20.7 C
Rome
giovedì 28 Ottobre 2021
20.7 C
Rome
giovedì 28 Ottobre 2021
HomemalapoliziaParigi, un'inchiesta di Mediapart smaschera il ministro di polizia

Parigi, un’inchiesta di Mediapart smaschera il ministro di polizia

Così il governo francese ha gonfiato gli arresti durante il corteo a Parigi contro la legge della Sécurité globale [Antton Rouget]

Durante tutta la manifestazione parigina contro la proposta di legge “Sécurité globale”, Gérald Darmanin ha picchiettato sul suo iPhone. Alle 14.12, un quarto d’ora prima dell’inizio del corteo, il ministro degli Interni ha lanciato, sul suo account Twitter, il conto alla rovescia di una giornata che prometteva di essere ricca di arresti: “Già 24 arresti”, ha postato, allegando al suo messaggio la foto di un cacciavite e di una chiave inglese, due strumenti “che non hanno posto in una dimostrazione”.
Un’ora e mezza dopo, il signor Darmanin si è ripreso il suo cellulare. “81 arresti d’ora in poi, alle 15.50”, ha annunciato, senza una foto di strumenti questa volta, ma parlando di “individui ultraviolenti”. Alle 17.50 il numero sale a “119 arresti”, “sono venuti molti casseurs”. Infine, alle 18.56, in occasione a “142 arresti ufficiali”, un dato che si trova anche sul banner dei canali d’informazione 24 ore su 24.Tuttavia, ci sono volute meno di 24 ore perché la comunicazione del ministro degli Interni, i cui risultati mediocri dal suo arrivo a Place Beauvau sono stati oggetto di molti pettegolezzi anche nel suo stesso campo, si sgonfiasse come un palloncino.
Secondo le prove e le testimonianze raccolte da Mediapart (un sito di inchiesta rigoroso e molto attento ai casi di malapolizia, ndr), le persone arrestate nel corteo parigino erano in gran parte manifestanti pacifici, non perseguiti per atti di violenza – il che dimostra che la strategia della polizia era proprio quella di affrettarsi ad effettuare arresti arbitrari. Anche i giornalisti indipendenti sono stati arrestati con le varie accuse, sebbene fossero perfettamente identificabili.
Le cifre rese note dalla Procura della Repubblica di Parigi domenica sera danno un’idea della manipolazione della comunicazione orchestrata da Place Beauvau: mentre 39 procedimenti sono già stati archiviati, solo sei manifestanti saranno processati immediatamente. La procura ha inoltre inviato 27 solleciti alla legge, ritenendo che non vi fosse motivo di deferire il caso ai tribunali. Una persona ha accettato un CRPC (procedura di dichiarazione di colpevolezza), 30 casi di custodia cautelare da parte della polizia sono ancora in corso e due indagini contro due persone rilasciate non sono ancora state chiuse.
Dei 19 minori arrestati, la Procura della Repubblica ha già chiuso nove indagini. Altri cinque casi sono stati trattati con un semplice richiamo alla legge, mentre quattro giovani sono stati chiamati a comparire davanti al procuratore generale. Le indagini continuano in un solo caso.
Alexis Baudelin è una delle 142 persone arrestate durante la manifestazione. Il suo caso è stato considerato sufficientemente emblematico per il Sindacato Indipendente dei Commissari di Polizia (SICP) da trasmettere un video del suo arresto con il seguente commento: “Gli ordini della prefettura di polizia sono chiari: impedite qualsiasi costituzione del Blocco Nero! Questi faziosi seminano violenza e caos. Stanno minando le dimostrazioni. Accogliamo con favore gli arresti di questi individui molto violenti”.
Nonostante le certezze del sindacato dei commissari, Alexis Baudelin non è stato nemmeno perseguito dalla procura. E’ stato rilasciato sabato sera, cinque ore dopo il suo arresto, senza la minima accusa, non senza aver ricordato alla polizia alcune regole della legge. E per una buona ragione: Alexis Baudelin è un avvocato, cosa che la polizia non sapeva perché non stava sfilando con un vestito.
Il giovane è stato arrestato durante una delle numerose accuse mosse dai militari delle brigate motorizzare per la repressione di azioni violente (Brav-M), che sono venuti a interrompere la manifestazione subito dopo la sua partenza (leggi il resoconto della manifestazione qui). Come si vede in un video che ha filmato lui stesso, l’avvocato è stato violentemente afferrato per il collo e portato fuori dal corteo, senza che la polizia potesse spiegare le ragioni del suo arresto. Prima di essere arrestato, Alexis Baudelin aveva protestato contro un’accusa di violenza da parte della polizia (che non è vietata) e portava con sé una bandiera nera (che non è nemmeno illegale).
“La polizia mi ha poi ammanettato, ma si è resa conto di non avere nulla contro di me”, ha detto a Mediapart. Per cinque ore, il signor Baudelin è stato poi spostato dalla stazione di polizia alla stazione di polizia con altri manifestanti, che “si sono chiesti come lui di cosa fossero colpevoli”. Infine, consegnato a un ufficiale di polizia giudiziaria del XIV distretto di polizia, l’avvocato è stato rilasciato, senza nemmeno essere stato preso in custodia. “Sono stato arrestato e poi trattenuto per cinque ore in modo del tutto arbitrario, senza essere accusato di nulla”, ha detto.
Interrogato da Mediapart, il pubblico ministero di Parigi ha dichiarato che delle 142 persone arrestate a margine della manifestazione, 123 sono state prese in custodia dalla polizia. È il caso del giornalista freelance Franck Laur, che è stato finalmente rilasciato senza accuse nel primo pomeriggio. “Sono stato arrestato durante una carica alla fine della manifestazione alle 18 in Place de la République [dove si è conclusa la manifestazione]”, ha detto. Stavo filmando, ero identificabile come giornalista, sono stato picchiato con i manganelli e ho detto qualcosa che non doveva essere detto.


Il signor Laur è detenuto in custodia della polizia presso la stazione di polizia dell’8° arrondissement per “oltraggio” ma anche per ” aver portato un’arma di categoria D ” a causa della sua maschera antigas. Queste accuse sono state successivamente ritirate senza che il giornalista sia stato ascoltato sui fatti. “Domenica sono stato prelevato dal carcere e mi hanno detto: ‘La tua custodia da parte della polizia è finita'”, ha detto. Sabato sera sono stato portato all’Hôtel-Dieu per fare una radiografia. Pensano che io abbia due vertebre incrinate a causa dei colpi della bacchetta”, spiega.
Alla stazione di polizia, Laur ha condiviso la cella con Thomas Clerget, un altro giornalista freelance membro del collettivo Reporters en colère (REC). Anche lui è stato rilasciato senza accuse la domenica dopo essere stato sospettato di “aver partecipato a un gruppo con l’intento di commettere atti degradanti o violenti”. “Sono stato arrestato con un’accusa totalmente gratuita in mezzo alla gente che cammina. Sono stato colpito a terra sulla testa e sulla spalla”, dice l’uomo, abituato a coprire le manifestazioni, che “aveva l’impressione che la polizia andasse a pescare per l’arresto”.
Un comunicato stampa rilasciato domenica dal collettivo REC e da altre 15 organizzazioni (tra cui la Lega per i diritti umani, la CGT e i sindacati dei giornalisti) ha denunciato un “dispiegamento di polizia e militari che ha brutalizzato e violato il diritto di manifestare”. Le organizzazioni si sono presto unite nella loro dichiarazione a funzionari eletti come Bénédicte Monville, consigliere regionale ambientalista della regione Ile-de-France. “Mia figlia è stata arrestata ieri mentre lasciava la manifestazione: la polizia l’ha accusata mentre stava filmando, un poliziotto l’ha sequestrata e l’ha portata via. Diverse persone dicono che non ha detto nulla, non ha opposto alcuna resistenza ma è in GAV per “insulto””,” ha detto su Twitter.La madre di un altro dimostrante ha risposto con lo stesso malinteso: “Anche mio figlio Theo è stato arrestato proprio all’inizio della manifestazione, è in GAV [custodia della polizia] con sua figlia, al ventesimo posto di polizia. Non hanno fatti con cui rimproverarlo, solo presunte intenzioni”.
“La stragrande maggioranza degli arrestati non capisce cosa stia facendo alla stazione di polizia”, ha detto Arié Alimi, il cui studio legale assiste circa 15 persone arrestate. L’avvocato ritiene che “queste persone sono state arrestate mentre partecipavano tranquillamente a una manifestazione dichiarata, che segna la fine del diritto di manifestare”. Gli avvocati interrogati da Mediapart non sanno cosa avrebbe potuto portare la polizia ad arrestare alcuni manifestanti pacifici piuttosto che altri, anche se alcuni indizi sembrano emergere. Ad esempio, alcuni dei manifestanti arrestati avevano ombrelli neri, che possono essere usati per formare un blocco nero (per cambiarsi i vestiti al riparo di droni e macchine fotografiche), ma è soprattutto un accessorio contro la pioggia (ieri a Parigi ha piovuto). “Abbiamo l’impressione che i manifestanti siano stati arrestati per caso”, dice Camille Vannier.
Tra i firmatari del comunicato stampa emesso dal collettivo REC c’è anche l’associazione anti-globalizzazione Attac, il cui attivista, Loïc, è stato anche arrestato al termine della manifestazione a Place de la République. “Stavamo parlando tranquillamente insieme quando la polizia ha iniziato a caricare, manganelli in aria. Abbiamo iniziato a correre. Ovviamente volevano svuotare la piazza, ma non c’è stato il minimo avvertimento”, dice Pascal, un altro membro di Attac presente al momento dell’arresto. Dopo 24 ore di detenzione della polizia, Loïc è stato rilasciato domenica sera senza alcuna accusa, la sua associazione è stata informata. Anche un altro giornalista, il reporter Adrien Adcazz, che lavora per il sito Quartier général, è stato tenuto in custodia prolungata dalla polizia domenica sera. “Verso le 16.00, sul viale di Sebastopoli, il mio cliente è stato preso in custodia con un’accusa”, ha detto il suo avvocato, David Libeskind. Gridava: “Giornalista! Giornalista!” “, ha detto l’avvocato, indicando che se il suo cliente non aveva una tessera stampa (che non è obbligatoria per i giornalisti), aveva un ordine di assegnazione da parte del suo datore di lavoro.
Secondo il Libeskind, Adrien Adcazz è stato ascoltato per “aver partecipato a un gruppo con l’intento di commettere degrado o violenza”, “aver nascosto il suo volto” (a causa del cappuccio nero del collo che indossava), “ribellione” e “rifiuto di obbedire”. Adrien Adcazz era già stato arrestato il 12 settembre, durante una precedente manifestazione, per atti simili, prima che l’inchiesta venisse chiusa senza ulteriori azioni, secondo il suo avvocato.
Un altro cliente di David Libeskind, un cinquantenne medico di strada mobilitato per curare i manifestanti vittime della violenza della polizia, è stato rilasciato domenica sera con un “richiamo senza sanzioni” del procuratore della Repubblica per “partecipazione a un gruppo in procinto di commettere devastazioni o violenza”.
Dopo le proteste contro la loi Travail del 2016, “la partecipazione a un gruppo per commettere degenerazioni o violenze” è un reato “sistematicamente utilizzato” dagli agenti di polizia giudiziaria, ha detto l’avvocato Xavier Sauvignet, che ha assistito cinque manifestanti arrestati sabato a Parigi. Questo reato punisce il fatto che una persona partecipi consapevolmente ad un gruppo, anche temporaneo, per preparare violenza volontaria contro persone o danni alle cose.
“Il problema è che una volta che le persone vengono portate in tribunale, spesso vengono rilasciate per mancanza di prove tangibili”, ha detto Sauvignet. Il problema è che una volta che le persone vengono portate davanti a un tribunale, spesso vengono rilasciate per mancanza di prove tangibili”, dice Sauvignet, “quindi il pubblico ministero spesso opta per un “richiamo alla legge”, una “pseudo punizione senza la possibilità di difendersi”, dice l’avvocato, ma che ha il vantaggio di gonfiare le statistiche del Ministero dell’Interno. Questa misura ha altre conseguenze, aggiunge Xavier Sauvignet: “Ha un doppio effetto di intimidazione nei confronti dei dimostranti e di esposizione verso l’esterno».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Inquinamento da plastica: Coca-Cola batte tutti

Seguono i "soliti noti": Pepsi, Nestlé, Procter & Gamble, Mondelēz, Philip Morris, Danone, Mars e Colgate. Il Brand Audit 2021

Cambiamento climatico: Total sa tutto dal 1971

Una ricerca rivela il negazionismo climatico e la narrativa greenwashing del colosso petrolifero francese Total [Mickaël Correia]

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...