15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
Homequotidiano movimentoEcco la controfinanziaria di Sbilanciamoci

Ecco la controfinanziaria di Sbilanciamoci

Finanziaria deludente e Pnrr non trasparente. La campagna Sbilanciamoci presenta le proposte alternative

Un disegno di legge di bilancio «deludente e non adeguato alle sfide» che il Paese deve affrontare ma soprattutto «un’occasione mancata» poiché temi come la previdenza, gli ammortizzatori sociali, il lavoro che «attendono delle risposte organiche complessive ricevono invece solo riscontri frammentari e parziali. C’è una sorta di temporeggiamento di fronte alle scelte da fare, che nemmeno il Pnrr in questi campi affronta».

E’ un disegno di legge ‘di attesa’, dove nel testo «si avverte una sorta di sospensione di fronte ad una legislatura che si avvia a conclusione e a temi che dividono le forze politiche e sui quali è difficile trovare una sintesi unitaria». È il giudizio sulla manovra della campagna ‘Sbilanciamoci’ che ogni anno presenta la sua controfinanziaria, arrivata alla ventitreesima edizione che quest’anno denuncia anche «una scarsa trasparenza del Pnrr». La contro-manovra 2022 di ‘Sbilanciamoci‘, a cui aderiscono una cinquantina di realtà della società civile tra cui Arci, Wwf Italia, Legambiente, Antigone, Rete Italiana Pace e Disarmo, ActionAid, Un Ponte per…, Emergency, Terre des Hommes, ammonta a 31 miliardi e 791 milioni di euro e si articola in 105 proposte «per un nuovo modello di sviluppo, sostenibile, di qualità, fondato sui diritti e l’eguaglianza, sulla giustizia sociale».

Scarica la scheda-di-sintesi-del-Rapporto-2022 di Sbilanciamoci

Una finanziaria che ha delle «luci» secondo ‘Sbilanciamocì come: il mantenimento del reddito di cittadinanza, la riduzione dell’Iva sugli assorbenti, il mantenimento dei fondi per il Servizio Civile, alcune misure in campo ambientale e i Lep (Livelli Essenziali delle Prestazioni) in alcuni ambiti delle politiche sociali. Quando alle «ombre» la campagna individua: le misure regressive e punitive sul reddito di cittadinanza; sul fisco non si aiutano i redditi bassi, né si tassano i redditi dei super-ricchi; ci sono solo misure estemporanee sugli ammortizzatori sociali; c’è un aumento delle spese militari del 5,4% e insufficienti risorse per il diritto allo studio.

Tra le proposte-richieste di «Sbilanciamoci» c’è l’aumento dei fondi per la cooperazione allo sviluppo dallo 0,22 allo 0,7% del Pil e l’aumento di 100 milioni per il servizio civile per soddisfare tutte le richieste degli 80mila giovani che vogliono farlo, mentre adesso è solo per 55mila. Ma anche la cancellazione dei Sussidi Ambientalmente dannosi (Sad) destinandogli 20 miliardi. Ed ancora la riduzione del 20% delle spese per gli armamenti fondi invece da mettere a disposizione del servizio sanitario nazionale, della cooperazione e dello sviluppo, investire 500 milioni per la scuola, per il diritto allo studio e per eliminare le «classi pollaio» ed, infine, aumentare l’Irperf per i super-ricchi cioè con redditi sopra i 300mila euro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»