8.8 C
Rome
mercoledì 21 Aprile 2021
8.8 C
Rome
mercoledì 21 Aprile 2021
Homeconsumare stancaCovid, a che punto è l'inchiesta Oms sull'origine della pandemia

Covid, a che punto è l’inchiesta Oms sull’origine della pandemia

La missione dell’Oms sta per pubblicare il rapporto finale del suo viaggio in Cina alla ricerca dell’origine del covid 19

La missione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che ha viaggiato in Cina per indagare l’origine del covid-19 pubblicherà questa settimana il rapporto finale con i suoi risultati, che dovrebbe fornire alcune risposte su come il virus responsabile dell’attuale pandemia è passato agli esseri umani più di un anno fa. La pista sulla trasmissione del coronavirus da un animale intermedio è “la più probabile”, ma non ci sono prove concrete e c’è anche un’altra ipotesi di trasmissione attraverso la carne congelata.
Gli esperti internazionali dell’agenzia sanitaria dell’ONU hanno avvertito, tuttavia, che di solito ci vogliono anni per scoprire l’esatta origine di un’epidemia. Il team ha lavorato a Wuhan, dove si ritiene che il coronavirus abbia avuto origine, insieme a specialisti cinesi ed è tornato un mese fa per iniziare a redigere il rapporto. Mentre Washington chiede “trasparenza”, Pechino ha detto oggi che gli esperti dell’OMS hanno potuto svolgere il lavoro grazie alla “cooperazione scientifica” cinese.
L’indagine ha avuto i suoi alti e bassi, poiché l’OMS è stata autorizzata dalle autorità cinesi a condurre l’indagine sul campo solo un anno dopo l’inizio della pandemia. Dopo quattro settimane a Wuhan – metà delle quali in quarantena in un hotel – l’indagine della dozzina di esperti internazionali commissionati dall’OMS si è conclusa senza conclusioni definitive e il progetto di pubblicare un rapporto preliminare alla fine di febbraio è stato abbandonato.
Il 9 febbraio a Wuhan, in una conferenza stampa di diverse ore, gli esperti si sono limitati a formulare le ipotesi più plausibili e a scartarne altre. In attesa del rapporto finale, i diplomatici statunitensi e cinesi hanno moltiplicato le dichiarazioni.
Gli esperti pensano che il SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus che causa il covid-19, sia stato inizialmente ospitato dai pipistrelli e ritengono che l’indizio sulla trasmissione del coronavirus da parte di un animale intermedio – un furetto o un tasso, un coniglio o altro – sia “il più probabile”. Ma le estrazioni da decine di migliaia di campioni di animali selvatici, domestici e di allevamento non hanno offerto alcuna traccia di SARS-CoV-2.
Gli esperti non sanno nemmeno dove e quando esattamente è iniziata la pandemia, dato che nessun focolaio importante è stato segnalato a Wuhan o altrove prima del dicembre 2019.
Infatti, non escludono nemmeno che sia stato trasmesso attraverso la carne congelata. Il virologo olandese Marion Koopmans, membro della missione, considera questa ipotesi “completamente valida” e dice che l’OMS ha condotto esperimenti di prova su pesce congelato per tre settimane.
Di fronte ai sospetti che continuano a pesare sulla missione, il capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha promesso trasparenza nelle indagini. Vituperata dall’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che l’ha accusata di essere troppo accomodante con la Cina, l’OMS ha ottenuto il sostegno del suo successore, Joe Biden.
Tuttavia, Washington ha ancora “preoccupazioni significative” sull’indagine dell’OMS, e ha chiesto alla Cina maggiori informazioni. A sua volta, l’ambasciatore europeo all’ONU a Ginevra, Walter Stevens, ha recentemente chiesto che il rapporto sia “completamente trasparente e risponda alle domande che tutti ci poniamo”.

La squadra congiunta composta da Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e Cina, ha suggerito di allargare il campo delle ricerche dei primi possibili casi di nuovo coronavirus. Lo ha detto Liang Wannian, membro del team congiunto OMS-Cina, durante un briefing con diplomatici europei sull’origine del nuovo coronavirus tenuto venerdì 12 marzo. Liang ha detto che la Cina ha superato le pressioni degli sforzi interni della prevenzione dell’epidemia per lavorare con l’OMS al fine di condurre la ricerca sul rintracciamento delle origini del nuovo coronavirus. Gli esperti cinesi e dell’OMS hanno lavorato insieme a Wuhan dal 14 gennaio al 10 febbraio di quest’anno. Hanno visitato nove luoghi, tra cui l’ospedale Jinyintan di Wuhan, il mercato ittico Huanan e l’Istituto di Virologia di Wuhan dell’Accademia Cinese delle Scienze. La squadra, ha aggiunto, ha anche visitato e parlato con membri del personale medico locale, ricercatori di laboratorio, scienziati, direttori dei mercati, lavoratori della comunità, pazienti guariti e famiglie degli operatori sanitari che hanno perso la vita nell’epidemia.

Liang ha detto che lo studio congiunto ha ottenuto risultati positivi e raggiunto alcuni risultati e conclusioni, grazie agli sforzi delle due parti. In primo luogo, un coronavirus altamente somigliante al nuovo coronavirus nelle sue sequenze genetiche si verifica in pipistrelli e pangolini. Ma la somiglianza non è ancora sufficiente per renderlo un antenato diretto del nuovo coronavirus. Altre specie potrebbero tutte essere potenziali portatrici naturali. In secondo luogo, il primo caso a Wuhan si è ammalato l’8 dicembre 2019. Il mercato ittico Huanan potrebbe essere stato un focolaio e amplificatore dell’epidemia di Covid-19. In terzo luogo, il virus è stato trovato nei campioni ambientali prelevati al mercato Huanan dopo la sua chiusura, soprattutto nelle sue bancarelle di prodotti ittici. Il coronavirus al mercato potrebbe essere stato introdotto attraverso canali come persone infette, prodotti contaminati della catena del freddo e prodotti animali, ma questo aspetto è ancora incerto. Secondo lo studio congiunto, il nuovo coronavirus è «più probabilmente» stato introdotto attraverso una specie portatrice intermedia, «probabilmente» introdotto attraverso trasmissione diretta o alimenti della catena del freddo e «molto improbabilmente» attraverso un incidente di laboratorio. In termini di studi futuri, Liang ha detto che lo studio congiunto ha proposto quattro suggerimenti, il primo dei quali è quello di espandere il database globalmente unificato, che comprenda dati molecolari, di sequenziamento genico, clinici, epidemiologi, di monitoraggio animale e di monitoraggio ambientale. Il secondo suggerimento è quello di allargare le ricerche di altri possibili primi casi in tutto il mondo. Il terzo è che gli scienziati di tutto il mondo cerchino specie animali che possano diventare portatrici del virus in molti Paesi e luoghi, senza limitarsi ai pipistrelli, e l’ultimo è quello di capire ulteriormente il ruolo della catena del freddo e degli alimenti congelati nella trasmissione del virus.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

George Floyd, agente condannato ma la polizia uccide ancora

L'ex poliziotto Derek Chauvin è stato condannato per omicidio nel processo per la morte di George Floyd a Minneapolis 

Grillo, il figlio, lo stupro e la fiera degli stereotipi

Grillo e la fiera degli stereotipi per difendere il figlio accusato di stupro. Uno show disgustoso di Marina Zenobio Beppe Grillo vaff...

La guerra dei vaccini e la guerra alle varianti

Covid-19: la lotta contro le varianti richiede un cambio di strategia perché sono più resistenti dei vaccini [Rozenn Le Saint]

Puglia, 85 associazioni chiedono stop all’ecocidio

La cosiddetta "emergenza xylella": da 7 anni la Regione Puglia ignora la mancanza di nesso fra disseccamento degli ulivi e presenza del batterio

Omicidio Bergamini, chiesto processo per l’ex fidanzata

Omicidio Bergamini. Il 2 settembre l’udienza preliminare per il rinvio a giudizio di Isabella Internò