27.7 C
Rome
mercoledì 17 Agosto 2022
27.7 C
Rome
mercoledì 17 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemondiCile, vince la nuova sinistra di Gabriel Boric

Cile, vince la nuova sinistra di Gabriel Boric

Il candidato di Apruebo Dignidad ha quasi 12 punti sul pinochetista Kast. Il futuro ancora incerto dei prigionieri della rivolta del 2019

Raramente nella storia recente del Cile i giorni delle elezioni sono stati così contagiosi. Voto per voto, con 34 gradi di temperatura e molteplici problemi di trasporto pubblico, il conteggio dei voti ha confermato il vantaggio del rappresentante della nuova sinistra Gabriel Boric sull’estrema destra, José Antonio Kast. Con quasi il 100% dei tavoli contati, il giovane candidato vince con il 55,9% dei voti, e già si sentono grida e applausi nel centro di Santiago.

Questo significa il ritorno della sinistra al potere in Cile dopo quattro anni di José Piñera, rappresentante di una destra leggermente incline al centro, ma che non ha esitato a favorire la classe imprenditoriale durante la pandemia e a reprimere energicamente durante l’epidemia sociale del 2019.

Una sinistra rappresentata dal conglomerato Apruebo Dignidad, formato dal Frente Amplio, emerso dal grande movimento studentesco del 2011 di cui Boric è stato uno dei suoi principali leader insieme al Partito Comunista che in Cile, oltre ad essere un partito democratico ha già governato durante il secondo governo di Michelle Bachelet (2014-2018). E anche se inizialmente erano critici nei confronti del ruolo della Concertación, che governa il Cile dal ritorno alla democrazia nel 1989, sono riusciti ad ottenere l’appoggio di figure come la stessa Bachelet e l’ex presidente Ricardo Lagos, così come dei partiti che facevano parte di quel periodo, come i democristiani, il PPD, il Partito Socialista e il Partito Radicale. Un’alleanza che senza dubbio cambierà la mappa politica cilena.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Il programma di Boric sostiene un nuovo modello di sviluppo, incentrato sulle energie rinnovabili, le tasse sulle grandi fortune e la promozione della scienza e della tecnologia, così come il rafforzamento dei diritti delle donne e delle minoranze sessuali, la salute (compresa quella mentale), l’ambiente e la cultura.

Una proposta che è quasi l’opposto di Kast, che proponeva di rimpicciolire lo stato, avvantaggiare le grandi imprese, chiudere il ministero delle donne (una misura di cui si è poi pentito), stabilire fossati per impedire l’emigrazione e rilasciare gli alti ufficiali condannati per violazioni dei diritti umani durante la dittatura, a causa della loro età avanzata.

D’altra parte, Boric, deputato dal 2014, rappresentando sempre la sua nativa Magallanes, ha preso decisioni rischiose per il suo campo, come la promozione dell’accordo di pace dopo un mese di scoppio sociale nel 2019, che ha aperto la strada al plebiscito per la Nuova Costituzione che è riuscita a imporsi in un plebiscito un anno dopo, con l’80% di approvazione, per sostituire la Costituzione di Pinochet del 1980. Il costo, che ha assunto, era quello di “salvare” in qualche modo il governo Piñera.

Kast, invece, è un ammiratore di Pinochet e della sua eredità, difendendo persino i criminali della dittatura in passato, coinvolgendo persino la sua famiglia – il cui padre era un soldato di Hitler, anche se lui dice di non essere un nazista – come collaboratori nei massacri a Paine, dove vivevano, e suo fratello Miguel, ministro di Pinochet e ideologo del regime.

Anche se ha vinto il primo turno con il 27,91%, lasciando Boric al secondo posto con il 25,83%, Kast si è recato negli Stati Uniti per incontrare i politici repubblicani – leggiamo sul quotidiano argentino Pagina12 – i proprietari delle AFP ( gestori di fondi pensione) che, nel particolare modello cileno, investono a livello internazionale il denaro che i cittadini pagano mensilmente per la loro vecchiaia senza che essi partecipino ai profitti, e di passaggio, si dice che abbia incontrato il candidato della “tercera majoria” – e sorpresa delle elezioni – l’economista Franco Parisi (12,80%) che ha fatto campagna senza muoversi dall’Alabama, dove si è stabilito a causa di un ordine restrittivo in Cile per mancato pagamento degli alimenti.

Boric, d’altra parte, ha ridefinito il suo discorso, enfatizzando temi come la sicurezza, la migrazione e guardando al futuro, aggiungendo come portavoce Izkia Siches, presidente dell’Associazione dei medici, uno dei leader più carismatici e amati durante la pandemia. È riuscito anche ad eludere le provocazioni della gente di Kast, che sia nei dibattiti televisivi che sui social media si sono prodigati in fake news e pettegolezzi, dai fotomontaggi all’accusa indiretta di uso di droga (che Boric ha negato a metà del dibattito mostrando un test antidroga in diretta), una strategia che non aveva mai raggiunto questo livello di professionalità politica in Cile.

Oltre ad essere il più giovane presidente nella storia del paese, a 35 anni Boric ha raggiunto un’altra pietra miliare: è la prima volta che un candidato che non ha vinto il primo turno è riuscito a vincere al secondo turno. Ma il grande traguardo sarà quello di essere il presidente che accompagnerà il processo della Nuova Costituzione che dovrebbe essere votata in un plebiscito in uscita durante la prima metà del 2022, sigillando un nuovo ciclo nella storia del Cile dove il fantasma di Pinochet sarà spento.

Nel mezzo dell’ondata di caldo – in un paese dove l’aria condizionata è un lusso sconosciuto nelle palestre e nelle scuole trasformate in seggi elettorali – il grande problema era la mancanza di trasporto pubblico. Le immagini di autobus parcheggiati (colectivos), nonostante le assicurazioni del governo di Sebastián Piñera che avrebbe attuato un piano speciale di trasporto pubblico, hanno solo aumentato i sospetti di interventismo elettorale, dal momento che proprio i comuni popolari, dove il voto è tradizionalmente di sinistra, sono stati i principali colpiti.

Così, nonostante la rapidità del processo, è stato difficile raggiungere i seggi elettorali, il che ha generato nuovamente lunghe code. Alle 18:30 c’era ancora gente in coda per entrare, quando in generale in altri processi l’orario di chiusura era stato anticipato di trenta minuti.

Nel contesto dell’esplosione sociale del 2019, il presidente di destra Sebastián Piñera ha inviato l’esercito nelle strade per la prima volta dalla dittatura. La repressione ha ufficialmente lasciato trentaquattro persone morte nelle proteste, e 435 con ferite agli occhi. Degli 11.389 manifestanti arrestati tra l’ottobre 2019 e il marzo 2020, secondo l’Istituto nazionale dei diritti umani, 1.200 sono perseguiti in tribunale, molti dei quali sono stati tenuti in detenzione preventiva a lungo termine. Questo sarà uno dei primi banchi di prova per il nuovo presidente. Proprio alla vigilia del ballottaggio, il quotidiano francese Mediapart, ha ricordato queste storie con una corrispondenza dal Cile.

Quando ricorda gli eventi che ha vissuto quest’anno, Sofía Purrán non riesce a trattenere le lacrime. Seduta su una terrazza a Santiago, l’infermiera 59enne racconta la notte del 3 dicembre 2019, quando gli agenti della polizia investigativa cilena (PDI) hanno fatto irruzione nella porta della sua casa nel comune popolare di Lo Espejo. La polizia è venuta ad arrestare suo figlio, Matías Fuentes, uno studente di ingegneria di 19 anni, con una pistola in mano.

Si dice che abbia fatto e lanciato molotov il 14 novembre durante una manifestazione che chiedeva giustizia per Camilo Catrillanca, un contadino mapuche ucciso dalla polizia un anno prima. La famiglia di Matías è di origine mapuche e lui era indignato da questa storia, anche se non aveva un particolare impegno politico.

Questo è un momento di risveglio in Cile. L’esplosione sociale dell’ottobre 2019, iniziata con l’opposizione giovanile all’aumento del prezzo dei biglietti della metropolitana, stava per costringere il governo a indire un referendum per cambiare la Costituzione. Quel giorno, Matías ha raggiunto Plaza Dignidad, l’epicentro della protesta a Santiago, con alcuni amici.

Portava sulla schiena una bandiera mapuche – che è diventata uno dei simboli della rivolta – e uno striscione: “Assassini, dite la verità”. Tornato a casa, racconta a sua madre la giornata e come è sfuggito all’assalto di uno “zorrillo” – un veicolo antisommossa usato dai Carabineros per spruzzare gas lacrimogeni. Niente di più.

L’intervento brutale della polizia che venne ad arrestare suo figlio un mese dopo traumatizzò Sofía Purrán. “Non capivo cosa stesse succedendo. Mi sono tornati in mente i ricordi della mia infanzia, quando i soldati entrarono in casa mia per arrestare mio padre, un attivista del Frente Patriótico Manuel Rodríguez [un’organizzazione di resistenza popolare alla dittatura di Pinochet – n.d.t.]”, dice.

Fu detenuto dopo il colpo di stato dell’11 settembre 1973, quando Sofía aveva solo 11 anni. Così ha reagito visceralmente, seguendo la polizia: “Avevo paura che sparisse, che tutto ricominciasse, che lo uccidessero. Ero terrorizzato, ho pianto a dirotto.

Il giorno dopo, il PDI ha chiesto un’indagine di 120 giorni sul caso di Matías Fuentes, che doveva rientrare in una legge sul controllo delle armi. Rimarrà quindi in detenzione preventiva. Dieci volte i suoi avvocati hanno chiesto il suo rilascio, invano. Rischia una condanna a dieci anni di prigione per le accuse che gli sono state rivolte.

Tuttavia, il 24 febbraio 2021, più di un anno dopo, è stato scagionato. I suoi avvocati hanno dimostrato che non aveva commesso il reato di cui era accusato e che il PDI aveva troncato i documenti forniti come prova. “Non c’è stata nessuna riparazione, nessun aiuto psicologico, nessun aiuto finanziario, nemmeno delle scuse. “Ci siamo sbagliati”, è tutto quello che ci hanno detto”, commenta sua madre.

La maggior parte dei manifestati sono stati rilasciati o sono agli arresti domiciliari, ma secondo l’avvocato e presidente della Commissione Cilena dei Diritti Umani Carlos Margotta, “ci sono ancora 45 persone in detenzione preventiva da due anni. Inoltre, sono stati denunciati casi di tortura, come quelli subiti in carcere da Leonardo Quilodran Carrillo, che sua madre ha denunciato, con foto, alla Commissione dei diritti umani del Senato il 25 gennaio 2021.

I tribunali e la Procura non stanno compiendo la loro missione, stiamo vivendo in una situazione di enorme impunità: mentre ci sono state 8.424 violazioni dei diritti umani denunciate, queste hanno portato solo a quattro condanne di agenti statali, e nessuno di loro ha ricevuto una pena detentiva effettiva”, ha detto Carlos Margotta. D’altra parte, quando i prigionieri della rivolta vengono condannati, vengono privati della loro libertà in modo molto severo. C’è un comportamento asimmetrico da parte del pubblico ministero.

Dal suo rilascio dalla prigione, Matías Fuentes ha attraversato fasi di depressione. Il 21 novembre, quando José Antonio Kast, candidato di estrema destra nostalgico di Pinochet, si è imposto al primo turno delle elezioni presidenziali (con il 27,9% dei voti), davanti al candidato di sinistra Gabriel Boric (25,8%), è crollato psicologicamente.

Mi ha detto: “Il Cile è ingrato. Per un anno sono stata prigioniera per niente, le manifestazioni hanno permesso di avere una Convenzione Costituzionale, e a nessuno importa, votano per questo idiota”, dice Sofía Purrán. “Questi giovani sono pieni di rabbia”, aggiunge, alla vigilia di un secondo turno incerto fino all’ultimo.

José Antonio Kast ha fatto del ritorno all’ordine uno dei suoi leitmotiv, non esitando a descrivere gli insorti come “terroristi”. Il suo programma contiene persino una proposta che ha una forte somiglianza con l'”Operazione Condor”, il sistema di tracciamento internazionale istituito da Pinochet contro i militanti di sinistra nelle dittature latinoamericane.

Al momento dell’esplosione sociale, Kast era il leader della fazione di destra che chiedeva un massacro, uno stato d’assedio piuttosto che uno stato d’eccezione, lo scioglimento del parlamento, l’imprigionamento di tutti i leader della rivolta, in breve, il pinochetismo”, spiega lo storico Luis Thielmann, direttore della rivista ROSA, che era vicino a Gabriel Boric. “È la destra che vuole la dittatura, che la vuole ora, immediatamente, ed è la destra che ora è egemone nel suo stesso campo”, osserva.

Di fronte a questo gruppo di estrema destra, che beneficia della compiacenza dei media nazionali e che non ha esitato a moltiplicare le notizie false, Gabriel Boric ha lottato per difendere la legge per l’indulto dei prigionieri della rivolta (“Ley de indulto”), bloccata al Senato da agosto.

Questa proposta di legge si basa sul fatto che i diritti fondamentali dei prigionieri sono stati violati”, spiega l’avvocato Carlos Margotta, presidente della Commissione Cilena dei Diritti Umani. La presunzione d’innocenza non è stata rispettata, il carcere preventivo è stato la regola quando dovrebbe essere l’eccezione per i reati molto gravi, e per molti di essi c’è stata la tortura. L’intero processo è difettoso. Se Kast avesse vinto, era certo che questo progetto non sarebbe stato approvato.

Da parte sua, Gabriel Boric ha visitato i prigionieri della rivolta durante la campagna elettorale, ma ha moderato il suo discorso in vista delle elezioni, assecondando l’ipotesi che la loro eventuale amnistia debba essere studiata caso per caso.

“Penso che Gabriel sia d’accordo sul fatto che sono prigionieri politici e che non dovrebbero essere in prigione. Ma non sa come affrontare la questione, perché se si pronuncia a favore dell’amnistia, con il pretesto che l’importanza politica di ciò che il movimento ha realizzato è maggiore dei crimini commessi, si riterrà che stia relativizzando la delinquenza. Ma questo è il Sud America, e per le classi lavoratrici qui, non c’è compromesso con la delinquenza”, analizza Luis Thielmann.

Tra le due elezioni, Sofía Purrán è riuscita ad avvicinare Gabriel Boric per interrogarlo su questo argomento. “Mi ha garantito che quello che è successo a mio figlio non si sarebbe ripetuto, e io gli credo. Boric non ha avuto il coraggio di difenderli ad alta voce perché Kast continuava ad accusarlo di essere un complice dei ‘terroristi’, e la gente è sensibile a questo. Ma sono sicuro che se vince, concederà loro la grazia presidenziale”, spera. Una promessa di alba, dopo il lungo periodo di buio vissuto dai prigionieri della rivolta e dalle loro famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Paolo per Claudio (Capodacqua per Lolli)

Paolo Capodacqua, chansonnier e musicista, ricorda in versi Claudio Lolli, scomparso quattro anni fa

Non dimenticare di resistere anche oggi

Malga Zonta (Vicenza), 78 anni dopo l'eccidio nazista [Chiara Nencioni]

Quando anche il Vaticano attaccava Rushdie

La vicenda di Salman Rushdie è una forma violentissima dell'allergia delle religioni per il romanzo [Christian Salmon]

Così Putin vince la guerra del petrolio

Prezzi alle stelle e nuovi mercati: gli effetti "molto limitati" delle sanzioni occidentali contro la Russia [Martine Orange]

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]