20.6 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
20.6 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
Homein fondo a sinistraSpagna, Iglesias lascia il governo e si candida a Madrid

Spagna, Iglesias lascia il governo e si candida a Madrid

Mossa a sorpresa del leader di Podemos che, in questo modo, riesce anche a blindare la successione alla guida del partito

L’annuncio è arrivato come un fulmine a ciel sereno: Pablo Iglesias, vicepremier nel governo spagnolo e leader di Unidas Podemos, abbandona l’esecutivo centrale e si lancia come candidato del proprio partito nella Comunità di Madrid per le prossime elezioni regionali, in programma il 4 maggio. Una mossa che non solo rappresenta uno scossone per la propria formazione e per gli equilibri della coalizione con il Partito Socialista, ma che si unisce a diversi altri movimenti tellurici che in pochi giorni hanno messo in subbuglio lo scacchiere politico nazionale.

Nel suo videomessaggio di otto minuti, Iglesias non si limita alle elezioni regionali di Madrid. Nomina anche il suo successore nel governo, l’attuale ministro del lavoro Yolanda Díaz, e la lancia in orbita per le prossime elezioni generali, forse già nel 2022.

Dice: “Potrebbe diventare il prossimo presidente del governo spagnolo, come pensano milioni di persone di sinistra. “Questa è la prima volta dalla nascita di Podemos nel 2014 che Pablo Iglesias fa un passo indietro, allontanandosi – un po’ – dal cuore del potere.

Per Iglesias, l’assunzione di rischi è notevole. Il panorama politico di Madrid è complesso e frammentato. Alle ultime elezioni regionali, Unidas Podemos ha ottenuto solo il 5,6% in questa regione, la più popolosa della Spagna, dopo Andalusia e Catalogna (e la prima per PIL, recentemente). La coalizione era stata battuta da Vox (estrema destra), Ciudadanos (liberali), il PSOE (socialisti) o da Más Madrid, un movimento sostenuto dall’ex sindaco di Madrid Manuela Carmena, che aveva preso le distanze da Podemos. Con la sua mossa, Iglesias, che ha invitato il partito di Errejón a unirsi alla sua candidatura, mette il suo avversario ed ex partner davanti alla prova di aderire al suo progetto o apparire come il colpevole della divisione della sinistra che può facilitare l’arrivo di Vox a un governo autonomo.

La mossa mira anche a interrompere una possibile svolta nella politica di alleanze del PSOE, che comincia a guardare a Ciudadanos, in forte calo elettorale, come un alleato più comodo. Se Iglesias azzecca la sua mossa, avrà disattivato Errejón, il suo principale rivale politico nella regione e che ha triplicato i suoi voti nel 2019, e costringerà di nuovo Sánchez ad accordarsi con lui. Se non riuscirà a impedire alla destra di mantenere il governo della Comunità, la stella politica avrà cominciato a svanire.

“Madrid ha bisogno di un governo di sinistra, e penso di poter essere utile”, ha detto, assicurando che si candida alla carica di presidente della regione “come madrileno e antifascista”. Iglesias ha già chiesto una candidatura congiunta con Más Madrid. Sembra che abbia deciso di andare avanti dopo la scelta conservatrice del PSOE di riconfermare Ángel Gabilondo, un 72enne ex ministro dell’educazione vicino al PSOE, nella campagna elettorale.

Da buon tattico, Iglesias ha colto l’opportunità e il disordine politico che regna a Madrid. La sua partenza dall’esecutivo arriva anche in un momento in cui le tensioni tra i due partner della coalizione sono al massimo dalla loro alleanza 14 mesi fa. Il vice-governo e i suoi seguaci hanno adottato una strategia di scontro per esistere di fronte ai socialisti su innumerevoli questioni: la detenzione del rapper Pablo Hasél per aver insultato la Corona, le critiche alla monarchia e i casi contro Juan Carlos, le leggi in cantiere sul femminismo e i diritti delle persone transgender, l’abrogazione dell’ultima riforma del mercato del lavoro, o la legge sugli alloggi e la spinosa questione del controllo degli affitti.

Secondo El País, Iglesias voleva passare le redini a Yolanda Díaz, una comunista galiziana che non è formalmente membro né di Podemos né di Izquierda Unida (IU) che avrebbe inizialmente frenato la decisione.

Il suo profilo potrebbe essere una risorsa in vista di un’elezione generale, per la sinistra spagnola. Mentre Iglesias è diventato molto divisivo, abbattendo le teste di chi, internamente, lo contestava (si veda, per esempio, l’ultimo episodio in Andalusia, con l’espulsione di Teresa Rodríguez e delle sue truppe anticapitaliste), Yolanda Díaz potrebbe ricreare un legame, in modo più pragmatico, con una sinistra sparsa, tra comunisti, ecologisti e indipendenti di sinistra. In un lungo ritratto dedicato a lei da El País in novembre, Yolanda Díaz è stata presentata come “il ministro dei patti”.

In una conferenza stampa, Teresa Rodriguez, ex presidente di Adelante Andalucía nella Camera autonoma, ha dichiarato di avere “l’impressione” che Pablo Iglesias “ha serie difficoltà ad impegnarsi al 100% nei compiti che vuole assumere”, mentre gli ha rimproverato di “ripetere le elezioni in questo paese per ottenere una terza vicepresidenza di un governo del PSOE”, così come di “aver generato la possibilità che Vox diventasse la terza forza politica” in Spagna dopo le elezioni generali del novembre 2019, “che è la più grande irresponsabilità che Podemos e Pablo Iglesias hanno commesso nelle loro decisioni politiche”.

Adelante Andalucía nelle elezioni andaluse del 2018 ha raggiunto 17 deputati eletti e più di 600.000 voti, era l’ultima grande coalizione di sinistra sopravvissuta in tutto lo stato spagnolo nel nuovo ciclo politico attraversato dall’irruzione dell’ultradestra e con il suo 16% di voti era quella che aveva più peso nel cosiddetto “spazio del cambiamento”. Fino alla fine di ottobre quando perde otto deputati e diventa l’ultima forza del Parlamento andaluso dietro Vox. La sua liquidazione è stata firmata dall’ufficio di presidenza del Parlamento andaluso mentre Rodriguez era in maternità. L’ex leader di Iu, Maillo, ha accusato Anticapitalistas di “costruire un partito nazionalista sullo stile del CUP catalano, controllato da Anticapitalistas, che è rispettabile ma non ha nulla a che vedere con Adelante Andalucía”. La risposta di Rodriguez ha rivendicato un modello federativo come quello di En Comú Podem per Adelante Andalucía: voto proprio, liste votate nel territorio e sottogruppo nel Congresso. Dopo la Catalogna, sarà nella regione della capitale spagnola, quella più ricca — e baluardo della destra del Partito Popolare da 26 anni — dove andrà in scena la prossima grande battaglia territoriale con un potenziale per provocare ripercussioni di più ampio raggio: saranno elezioni anticipate, proclamate la settimana scorsa, con un’altra mossa a sorpresa, dalla presidente regionale di Madrid, Isabel Diaz Ayuso dopo che il partito Ciudadanos, che si definisce liberale e centrista, ha rotto il suo accordo di governo con il Partito Popolare nella Comunità di Murcia e ha presentato una mozione di censura insieme al PSOE. Murcia è una regione di meno di un milione e mezzo di abitanti e di scarsa rilevanza politica, ma questa rottura tra Ciudadanos e il PP ha fatto precipitare nello stesso giorno una serie di eventi di ben più grande significato. Il più importante, appunto, nella Comunità di Madrid, con 179 comuni compresa la capitale, e la terza più popolosa della Spagna. E’ su Isabel Diaz Ayuso, apprezzata in particolare dall’ala più radicale del PP, che il partito scommette forte per dare un segnale di rilancio, dopo recenti delusioni elettorali segnate anche dall’ascesa dell’estrema destra di Vox. Oltre a fare dichiarazioni politiche radicali, questa figura controversa del PP si è fatta un nome gestendo la crisi sanitaria in un modo che va controcorrente rispetto alle autorità nazionali. I sondaggi prevedevano una sua comoda vittoria e la possibilità di continuare a governare, sostenuta questa volta non da Ciudadanos ma da Vox, con il vento in poppa per la crisi economica e sociale causata dalla pandemia e dal movimento indipendentista catalano. Se non avrà la maggioranza assoluta il 4 maggio, ha già avvertito che è pronta a governare con i ministri di Vox. «Madrid si trova di fronte a un pericolo enorme, un rischio che è anche per tutta la Spagna: che ci sia un governo di estrema destra con Ayuso e con Vox», ha detto Iglesias in un video su Twitter. «Metterò in gioco tutto quello che ho imparato in questi anni per costruire – ha aggiunto – una candidatura di sinistra forte e ampia». Dal canto suo, Ayuso, accusata dalle opposizioni di aver assunto una decisione spregiudicata con la convocazione di elezioni anticipate mentre la regione è ancora alle prese con la pandemia (alcuni definiscono il suo stile di governo «trumpista») ha subito raccolto la sfida non appena l’annuncio a sorpresa di Iglesias è andato online, “IDA” ha reagito, in particolare sul suo account Twitter: “Sto per cambiare lo slogan della mia campagna, d’ora in poi sarà: comunismo o libertà. “Prima di lanciare, senza scomodare le sfumature: “Iglesias è un indipendentista, vicino all’entourage dell’ETA, crede nell’espropriazione, nell’occupazione […], nell’appoggio agli scioperi, nel dare fuoco alle strade di Madrid. “«La Spagna mi deve qualcosa da bere, abbiamo tolto Pablo Iglesias dal governo», ha detto oggi. A sostituirlo — secondo quanto anticipato dal quotidiano El Pais — sarà Yolanda Diaz, finora ministra del Lavoro, una delle esponenti di Unidas Podemos più stimate anche tra le fila del Partito Socialista. «Sta facendo un lavoro stupendo», ha detto oggi il premier Sánchez. Il presidente ha anche fatto gli auguri a Iglesias, aggiungendo però che preferisce che a Madrid vinca il candidato del suo partito, ængel Gabilondo. Per l’ormai ex vicepresidente e ministro dei Diritti Sociali, non ci sono dubbi: è proprio Diaz la sua erede designata alla guida di Podemos, formazione di cui è il leader indiscusso sin dai tempi dalla fondazione, nel 2014: la sua scommessa punta a ridarle slancio dopo una serie di risultati elettorali che hanno progressivamente ridotto la propria capacità di influenza sulle decisioni del governo. Intanto Ciudadanos, partito considerato un tempo la grande speranza del fronte anti-indipendentista in Catalogna e capace di occupare uno spazio di centro con alleanze sia con i socialisti, sia con il PP, vive una grave crisi interna dopo le dure sconfitte alle ultime elezioni nazionali e in quelle catalane di febbraio.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Da oggi a domenica La lezione del 2020. Spunti per il futuro, cento voci on line per un "quasi festival" della sinistra

Il vaccino razzista di Israele

La denuncia di 165 ong palestinesi: discriminati sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli di Gaza e Cisgiordania

Che cosa è una setta. Rai doc lo spiega con una serie

L'annuncio di Rai doc, una docuserie sulle psico-sette firmata da Massimo Lauria e Monica Repetto

«No all’embargo a Cuba, anche se l’Italia è un vassallo Usa»

Perché l'Italia ha votato contro Cuba al Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU. Intervista a Marco Papacci di Italia - Cuba [Davide Matrone]