mercoledì 3 Giugno 2020

La militarizzazione si ferma solo dal basso

La militarizzazione si ferma solo dal basso

In diversi paesi grandi mobilitazioni per aggirare controlli di polizia che non c’entrano con la necessaria cura del coronavirus (Raùl Zibechi)

In questi ultimi giorni, in diversi Paesi si sono svolte grandi mobilitazioni, molte delle quali non chiamate attraverso i canali tradizionali, aggirando le restrizioni e i controlli di polizia e militari. Gli eventi più importanti si sono verificati in Grecia, Cile e Haiti.
Dalla Grecia, Evgenia Michalopoulou racconta come i giovani, dopo 48 giorni di quarantena, in un Paese con soli 1.300 casi attivi e 165 morti, hanno cominciato ad occupare le piazze dei quartieri. Il clima sta migliorando e poiché i bar sono ancora chiusi, si riuniscono nelle piazze per bere birra fino all’alba, in chiara sfida all’isolamento.

La reazione isterica dei media e del governo di destra ha portato la polizia antisommossa ad iniziare a inseguire i giovani con il gas, sigillando le piazze e vietando il movimento nella Kalithea di Salonicco. Il giorno dopo, intere famiglie intere hanno sfidato gli ordini della polizia restando in piazza, un atteggiamento che si ripete in molti altri, in una disobbedienza spontanea e allo stesso tempo organizzata.

Di fronte ad ogni repressione della polizia, la risposta dal basso è la marcia con migliaia di persone, interi quartieri che si riprendono le piazze, guadagnando in fiducia, al punto che le strade sono piene, la gente si siede sui gradini e sulle porte, e all’improvviso ti sembra di essere in una città. L’insistenza della gente ha costretto il governo ad aprire caffè e bar una settimana prima del previsto, dice Evgenia.

Ad Haiti, l’opposizione ha indetto una giornata di protesta lunedì scorso, chiedendo le dimissioni del presidente del Paese, Jovenel Moïse, nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia. È stato chiamato dal Settore Democratico e Popolare, in una data che coincide con l’anniversario della creazione della bandiera nazionale, 217 anni fa.

Il presidente Moïse è criticato per la sua gestione durante la pandemia e per la corruzione, che aggiunta a un intenso ciclo di proteste provoca una stabilità precaria, con scontri anche tra polizia ed esercito nel contesto di una crescente crisi sanitaria.

È chiaro che la protesta haitiana è tutt’altro che finita, come sta accadendo in Cile.

A Santiago, ci sono stati momenti che ci ricordano la rivolta popolare lanciata in ottobre. La comune di El Bosque ha preso l’iniziativa con una massiccia presenza giovanile nelle strade, con barricate e scontri che hanno costretto i moschettoni a ritirarsi, momentaneamente. In pochi giorni si sono diffusi in tutto il settore sud di Santiago e hanno incluso La Legua, uno dei quartieri storici in resistenza al regime di Pinochet.

Le ragioni di ciò sono la mancata distribuzione di cibo da parte del governo. La modalità era la barricata per difendere le popolazioni e impedire l’ingresso delle divise. Le massicce proteste iniziate il 18 maggio, non a caso, sono coincise con la data che segna sette mesi dall’inizio della rivolta. La repressione sta gassando le comuni popolari, in una risposta ridicola alle rivolte.

Prima di tutto, dobbiamo sottolineare che la lotta di strada è solo una delle forme che la resistenza alla militarizzazione assume. Prima di riconquistare le strade, le assemblee territoriali in Cile hanno continuato ad essere attive, nelle reti di fornitura e di contro-informazione, a sostegno delle persone infette o vulnerabili, nella creazione di orti urbani, e molte piccole azioni di scarsa visibilità, ma con un profondo contenuto comunitario.

Da quanto sopra, si può dedurre che la dimostrazione e l’azione pubblica non sono, e non possono essere, il centro o l’unico modo per far muovere le persone. Uscire in strada ha i suoi pro e i suoi contro, che devono essere valutati collettivamente. Le popolazioni indigene raramente manifestano, e quando lo fanno, l’azione ha connotazioni ben diverse dalla protesta che esige qualche diritto o non conformità da parte dello Stato.

La seconda questione, anche se può sembrare contraddittoria, è che la rivolta dei popoli è ciò che può fermare la tendenza alla militarizzazione accelerata ricercata dai governi che stanno gestendo la pandemia. Solo le azioni dal basso possono interrompere la repressione e il controllo che ci impongono. Un tipo di controllo che non ha la minima relazione con la necessaria cura del coronavirus.

Il sistema è passato dall’imposizione di sbarre e telecamere di sorveglianza per combattere il crimine, all’uso di maschere e distanziamenti per combattere il virus. In entrambi i casi, si tratta di una logica tipicamente coloniale/patriarcale che non risolve l’insicurezza, ma la approfondisce perché l’assistenza individualizzata ha poca fuga se non fa parte dell’assistenza comunitaria.

Il sistema capitalistico mondiale sta raggiungendo un punto di biforcazione, come ha annunciato Immanuel Wallerstein. Tuttavia, questa non è una legge inesorabile. Il futuro dipende dall’azione collettiva.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.