26.8 C
Rome
martedì 21 Maggio 2024
26.8 C
Rome
martedì 21 Maggio 2024
HomemondiCile, gioia e amarezza per la morte della moglie di Pinochet

Cile, gioia e amarezza per la morte della moglie di Pinochet

Lucía Hiriart de Pinochet è morta a 98 anni, a pochi giorni prima dal ballottaggio per le presidenziali in cui corre un nostalgico del marito [Mathieu Dejean]

Santiago del Cile (Cile) – Non è stato necessario spargere la voce. Il pomeriggio del 16 dicembre, la notizia della morte di Lucia Hiriart de Pinochet era appena arrivata, e migliaia di persone stavano già convergendo spontaneamente in Plaza Dignidad, che da ottobre 2019 è diventata l’epicentro della protesta sociale a Santiago.
Alcuni stringono una bottiglia di spumante comprata per l’occasione, che scuotono per far saltare il tappo. Altri sbattono una casseruola con un cucchiaio mentre aspettano che la band inizi. Sul viale Alameda, che attraversa la capitale cilena, risuona un concerto di corni.
La morte della vedova del dittatore Augusto Pinochet è una festa. “Lo aspettavamo da molto tempo, perché ha fatto soffrire molte famiglie. Questo è un giorno storico”, dice Carla Fuenzalide, il cui padre fu torturato sotto la dittatura. Molti dei presenti hanno una storia familiare segnata dalle violazioni dei diritti umani avvenute in quel periodo (3.200 morti e scomparsi, 40.000 persone arrestate o torturate).
Durante i diciassette anni del regime di Pinochet (1973-1990), la First Lady ha avuto un ruolo di primo piano nelle decisioni politiche prese da suo marito – esecuzioni, persecuzioni, torture degli oppositori politici… Era anche amica intima del capo della polizia segreta della dittatura (la DINA), Manuel Contreras.
La giornalista cilena Alejandra Matus, autrice di una biografia di “Doña Lucía”, afferma addirittura che senza di lei il generale Pinochet non avrebbe provocato un colpo di stato l’11 settembre 1973 per rovesciare il presidente socialista Salvador Allende. Questo è ciò che Pinochet stesso suggerisce nelle sue memorie.

“E’ morta impunita”

Bandiera mapuche in mano, Soledad guarda con emozione mentre i giovani sollevano nuvole di polvere con lo slogan “Chi non salta è Pinochet”! Durante la dittatura, lei dava spesso gli ordini e il vecchio li eseguiva. Ora che è morta, forse possiamo finalmente voltare la pagina di quell’epoca”, spera.
Dall’alto del sedicesimo piano di una torre che domina Plaza Dignidad, negli uffici di Radio Dignidad (una radio attivista che continua a trasmettere a sostegno del movimento sociale), César Galloso Gómez è combattuto tra gioia e amarezza. Il musicista 37enne è una delle circa 500 persone che hanno subito lesioni agli occhi durante la repressione della rivolta dell’ottobre 2019.
Per lui, questa storia mostra i doppi standard della giustizia cilena: “Muore impunemente per i furti e le violazioni dei diritti umani che ha commesso, e in condizioni molto confortevoli, senza aver messo piede in prigione. Allo stesso tempo, lo stato imprigiona preventivamente i manifestanti, i cui processi non hanno ancora avuto luogo due anni dopo”, osserva.
Nel 2007, la vedova dell’ex dittatore è stata arrestata per appropriazione indebita di fondi pubblici, ma per motivi di salute è stata rilasciata su cauzione. “Nonostante questo, con la sua morte, l’eredità di Pinochet è ormai alle nostre spalle”, dice.

Il crocevia

Nella Plaza Dignidad, alcune bandiere colorate che portano il nome di Boric ci ricordano che il paese andino è a un bivio. Mentre una Convenzione Costituzionale sta elaborando la nuova mappa fondamentale del paese (l’attuale Costituzione è stata ereditata direttamente da Pinochet), i cileni voteranno domenica 19 dicembre per designare il loro futuro presidente.
Il candidato della coalizione di sinistra Apruebo Dignidad, Gabriel Boric, affronta un candidato di estrema destra nostalgico del regime di Pinochet, José Antonio Kast, che si è imposto al primo turno – con un tasso di astensione del 53%. Di fronte al rischio di un ritorno al potere delle forze di Pinochet, sorse un vero e proprio fronte elettorale antifascista. Resta da vedere se questa impennata darà i suoi frutti.
Reagendo alla morte di Lucia Hiriart de Pinochet, Gabriel Boric ha commentato su Twitter: “Muore impunemente, nonostante il profondo danno e la divisione che ha causato al nostro paese. I miei auguri alle vittime della dittatura di cui faceva parte. Imbarazzato, Kast ha annunciato che non parteciperà al suo funerale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]

Beccaria: tortura, razzismo sistemico, sovraffollamento

Mai così tanti minori in carcere da decenni. Il punto di Antigone sugli IPM. Il nodo della giustizia riparativa

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione