6.4 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
6.4 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
Homein fondo a sinistraWhat’s Next for the Left? Qual'è il prossimo passo per la sinistra Usa

What’s Next for the Left? Qual’è il prossimo passo per la sinistra Usa

Mentre Biden si prepara a prestare giuramento il 20 gennaio, come si configura questa prospettiva per la sinistra statunitense? [Barry Eidlin]

Oggi la sinistra è in un posto interessante: abbastanza forte da permettere ad altre forze di preoccuparsi di ciò che pensa e fa, ma troppo debole per plasmare i risultati politici. Il flusso costante di scelte di governo conservatore di Biden non è che l’ultimo esempio. Certo, negli ultimi anni ci sono state campagne e mobilitazioni impressionanti, in particolare gli scioperi degli insegnanti del 2018-19, la rinascita di #BlackLivesMatter e le presidenziali di Bernie Sanders. Ma le mobilitazioni degli insegnanti non hanno ancora innescato una più ampia rinascita del lavoro, come molti avevano sperato. L’energia di #BlackLivesMatter si è dissipata in un’attenzione alla diversità e alla rappresentanza, mentre la polizia ha continuato a farla franca con gli assassini e i governi locali sono tornati indietro promettendo di difendere i loro dipartimenti di polizia. E naturalmente, l’establishment del Partito Democratico ha messo fine alla campagna dei Sanders.
Allo stesso tempo, è importante non sminuire le reali realizzazioni di questi movimenti. Gli scioperi degli insegnanti hanno riportato all’attenzione dell’opinione pubblica gli scioperi di massa in un modo che non si vedeva da decenni, distruggendo anche il consenso generale intorno alle scuole pubbliche e alla privatizzazione dell’istruzione pubblica, in particolare l’idea che le carte siano una soluzione per la giustizia razziale. Le proteste di #BlackLivesMatter hanno portato richieste di giustizia razziale più sostanziali come “difendere la polizia” dai margini al centro del discorso politico tradizionale. Anche se la richiesta ha generato un significativo “push-back”, non poteva essere ignorata. E mentre la campagna presidenziale di Sanders è fallita, ha creato una piattaforma per il mainstreaming delle principali richieste politiche universali come Medicare for All, la cancellazione del debito del College for All/student, il salario minimo di 15 dollari all’ora e il Green New Deal, tra gli altri.
Più in generale, la campagna Sanders ha creato spazio nel panorama politico statunitense per l’idea di socialismo su una scala che non si vedeva da almeno cinquant’anni. Possiamo vedere questo nei dati dei sondaggi che mostrano che circa il 40% degli americani ha una visione favorevole del “socialismo”, per quanto definito, e quasi la metà di quelli sotto i 50 anni.
Dal punto di vista organizzativo, lo vediamo nella spettacolare crescita dei Socialisti Democratici d’America (DSA), i cui membri sono saliti da 5.000 a 85.000 tra il 2015 e oggi. Questo fa della DSA la più grande organizzazione della sinistra statunitense dai tempi almeno di Students for a Democratic Society (SDS) negli anni Sessanta, o forse del Partito Comunista degli anni Quaranta, a seconda di come si definisce l’appartenenza. Mentre ci sono molte critiche alla DSA sia dall’interno che dall’esterno, la crescita e le dimensioni dell’organizzazione sono un fatto centrale che ogni discussione sulla strategia della Sinistra negli Stati Uniti oggi deve essere presa in considerazione.
È fondamentale tenere a mente queste due realtà gemelle mentre ci prepariamo ad organizzarci sotto l’amministrazione Biden. Da un lato, la sinistra rimane debole. Dall’altro lato, è più forte e opera su un terreno più favorevole di quanto non lo sia stata per decenni, in parte a causa della crisi della rappresentanza politica di cui si è parlato in precedenza.
In questo contesto, la sinistra statunitense affronta una sfida che non ha affrontato per decenni: come impegnarsi in una politica socialista su scala di massa. Il nocciolo del problema consiste nell’evitare il duplice pericolo della cooptazione e dell’emarginazione: o fare alleanze e concessioni programmatiche nel tentativo di espandere la propria base di sostegno in un modo che mina la propria capacità di far progredire la politica socialista; o mantenere l’indipendenza organizzativa e la coesione programmatica nel tentativo di far progredire la politica socialista in un modo che mina la propria capacità di espandere la propria base di sostegno.
È un’operazione difficile da equilibrare. Non esiste una formula prestabilita per determinare il giusto mix di alleanze organizzative e coesione programmatica, e il giusto mix varia a seconda del contesto politico e storico. Inoltre, ci sono pochi modelli su cui puntare. L’attuale panorama della sinistra è pieno di organizzazioni focalizzate principalmente sulle missioni donchisciottesche per fare pressione sulla sinistra dei Democratici, così come su quelle con programmi più radicali ma relegate ai margini politici. Abbiamo anche visto ondate di mobilitazioni di massa su una scala senza precedenti negli ultimi anni, in particolare con #Occupy e #BlackLivesMatter. Hanno trasformato il discorso politico intorno a questioni di disuguaglianza e giustizia razziale, ma hanno lottato per consolidare i guadagni del movimento dopo che le mobilitazioni sono svanite. Ma anche storicamente, abbiamo visto alcune organizzazioni di massa come Students for a Democratic Society implodere nella marginalità. Nel frattempo, la politica del Fronte Popolare del Partito Comunista degli Stati Uniti negli anni ’40 lo ha effettivamente portato a funzionare come un satellite del Partito Democratico nella sua ricerca di presentare il comunismo come “americanismo del ventesimo secolo”, indebolendolo ben prima che il maccartismo lo sradicasse quasi del tutto. Oggi, la questione di come impegnarsi in una politica di massa di stampo socialista si incentra sul capire come impegnarsi con persone al di fuori del nostro gruppo autoselezionato di attivisti e organizzatori impegnati in modi che creano nuovi strati di attivisti e organizzatori. E poiché l’obiettivo strategico centrale di qualsiasi cosa tenti di essere un movimento socialista di massa deve essere la creazione di un attore collettivo della classe operaia capace di lottare per il socialismo, questi strati devono essere radicati nella classe operaia ampia, multirazziale e organizzata.
Finora, la DSA, e per estensione la Sinistra statunitense, ha fatto della politica elettorale il mezzo principale per impegnarsi nella politica di massa. Ciò include campagne tematiche come Medicare for All o tassare i ricchi, così come sforzi mirati ai candidati, in particolare le campagne presidenziali dei Sanders, ma anche campagne a livello di Congresso e di Stato.
La maggior parte di queste hanno riguardato il sostegno ai candidati che si posizionano sulla linea di voto del Partito Democratico. Questo è un vecchio cappello per la DSA, che tradizionalmente serviva come “ala sinistra del possibile”, cioè l’ala sinistra del Partito Democratico. La differenza è che oggi i leader e gli organizzatori della DSA considerano il loro lavoro elettorale come parte di uno sforzo per ridefinire ciò che è possibile.
Piuttosto che rassegnarsi a lavorare all’interno del Partito Democratico in perpetuo, essi sostengono di utilizzare la linea di voto del Partito Democratico come tattica necessaria per raggiungere un pubblico di massa. Questo, sostengono, offre l’opportunità di gestire “candidati della lotta di classe” che possono appianare le divisioni della classe, sollevare le richieste della classe operaia – e potenzialmente vincere. Bernie, AOC e “The Squad” in continua espansione sono gli esempi più evidenti di questo tipo di candidati. L’obiettivo è una cosiddetta “rottura sporca” dai Democratici e l’eventuale costituzione di un partito laburista o socialista, qualcosa che è notoriamente mancato agli Stati Uniti.
Questo approccio è stato pesantemente criticato come una capitolazione alla politica del male minore, essenzialmente un modo più radicale di riconfezionare la politica della vecchia DSA per una nuova generazione.
I critici hanno visto l’esito della campagna 2020 come una rivendicazione del loro punto di vista. La campagna Sanders ha ceduto al peso dell’establishment del Partito Democratico, portando Bernie ad appoggiare e a sostenere la campagna per il democratico Biden. Ancora peggio, i principali membri della DSA hanno chiesto apertamente un voto per “sconfiggere Trump”, sostenendo di fatto un voto per Biden. Così facendo, hanno ripetuto la stessa argomentazione sentita ad ogni ciclo elettorale che “questa volta è diverso” e che la perdita del repubblicano sarebbe stata obiettivamente migliore per la sinistra rispetto alla sua elezione, giustificando un voto per il male minore. E’ chiaro che questa esposta strategia elettorale della DSA è l’ennesimo sforzo per mantenere la sinistra saldamente all’interno del Partito Democratico.
È certamente possibile leggere i risultati della campagna elettorale in questo modo, soprattutto se si è predisposti allo scetticismo nei confronti di qualsiasi forma di impegno con il Partito Democratico. Tuttavia, ci sono alcune peculiarità che suggeriscono che sia all’opera qualcosa di diverso dal malvagità riscaldata rispetto al malvagio minore.
In particolare, l’appartenenza al DSA ha continuato la sua costante traiettoria ascendente. Tra il momento in cui Sanders ha sospeso la sua campagna presidenziale nell’aprile 2020 e le elezioni del 3 novembre, DSA ha aggiunto 25.000 membri, passando da 60.000 a 85.000. Gli organizzatori si aspettano un altro picco post-elettorale intorno al giorno dell’inaugurazione.
Questi nuovi membri non sono probabilmente dei quadri marxisti formati con una profonda comprensione dell’urgente necessità di una rottura con i Democratici per formare un partito operaio. Tuttavia, ci sono modi più semplici per rassegnarsi allo status quo fallimentare piuttosto che entrare a far parte di un’organizzazione socialista. Qualunque sia la propria posizione in materia di politica elettorale, la sinistra dovrebbe chiedersi se è meglio o peggio per la sinistra nel suo insieme avere decine di migliaia di nuove persone che si autoidentificano come socialisti abbastanza per trovare e aderire a un’organizzazione.
Allo stesso modo, un principio fondamentale della critica al male minore è che l’attenzione alle elezioni distrae dalla costruzione di movimenti di massa che possono essere scuole di lotta di classe, pur conservando una falsa speranza nell’idea che un cambiamento significativo possa venire dall’elezione delle persone “di destra”. Questo può certamente accadere, e indica i reali limiti delle elezioni come strumenti per l’organizzazione socialista.
Ma è ragionevole suggerire che questo sia stato l’effetto complessivo dell’impegno della sinistra nella politica elettorale attraverso il Partito Democratico negli ultimi cinque anni? La campagna elettorale e l’elezione di un maggior numero di legislatori dichiaratamente socialisti che si autodefiniscono come democratici ha portato ad una maggiore fiducia nel Partito Democratico come agente di cambiamento sociale? L’energia dedicata a queste campagne è andata a scapito della costruzione di movimenti e dell’organizzazione del socialismo al di fuori dell’arena elettorale? Se sì, c’erano progetti alternativi plausibili verso cui indirizzare questa energia, e che avrebbero potuto fare di più per costruire ampi movimenti sociali o organizzazioni socialiste? A livello fondamentale, è plausibile immaginare la crescita esplosiva della sinistra statunitense negli ultimi cinque anni – non solo DSA, ma l’intero ecosistema delle organizzazioni della sinistra, pubblicazioni, blog, podcast, ecc.
Queste sono questioni empiriche. Sono abbastanza aperto alle prove che suggeriscono che la risposta a queste domande è “sì”, anche se sospetto che tali prove sarebbero difficili da trovare. Ma a prescindere, questi sono i tipi di domande concrete a cui si dovrebbe rispondere per valutare i meriti della strategia elettorale della DSA, piuttosto che sviluppare semplicemente una critica basata sulla stretta aderenza ai primi principi come “è sbagliato in ogni circostanza, in ogni momento e in ogni modo impegnarsi con il Partito Democratico”.
Questo non per eliminare le insidie del lavoro elettorale. L’arco temporale relativamente breve dei cicli elettorali incoraggia il pensiero a breve termine, e dà per scontato il panorama politico esistente invece di cercare di cambiare il panorama politico. Il modello incentrato sui candidati delle campagne politiche statunitensi può favorire e favorisce l’illusione che il cambiamento derivi dall’elezione di leader carismatici e potenti invece che dal paziente lavoro quotidiano di organizzazione e di costruzione del movimento. Le forme primarie di attività della campagna, come il sondaggio, il servizio di banking telefonico e testuale, i raduni e le comunicazioni online, danno la priorità a interazioni piuttosto superficiali, brevi e una tantum con i relativi estranei: fare una presentazione, ottenere informazioni e fare una richiesta specifica, di solito per votare. Ci possono essere delle conversazioni successive, ma di solito no. Non sono questi i tipi di attività a lungo termine, di costruzione di relazioni, necessarie per fare dei movimenti.
Tuttavia, gli ultimi cinque anni hanno dimostrato che il lavoro elettorale ha i suoi lati positivi. Le campagne di candidatura e di sensibilizzazione creano una sede relativamente organica per impegnarsi in discussioni politiche con un gran numero di persone. Mentre le conversazioni con il più ampio pubblico dei votanti possono essere brevi e limitate, le organizzazioni delle campagne elettorali possono riunire le persone in modo più sostenuto, creando opportunità per creare relazioni organizzative più profonde. La loro struttura relativamente formale crea anche l’opportunità per le persone di collegarsi a diversi livelli di impegno. Inoltre, le campagne permettono ai partecipanti di sviluppare competenze concrete che sono trasferibili ad altri tipi di organizzazione, come l’organizzazione di conversazioni, la gestione di riunioni, il parlare in pubblico, la scrittura persuasiva, la pianificazione di eventi e la pubblicità, la strategia, la ricerca e altro ancora.
Questi aspetti positivi hanno giocato un ruolo chiave nella crescita di DSA, soprattutto se legati a candidati come Sanders e AOC, che possono articolare idee socialiste e politiche di classe in un modo che attrae milioni di persone. Essi spiegano anche, almeno in parte, la composizione dei membri di DSA, che è stata oggetto di molte critiche interne ed esterne. Gran parte del problema della composizione della DSA è un artefatto della storica separazione tra la sinistra e la classe operaia organizzata all’indomani della seconda guerra mondiale. Ma alcuni sono anche una funzione del tipo di lavoro che DSA svolge. In parole povere, DSA tende ad attrarre i tipi di persone più propensi a partecipare alle campagne elettorali. Queste persone tendono ad essere più bianche, più istruite, più professionali, ecc. Per quanto impressionante sia stata la recente crescita dei membri di DSA, sarà difficile fare la transizione verso una politica di massa più ampia senza uscire da questo livello.
Questo è ciò che rende il lavoro dei socialisti nel movimento operaio un complemento essenziale al lavoro elettorale come parte di una strategia per impegnarsi in una politica di massa socialista. Infatti, non ci può essere una nuova politica di massa socialista senza un movimento sindacale militante e rivitalizzato. E non può esserci un movimento operaio rivitalizzato senza un livello di leadership di sinistra basato sul posto di lavoro. La ricostruzione di questo livello inizierà ad affrontare il problema della composizione della DSA, in quanto aiuterà a ristabilire il legame perduto tra la sinistra e la classe operaia organizzata. Facilitare gli sforzi dei militanti per trovare lavoro nei settori chiave come parte di una più ampia strategia di classificazione e documentazione può essere d’aiuto in questo processo. Ma in ultima analisi, come ho scritto altrove, “l’obiettivo deve essere quello di espandere le fila dei militanti e dei socialisti sul posto di lavoro, non semplicemente di riposizionare l’insieme esistente”.
Colmare il divario tra i lavoratori e la sinistra è stato un problema costante per decenni, ma assumerà una nuova importanza con un Democratico alla Casa Bianca. Infatti, anche se Biden non alzerà un dito per le attuali politiche a favore del lavoro, probabilmente farà una dimostrazione di consultazione con i principali leader del lavoro. La tentazione sarà un ritorno alla contrattazione con le élite politiche per le mezze misure migliorative, quando si vinceranno richieste necessarie come adeguati pagamenti di aiuti COVID, l’accesso ai DPI per i lavoratori essenziali, la cancellazione degli affitti, la distribuzione di vaccini e altro ancora, richiederà una pressione di massa dall’esterno. È troppo tardi per avere le forze per questa lotta immediata, ma l’esempio di COVID suggerisce come l’organizzazione del posto di lavoro e la politica elettorale potrebbero combinarsi per far avanzare le richieste politiche fondamentali.
Tenendo presenti questi limiti, ciò che è chiaro è che la sinistra dovrà organizzarsi e combattere tanto duramente o più duramente sotto Biden quanto ha fatto sotto Trump. Coloro di sinistra che hanno sostenuto il voto di Biden alle elezioni di novembre non si sono illusi che egli avrebbe fatto qualcosa di lontanamente progressista o proletario. Piuttosto, la loro argomentazione era semplicemente che organizzare contro un’amministrazione Biden sarebbe stato meglio che organizzare contro un’amministrazione Trump rieletta. Questo può essere vero, ma rimane il problema di come sfruttare il terreno organizzativo più favorevole. Anche questa è una questione empirica, che sarà messa alla prova nel corso delle settimane e dei mesi a venire.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Emorragia cerebrale e fratture al viso. E' grave una donna colpita da un lacrimogeno sparato dalle truppe di occupazioni. Le ragioni della p...

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Da oggi a domenica La lezione del 2020. Spunti per il futuro, cento voci on line per un "quasi festival" della sinistra

Il vaccino razzista di Israele

La denuncia di 165 ong palestinesi: discriminati sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli di Gaza e Cisgiordania

Che cosa è una setta. Rai doc lo spiega con una serie

L'annuncio di Rai doc, una docuserie sulle psico-sette firmata da Massimo Lauria e Monica Repetto