18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homein fondo a sinistraCosa dovrebbe fare la sinistra riguardo alla Cina?

Cosa dovrebbe fare la sinistra riguardo alla Cina?

Nella sinistra Usa si sta sviluppando un approccio che si oppone al confronto militare pur riconoscendo le politiche oppressive di Pechino [David Klion]

Da marzo 2019, Hong Kong ha affrontato la più grande sfida alla sua società civile relativamente libera e aperta da quando è stata trasferita dal dominio britannico a quello cinese nel 1997. In incidenti durati più di un anno, la polizia locale ha affrontato enormi folle di giovani dimostranti che combattono una battaglia persa per mantenere l’autonomia della città all’interno della Repubblica Popolare Cinese. Usando i manganelli e più di 10.000 bombole di gas lacrimogeni, gli agenti hanno schiacciato il movimento di protesta nel 2020, ma la repressione è continuata: Nel febbraio 2021, più di 10.000 hongkonghesi erano stati arrestati in relazione a queste manifestazioni, e più di un quarto di loro era stato perseguito, mentre altre decine di migliaia avevano cercato asilo in Gran Bretagna, Canada o Australia.
Per Promise Li, un giovane membro del Democratic Socialists of America nato a Hong Kong, la repressione cinese era di tipo personale. “Ho contatti e amici che sono imprigionati o minacciati in questo momento”, ha detto Li, cofondatore del Lausan Collective, che gestisce un sito che evidenzia le voci degli attivisti di sinistra a Hong Kong. Durante i disordini, Li ha proposto che il comitato internazionale del DSA pubblicasse una dichiarazione di condanna della chiusura della più grande organizzazione sindacale indipendente di Hong Kong. Ma lo sforzo è stato respinto dopo un sondaggio a sorpresa tra i sottocomitati della commissione internazionale. Secondo Anlin Wang, un membro cinese di origine americana del DSA e co-presidente del sottocomitato per l’Asia e l’Oceania, c’era un consenso schiacciante di tre a uno contro una dichiarazione. “Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurarci che questo fosse il più democratico possibile”, ha detto Wang. “Penso che ci siano forti argomenti da entrambe le parti”.
Per Li, l’incidente riflette l’influenza all’interno del DSA dei “tankies”, un termine dispregiativo dell’epoca della guerra fredda per i difensori dei regimi comunisti autoritari, che è spesso usato ora per chiamare qualcuno un apologeta della Cina. “C’è un grande gruppo di persone che non sono esattamente dei tankies, ma vedono il lato tankie come ugualmente valido e cercano di preservare l’unità della sinistra”, ha detto Li. Da parte sua, Wang riconosce che tali opinioni circolano su Twitter, ma ha detto di non averle mai viste nel suo Slack della sottocommissione. “Quando abbiamo iniziato la sottocommissione, ero molto impegnato a fare in modo che non si trasformasse costantemente in lotte ideologiche dove una parte viene chiamata ‘tankies’ e l’altra parte viene chiamata ‘liberal sellouts'”, ha detto Wang.
Tutto questo potrebbe sembrare un gioco da tavolo, e il DSA è lacerato da disaccordi su molti argomenti. Ma funge da microcosmo di un dibattito irrisolto a sinistra che ha implicazioni globali, non solo per i diritti umani ma per il clima, il lavoro e le questioni di guerra e di pace. Con 1,4 miliardi di persone e un prodotto nazionale lordo che per alcune misure ora supera quello degli Stati Uniti, la Cina è vista dalla politica estera di Washington “Blob” come la prima vera minaccia all’egemonia globale degli Stati Uniti dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Le tensioni tra Washington e Pechino sono aumentate su ogni fronte – militare, economico, diplomatico, culturale – mentre gli osservatori di tutto lo spettro ideologico avvertono di una nuova guerra fredda che potrebbe rimodellare il mondo. Il presidente Joe Biden ha caratterizzato il confronto con la Cina come una battaglia tra autocrazia e democrazia e sta portando avanti un perno strategico verso l’Asia, aumentando silenziosamente la presenza delle truppe americane a Taiwan, annunciando un nuovo patto di difesa con il Regno Unito e l’Australia e giustificando le sue ambiziose proposte economiche interne come parte di “una competizione con la Cina e altri paesi per vincere il 21° secolo”. Se la sinistra statunitense spera di avere una qualche influenza su questo conflitto incombente, sia attraverso il Partito Democratico che attraverso azioni non elettorali, dovrà trovare una posizione coerente sulla Cina.

Molte persone di sinistra che lavorano sulla Cina o su questioni più ampie di politica estera stanno cercando di navigare nello spazio tra i due poli caricaturali descritti da Wang. Stanno cercando di sviluppare un’alternativa a una nuova guerra fredda – una posizione che si oppone al confronto militare nell’Asia-Pacifico, pur essendo aperta a una maggiore cooperazione con Pechino su questioni come il cambiamento climatico. Sono disposti a denunciare le politiche oppressive della Cina, da Hong Kong allo Xinjiang, e si oppongono anche all’ordine commerciale neoliberale che ha beneficiato le élite aziendali americane e cinesi a spese dei lavoratori americani e cinesi. Per questo articolo, ho parlato con una serie di politici, attivisti e intellettuali di sinistra per capire meglio come queste questioni stanno dividendo i progressisti e come potrebbe essere un approccio coerente e di principio alla Cina.
Tutti quelli con cui ho parlato sono d’accordo su una cosa: un’ulteriore escalation tra Stati Uniti e Cina sarebbe un disastro. Tra i rischi ampiamente citati di una nuova guerra fredda – oltre al rischio ovvio di un conflitto militare reale che coinvolge belligeranti armati di armi nucleari – ci sono le opportunità perse di lavorare insieme sul cambiamento climatico e altre minacce transnazionali; risorse sprecate; aumento della discriminazione e dei crimini d’odio contro gli asiatici americani; un clima politico più repressivo in entrambi i paesi; e la fine delle preziose interazioni della società civile. “Odio perdere la diplomazia people-to-people a causa delle crescenti tensioni”, ha detto Keisha Brown, che insegna storia cinese moderna e identità diasporiche afro-asiatiche alla Tennessee State University. Brown è una cofondatrice del Black China Caucus, un’organizzazione di specialisti della Cina della diaspora africana. “È molto scoraggiante sapere che se facciamo un programma di studio all’estero, potrebbe essere difficile per gli studenti andare in Cina a causa dello stato delle cose in questo momento. Sto perdendo l’opportunità di far andare più studenti neri”.
“Per le persone effettivamente coinvolte nella politica cinese, il dibattito non è se la Cina è un attore buono o cattivo”, ha detto Stephen Wertheim, un senior fellow al Carnegie Endowment for International Peace. “La domanda è: cosa faranno gli Stati Uniti a riguardo? Wertheim è un cofondatore del Quincy Institute, un think tank apartitico e anti-interventista a Washington, che ha lasciato l’anno scorso. “Penso che i falchi della Cina vogliano credere che ci sia una posizione più ampia a sinistra che sia apologetica per la repressione cinese di quanto non sia in realtà”, ha aggiunto. “Ci sono anche persone a destra che dicono cose sulla Cina che sono totalmente ingiustificate e razziste, e le vedo occupare posizioni più importanti nel nostro governo rispetto a qualsiasi frangia che vuole difendere la Cina”.
Alcuni a sinistra, pur diffidando di una nuova guerra fredda, stanno cercando di portare avanti obiettivi di politica estera non militaristici e umanitari in questo nuovo contesto. “Qualsiasi politico investito in una competizione tra il modello occidentale e quello cinese dovrebbe spingere per mostrare che gli Stati Uniti agiranno correttamente nel mondo in questo momento di crisi”, ha detto David Segal, il direttore esecutivo del gruppo di attivisti Demand Progress; suggerisce politiche come una più robusta diplomazia dei vaccini e spingere il Fondo Monetario Internazionale ad emettere più diritti speciali di prelievo, che sono beni di riserva disperatamente necessari che possono alleviare la sofferenza economica nel Sud del mondo. “Coloro che soffiano sul fuoco e non sostengono queste misure tradiscono il loro sciovinismo”.

C’è anche il caso, avanzato da Biden e da progressisti come Matthew Yglesias nel suo libro One Billion Americans, che la competizione con la Cina può essere usata per stimolare i necessari miglioramenti interni negli Stati Uniti. Ma altri progressisti considerano controproducente impegnarsi nel linguaggio della competizione internazionale, anche per giustificare buone politiche. “Non abbiamo bisogno della Cina come giustificazione per rafforzare la nostra democrazia, ricostruire la nostra industria e creare una vita migliore per gli americani”, ha detto Matt Duss, un consigliere di politica estera del senatore Bernie Sanders che funge da collegamento chiave tra i pensatori di sinistra di politica estera e il processo decisionale. “Dovremmo fare queste cose perché sono le cose giuste da fare”.
Una ragione per cui la Cina confonde la sinistra è che è difficile da classificare in termini di ideologia di base: È una repubblica popolare maoista dottrinaria o una parte integrante dell’ordine neoliberale globalizzato? Rappresenta un’alternativa all’egemonia economica americana o la sostiene? Dovrebbe essere accreditata per aver sollevato centinaia di milioni di lavoratori dalla povertà rurale o accusata di usare i suoi lavoratori a basso costo e politicamente impotenti per minare il lavoro organizzato e i regimi normativi anti-corporativi in tutto il mondo? È, in breve, comunista o capitalista?
Isabella Weber, un’economista politica tedesca il cui recente libro How China Escaped Shock Therapy traccia le origini della liberalizzazione economica attuata da Deng Xiaoping alla fine degli anni ’70 e ’80, rifiuta queste etichette semplicistiche. “Penso alla Cina come a un’economia di mercato costituita dallo stato che si basa su una forte dinamica capitalista”, mi ha detto. “Questo è un nuovo tipo di sistema economico che dobbiamo studiare nei suoi termini”. Nell’analisi di Weber, negli ultimi quattro decenni il potente stato monopartitico cinese ha creato enormi mercati che hanno reintegrato il paese nell’economia mondiale (arricchendo i capitalisti e minando i sindacati nel processo), ma lo ha sempre fatto per perseguire lo sviluppo economico a lungo termine della Cina e la sovranità politica.
Questa analisi è ripresa da Duss, che ha notato che Sanders stesso è stato un critico precoce del consenso degli anni ’90 che l’apertura delle relazioni commerciali con la Cina avrebbe beneficiato i lavoratori americani. La prospettiva di Duss sulla Cina è anche plasmata dalle conversazioni con Tobita Chow e Jake Werner, due giovani attivisti che sono cofondatori di Justice Is Global, un’organizzazione di base con sede a Chicago che persegue riforme strutturali che risulterebbero in un’economia globale più sostenibile ed equa.
“Inizialmente sono stato coinvolto nella costruzione della solidarietà dei lavoratori tra gli Stati Uniti e la Cina”, ha detto Chow, che attualmente dirige Justice Is Global. “Sfortunatamente, sono stato coinvolto proprio mentre il governo cinese stava aumentando il suo giro di vite sugli attivisti del lavoro al punto che quel tipo di lavoro non è più possibile farlo in sicurezza. Ho potuto vedere alcuni dei frutti dell’apertura della società civile cinese, e vederli scomparire molto rapidamente”.
Werner, che fa ricerca sulla storia cinese moderna alla Boston University, identifica la crisi finanziaria del 2008 come un punto di svolta. La Cina ha cavalcato la crisi con uno stimolo economico di portata senza precedenti e ha sviluppato giganti aziendali nazionali che ora competono con le imprese occidentali. “Ha suscitato il panico nell’élite politica degli Stati Uniti”, ha detto Werner. “Se le aziende cinesi si impadroniscono dei settori ad alto profitto, questo minaccia il potere degli Stati Uniti sul sistema globale e l’economia statunitense, che dipende da industrie quasi-monopolistiche come la tecnologia, la finanza e i prodotti farmaceutici. Se la Cina inizia a respingerli, cosa succederà a noi?”.
La Cina, in altre parole, ha smesso di essere un attore passivo nello sviluppo delle catene di approvvigionamento globale dominate dalle aziende occidentali e sta perseguendo una politica industriale che sfida l’ordine internazionale dominato dagli Stati Uniti. È in questo contesto che l’establishment di Washington sta diventando più critico nei confronti della Cina – ed è anche in questo contesto che alcuni a sinistra potrebbero sentirsi inclini a difenderla.
Diversi intervistati hanno menzionato il Collettivo Qiao, un’organizzazione criptica che è emersa apparentemente come un contrappunto al Collettivo Lausan di Li all’inizio del 2020. In una dichiarazione via e-mail, il Collettivo Qiao – che ha detto di prendere decisioni collettivamente e non ha identificato alcun membro individuale per nome – si è descritto come “un gruppo di studenti, artisti, ricercatori e giovani professionisti negli Stati Uniti, Regno Unito e Canada che contribuiscono come volontari nel nostro tempo libero. I nostri membri appartengono tutti alla più ampia diaspora cinese, con legami familiari con la Cina continentale, Hong Kong, Taiwan e tutto il sud-est asiatico”. Inoltre ha detto che è finanziato esclusivamente attraverso Patreon e non ha legami formali con alcun partito politico, compreso il Partito Comunista Cinese, ma non ha risposto alle domande riguardanti la dimensione dei suoi membri, come è governato, o chi è specificamente responsabile della sua organizzazione.
“Nonostante questa mancanza di sostegno istituzionale, siamo entusiasti della rapida crescita e dell’attenzione che abbiamo ottenuto in meno di due anni dalla nostra fondazione, che attribuiamo alla fame negli spazi mediatici in lingua inglese di commenti critici di sinistra sulla Cina che sfidano le narrazioni dominanti dei media occidentali”, ha scritto Qiao nella sua dichiarazione. La narrativa che il gruppo propaga nei circoli di sinistra si allinea strettamente a quella di Pechino. Sul suo sito web, Qiao descrive le proteste di Hong Kong come guidate da “un fervente anticomunismo e una feticizzazione del liberalismo astratto, della nostalgia coloniale britannica, del razzismo anti-cinese e degli appelli all’intervento occidentale” e accusa attivisti come Li di “left-washing”, “lavaggio a sinistra” di quelle che caratterizza come istanze di destra. Qiao è diventato rapidamente popolare sui social media e ha contribuito con un articolo che ammonisce riguardo a una guerra USA-Cina il Progressive International, un servizio globale di sinistra. (Il coordinatore generale di Progressive International, David Adler, mi ha detto che il suo gruppo mira a fornire una diversità di prospettive). Code Pink, l’affermato gruppo contro la guerra, cita Qiao nella sua pagina China FAQ. Monthly Review, una rivista socialista indipendente pubblicata a New York, ha anche ripubblicato il Collettivo Qiao – ed è stato criticato per questo da Critical China Scholars (CCS), un gruppo di giovani accademici che sta respingendo il racconto di Qiao.
CCS si definisce contro qualsiasi agenda etno-nazionalista del governo e cerca di trovare una via di mezzo tra la demonizzazione della Repubblica Popolare Cinese e il rafforzamento della sua propaganda. L’anno scorso, il CCS ha pubblicato una lettera aperta a Monthly Review che metteva fine alla sua collaborazione con Qiao; tra i firmatari c’erano Li, Werner e Andy Liu, uno storico americano di Taiwan a Villanova che co-conduce il podcast di sinistra sugli asiatici americani Time to Say Goodbye. Liu dice che il CCS ha avuto esperienze analoghe a quella di Li nel cercare di impegnarsi con il DSA. “Abbiamo avuto continue conversazioni con la DSA per fare un webinar, ma abbiamo avuto una risposta confusa da loro, e non siamo ancora sicuri di cosa sia successo esattamente dietro le quinte”, ha detto Liu. “È stata un po’ una sorpresa che la DSA non sia stata più accogliente”.
Liu ha aggiunto che capisce perché il messaggio di Qiao risuona con alcuni membri della DSA. “Non vogliamo alienare completamente queste persone”, ha detto. “Capiamo che molto di questo viene da un sospetto della politica estera degli Stati Uniti e da una critica dei media corporativi, e siamo solidali con questo. Ma penso che la posizione di sinistra, internazionalista, dovrebbe essere critica verso tutti i governi”.
Li è più severo. “Penso che il Collettivo Qiao abbia una posizione autoritaria e fascista che non ha niente a che vedere con il socialismo”, ha detto. “La qualità dei loro contenuti e il calibro delle loro informazioni non è migliore di InfoWars. Ma c’è stato un afflusso di loro fan nel DSA, specialmente nel caucus della Red Star di San Francisco”. Anche se il punto di vista di Qiao non è completamente mainstream all’interno del DSA, Li ha aggiunto, “questi punti di vista hanno seminato abbastanza confusione con la loro disinformazione che non possiamo fare molto con i comitati del DSA senza essere bloccati”. E Qiao ha dimostrato di essere particolarmente efficace nel soffocare il discorso della sinistra su un’altra crisi dei diritti umani a quasi 3.000 miglia a nord-ovest di Hong Kong.
Lo Xinjiang è una regione all’estremo ovest della Cina dove l’etnia Uiguri e altre minoranze musulmane hanno sperimentato la discriminazione e l’erosione culturale in mezzo a un flusso di migranti cinesi Han diretto dallo stato. Sotto il presidente Xi Jinping, la Cina ha intensificato la repressione degli uiguri, costruendo un’enorme rete di prigioni, centri di rieducazione e campi di lavoro in quello che molti osservatori stranieri hanno descritto come un genocidio culturale. La situazione nello Xinjiang è opaca, poiché il governo cinese controlla strettamente le informazioni e i movimenti dentro e fuori la regione, ma le testimonianze dei rifugiati e degli emigrati dipingono un quadro desolante.
Secondo un ampio elenco di 18.000 parole pubblicato da Qiao, tuttavia, la mancanza di informazioni affidabili dallo Xinjiang suggerisce che questi resoconti sono “propaganda di atrocità occidentale”. Questo è anche più o meno quello che Vijay Prashad, il direttore di un’organizzazione internazionalista chiamata Tricontinental e un intellettuale marxista che ha fatto un evento con Qiao nel maggio 2020, mi ha detto quando gli ho chiesto degli uiguri. “L’accusa di ‘genocidio culturale’ è un’accusa che non mi piace del tutto”, ha detto Prashad, che ha visitato la Cina numerose volte ma non è stato nello Xinjiang. “La politica educativa è una grande parte della riduzione della povertà”, ha aggiunto. “Il fatto è che la maggior parte delle società moderne ha costretto le persone ad avere un’istruzione”. Nel suo racconto, ciò che sta accadendo agli uiguri è analogo a ciò che paesi come gli Stati Uniti e l’Australia hanno fatto alle loro popolazioni indigene, o ciò che l’impero britannico ha fatto nella sua nativa India – ma, con mia grande sorpresa, non lo intendeva in modo negativo. “Questo è il prezzo che la gente paga”, mi ha detto Prashad. “Non si possono preservare alcune forme culturali e alleviare o sradicare la povertà assoluta”.
Per Rayhan Asat, un avvocato uiguro per i diritti umani di Urumqi, capitale del Xinjiang, che attualmente insegna a Yale, questa posizione è moralmente ripugnante. Il fratello di Asat è stato imprigionato nello Xinjiang da quando è tornato da un viaggio di lavoro negli Stati Uniti nel 2016. “Non so cosa fa più male”, mi ha detto, “gli aguzzini di mio fratello o i tankies che lo permettono e negano il mio dolore e la mia sofferenza”. Asat ha detto di essere contraria a un rafforzamento militare degli Stati Uniti in risposta alla situazione nello Xinjiang; ha riconosciuto che dopo le sue guerre in Iraq e altrove, gli Stati Uniti hanno un problema di credibilità sui diritti umani. Il suo approccio preferito sarebbe quello di utilizzare la legge globale Magnitsky, dal nome di un attivista russo anti-corruzione morto in prigione nel 2009 – in altre parole, gli Stati Uniti dovrebbero applicare sanzioni mirate contro i singoli funzionari cinesi complici negli abusi dei diritti umani nello Xinjiang.
Duss, il consigliere di Sanders, ha autonomamente menzionato che questa potrebbe essere una risposta appropriata alla situazione che affronta gli uiguri. “Le sanzioni ad ampio raggio hanno una pessima storia di miglioramento della politica e una storia molto chiara di aiuto alle popolazioni immiserite”, ha detto Duss. “C’è qualche prova che le sanzioni in stile Magnitsky, mirate a specifici attori governativi implicati in abusi dei diritti umani, possono funzionare. Ma saremo molto più efficaci nel fare questi punti se siamo coerenti, piuttosto che sollevare queste preoccupazioni come una clava contro i nostri avversari mentre diamo ai nostri alleati un lasciapassare”.
A parte Prashad, tutti quelli con cui ho parlato per questo articolo hanno condannato inequivocabilmente le politiche cinesi nello Xinjiang. Ma Wang, il co-presidente della sottocommissione Asia e Oceania del DSA, ha riconosciuto che alcuni a sinistra si sentono limitati in ciò che possono dire sulla situazione dei diritti umani della Cina. “È importante pensare all’impatto nel mondo reale di ciò che facciamo”, mi ha detto Wang. “È davvero importante che noi, come istituzione di sinistra, siamo fermamente anti-imperialisti. Quindi, se rilasciamo una dichiarazione sulla Cina, voglio assicurarmi che sia fatta in un modo che possa effettivamente aiutare i lavoratori e non danneggiare la loro causa”. Riferendosi alla dichiarazione proposta da Li su Hong Kong, Wang ha detto: “Siamo americani, e il nostro paese è in fase di guerra fredda con la Cina. Firmare la dichiarazione comporta il serio rischio che possa essere usata come supporto di sinistra per il più ampio sforzo anti-Cina”.
Altri progressisti vedono un lato negativo nel non parlare. “Cercare di giustificare o difendere le violazioni dei diritti umani e le aggressioni del governo cinese contro i suoi vicini non è una strategia politica vincente”, mi ha detto Chow. “Non saremo in grado di portare la maggioranza della popolazione statunitense su questa posizione. Non troveremo nessun alleato tra i progressisti del Congresso per quella posizione”.
“Se fai dei distinguo per il trattamento delle minoranze etniche da parte della Cina, stai tradendo tutto ciò che la sinistra rappresenta”, ha detto Werner. “Scredita la sinistra”.
Chow e Werner hanno ampliato questo punto in un’intervista congiunta per il numero dell’autunno 2021 di Socialist Forum, una pubblicazione del DSA che li ha contattati per una proposta di forum sulla sinistra e la Cina. “L’idea originale era di rivolgerci a entrambe le parti”, ha detto Chow, riferendosi all’altra parte del dibattito come “tankies”. “Abbiamo dato loro alcuni suggerimenti [per un referente], ma non hanno ottenuto un sì dopo un bel po’ di settimane”. Il principale contraccolpo che hanno visto dai difensori del partito comunista cinese è stato, come spesso accade, su Twitter.
Nel suo ultimo giorno in carica come segretario di stato di Donald Trump, Mike Pompeo ha accusato la Cina di commettere un genocidio nello Xinjiang. Per qualcuno che ha servito in un’amministrazione apertamente islamofoba, cooptare la giusta causa dei diritti umani degli uiguri è perverso, ma un pericolo di cedere le critiche alla Cina alla destra è che la risposta degli Stati Uniti a una legittima crisi dei diritti umani finisca per essere guidata da xenofobi e guerrafondai.
Lausan e CCS sono due gruppi di sinistra che non si sottraggono a questi dibattiti. Nel dicembre 2020, hanno tenuto insieme una tavola rotonda, poi ripubblicata dalla rivista marxista Spectre, per discutere la lista di materiali di Qiao e come potrebbe essere contrastata. Uno dei partecipanti, David Brophy, docente senior all’Università di Sydney, ha ricordato un argomento di E.P. Thompson: durante gli ultimi anni della guerra fredda, “la causa della libertà e la causa della pace sembravano separarsi”, con gli Stati Uniti che monopolizzavano la prima e i sovietici la seconda. Brophy ha suggerito che qualcosa di simile sta accadendo ora, con gli apologeti della Cina che danno priorità alla pace mentre i suoi critici danno priorità ai diritti umani. Le domande per la sinistra, allora come oggi, sono se e come queste priorità possono essere riconciliate.
DAVID KLIONTWITTERDavid Klion è un redattore di Jewish Currents e ha scritto per The Nation, The New York Times, The New Republic e altre pubblicazioni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio