7 C
Rome
giovedì 2 Febbraio 2023
7 C
Rome
giovedì 2 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureLo spettacolo in cielo. Giove e Venere sembrano scontrarsi

Lo spettacolo in cielo. Giove e Venere sembrano scontrarsi

Giove e Venere sembreranno quasi scontrarsi all’alba. Passeranno anni per rivedere quattro pianeti che appaiono anche in linea retta

Giove e Venere, due dei pianeti più luminosi del sistema solare, sembreranno quasi toccarsi in un raro spettacolo celeste questo fine settimana. La giornata del 30 aprile sarà ricca di eventi astronomici: è in arrivo un’eclissi parziale di Sole, che non sarà visibile dall’Italia, e contemporaneamente Venere e Giove daranno spettacolo all’alba. Tuttavia, sarà ancora visibile domenica e nei giorni successivi, quando i pianeti si allontaneranno di nuovo. «Sono due dei pianeti più luminosi da osservare e sorgeranno poco prima del Sole nella costellazione dei Pesci», dice all’ANSA Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). «Lo spettacolo imperdibile della congiunzione sarà molto ben visibile – aggiunge – anche se i due pianeti si trovano molto bassi sull’orizzonte». La causa dell’eclissi parziale di Sole, invece, è il fenomeno della Luna Nera: «Nella giornata ci sarà la seconda luna nuova del mese di aprile», spiega Volpini, «che quindi ospita cinque fasi lunari invece delle solite quattro». In questo momento Sole, Luna e Terra si trovano allineati, anche se non in maniera perfetta, quindi l’ombra della Luna proiettata sulla Terra oscurerà in parte il Sole. «L’eclissi sarà visibile in Sud America e nell’area del Pacifico meridionale». Nel corso del mese di aprile è stato possibile ammirare al mattino anche tutti gli altri pianeti, tranne Mercurio, che nella seconda parte del mese è diventato visibile alla sera. Inoltre, il momento migliore di tutto l’anno per osservarlo cade proprio in questi giorni, poiché il pianeta tramonta quasi 2 ore dopo il Sole.

Anche se in realtà saranno a 430 milioni di miglia di distanza, per gli osservatori delle stelle sulla Terra sembreranno essere abbastanza vicini da entrare quasi in collisione in una congiunzione planetaria che si verifica una volta all’anno. Tuttavia, quest’anno Giove e Venere saranno molto più vicini del solito e dovrebbero essere visibili solo con un binocolo o anche ad occhio nudo. Se te lo perdi, dovrai aspettare altri 17 anni per una replica.

Oltre alla straordinaria congiunzione planetaria in mostra, anche Saturno e Marte appariranno in linea retta con Giove e Venere. Brad Tucker, un astrofisico dell’Australian National University, ha spiegato che i pianeti si sono avvicinati nelle ultime due settimane. «Anche se Venere e Giove si avvicinano l’uno all’altro ogni pochi anni, questa volta ci sono anche Marte e Saturno nel mix che è piuttosto raro».

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

«I pianeti saranno diversi per la loro luminosità», ha detto alla BBC News la professoressa Lucie Green, capo osservatore della Society for Popular Astronomy. «Venere è più luminoso di Giove, quindi sembrerà abbagliante quando lo vedrete. Giove sarà leggermente più debole, circa un sesto della luminosità di Venere». Venere, Giove, Mercurio e Marte si sono riuniti nel cielo orientale in una formazione che probabilmente non si vedrà più fino al 2040, durante le prime ore dell’alba del 13 maggio 2011.

(nella foto Giove e Venere prima dell’alba dietro il Castello di Rocca Calascio, L’Aquila, il 30 aprile)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"

Pescare nel deserto e raccontarlo a teatro

"Kakuma. Fishing in the desert", di Laura Sicignano, in prima nazionale a Genova