14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
HomemalapoliziaFrancia, uccisero un rider, il ministro mantiene gli agenti in servizio

Francia, uccisero un rider, il ministro mantiene gli agenti in servizio

Morte di Cédric Chouviat, ucciso come George Floyd. Il ministro di polizia, Gérald Darmanin, rifiuta di sospendere quattro agenti [Pascale Pascariello]

I quattro poliziotti implicati nella morte per asfissia di Cedric Chouviat, 42 anni, durante il suo arresto il 3 gennaio 2020, non sono ancora stati sospesi dal ministro dell’interno, Gérald Darmanin. E ovviamente non ha intenzione di farlo.
Nel luglio 2020, l’inchiesta è stata affidata all’Ispettorato Generale della Polizia Nazionale (IGPN), che ha portato i giudici istruttori a incriminare tre dei quattro poliziotti coinvolti in questo controllo stradale che è degenerato in un controllo giudiziario, con divieto di contatto con tutto o parte dell’equipaggio. Il quarto agente, una poliziotta, è stato posto sotto lo status di testimone assistito il 10 luglio; informazione confermata dalla procura di Parigi.
Il 10 dicembre 2020, la famiglia di Cedric Chouviat aveva scritto, tramite i suoi avvocati, a Gérald Darmanin per chiedere “molto solennemente” la sospensione dei poliziotti. Come sottolineano, “la presunzione d’innocenza non è considerata un ostacolo” all’attuazione di questa misura provvisoria presa, in particolare, quando il comportamento dei funzionari è “contrario ai principi che devono regolare la loro missione”.
La sospensione di un dipendente pubblico per un periodo di quattro mesi (rinnovabile una volta) può essere decisa dall’amministrazione anche prima che sia avviata o conclusa un’indagine amministrativa e che possa seguire un procedimento disciplinare. Questo è in parallelo con un’indagine giudiziaria.
Questa misura cautelare non è una sanzione ma mira ad allontanare temporaneamente un agente “nell’interesse del servizio pubblico e/o nell’interesse dell’agente stesso, in attesa di risolvere la sua situazione”, come ricorda il servizio nazionale di comunicazione della polizia.


Nel caso della morte di Cédric Chouviat, come ha commentato un alto funzionario di polizia a Mediapart, “è nell’interesse di tutti tenere questi agenti fuori dal campo. La questione non si pone. Senza pregiudicare le conseguenze legali, la condotta di questo controllo stradale, il loro comportamento e il tragico risultato con la morte di un uomo, non lasciano spazio a dubbi”.
Non è l’opinione del ministro dell’interno, Gérald Darmanin, che, in una lettera inviata il 21 giugno alla famiglia Chouviat, ricorda loro in un preambolo che una sospensione è decisa per “proteggere il servizio dalle conseguenze del comportamento di uno dei suoi agenti”. Il suo vero scopo è “evitare lo scandalo o l’imbarazzo che può essere causato dalla presenza effettiva in un ufficio pubblico di un agente sospettato di grave cattiva condotta”.
Ma ritiene tuttavia che “i primi elementi dell’inchiesta non hanno permesso di stabilire che i funzionari abbiano commesso una violazione dei loro obblighi durante l’arresto del signor Chouviat, tale da giustificare la loro destituzione”.
Quindi, per il ministro dell’Interno, la morte di un uomo in seguito a un banale controllo stradale non giustifica la sospensione dei suoi autori. Questo disprezzo ricorda le osservazioni di Gérald Darmanin il 28 luglio 2020 davanti alla commissione del diritto dell’Assemblea nazionale, che aveva dichiarato: “Quando sento parlare di violenza della polizia, personalmente mi strozzo”.
Circa un mese prima, il 18 giugno 2020, come aveva rivelato Mediapart, le registrazioni fatte da Cédric Chouviat durante il suo arresto avevano permesso agli investigatori di far luce sulle circostanze della sua morte. Messo a terra, e mentre stava soffocando sotto il peso della polizia, li aveva avvertiti più di sette volte gridando: “Sto soffocando!
Contrariamente all’analisi del ministro dell’interno, i primi elementi dell’inchiesta travolgono la polizia.
Dopo aver arrestato Cédric Chouviat dandogli una prima stretta alla gola, i poliziotti lo hanno messo a terra, a pancia in giù, ancora con il casco, e lo hanno ammanettato. Come riferisce l’IGPN, incaricato delle indagini, mentre tre dei quattro poliziotti continuavano a fare pressione sulla sua schiena, uno di loro “sembrava praticare una presa di soffocamento posteriore, durante la quale aveva, almeno una volta, esercitato una trazione sulla sua gola […] portando a una momentanea compromissione dell’asse testa-collo-torace”.
Cédric Chouviat, “sdraiato a pancia in giù, ha menzionato molto rapidamente la sua sofferenza respiratoria” e ha ripetuto più volte “sto soffocando”. Durante le loro audizioni, i quattro poliziotti hanno affermato di non aver sentito il fattorino.
Le valutazioni del fonico sono in corso. Ma diversi elementi, notati dall’IGPN, dimostrano già l’incoerenza delle loro accuse. Infatti, quando Cédric Chouviat ha chiesto aiuto, uno dei poliziotti ha detto al suo collega: “Va bene, va bene, lasciate andare”. E, rivolgendosi al fattorino: “Signore”.
Tuttavia, nessuno dei tre poliziotti ha lasciato la presa. Al contrario, con tre di loro sul fattorino, continuano a fare pressione su di lui. Il resto dell’indagine è altrettanto dannoso. L’IGPN mette in discussione il tempo molto lungo impiegato dagli agenti per eseguire il massaggio cardiaco. Quasi tre minuti.
Tutti questi elementi, i quattro poliziotti hanno avuto cura di nasconderli. Alla fine dell’arresto, si sono incontrati nell’ufficio del vice commissario del 7° arrondissement, al quale appartengono, per un debriefing di circa quindici minuti. All’uscita, uno di loro, in questo caso la poliziotta, redige un rapporto dell’intervento, avendo cura di mascherare i fatti. Secondo il loro racconto, hanno subito numerosi insulti da Cédric Chouviat, che hanno deciso di arrestare.
Ha poi resistito, “lottando”, mentre era a terra e ha continuato a insultarli. Questa falsa versione non menziona le richieste di aiuto del padre di famiglia, né il tempo impiegato per salvarlo. Né si parla delle parole oltraggiose di uno dei poliziotti che gli disse: “Pensi che mi metterò a quattro zampe e ti succhierò anche il cazzo?
Queste pratiche infami della polizia non sembrano offendere il ministro dell’Interno, che aggiunge che “questi funzionari non sono mai stati coinvolti nella loro carriera in atti di violenza illegittima”. Questo non è vero. Il principale agente di polizia implicato nella morte di Cédric Chouviat, Michaël P., è stato oggetto di un rapporto all’IGPN che ha portato a un’indagine giudiziaria per violenza, nell’aprile 2018.
La famiglia di Cédric Chouviat ha voluto rispondere, il 29 luglio, a questo nuovo affronto del ministro dell’interno. Attraverso i suoi avvocati, Arié Alimi, Vincent Brengarth e William Bourdon, ha notato “una cultura di negazione” che le autorità coltivano verso “le vittime della violenza della polizia”.
Questo rifiuto può essere “analizzato solo come una negazione della realtà di questo caso e delle aspirazioni della famiglia. Risuona come un crudele disprezzo per chi ha perso un padre, un marito, un figlio, un fratello… Una sospensione non riporterà indietro il signor Cédric Chouviat ma, al contrario, la sua assenza rende la sua morte ancora più inspiegabile e intollerabile.
La famiglia ha denunciato un “desiderio di proteggere i poliziotti coinvolti”, un “modo di assolverli negando l’esistenza delle colpe commesse”. “Una sospensione può avere lo scopo di proteggere il servizio dal comportamento di un ufficiale, se non di evitare lo scandalo causato dalla sua presenza”, ha detto. “Cosa c’è di più necessario della morte di un uomo?
Per gli avvocati della famiglia, Vincent Brengarth e William Bourdon, contattati da Mediapart, “il principio di precauzione dovrebbe portare alla sospensione dei poliziotti, a meno che non si voglia banalizzare la morte di un cittadino in tali circostanze, in questo caso un controllo del traffico. Questo è intollerabile”.
Secondo loro, “non ci può essere un errore, come afferma il ministro, che rifiuta di riconoscere sia la responsabilità dello Stato che quella dei dipendenti pubblici”.
“La persistenza dell’amministrazione nel non sospendere i funzionari in questione tradisce una politica di impunità totalmente incomprensibile per la famiglia, oltre a mandare un pessimo segnale a tutti coloro che si aspettano una forza di polizia esemplare”, concludono.
Da parte sua, l’avvocato Arié Alimi nota che “il ministro dell’Interno, come al solito, finge di non riconoscere la gravità dei fatti. Questo atteggiamento porta spesso a violenze ripetute. Questo è precisamente ciò che caratterizza la violenza sistematica della polizia.
Contattato da Mediapart, il padre di Cédric Chouviat, Christian, è favorevole al divieto della presa al collo, ma non vuole che “questa misura scagioni i poliziotti che l’hanno usata o lo Stato che l’ha autorizzata”. Chiediamo che anche il placcaggio del ventre sia vietato”.
Interrogato sul rifiuto di Gérard Darmanin di sospendere i poliziotti, ha definito la sua decisione ” scandalosa “. Darmanin non è degno della sua posizione. Castaner aveva chiesto che i poliziotti fossero sospesi se ci fossero stati nuovi elementi. E ci sono. Quindi il ministero degli interni non ha mantenuto la sua promessa. Ma abbiamo fiducia nel sistema giudiziario.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore