma meno schiaccianti per i cittadini appartenenti alla maggioranza culturale del Paese, grazie alla mediazione dei leader nazionalisti. In tempi di crisi e di riduzione dei guadagni condivisi, tuttavia, questo ingrediente potrebbe rapidamente scomparire dalla formula governativa “neoliberale”.

Scenario 3: una dubbia rinascita socialdemocratica

Un altro scenario, di fronte alla recrudescenza inegualitaria, precaria ed ecocida del neoliberismo, consisterebbe nel difendere la società, ma in uno spirito di solidarietà e cooperazione, riorientando le leve del potere pubblico verso questi fini.

Avremmo a che fare con un altro compromesso di classe, molto più equilibrato, basato sul riconoscimento di un conflitto tra capitale e lavoro. Ciò porterebbe a una ridistribuzione della ricchezza e del potere nella direzione di questi ultimi, mentre sottometterebbe i primi a standard di interesse generale, soprattutto ecologico. A capo dello Stato e nelle imprese, i “leader competenti” ragionevoli rispetterebbero l’avidità dei proprietari del capitale e dei loro agenti, senza mettere in discussione il capitalismo in quanto tale.

Prima di essere coinvolta nella cogestione della globalizzazione e dell’integrazione europea a partire dagli anni ’80, la socialdemocrazia era stata l’agente privilegiato di tale equilibrio. “Riforme” non era allora sinonimo di misure dolorose. Al contrario, hanno contribuito ad ampliare la cittadinanza sociale, attraverso un’occupazione di qualità, nuovi diritti e servizi pubblici. È possibile ripristinare un tale equilibrio?

Alcuni sosterranno che nel frattempo il movimento operaio legato all’ascesa dei più potenti partiti socialdemocratici è stato sconfitto. Tuttavia, un tale scenario presuppone significative mobilitazioni popolari. Tuttavia, si può immaginare che le conseguenze del Covid-19 forniranno loro un terreno fertile. Inoltre, prima dell’epidemia c’era stata una ripresa della protesta, anche se in modo disomogeneo e discontinuo, per cause sociali, democratiche e climatiche. Dal 2008, tre ricercatori della John Hopkins University hanno dimostrato che la frequenza e la diffusione geografica dei movimenti di protesta sociale hanno raggiunto livelli molto elevati negli ultimi cento anni.

Dopo tutto, Polanyi ha osservato in La Grande Trasformazione che “non sono gruppi o classi isolate che sono state all’origine del cosiddetto movimento collettivista. … Alla fine, ciò che ha pesato sugli eventi sono stati gli interessi della società nel suo complesso, anche se ad un settore della popolazione è stata data priorità rispetto ad un altro per difenderli. In questa prospettiva, nuove alleanze potrebbero coagulare forze sociali già organizzate o ancora in via di formazione, in una sorta di “fronte popolare ecologico”, come spera François Ruffin.
L’eccezionale proposta di un “Green New Deal”, ovvero una rielaborazione del contratto sociale per avviare la transizione ecologica proteggendo al contempo i cittadini comuni dall’insicurezza sociale, sarebbe la richiesta di punta. Andrebbe bene con i piani per un sistema di tassazione molto più progressivo e il ripristino dei diritti dei lavoratori all’interno dell’azienda, che sono stati difesi in molti forum di economisti e sociologi che si sono evoluti per diversi anni in una galassia intellettuale socialdemocratica ed ecologica, un po’ orfana di rappresentanti politici all’altezza del compito. Per essere coerente, questo scenario implicherebbe anche la ricostituzione di una politica del credito pubblico, e la messa fuori servizio di parte della finanza per evitare che essa venga danneggiata e incanalata verso progetti sostenibili.

Tuttavia, ci troviamo di fronte allo stesso ostacolo di un’ipotesi “neofascista”, nella misura in cui la socialdemocrazia del secondo terzo del XX secolo potrebbe contare su una borghesia interessata, o su forti incentivi, a integrarsi nei compromessi nazionali con i rappresentanti del lavoro organizzato. Non è più così. Da un lato, le loro strategie di accumulo sono state estroverse a causa dell’esaurimento endogeno dell’ordine produttivo fordista, che sarebbe inutile cercare di far rivivere. D’altra parte, anche l’ambiente geopolitico si è trasformato, con la scomparsa del blocco comunista rivale che ha spinto il campo euro-atlantico a garantire un benessere relativamente condiviso.

La logica porterebbe i sostenitori di una relativa demercificazione del lavoro, della terra e del denaro a organizzarsi su una scala regionale più rilevante. Gli ostacoli sono però enormi, in quanto le congiunture socio-politiche e la posizione occupata nella divisione internazionale del lavoro sono così diverse da un paese all’altro.La configurazione europea è particolarmente avversa, poiché almeno dagli anni ’80 le forme istituzionali e giuridiche dell’Unione sono state strutturalmente distorte nei confronti dei lavoratori salariati ordinari. L’inversione di questa tendenza, per ritrovare un quadro favorevole come nel secondo dopoguerra, richiederebbe uno sforzo particolarmente coordinato da parte degli Stati membri volontari e sarebbe vulnerabile a molteplici veti.
Anche se fosse concepibile una trasposizione continentale di un compromesso di classe positivo, avrebbe bisogno di una base materiale. La tendenza di fondo del capitalismo è verso un rallentamento degli aumenti di produttività, dopo l’eccezionale boom degli anni Cinquanta e Sessanta. Come sottolinea Alain Bihr, questi “probabilmente non sarebbero più sufficienti a finanziare sia la valorizzazione del capitale (attraverso i profitti), sia l’aumento dei salari reali, sia l’incremento della spesa pubblica a favore di un vasto programma di investimenti con finalità sociali ed ecologiche”. Inoltre, un tale compromesso non risolverebbe in definitiva “la contraddizione tra la necessaria ampia riproduzione del capitale (la sua accumulazione), che non conosce limiti, e i limiti dell’ecosistema planetario”.
In altre parole, lo spettro di un gioco a somma zero iper-conflittuale tra forze sociali sarebbe ancora in agguato. Ma tutti gli ambienti ostili a una sinistra riformista, ma ambiziosa, avrebbero risorse formidabili per abbatterla. In effetti, la sconfitta del paradigma socialdemocratico/Keynesiano negli anni Settanta ha portato a un mondo in cui il libero commercio ha la meglio sulle considerazioni sociali e ambientali, e in cui i governi sono permanentemente esposti ai verdetti dei mercati dei capitali.

È quanto sottolinea l’economista e filosofo Frederic Lordon in una delle sue ultime note. Assumendo l’arrivo al potere di un governo di sinistra deciso a cambiare le regole del gioco a favore della maggioranza sociale, espone la panoplia di ritorsioni che ci si può aspettare: uno sciopero degli investimenti e delle assunzioni da parte dei datori di lavoro, un’impennata del tasso d’interesse sul debito pubblico… Secondo lui, l’esperimento porterebbe a “misurare davvero cosa significa per il capitale prendere in ostaggio l’intera società: o le mie condizioni o calerò il sipario su tutto”. Diciamo dunque le cose come stanno ( o saranno): sabotaggio aperto per rompere il più rapidamente possibile un governo considerato (giustamente…) come un nemico di classe”.

L’obiettivo di un capitalismo coordinato in modo socialdemocratico ed ecologico ha il paradossale vantaggio di non apparire utopistico. Coloro che lo perseguiranno al potere, se non incontrano resistenze immediate, potranno attuare misure utili e popolari. Al di là del breve termine o della sua parziale realizzazione, questo obiettivo sembra comunque illusorio per tutti i motivi sopra citati.

Piuttosto, nei paesi che sono ben posizionati nella competizione economica globale, ci si deve aspettare politiche di centro-sinistra che perseguono il neoliberalismo dal volto umano, riservando compromessi di classe positivi solo a una frazione dei salariati. Quest’ultimo potrebbe rivendicarlo per il suo coinvolgimento nei settori a più alto valore aggiunto, mentre si affida per le sue esigenze al lavoro svalutato e frammentato del settore dei servizi precari e della produzione di beni di bassa gamma. Si tratterebbe però di una forma di neoliberalismo zombie il più possibile inclusivo, e di cui rimarrebbe poco in caso di crisi violenta.

Un’altra possibilità potrebbe indicare il fenomeno socialdemocratico in quanto non esisteva nel periodo tra le due guerre e durante i Gloriosi Trenta, ma alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento, quando l’obiettivo rivoluzionario era ancora presente al suo interno. Nel gioco a somma zero che abbiamo descritto, i sostenitori dell’azione riformista trarrebbero conclusioni dalla sua portata limitata, o addirittura dalla sua impossibilità pratica, dove sarebbe violentemente contrastata, di prevedere una più radicale riformulazione dell’ordine sociale.

Nella sinistra radicale contemporanea, ne vediamo i contorni, con la consapevolezza che una vera uscita dal produttivismo è indispensabile, ossia l’interesse espresso per le idee di democrazia economica all’interno delle imprese. Sono tutte aree che la socialdemocrazia storica non ha mai osato o voluto esplorare in termini concreti. Se da un lato la coerenza di questa opzione è più forte, dall’altro la sua fattibilità e le possibilità di avvento sono altrettanto fragili.

Scenario 4: il ripido sentiero dell’ecosocialismo

Di fronte a un capitalismo polveroso, deciso a perseguire la riproduzione e l’accumulazione di capitale attraverso lo sfruttamento del lavoro e/o della natura, l’ultima opzione democratica sarebbe quella di una “grande biforcazione” difesa dall’economista Jean-Marie Harribey. Significherebbe una rottura aperta con il dominio dell’economia di mercato sul resto della società e sul sistema terrestre.

Non manca il fermento intellettuale per definire questo ecosocialismo che potrebbe andare oltre il capitalismo. A differenza della fine dell’Ottocento, quando il marxismo ortodosso divenne il quadro generale del pensiero socialdemocratico (o almeno quello attorno al quale era necessario prendere posizione), le idee abbondavano, ma non è emerso alcun autore o corpus teorico di punta. Questa è una ricchezza, perché le idee sono numerose e permettono di rispondere a situazioni diverse, oltre che una debolezza, in quanto i litigi sono legioni e indeboliscono la coerenza di un pensiero necessariamente complesso.

L’ipotesi ecosocialista può, tuttavia, essere descritta secondo alcuni tratti comuni dei rami del pensiero critico impegnati in questa direzione. Il primo è il suo carattere democratico. È una ribellione contro un neoliberismo sempre più autoritario e un rischio di deriva neoliberale. È anche un socialismo che ha imparato la lezione del fallimento del “socialismo reale”. Dopo diversi anni, queste esperienze vengono ora analizzate alla luce di una nuova esigenza democratica. La liberazione dell’imperialismo del capitale deve permettere di fare scelte reali, e in particolare quella dei bisogni, secondo un’idea proposta dal sociologo Razmig Keucheyan, che difende anche con Cédric Durand una pianificazione adeguata ai tempi attuali.

Questa democrazia è pensata anche all’interno delle aziende con il trasferimento del potere dagli azionisti (e quindi del capitale) alla società, rappresentata dai dipendenti e dagli utenti, come proposto da Benoît Borrits. Altri autori, come l’economista François Morin, più in linea con le riflessioni di Thomas Piketty, possono proporre soluzioni meno ambiziose, in particolare l’uguaglianza tra azionisti e dipendenti nelle imprese, ma con lo stesso obiettivo: rompere il dominio del capitale da parte della democrazia economica, nella linea pura della vecchia socialdemocrazia di metà Ottocento, che non ha mai smesso di pensare all'”organizzazione del lavoro”, per usare il titolo dell’opera seminale di Louis Blanc. Come se la radicalizzazione del campo capitalista, rompendo il legame un tempo evidente tra democrazia e capitalismo, stesse ravvivando questa esigenza.
La seconda caratteristica determinante di questo nuovo socialismo è che deve rispondere alla grande sfida che il capitalismo non sa come risolvere, quella della transizione ecologica. Non può quindi che essere un ecosocialismo che rompe con la vecchia tradizione produttivista del socialismo, incarnata, ad esempio, da una potenza sovietica lanciata in una corsa a “sviluppare le forze produttive” (vedi la nostra intervista a Serge Audier). Questa volta il socialismo deve promuovere la sobrietà.

Anche in questo caso, la questione della definizione dei bisogni è centrale per garantire una vita libera dal produttivismo e dal consumismo, assicurando la soddisfazione dei bisogni definiti al di fuori dell’alienazione del rapporto di produzione capitalistico. Alcuni, come Aaron Bastani in Fully Automated Luxury Communism (Verso, 2019), possono considerare che una volta rimosso il superfluo legato all’alienazione, la società ha tutti i mezzi tecnici per far vivere tutti “lussuosamente” senza ricorrere alla crescita infinita imposta dal capitale. Altri sostengono una “decrescita” in cui la produzione verrebbe riorganizzata intorno a “beni e servizi essenziali” per lasciare più spazio agli ecosistemi.

Il dibattito tra “antropocene” e “capitalocene” è al centro delle divergenze sul tema. I sostenitori del primo termine ritengono che sia l’umanità prometeica che ha bisogno di essere contenuta per controllare il cambiamento climatico, gli altri credono che sia il capitale. È un dibattito che determinerà in larga misura il carattere dell’ecosocialismo nelle sue priorità: dobbiamo investire in una modalità di produzione ecologica per garantire la futura sobrietà, o rivalutare le nostre esigenze fin dall’inizio per fare meno adesso? La soluzione risiede probabilmente in un equilibrio tra queste due opzioni.

Il nuovo ecosocialismo ha un interesse centrale nella socializzazione del denaro, in altre parole, nel riprenderlo in mano e utilizzarlo per uno scopo utile alla società, come, naturalmente, la transizione ecologica ed energetica. Questa idea, un tempo considerata folle dagli ambienti ortodossi, è forse la più ovvia oggi, dato che la creazione monetaria delle banche centrali è stata massiccia e mal utilizzata. La Teoria Monetaria Moderna (MMT) sostiene quindi l’idea di monetizzare la spesa pubblica per soddisfare le esigenze comuni. Jean-Marie Harribey, Benoît Borrits e François Morin ritengono che il sistema finanziario debba essere socializzato a tutti gli effetti.

Per finanziare ciò che appartiene a tutti, abbiamo bisogno di una moneta condivisa da tutti. Ecco perché la socializzazione del denaro porta inesorabilmente alla definizione di “comune”. Questa nozione, che permette di superare l’opposizione tra proprietà privata e proprietà pubblica, è ora al centro del pensiero alternativo al capitalismo. Come sottolinea Benjamin Coriat, uno dei principali specialisti in materia in Francia, la crisi di Covid-19 ha messo in evidenza la necessità dei beni comuni e l’incapacità del capitalismo neoliberale di tener conto di questa nozione. Infatti, anche l’istituzione e la gestione dei beni comuni fa parte dell’esigenza democratica e la sua reinvenzione intorno al processo decisionale locale.
Un altro tema importante è quello che Jean-Marie Harribey chiama la “riabilitazione del lavoro”, in altre parole l’aspetto sociale del programma ecosocialista. Da questo punto di vista, il socialismo si differenzia dalla socialdemocrazia in quanto si concentra più sulle condizioni di produzione che sulla semplice ridistribuzione della ricchezza. Ciò è coerente con quanto appena detto: se la via d’uscita dalla crisi democratica ed ecologica passa attraverso la necessità di ridefinire i bisogni e di stabilire i beni comuni, allora sarebbe contraddittorio basare la propria politica sociale sulla ridistribuzione attraverso la tassazione della ricchezza prodotta dal capitalismo.
La questione della disuguaglianza è certamente centrale, ma non può essere affrontata solo con l’aspetto correttivo. Deve essere affrontato in profondità, dall’angolazione di una perdita di controllo sulla produzione da parte del produttore, in altre parole dall’angolazione dell’alienazione. Il dibattito fiscale non può quindi essere al centro di questa visione ecosocialista. Può essere centrale nelle lotte interne del capitalismo, ma non può essere un progetto sociale in sé. Certamente, in Capital and Ideology (Seuil, 2019), Thomas Piketty ritiene che una redistribuzione aggressiva della ricchezza, in particolare attraverso la costituzione di una “eredità” generalizzata, potrebbe modificare la natura della produzione. Ma egli dimostra di essere consapevole dei limiti di una tale proposta, proponendo anche un cambiamento di potere all’interno delle aziende.

Anche allora, una società che rimaneva dipendente dalla produzione di ricchezza privata non poteva mai veramente uscire dalla dipendenza dalla crescita e dal ricatto del capitale (ognuno si assicurava la propria sopravvivenza solo attraverso lo sfruttamento del lavoro, per quanto “giusto” fosse). Se il neoliberismo approfondisce le disuguaglianze e si basa su un crescente sfruttamento dei fattori di produzione, è proprio perché lotta per creare valore. Rompere questo sistema significa attaccare il sistema di creazione di valore capitalistico e quindi il cuore di questa creazione, cioè il mercato del lavoro.

È qui che le divergenze all’interno del pensiero critico sono le più grandi. Per porre fine allo sfruttamento del lavoro, le idee sono una legione e danno luogo a dibattiti molto vivaci. Il reddito universale potrebbe ridurre la necessità per gli uomini di vendere la loro forza lavoro e rompere il ricatto del lavoro, ma è anche un richiamo al consumismo e una potenziale arma contro la protezione sociale. Anche la garanzia dell’occupazione difesa dall’MMT può svolgere questo ruolo, offrendo ai lavoratori la capacità di formarsi e quindi di essere più forti sul mercato del lavoro, oltre a definire i beni comuni che questi posti di lavoro socializzati manterranno.

Benoît Borrits sostiene che questo meccanismo mantiene i meccanismi di mercato e crea due classi di salariati. Propone quindi di cambiare l’equilibrio di potere all’interno dell’impresa ponendo fine all’impresa capitalista (la “società di capitali”). Infine, Bernard Friot propone il salario a vita come via d’uscita dal capitalismo, che è una forma di compromesso tra le due proposte precedenti. Ma il salario non è forse l’essenza stessa del capitalismo? Il socialismo, come proponeva Marx, non dovrebbe passare prima attraverso l’abolizione del lavoro salariato?

I limiti di queste proposte sono evidenziati dalla Wertkritik, o “critica di valore”. Questa corrente che deriva dal marxismo è nata in Germania negli anni ’80 su iniziativa di Roland Kurz, ed è stata portata in Francia da Anselm Jappe. Per loro, la “sostanza del capitale” è il lavoro, nella sua duplice forma, concreta e astratta, che considerano inseparabile in un regime capitalista. Questo lavoro incentrato sulla produzione di valore permette di giustificare tutto, di produrre tutto. Per uscire da questa logica è quindi necessario porre fine all’intero sistema di produzione del valore. L’ecosocialismo passerebbe poi attraverso una completa modificazione della produzione, della distribuzione e della gestione del tempo centrata su nuove priorità. L’ecosocialismo comporterebbe quindi un cambiamento completo nella produzione, nella distribuzione e nella gestione del tempo, incentrato su nuove priorità. Pertanto, al di là della socializzazione del denaro, è all’abolizione del denaro che si dovrebbe puntare.

Come si vede, se le differenze sono significative e talvolta profonde, se alcuni punti non sono risolti, si possono individuare le linee principali del pensiero ecosocialista. La crisi capitalistica potrebbe, in teoria, offrire un’opportunità storica. Ma siamo ancora molto lontani.

Innanzitutto, se queste idee si sono diffuse dalla sinistra dei democratici americani alla cosiddetta sinistra “radicale” in Europa, spesso si integrano in modo isolato e non sistematico in programmi dove domina un’ambizione keynesiana di gestione e “miglioramento” del capitalismo. A trent’anni dalla caduta del Muro, è ancora difficile presentarsi apertamente come “anticapitalista”. I vecchi partiti comunisti ortodossi che lo fanno rimangono bloccati in posizioni settarie, poco permeabili alle preoccupazioni ecologiche o alla difesa delle minoranze, caricaturali in atteggiamenti meschini e borghesi. I movimenti nati dal trotskismo, che sono meglio in grado di portare queste idee in modo coerente, sopravvivono in diversi paesi ma hanno un pubblico debole o si sono fusi in movimenti più riformisti. Per quanto riguarda i movimenti ambientalisti, pochissimi di loro rivendicano una vera e propria rottura con il capitalismo.
In questa fase, quindi, non esiste un potente veicolo politico per una possibile egemonia ecosocialista. Da questo punto di vista, l’assenza di un pensiero “centrale” per costruire un’alternativa è indubbiamente un handicap che impedisce una reale visibilità nell’opinione pubblica. Altri ostacoli sono considerevoli.

Il peso culturale del neoliberismo, che non è solo un paradigma economico ma anche uno stile di vita, agisce come un notevole freno alla ridefinizione dei bisogni e allo sviluppo dei beni comuni. Tuttavia, la crescente consapevolezza del cambiamento climatico è stata accompagnata dal sospetto dei metodi di “greenwashing” del capitalismo. Inoltre, come già detto, gli anni 2010 sono stati intensi in termini di proteste popolari. Le società sono sulla difensiva di fronte al neoliberismo e non è impossibile che, in assenza di un partito politico, i movimenti sociali si impadroniscano di progetti eco-socialisti e li mettano al centro del dibattito pubblico. La crisi in cui stiamo entrando, che è violenta, strutturale e profonda, non può che incoraggiare questa consapevolezza.
La questione internazionale rimane. È necessario e possibile realizzare questo ecosocialismo “in un solo paese”? Possiamo immaginare un movimento europeo e quale strategia sarebbe meglio al suo servizio? Quella di una consapevole disobbedienza alle regole dell’Unione Europea per smantellare le strutture opposte, o la paziente ricerca di coalizioni al suo interno per riorientarla? Infine, come si può collocare un tale cambiamento nel contesto delle relazioni internazionali segnate dalla rivalità sino-americana e dalla crescente instabilità?
Queste domande sono in genere del tutto assenti dalle riflessioni di cui sopra e questo è un punto debole per presentare un’alternativa solida e credibile. Il neoliberalismo restaurato e il neo-illiberalismo hanno già stati e reti. In una certa misura possono “lavorare insieme”: Ungheria e Polonia continuano quindi ad essere i fornitori della macchina industriale tedesca. E se i regimi autoritari non sono in grado di imporre il loro modello ad altri paesi, possono rendere la vita più facile agli autocrati sul posto.
Trovare una via d’uscita dal capitalismo, senza cadere in un sogno autarchico o nella dipendenza da logiche capitalistiche esterne, rimane una sfida centrale per costruire una soluzione politica praticabile alle impasse democratiche, sociali ed ecologiche del momento. Ciò presuppone una sempre più ampia diffusione delle idee ecosocialiste a livello globale. Ma il tempo per quest’ultimo scenario potrebbe poi arrivare troppo tardi, quando le condizioni degne dell’abitabilità della Terra sono state eccessivamente compromesse.

 

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.