14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
Homeconsumare stancaVaccini Covid-19: come affrontare le false informazioni

Vaccini Covid-19: come affrontare le false informazioni

Vaccini Covid-19: false informazioni e approssimazioni circolano sui social e nelle piazze contro il green pass. Mediapart districa il vero dal falso []

Ogni sabato, dalla prima manifestazione su larga scala contro il lasciapassare sanitario, Mediapart è andato a incontrare coloro che rifiutano che la vaccinazione sia indirettamente imposta, a volte per paura di possibili effetti collaterali.
L’argomento è complesso, le domande numerose, e l’informazione verificata è essenziale per orientarsi in questo universo scientifico dove ognuno tende a improvvisarsi epidemiologo… A cominciare da Emmanuel Macron.
Il presidente della Repubblica ha risposto alle domande dei giovani internauti sul vaccino Covid-19 sui social network dal 1° agosto, per contrastare “false informazioni” e “false voci”. Mediapart riprende una per una le principali ragioni addotte da coloro che sono esitanti o riluttanti a vaccinarsi contro il Covid-19 per giustificare la loro posizione, e fornisce il suo approfondimento giornalistico, facendo riferimento agli articoli precedenti per maggiori dettagli.

“Non mi fido di questa nuova tecnologia, l’RNA messaggero, una terapia genica”

“Non mi farò vaccinare con una nuova tecnologia come l’RNA messaggero, al limite accetterei un vaccino vecchio stile come quello che Sanofi sta preparando”, ha confidato Jeff, un “gilet giallo” che ha battuto il marciapiede parigino contro il lasciapassare della salute, il 17 luglio.
In realtà, l’RNA messaggero, su cui si basano i vaccini di Pfizer-BioNTech e Moderna, è stato scoperto nel 1961. I vaccini a RNA messaggero erano stati testati in passato contro altre malattie, anche se non erano mai stati commercializzati. “Sono stati valutati in studi clinici contro Ebola e Zika. L’epidemia è semplicemente scomparsa prima che potessero essere commercializzati”, dice Jean-Daniel Lelièvre, capo del dipartimento di immunologia clinica e malattie infettive presso l’ospedale universitario Henri-Mondor di Créteil. Se questi sono i primi due vaccini ad essere autorizzati in Europa, è anche perché si basano su una tecnologia che è più veloce da progettare e produrre rispetto ai vaccini tradizionali.
Gli oppositori della vaccinazione sono spesso informati sui social network che non si tratta di un vaccino ma di una “terapia genica” che modificherebbe il DNA, o addirittura “contiene DNA umano, feti abortiti”, secondo Christine, un gilet giallo di 57 anni. “L’RNA del vaccino non si avvicinerà nemmeno al tuo DNA (…). La tecnologia dei vaccini a RNA non è assolutamente una terapia genica, non ha niente a che vedere con essa. L’RNA ha poco a che fare con il DNA. Mentre il DNA è fatto per durare, l’RNA è solo un piccolo messaggio effimero, estremamente fragile, che non durerà a lungo sotto la temperatura del tuo corpo e dei tuoi enzimi, le RNasi, il cui unico scopo nella vita è quello di tagliarlo in mille pezzi”, spiega Océane Sorel, dottore in virologia, con un video a sostegno.
Questa rapida scomparsa dell’RNA dovrebbe, d’altra parte, rassicurare coloro che temono che possa causare effetti tardivi indesiderati, mesi o addirittura anni dopo.

“Un vaccino sviluppato in così poco tempo non può essere sicuro”

“Mi rifiuto di farmi iniettare un prodotto fatto in fretta e furia”, ha confidato Laurence, 53 anni, mentre manifestava contro il passaporto sanitario il 17 luglio a Parigi. Quello che è vero è che non abbiamo mai scoperto un vaccino in così poco tempo.
Ma non si è mai investito così tanto in ricerca e sviluppo per trovarne uno. E più si investe, più si cerca e più si trova. Questo investimento senza precedenti, dell’ordine di 5,4 miliardi di dollari secondo Policy Cures Research, è la spiegazione principale.
Inoltre, i laboratori non sono partiti da zero. Hanno riutilizzato tecnologie di vaccini che erano già stati testati per altre malattie, risparmiando un tempo di ricerca considerevole.
Generalmente, l’industria farmaceutica aspetta i risultati delle prime fasi dei suoi esperimenti prima di passare a quelle successive: i test vengono effettuati prima sugli animali e poi su un piccolo gruppo di umani per verificare la sicurezza e l’efficacia dei suoi prodotti.
Di fronte all’urgenza di questa pandemia, l’aiuto pubblico è stato tale che i laboratori hanno condotto le primissime fasi della ricerca in parallelo piuttosto che in successione. L’obiettivo? Una volta esclusa la pericolosità immediata del prodotto, per arrivare il più rapidamente possibile alla fase finale degli esperimenti, la fase 3, quella su larga scala che coinvolge diverse migliaia di persone. Questa fase permette di rilevare eventuali effetti indesiderati più rari. Questo ha permesso di accorciare i tempi di ricerca per questo vaccino, che di solito richiede anni.

“Il vaccino non è sicuro, ha solo un’autorizzazione condizionata alla commercializzazione”.

Di fronte alla portata della pandemia, l’Agenzia europea dei medicinali (EMA) ha utilizzato una procedura di commercializzazione accelerata prevista in caso di emergenza. Ha valutato i risultati provvisori dei test effettuati dalle aziende farmaceutiche alcuni mesi dopo il lancio della fase finale dei test clinici. Questo è iniziato nel luglio 2020 per le aziende leader nella corsa globale ai vaccini.
La revisione dei dati da parte della polizia sanitaria europea ha permesso di rilasciare una cosiddetta autorizzazione condizionale di commercializzazione (CMA) ai vaccini Covid-19, a partire dal primo vaccino autorizzato, da Pfizer-BioNTech, nel dicembre 2020.
Il fatto che “questo MA [è] condizionato” è uno degli argomenti di Fabrice Di Vizio, avvocato della salute pubblica noto per aver difeso Didier Raoult, per parlare contro le disuguaglianze indotte dal pass sanitario quando marcia a fianco di Florian Philippot, presidente dei Patriotes ed ex numero due del FN.
Questa MA condizionale “permette l’autorizzazione di farmaci che soddisfano un bisogno medico insoddisfatto prima che siano disponibili dati a lungo termine sull’efficacia e la sicurezza. Questo è possibile solo se i benefici della disponibilità immediata del farmaco superano il rischio inerente al fatto che tutti i dati non sono ancora disponibili”, dice l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei farmaci (ANSM).
“Un MA condizionato è concesso per un anno e può essere rinnovato (…). Quando le autorità europee hanno ricevuto e valutato tutti i dati aggiuntivi richiesti, il MA condizionale può essere convertito in un MA standard”, ha detto l’ANSM.

“Il vaccino è ancora in fase sperimentale”

È vero che le decine di migliaia di volontari coinvolti negli studi clinici sono ancora sotto controllo. Ma questo non è un motivo di preoccupazione. Per valutare l’efficacia e la sicurezza di un prodotto sanitario, il produttore deve realizzare diverse fasi di studi clinici, l’ultima delle quali è la fase 3. Le valutazioni intermedie sono fatte per verificare la sicurezza e l’efficacia del prodotto.
Questa fase 3 non è completata anche se il prodotto è immesso sul mercato, il che è usuale per i prodotti sanitari innovativi. Le aziende hanno già presentato dati sufficientemente forti per dimostrare l’efficacia e la sicurezza dei loro vaccini per ottenere il diritto di commercializzarli.
Il processo di approvazione è complesso. Anche Olivier Véran, ministro della sanità, è confuso. “Tra le “fake news” che sentiamo c’è l’affermazione che il vaccino è ancora in fase di test, il che è assolutamente falso. La fase 3 è stata completata mesi fa, è convalidata”, ha detto il 2 luglio in una conferenza stampa.
In realtà, Moderna ha previsto di chiudere la sua sperimentazione clinica il 27 ottobre 2022 e Pfizer-BioNTech il 2 maggio 2023. Se la valutazione continua, è soprattutto per misurare la durata della protezione del vaccino contro la Sars-CoV-2 e le sue varianti, e quindi la sua efficacia a medio termine. Questo permette ai laboratori di determinare se una dose di richiamo è necessaria e, se sì, quanto tempo dopo le iniezioni iniziali.

“Temo gli effetti collaterali di un vaccino per il quale non c’è il senno di poi”.

Come per tutti i prodotti di salute, è purtroppo impossibile conoscere tutti i rari effetti collaterali prima del loro uso su larga scala, una volta che sono stati somministrati a centinaia di migliaia di persone, poiché per definizione queste reazioni si verificano in una minima parte dei casi, a volte uno su 100.000.
Tuttavia, gli esperti di vaccinazione non sono preoccupati per la “mancanza di senno di poi” spesso citata dai negazionisti dei vaccini. Gli effetti collaterali si verificano generalmente a brevissimo termine, nei primi giorni o settimane dopo l’iniezione: il senno di poi necessario è rapidamente disponibile.
Per questo, ci affidiamo a un altro strumento classico di monitoraggio degli effetti collaterali, che avviene dopo la commercializzazione: la farmacovigilanza. Prende il sopravvento sulla segnalazione di casi di effetti indesiderati in seguito a iniezioni da parte delle persone vaccinate, dei loro parenti e delle persone che le assistono. Gli esperti dell’agenzia farmaceutica indagano poi sul possibile nesso causale tra i sintomi e il prodotto.
Se viene trovato un possibile nesso causale tra le reazioni avverse e un prodotto, le autorità sanitarie possono allora raccomandare di sospenderne l’uso. Questo è ciò che l’EMA ha fatto, temporaneamente, per il vaccino AstraZeneca, mentre il rapporto beneficio-rischio veniva rivalutato alla luce dei nuovi dati sulle reazioni scoperte. Questo è un classico sistema di allarme post-vaccino. Poiché 4,25 miliardi di dosi di vaccino Covid-19 sono già state somministrate, questo riduce il rischio di perdere i rari eventi avversi gravi da quando le prime iniezioni sono state date alla fine del 2020.

“Ho più paura di morire per gli effetti collaterali del vaccino che per il Covid-19”

Circolano cifre enormi di possibili morti per eventi avversi del vaccino Covid-19: questo è il risultato della somma di tutti i decessi riportati nei giorni successivi a un’iniezione, sia che il legame tra la vaccinazione e l’effetto sia stato stabilito o meno.
In realtà, in Francia, un totale di 13 decessi per rare trombosi atipiche con un legame provato con la vaccinazione AstraZeneca sono stati contati a seguito di indagini di farmacovigilanza.
Nel contesto dell’epidemia, con un virus che danneggia soprattutto gli anziani e che ha causato più di 112.000 morti in Francia, le autorità francesi hanno ritenuto che i benefici previsti di questo vaccino superassero i rischi per gli over 55.
Tuttavia, l’ANSM non ha identificato alcun decesso in Francia direttamente collegato ai vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna. Anche i loro possibili effetti collaterali sono sotto stretta sorveglianza: l’agenzia ha indicato il 19 luglio che sono stati segnalati casi molto rari di miocardite e pericardite, infiammazioni della regione del cuore, principalmente “nei 14 giorni successivi alla vaccinazione”.
In una lettera indirizzata ai professionisti della salute, menziona “una possibile associazione causale” tra i vaccini RNA-messaggero Covid-19 e il verificarsi di queste miocarditi e pericarditi. L’agenzia suggerisce di “consigliare alle persone vaccinate di consultare immediatamente un medico in caso di dolore al petto, mancanza di respiro o palpitazioni”.
Inoltre, tutti i vaccini contro il Covid possono causare casi molto rari di reazioni allergiche gravi, note come reazioni anafilattiche, dell’ordine di 0,2 casi su 100.000 iniezioni. Queste reazioni si verificano entro pochi minuti dall’iniezione, da cui i 15 minuti di osservazione richiesti. In caso di shock anafilattico, la somministrazione di adrenalina previene immediatamente i postumi.
Ciò che preoccupa anche Gaëlle, un gilet giallo precoce, è “che non ci si possa rivolgere contro i produttori in caso di reazioni avverse. Non ispira fiducia. I produttori di vaccini Covid-19 hanno infatti firmato delle clausole con le autorità pubbliche affinché gli Stati paghino un indennizzo in caso di reazioni avverse, a meno che non sia stabilita la colpa del laboratorio.

“I vaccini non sono efficaci, non impediscono di ammalarsi”

Anche se l’efficacia dei vaccini Covid-19 è molto alta, non è al 100%: una persona completamente vaccinata ha ancora un rischio molto piccolo di ammalarsi di Covid-19.
I vaccini RNA-messaggero, di Pfizer-BioNTech e Moderna, prevengono l’insorgenza dei sintomi della malattia di oltre il 90% in caso di infezione con il ceppo iniziale o la variante britannica di Sars-CoV-2, e anche se l’efficacia sembra essere leggermente inferiore nel caso della variante Delta, è ancora significativa.
I vaccini Covid-19 sono molto efficaci nel prevenire la malattia grave. Inoltre, la Direzione per la ricerca, gli studi, la valutazione e la statistica (Drees) stima che durante il periodo dal 31 maggio all’11 luglio, i pazienti completamente vaccinati hanno rappresentato solo il 7% dei ricoveri per Covid-19 in Francia.
I pazienti più anziani, che hanno avuto accesso prima alla vaccinazione in Francia, hanno maggiori probabilità di essere protetti. In proporzione, gli ospedali hanno visto pazienti Covid-19 più giovani negli ultimi sei mesi. Dal 19 al 25 luglio, l’età mediana dei nuovi pazienti ammessi è stata di 56 anni, secondo Santé publique France. A gennaio, quando la campagna di vaccinazione era appena iniziata, il picco era di circa 75-80 anni.

“I vaccini sono inutili perché quelli che sono vaccinati trasmettono comunque il virus”

La situazione sanitaria in Israele, il paese che per primo ha vaccinato massicciamente la sua popolazione, è sotto stretta sorveglianza. All’inizio di luglio, è stata diffusa una cifra che avrebbe potuto far preoccupare sull’efficacia del vaccino: dal 40 al 50% dei nuovi casi di Sars-CoV-2 riguardano persone completamente vaccinate, secondo l’ex direttore generale della sanità dello Stato ebraico.
Niente di sorprendente, dopo tutto. È matematico. Più alta è la percentuale di persone vaccinate, più alta è la percentuale di nuove persone infettate. Anche qui, l’efficacia del vaccino contro la trasmissione non è totale: i vaccinati possono ancora essere infettati e contagiosi, contrariamente alla scorciatoia esposta dai vaccinati possono ancora essere infettati e contagiosi, contrariamente alla scorciatoia esposta dal primo ministro Jean Castex su TF1 il 13 luglio, quando ha affermato che “le analisi fatte su queste persone [che hanno ricevuto due dosi] mostrano che in realtà non hanno più la possibilità di prendere la malattia”.
Le persone infettate dalla Sars-CoV-2 – che si sarebbero ammalate se non fossero state vaccinate – possono portare il virus senza mostrare sintomi.
Tuttavia, la carica virale è più bassa: “C’è una diminuzione della concentrazione del virus e della durata della sua secrezione. Non è bianco e nero, i rischi di trasmissione sono inferiori ma non nulli”, dice Jean-Daniel Lelièvre, un esperto di immunologia presso l’Autorità nazionale francese per la salute.

“Mi fido di più dei miei anticorpi naturali”

“Ho avuto il Covid-19 nel marzo 2020. I test sierologici che ho fatto sono positivi, mostrano che ho ancora degli anticorpi. Ho più fiducia nel mio corpo per prevenire una nuova infezione”, ha testimoniato Talie, 52 anni, nella manifestazione del 17 luglio.
Tranne che “la protezione biologica non significa protezione clinica”. Solo perché si fanno gli anticorpi non significa che si è protetti dal contrarre la malattia. Contro l’epatite B, per esempio, alcuni proteggono, altri no. La traccia di anticorpi rivelata dai test sierologici è la prova di una risposta dell’organismo ma non necessariamente di protezione”, dice Jean-Daniel Lelièvre, professore di immunologia.
“Quello che sappiamo è che le persone che hanno una storia di Covid e che hanno ricevuto una dose di vaccino alcuni mesi dopo hanno anticorpi neutralizzanti, quelli che sono efficaci contro la Sars-CoV-2”, continua. Questo perché gli anticorpi neutralizzanti indotti dai vaccini rimangono nel corpo più a lungo di quelli prodotti da un’infezione naturale.
“Quando si è avuto il Covid-19, non c’è bisogno di essere vaccinati. Infatti, anche Emmanuel Macron non lo fa per questo motivo”, dice Gaëlle. Tuttavia, il presidente della Repubblica ha indicato che ha ricevuto una dose di Pfizer-BioNTech il 31 maggio, il giorno in cui la vaccinazione è stata aperta a tutti gli adulti, dopo aver atteso per cinque mesi dopo la sua infezione da Sars-CoV-2.
L’autorità nazionale francese per la salute (HAS) raccomanda una singola dose di vaccino per le persone che hanno avuto la Covid-19, oltre i tre mesi e preferibilmente entro sei mesi dall’infezione.

“La gravità del Covid-19 è esagerata, poiché non uccide più dell’influenza”.

Le informazioni sul Covid-19 arrivano in fretta e furia, e ciò che è vero un giorno può non esserlo qualche mese dopo, portando ad una certa confusione. Il Covid-19 non ucciderebbe “più dell’influenza”, secondo Gaëlle, un gilet giallo.
“Dopo la prima ondata nel 2020, era ragionevole pensare che ci sarebbero stati meno morti durante la seconda parte dell’anno, poiché Covid-19 ha accelerato la morte dei più vulnerabili. Questo “effetto mietitura” è stato osservato nel 2003. L’aspettativa di vita potrebbe anche aver continuato ad aumentare, come è successo dopo l’ondata di calore per gli uomini. La seconda ondata di Covid-19 e il fatto che l’epidemia sia ancora in corso hanno cambiato tutto”, dice Michel Guillot, specialista di mortalità all’Istituto Nazionale di Studi Demografici (INED).
Gaëlle è aperta alla discussione ed è desiderosa di aggiornare il bilancio dei morti, dato che il Covid-19 ha causato più di 112.000 morti dall’inizio della pandemia. Ammette di non sapere più dove trovare informazioni precise.
Oltre alle morti, ci sono le centinaia di migliaia di pazienti con Covid di lunga data che sono stati a lungo sotto il radar. Uno studio dell’Office for National Statistics del Regno Unito mostra che il 10% delle persone infettate dalla Sars-CoV-2 aveva ancora sintomi, a volte molto debilitanti, tre mesi dopo il loro test PCR positivo.
Il fatto che “gli scienziati cambiano spesso idea” è spesso menzionato nei cortei e sembra alimentare la diffidenza. Il numero di giorni da aspettare tra le due dosi di vaccino, per esempio, è cambiato: “Non esiste una cosa come la vera verità, e la verità si evolve nel tempo man mano che la conoscenza si accumula. All’inizio, non possiamo avere tutte le risposte”, spiega Jean-Daniel Lelièvre.

“Le persone vaccinate favoriscono la comparsa di varianti di Sars-CoV-2”

In realtà, più un virus circola, più è probabile che cambi. Poiché la vaccinazione limita la trasmissione della Sars-CoV-2, riduce anche il rischio di vedere apparire una variante preoccupante. In realtà, le prime varianti sono apparse anche prima dell’inizio delle campagne di vaccinazione, in Brasile, Regno Unito e India, per esempio.
“Le varianti preoccupanti emergono dove l’epidemia è molto attiva, cercando di prendere il posto della variante che circolava in maggioranza fino a quel momento. Colpiscono principalmente la popolazione non immune”, spiega Jean-Michel Pawlotsky, capo dell’unità di biologia dell’ospedale universitario Henri-Mondor.
“Nei paesi con focolai epidemici molto forti, nuove varianti si svilupperanno e si diffonderanno altrove nel mondo. Anche se l’India ha chiuso le sue frontiere dall’inizio della pandemia, a causa delle sue relazioni con la Gran Bretagna, la variante Delta è entrata in Europa”, dice Jean-Michel Pawlotsky, che dirige una piattaforma di sequenziamento Sars-CoV-2, che permette di identificare le diverse varianti in circolazione.
Da qui l’importanza dell’accesso alla vaccinazione in tutto il mondo, non solo nei paesi ricchi. Meno del 4% della popolazione africana ha ricevuto almeno una dose di vaccino Covid-19.
Per sradicare il virus, più dell’80% della popolazione mondiale e ne siamo lontani”, dice Jean-Michel Pawlotsky. Quello che stiamo cercando è che la Sars-CoV-2 diventi come l’influenza. Stiamo vaccinando, la maggior parte di coloro che sono infettati non sono vaccinati, ma non stiamo fermando il paese per tutto questo. Anche se l’obiettivo di raggiungere l’immunità di gregge sembra ancora lontano, avvicinarsi sarebbe molto importante per limitare i danni del Covid-19.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore