7.3 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
7.3 C
Rome
domenica 17 Ottobre 2021
HomemondiUsa, i desideri dell'ala sinistra di Biden

Usa, i desideri dell’ala sinistra di Biden

Le pressioni dell’ala sinistra dei democratici dopo che Joe Biden è stato incoronato vincitore [Alexis Buisson]

Durante la campagna, il senatore Bernie Sanders ha promesso di fare pressione su Biden per “diventare il presidente più progressista dai tempi di Franklin Delano Roosevelt”, il padre del New Deal. L’ala sinistra del Partito Democratico, di cui Sanders è un mentore, non ha perso tempo.

Nei giorni successivi all’annuncio della vittoria dell’ex vicepresidente, diversi gruppi progressisti hanno pubblicato le liste dei nomi che volevano vedere nominati ai posti chiave dell’esecutivo.

Il Progressive Change Institute, un’organizzazione vicina alla senatrice Elizabeth Warren, un’altra figura della sinistra, non ha fatto le cose a metà: si è spinto fino a raccomandare non meno di 400 persone (con le loro biografie).

Anche i Justice Democrats, uno dei gruppi più importanti della galassia progressista americana, sono entrati nella lista, così come Sunrise, il movimento giovanile americano per la protezione del clima, molto vicino ad Alessandria Ocasio-Cortez (“AOC”). Gli ultimi due hanno anche proposto al Presidente eletto di creare un ufficio “Climate Mobilization” all’interno della Casa Bianca, che riunirebbe diversi responsabili di agenzie per combattere la crisi climatica.

I progressisti si sono fatti avanti anche quando non erano d’accordo con le nomine di Joe Biden nei team di transizione (responsabili di guidare la transizione all’amministrazione Trump prima dell’inaugurazione del 20 gennaio) e nei dipartimenti. È stato così a metà novembre quando decine di associazioni, tra cui Sunrise, hanno protestato contro le voci di un ritorno di Ernest Moniz al capo del Dipartimento dell’Energia, una posizione che questo ex consulente di importanti compagnie petrolifere già ricopriva sotto Obama. “I progressisti sono molto più ascoltati di quanto non lo fossero nel 2008, quando Barack Obama è stato eletto. Joe Biden vuole assicurarsi che tutti gli stakeholder siano invitati al tavolo, e questo include i progressisti”, dice Jeff Hauser, direttore del Revolving Door Project, un gruppo che controlla le nomine governative.

Dopo la vittoria alle primarie contro Bernie Sanders, Biden ha cercato di includere l’ala sinistra del partito nello sviluppo della sua piattaforma, creando gruppi di lavoro che comprendono rappresentanti del suo ex rivale democratico.

Alcuni progressisti sognavano addirittura un ministro del Lavoro Bernie Sanders e Elizabeth Warren, nota per il suo lavoro sulla tutela dei consumatori e la regolamentazione finanziaria, come capo del Tesoro. Il presidente eletto ha rapidamente infranto le loro speranze dichiarando a novembre che sarebbero stati più utili al Senato, dove i Democratici sono in attesa dei risultati di una doppia elezione del 5 gennaio in Georgia per vedere se torneranno alla Camera alta.

Dalle elezioni senatoriali del 3 novembre, che si sono svolte in concomitanza con le elezioni presidenziali, Democratici e Indipendenti hanno ottenuto 48 seggi al Senato, contro i 50 dei repubblicani. Se il Partito Democratico vincerà i due seggi in gioco in Georgia, potrà contare sul voto del Vice Presidente Kamala Harris, che, come previsto dalla Costituzione, in caso di parità di voti esprimerà il voto decisivo.

“Se i Democratici non riusciranno a conquistare entrambi i seggi e il Senato rimarrà nelle mani del Partito Repubblicano, questi si troverà in una situazione di stallo. Ci saranno pochi progressi legislativi a livello nazionale”, ha detto Sumathy Kumar, uno dei leader dell’ufficio newyorkese dei Socialisti Democratici d’America (DSA), un gruppo di socialisti americani che è cresciuto rapidamente sulla scia della candidatura di Sanders nel 2016.

Per la giovane attivista, che si è unita a DSA dopo la vittoria a sorpresa di Alexandria Ocasio-Cortez nel 2018 alla Camera dei Rappresentanti, il cambiamento arriverà a livello comunale e statale. A New York, DSA ha confermato alle urne l’entusiasmo che prova dal 2016. Cinque socialisti sono stati eletti in novembre al parlamento statale, dove potranno lavorare in settori diversi come la sanità, le infrastrutture e la fiscalità. “Non sembra molto, ma c’è un gruppo più ampio di progressisti che sono disposti a lavorare con noi”, ha detto.

A New York, come in altre parti del paese, la DSA si sta pronunciando a favore della tassazione delle persone fisiche di patrimonio netto elevato, di un’estensione della moratoria sugli sfratti degli inquilini inadempienti e della cancellazione totale degli affitti, insieme alla creazione di un fondo di sostegno per i piccoli proprietari terrieri.

In definitiva, il gruppo vuole istituire un sistema di assicurazione sanitaria pubblica e attuare il “Green New Deal”, un ambizioso pacchetto di riforme di transizione energetica e di misure di giustizia sociale e razziale. A New York City, dove DSA ha 7.000 membri (su 85.000 a livello nazionale), il gruppo sta esaminando le domande di sostegno dei candidati alle elezioni comunali del 2021. In particolare, sta cercando contendenti che siano disposti a tagliare i finanziamenti della polizia di New York, il Dipartimento di Polizia di New York, quando fanno parte del consiglio comunale. Continuiamo a crescere”, ha detto Kumar. Gli americani si stanno rendendo conto che non si tratta solo di centrismo. I socialisti offrono un’alternativa all’austerità. La pandemia ha dimostrato che c’è bisogno di un altro modello, soprattutto nell’assistenza sanitaria».

 

A livello nazionale, il campo progressista inizierà il 2021 con nuovi volti al Congresso. I quattro membri della “Squad” (Alexandria Ocasio-Cortez di New York, Ilhan Omar del Minnesota, Ayanna Pressley del Massachusetts e Rashida Tlaib del Michigan), tutti rieletti, saranno affiancati dall’ex preside Jamaal Bowman, uno dei bambini “AOC” di New York City, e Cori Bush, un’attivista della Black Lives Matter, pastore e infermiera che a novembre è diventata la prima donna afroamericana a rappresentare lo stato del Missouri alla Camera dei Rappresentanti.

Da parte sua, DSA stava lavorando ad un’iniziativa nazionale per promuovere il “Green New Deal” durante i primi 100 giorni dell’amministrazione Biden. Anche nel team di transizione, Biden ha fatto spazio ai progressisti che potrebbero trovare la loro strada anche nella sua amministrazione dopo il suo insediamento il 20 gennaio. Ha nominato Gary Gensler, un ex finanziere vicino a Elizabeth Warren, a capo del gruppo di transizione dedicato alle agenzie finanziarie.

Anche se i progressisti ritengono che il loro sostegno sia stato determinante per la vittoria di Joe Biden e Kamala Harris – la cui disaffezione ha contribuito alla sconfitta di Hillary Clinton nel 2016 – sanno che nulla può essere dato per scontato. Infatti, dopo le elezioni, diversi funzionari e dirigenti del partito hanno affermato che l’uso progressivo dello slogan “Defund the police” è costato ai seggi del partito alla Camera dei Rappresentanti.

Lo stesso Barack Obama ha fatto il commento. In una recente trasmissione che promuoveva le sue memorie, ha detto che slogan così “rozzi” portano a “perdere un grande pubblico… rendendo più difficile fare i cambiamenti che si vogliono fare”.

Le sue parole hanno suscitato una protesta tra i progressisti. “Il problema non è il disagio dell’America con i rozzi slogan. Il vero problema è che gli Stati Uniti sono a loro agio con la morte dei neri”, ha detto Bowman. Se Biden e Harris riconoscono che abbiamo fatto parte della loro vittoria, lavoreranno con noi”, ha detto Kumar. Ma la tendenza oggi è quella di dare la colpa a noi».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]

Forza Nuova e l’eterno derby con Casapound

Forza Nuova sempre più violenta per contendere l'egemonia a destra a Casapound. Fino all'assalto alla Cgil [Saverio Ferrari]

Mimmo, una poesia

A Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, condannato per la sua umanità. Con rispetto e ammirazione [Ramon Haniotis]