22.1 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
22.1 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
HomemalapoliziaLa polizia si scatena a Parigi, è l’insécurité globale di Macron

La polizia si scatena a Parigi, è l’insécurité globale di Macron

Migliaia di persone caricate indiscriminatamente dalla polizia a Parigi, l’Ansa dice che la così polizia «è riuscita a prevenire le violenze»

Migliaia di persone hanno sfilato in «marce delle libertà» per il terzo sabato consecutivo a Parigi e in altre città della Francia per denunciare la controversa proposta di legge sulla «sicurezza globale», che prevede fra l’altro il divieto di fotografare e filmare poliziotti in azione con l’intento di diffondere sul web le immagini. A Parigi, dopo gli incidenti delle ultime 2 settimane, cambio di strategia della polizia, che era presente con una quantità di agenti e gendarmi senza precedenti ed è riuscita a prevenire le violenze. Così scrive il corrispondente di una nota agenzia di notizie italiana. In Italia o fuori dai confini assorbire le veline di questure, governi e prefetture è considerato un indizio di professionalità. Ben 142 i fermati prima di fine serata, contro i 95 della settimana scorsa. Alcune migliaia di manifestanti hanno cominciato a sfilare sotto la pioggia dopo le 14:30 da Chatelet, nel centro della capitale, in direzione di place de la République. A differenza di sabato scorso, il corteo era inquadrato da uno schieramento di polizia in assetto antisommossa che, ad ogni movimento violento, lancio di oggetti o tentativo dei black-bloc di agitare la folla, interveniva correndo e fermava i sospetti. Una tattica che ha pagato (si rallegra il corrispondente) anche al momento di sciogliere la manifestazione, un obiettivo sempre difficile da raggiungere senza scontri. Sono stati utilizzati in questo caso gli idranti ma in tutto il pomeriggio non sono stati sparati – al contrario delle settimane scorse – i gas lacrimogeni. Kossiga non avrebbe saputo scriverlo meglio.

Se mettiamo a confronto il suo resoconto con quello di Mediapart, sito d’inchiesta piuttosto rigoroso (e senza sconti per la malapolizia in salsa francese), leggiamo una storia completamente diversa. Magari andare sul campo potrebbe essere un trucco che perfino un giornalista mainstream sarebbe in grado di apprendere. Il titolo è più o meno questo: La polizia ha deciso di scoraggiare i manifestanti caricandoli indiscriminatamente all’inizio del corteo, causando panico e lesioni.

Mediapart fa parlare i manifestanti: “È difficile avere 20 anni nel 2020”, e voler dimostrare in Francia. Non saranno Jeanne, Marie, Emma e Juliette a dire il contrario. Questi quattro amici, tutti ventenni, hanno lasciato il corteo ancor prima della fine della manifestazione contro i progetti “liberticidi” del presidente Emmanuel Macron, sabato 12 dicembre a Parigi. “È orribile, siamo stati caricati quattro volte senza motivo. Da sabato a sabato, le cose vanno sempre peggio”, hanno spiegato mentre tornavano a casa, disillusi.
Gli studenti erano venuti con l’unica intenzione di difendere le loro libertà, cartelli in mano. Non provavano “nessun odio per la polizia”. A un certo punto sono addirittura andati al CRS, chiedendogli gentilmente perché lo stavano facendo”. Nessuna risposta. “Per noi è un’intimidazione”, ritengono.E funziona: “Non andremo alla prossima manifestazione”.
Come loro, alcune migliaia di persone si sono riunite a Parigi sabato 12 dicembre, su appello di vari movimenti mobilitati contro la proposta di legge “sicurezza globale” ma anche il collettivo contro l’islamofobia, che contesta la legge “confermando il rispetto dei principi della Repubblica” (ex legge sul separatismo).
Un primo appello, su iniziativa di un gruppo di gilet gialli, era stato proibito dalla prefettura di polizia di Parigi. Nelle regioni, migliaia di manifestanti si sono riuniti in una quarantina di città, in particolare su appello del coordinamento #StopLoiSécuritéGlobale, che non si è unito alla mobilitazione parigina a causa della mancanza di garanzie di sicurezza dopo le schermaglie dello scorso fine settimana.
La manifestazione parigina è stata rovinata da incidenti molto presto, quando la polizia ha deciso di caricare il corteo subito dopo aver lasciato Place du Châtelet, senza alcun motivo apparente.
La strategia di polizia attuata a Parigi durante la grande manifestazione di sabato 28 novembre, dove le forze di polizia avevano mantenuto le distanze, è stata solo una parentesi. Dalla settimana scorsa, su ordine del prefetto Didier Lallement (un personaggio considerato molto favorevole a pratiche illegali e violentissime di cui ci siamo occupati qui), la polizia è tornata in contatto, come durante le dimostrazioni delle giacche gialle.
Sul suo account Twitter, la prefettura ha spiegato che la polizia è intervenuta “nel bel mezzo del corteo […] per impedire la formazione di un gruppo di violenti blocchi neri”.
In ondate successive, i CRS, gendarmi mobili, ma anche gli esterni delle Brigate di repressione delle azioni violente motorizzate (BRAV-M), si sono precipitati nel mucchio lungo il boulevard de Sébastopol, senza fare ordine tra i manifestanti e le persone che volevano arrestare.
Una strategia che ha aumentato la tensione per lunghi minuti e ha causato ferite ai dimostranti. Come questo musicista, vedi la foto in alto) colpito in faccia. Su BFM TV, un giornalista ha spiegato in diretta che il sangue sul quel viso era “trucco, vi rassicuriamo”, prima di scusarsi sabato sera per la plateale menzogna in diretta. In effetti, il giovane è stato colpito con un manganello da dietro mentre era in corso una carica di polizia. Alle 17.50, tre ore e mezza dopo l’inizio della manifestazione, “119” persone erano state arrestate, secondo il ministro degli Interni Gérald Darmanin, parlando di “molti teppisti che sono venuti”.
Durante tutta la sfilata nel centro di Parigi, un’imponente forza di polizia è stata dispiegata per controllare ogni mossa dei manifestanti.
Sono stati posti dei blocchi stradali (ricerca di tutti i manifestanti) agli ingressi della Place du Châtelet, circondata dal cordone del CRS e dai cannoni ad acqua. Lo stesso sistema era in vigore all’arrivo della manifestazione in Place de la République, circondata da cancelli antisommossa. Tra i due dispositivi, i dimostranti hanno potuto marciare in fila, incorniciati dai contingenti del CRS e dai gendarmi mobili che si sono spinti fino a punteggiare l’avanzata del corteo. Al primo fischio: si avanza. Al secondo fischio: ci fermiamo. E così via, fino a quando il corteo, già scandito dalle cariche alla partenza, non ha perso tutto il suo dinamismo. In testa alla manifestazione, il camion continuava a declamare slogan: “Y’en a assez, y’en a marre! Basta con le leggi che distruggono la libertà! Basta con l’islamofobia!”. Lucien, 23 anni, si rallegra del fatto che la protesta converga tra la proposta di legge Sécurité globale e la legge sul separatismo: “Ci troviamo di fronte a un solo fenomeno: lo sviluppo di uno Stato di polizia che si sta costruendo contro le minoranze, e soprattutto contro i musulmani”, dice. Pierre, un “giovane dirigente dinamico” di 26 anni di Lione, contesta questo approccio: “Ho una posizione più sfumata, protesto contro la legge sulla sicurezza globale, che può essere usata per controllare i movimenti sociali, non contro la legge sul separatismo».
Le ragioni per dimostrare sono in realtà molteplici. «Siamo una generazione che non ha mai avuto risultati, non abbiamo obiettivi. I nostri genitori hanno lavorato per offrire un’educazione migliore ai loro figli, siamo di fronte a una crisi sociale, climatica e sanitaria, non conosciamo la nozione di “mondo migliore”, stiamo solo cercando di mantenere le nostre libertà», dice Michèle, un’urbanista ventisettenne, notando il gran numero di giovani in processione. Al contrario, le bandiere dei sindacati o delle organizzazioni politiche sono rare, ad eccezione di un furgone del Nuovo Partito Anticapitalista (NPA). “Non ci sentiamo sicuri, ma non abbiamo altra scelta se non quella di dimostrare. Quello che sta succedendo in questo momento è molto grave. Tra dieci anni, voglio poter dire a me stesso che ero lì per difendere i nostri diritti e le nostre libertà”, ha detto Mila, 23 anni, che sta facendo il servizio civile con France Terre d’asile, elencando l’accumulo di violenza della polizia che è stato riportato dai media nelle ultime settimane. “Ero a Place de la République con Utopia 56 [durante la brutale evacuazione di un campo di migranti], non avevo mai provato una tale violenza”, spiega.
Un po’ più avanti, Magalie si trova sul bordo della manifestazione: “Sto cercando di proteggermi dalle cariche. A 41 anni, l’insegnante quarantunenne di Seine-Saint-Denis, “attivista di lunga data”, non nasconde la sua preoccupazione: “Più va avanti, meno diritti abbiamo. Non voglio che vada tutto in malora, ma credo che siamo vicini alla rivolta”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati