4.2 C
Rome
mercoledì 26 Gennaio 2022
4.2 C
Rome
mercoledì 26 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniEhi ragazzo, vuoi comprare una città?

Ehi ragazzo, vuoi comprare una città?

Terza puntata dell’inchiesta sul potere del settimanale The Nation. Stavolta si parla delle insidie delle “charter city” [Olúfémi O. Táíwò]

Se sei sul mercato per una repubblica delle banane, ho un affare per te. Dirigiti verso gli uffici digitali della Pronomos Capital di Petri Friedman, una banda di coraggiosi principianti che usano le “lezioni della Silicon Valley” per fornire un veicolo di investimento “dove la città è il prodotto”.

Se ti sei appena sintonizzato con noi, questa è la terza voce della serie “Quanto potrebbe costare una Repubblica delle Banane”, dove usiamo la domanda del titolo per aiutare a individuare chi e come è fatta la classe dirigente. Il primo post ha stabilito i nostri candidati: Big Guns (eserciti, milizie e mafie), Big Graphs (tecnocrati e società della conoscenza), e Big Green (investitori, società o singoli plutocrati). Il secondo ci ha dato una prima risposta alla domanda guida della serie, basata sulla storia reale del concetto: Una repubblica delle banane costerebbe un considerevole $202.014.343,21 in dollari del 2021.

Oggi, stiamo provando una versione della teoria Big Green che possiamo chiamare il modello “Monopoly”: pensate al famoso gioco da tavolo di Elizabeth Magie, non alla Microsoft. All’inizio del gioco, il tabellone è incredibilmente aperto. Mentre i giocatori giocano, comprano e sviluppano specifiche caselle sul tabellone che rappresentano appezzamenti di terra o proprietà, e competono su chi può possedere più degli altri. Forse il mondo di oggi è qualcosa come il centro di una partita di Monopoli: Alcune persone possiedono e gestiscono diversi pezzi della nostra società, alcuni pezzi sono in palio, ma nessuno possiede l’intera tavola – ancora. Questa versione di Monopoli della teoria del Big Green descrive il mondo come un mosaico di feudi collegati piuttosto che un sistema totale con un’oscura cabala centrale. In linea di principio, ogni “piazza” sociale può essere – e spesso lo è – comprata, venduta, sviluppata e scambiata da coloro che hanno abbastanza soldi.

C’è molto da dire su questo punto di vista – dopo tutto, gran parte di ciò che è ora gli Stati Uniti è stato acquisito esattamente in questo modo. Il successo della rivoluzione haitiana costrinse l’imperatore francese Napoleone a vendere gran parte del territorio dell’impero francese nell’emisfero occidentale. Il famoso Louisiana Purchase raddoppiò le dimensioni del paese trasferendo agli Stati Uniti il diritto imperiale di spostare i nativi americani. Ma questo tipo di compravendita sfacciata di interi gruppi di persone e del loro territorio dovrebbe appartenere a un’epoca passata, come gli imperi delle vecchie famiglie dinastiche: case come Windsor, Osman, Solomon e Aisin-Gioro.

Ma i problemi moderni hanno un modo di trovare soluzioni moderne. Permettetemi di introdurre una dinastia più recente: la casa Friedman. Milton Friedman è stato un eminente economista, che è stato consigliere economico del presidente Ronald Reagan e del primo ministro Margaret Thatcher. L’influenza della casa Friedman si estende ben oltre la politica: Milton e sua moglie, Rose, si sono uniti per scrivere Capitalismo e libertà, una difesa in parole povere del capitalismo come parte della società liberale che è diventato un best seller salutato da alcuni come un “classico moderno”.

Studenti di spicco di Milton, conosciuti come i “Chicago Boys”, consigliarono regimi autoritari in tutta l’America Latina. Nel 1976, l’economista Orlando Letelier, che era fuggito dal regime brutalmente repressivo di Pinochet, notò l’ironia di Friedman che serviva come “l’architetto intellettuale e consigliere non ufficiale del team di economisti che ora gestisce l’economia cilena” dal loro trespolo negli Stati Uniti. Friedman ha ricevuto un premio Nobel quell’anno per i suoi contributi al campo dell’economia. E quello stesso anno, Letelier fu ucciso da un’autobomba nel mezzo di Washington, D.C.

In un influente Ted Talk del 2009, un altro economista formatosi a Chicago suggerì un matrimonio tra capitalismo e libertà degno dell’eredità di Friedman. Il premio Nobel Paul Romer ha invocato un vero e proprio governo privato sotto forma di “charter cities” (città-stato, a statuto speciale, in sostanza private, ndt) – in sostanza, permettendo ai ricchi di comprare una casella sul tabellone globale del Monopoli. Parte del motivo per cui i paesi poveri sono intrappolati nella povertà sono le loro cattive regole e il cattivo governo, ha ragionato Romer. Quindi perché non lasciare che i paesi ricchi comprino parti dei paesi poveri? Allora si avrebbero regole e governanti decisi da vincitori storici comprovati.

Il nipote di Milton, Patri, nobile erede della casa di Friedman, era d’accordo con lo spirito generale della proposta di Romer. La visione originale di Romer per il concetto di charter city aveva coinvolto l’acquisto da parte dei paesi ricchi di pezzi di piccoli paesi, ma Patri Friedman voleva invece mettere gli investitori privati al posto di guida. Così nel 2019 ha promosso Go, ha raccolto qualche milione di dollari e si è comprato una repubblica delle banane.

Per anni, riferiscono i giornalisti Ian MacDougall e Isabelle Simpson, i residenti di Crawfish Rock avevano supposto che la vicina costruzione stesse costruendo una sorta di resort. Solo all’inizio di quest’anno si sono resi conto che stavano per vivere accanto a una città privata chiamata Próspera, di cui Pronomos Capital è uno dei principali investitori.

L’obiettivo di Patri Friedman è stato aiutato da due sviluppi. In primo luogo, la sua fondazione di successo e la raccolta di fondi per Pronomos Capital, una società di venture capital che mira a finanziare lo sviluppo di charter city in tutto il mondo. In secondo luogo, una legge honduregna del 2013 che apre la strada alle zone di occupazione e sviluppo economico (ZEDE), “zone per l’occupazione e lo sviluppo economico”, che ha legalizzato funzionalmente le charter city – e ha attirato l’immediata opposizione dei gruppi politici indigeni e afrodiscendenti in Honduras. Secondo il reportage di Beth Geglia e Andrea Nuila, la struttura bizantina del governo privato della città è supervisionata da un comitato di 13 membri per l’adozione delle migliori pratiche, nove dei quali sono cittadini statunitensi. A ottobre 2021, il progetto stava andando avanti, nonostante settimane di proteste da parte degli honduregni.

Próspera

Próspera è solo una città relativamente nuova. Ma potremmo pensare a Próspera come a una versione particolarmente sfacciata della compravendita di parti della società che ha strutturato la politica globale per gran parte del XX e XXI secolo. Próspera è solo un esempio di un tentativo di costruire una governance esplicitamente privata: Dafe Oputu racconta il continuo interesse delle élite per le città private in Africa occidentale, nonostante lo spettacolare fallimento di “Eko Atlantic” al largo della costa di Lagos, la megalopoli nigeriana (e sono sicuro che la città della criptovaluta di Akon arriverà da un giorno all’altro).

Ma le città private sono esse stesse solo la punta dell’iceberg. Piuttosto che pensare alle “caselle” del tabellone di gioco come intere città o paesi, potremmo pensare a singoli settori economici o parti di una città. L’industriale francese miliardario Vincent Bolloré è riuscito ad assicurarsi importanti partecipazioni nei terminal container di 18 porti nei paesi africani lungo il Golfo di Guinea, e il miliardario israeliano Dan Gertler si è assicurato il controllo di alcune delle miniere più redditizie della Repubblica Democratica del Congo. Nessuno di questi uomini aveva bisogno di prendere intere città, solo il pezzo che interessava loro e i loro azionisti.

Potreste pensare: OK, il modello del Monopoly potrebbe dirci come governare in Africa, ma solo perché l’Africa è un caso speciale, una terra esotica e disfunzionale. Ma la svendita di intere fasce della vita pubblica è anche un “problema del primo mondo”. Negli Stati Uniti, i monopoli dei servizi pubblici come l’energia e l’acqua sono venduti agli investitori e gestiti per il profitto. La privatizzazione degli alloggi pubblici in Germania ha portato a una crisi abitativa che ha mandato la città di Berlino a lottare per recuperare le unità abitative privatizzate (anche se un eroico sforzo organizzativo di base è appena riuscito a sequestrare quasi un quarto di milione di unità abitative dai proprietari privati all’inizio di quest’anno).

Queste caselle del gioco sociale sono state messe in vendita dai governi o gestite attraverso partnership pubblico-privato, che gli economisti Ndongo Samba Sylla e Daniela Gabor descrivono come “bombe a orologeria di bilancio”. A proposito: Sia la situazione politica in cui i governi sentono il bisogno di rivolgersi al settore privato, sia la situazione ideologica in cui il settore privato sembra avere le risposte, sono entrambe deliberatamente costruite, come Naomi Klein ha notoriamente indagato in The Shock Doctrine. Secondo la sua ricerca, le crisi in Russia, New Orleans e Afghanistan hanno dato agli economisti l’opportunità di implementare piani di lunga data per mettere all’asta i servizi governativi e le proprietà pubbliche ai migliori offerenti transnazionali.

Anche se pochi di noi vivono in città private, forse la linea tra il nostro governo e quello di Próspera è più sottile di quanto possiamo sperare. Forse viviamo tutti su una delle piazze del Monopoly del mondo o su un’altra. Possiamo usare l’obiettivo di finanziamento di Próspera da parte di Pronomos Capital e altri investitori come stima di quanto potrebbe costare una città: 40.000.000 di dollari.

OLÚFÉMI O. TÁÍWÒ è professore assistente di filosofia alla Georgetown University e autore dei libri di prossima pubblicazione Reconsidering Reparations e Elite Capture.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri