15.4 C
Rome
lunedì 26 Febbraio 2024
15.4 C
Rome
lunedì 26 Febbraio 2024
HomemondiMuñoz Gutierrez: prossima fermata una bella costituzione per il Cile

Muñoz Gutierrez: prossima fermata una bella costituzione per il Cile

Parla l’esule cileno, in Italia dal 73: «Speriamo che l’elezione di Boric sia un gran contributo alla assemblea costituente» [Chiara Nencioni]

«Grandioso!», esordisce David Muñoz Gutierrez, l’esule cileno giunto in Italia per sfuggire al massacro cui andavano incontro i collaboratori di Allende al momento del golpe di Pinochet. È domenica notte quando mi chiama, non appena ha verificato in diretta col Cile i risultati del secondo turno delle presidenziali.

Alle 19:12, ora cilena, la TV trasmette i risultati: Boric, candidato di sinistra (quella vera) 54,72%, Kast, candidato della sinistra conservatrice, nostalgico di Pinochet e amato dal “nostro” Salvini, 45,28%. Per ora mancano ancora dei conteggi ma già il candidato Kast ha riconosciuto la vittoria di Boric e il Presidente Piñera ha telefonato a Boric felicitandosi per la vittoria e come in una “vera, grande e consolidata democrazia” hanno fatto in diretta una lunga chiacchierata.

Cosa prevede adesso per l’immediato futuro del Cile?

Adesso si spera nel miglior lavoro possibile della assemblea costituente.

Lei è fiducioso?

Il Cile cambierà sicuramente e sarà un Cile più inclusivo, più rispettoso delle minoranze dei popoli originari, dei diritti delle donne, dell’ambiente… Sicuramente si approfondirà la democrazia.

Come avverrà la transizione presidenziale?

A marzo assumerà  la Presidenza Gabriel Boric, uno dei più giovani Presidenti del paese. Non sono sicurissimo ma mi sembra di ricordare che solo ai tempi dell’inizio della formazione dello Stato ai tempi immediatamente successivi alla guerra d’indipendenza abbiamo avuto dirigenti così giovani.

Cosa auspica per il suo paese adesso?

Ovviamente auguriamo la maggiore compattezza possibile a Boric e alla sua coalizione per governare il Cile al servizio dei cileni e soprattutto speriamo sia un gran contributo alla assemblea costituente affinché possa concludere positivamente il suo lavoro. Spero anche che il popolo confermi nel prossimo plebiscito quanto deciso dalla costituente ed inizi davvero il cambio radicale di cui il Cile necessita.

Da democratici ci uniamo agli auguri di David a Boris. C’è bisogno di sinistra vera in questo momento, e non solo in Cile!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]