26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
Homeconsumare stancaGreat resignation tra mito e realtà

Great resignation tra mito e realtà

Great resignation. Parecchi lavoratori stanno lasciando il loro lavoro ma non è un punto di svolta per il potere dei lavoratori [Ann Larson]

Nel novembre dello scorso anno, stavo gestendo l’area casse di un grande negozio di alimentari nello Utah quando un imbustatore di 22 anni si è licenziato sul posto. Era una notte affollata, un paio di settimane prima del Ringraziamento. I clienti volevano entrare e uscire velocemente, mentre io e i miei colleghi, esausti, esortavamo l’orologio a ticchettare un po’ più velocemente. Il turnover del personale era sempre stato alto, ma un collega che se ne va nel bel mezzo di un turno era la prima volta.
L’impiegata, di cui non ricordo nemmeno il nome, era nel negozio da poche settimane. Stava imbustando per una cassiera sessantenne che chiamerò Layla, che ha lasciato il suo precedente lavoro in un negozio di medicinali dopo che un cliente ha tirato un coltello ad un altro lavoratore e ha preteso dei soldi. Layla ha pensato che l’attività di alimentari potesse essere più sicura. L’imbustatore ha detto qualcosa alla donna più anziana, che sembrava confusa e poi ha lanciato uno sguardo nella mia direzione.
“Ho presentato una richiesta per lavorare solo dopo le 4”, ha detto la donna avvicinandosi a me. “Ma per due volte questa settimana mi è stato programmato di entrare alle 3”. Ho spiegato che non ho niente a che fare con l’orario. “Sono solo il supervisore notturno”, ho detto. “Se domani chiama il responsabile della programmazione, probabilmente le darà quello che vuole”.
L’impiegato non era soddisfatto. I miei occhi stavano già andando alla deriva verso la fila alla cassa di Layla. L’imbustatore sembrava infastidito. “Dato che la mia richiesta di orario non è stata rispettata”, ha continuato, “me ne vado subito”.
Non ho avuto molto tempo per considerare quello che era appena successo. Era il periodo delle vacanze, e avevo bisogno di aprire un’altra corsia di cassa per accogliere la crescente folla di clienti. Ma una domanda mi venne in mente: “Quello a cui ho appena assistito faceva parte della ‘Grande Dimissione’ di cui continuo a sentire parlare?”.
Anthony Klotz, professore associato di management alla Texas A&M University, ha coniato il termine, che è diventato una delle frasi preferite dai media per descrivere i milioni di persone che abbandonano un lavoro terribile. Un record di 47 milioni di lavoratori si sono licenziati nel 2021. Secondo il Washington Post, 4,5 milioni hanno lasciato il lavoro nel solo mese di novembre – più che in ogni singolo mese degli ultimi 20 anni.
Eppure qualcosa delle Grandi Dimissioni non mi convinceva. Mi ha infastidito il modo in cui i giornalisti hanno salutato la tendenza come un segno del crescente potere dei lavoratori. Nulla era cambiato nel mio posto di lavoro. I dipendenti lottavano ancora per sbarcare il lunario, e il lavoro era fisicamente brutale e mentalmente estenuante come sempre.
I giornalisti sembravano vivere in una realtà diversa. Il New York Times ha citato uno storico del lavoro che ha definito le Grandi Dimissioni una “rivolta dei lavoratori” indicativa di un movimento operaio ringiovanito. In un altro pezzo del Times, Abigail Susik, professore di storia dell’arte alla Willamette University, ha scritto che stavamo assistendo a uno “sciopero spontaneo e informale [che potrebbe portare] a una significativa trasformazione delle condizioni di lavoro”. Sul Washington Post, lo storico del lavoro dell’Università della California, Santa Barbara, Nelson Lichtenstein ha ipotizzato che le Grandi Dimissioni siano state una sorta di “sciopero generale” che ha vagamente paragonato agli schiavi in fuga dalle piantagioni durante la Guerra Civile.
Gli operai stufi hanno consegnato il loro preavviso su “QuitToks”, e hanno postato i manifesti #IQuit su Facebook. Una clip mostrava Beth McGrath, un’operaia di Wal-Mart in Louisiana, che si licenziava attraverso il sistema di comunicazione pubblica del negozio. “Lavoro da Wal-Mart da quasi cinque anni”, ha annunciato. “E posso dire che tutti qui lavorano troppo e sono sottopagati”. La McGrath ha deplorato il modo in cui l’azienda “tratta i suoi associati anziani come merda” e ha accusato il suo capo di essere un “pervertito”.
All’inizio, sono stato ispirato dalle storie degli oppressi e degli abusati che fanno il dito medio ai loro padroni, e per un po’ mi sono divertito a scorrere l’hashtag #greatresignation alla ricerca di storie di ribellione spavalda. Il fenomeno sembrava personale. Mentre i dipendenti di vari settori si sono licenziati nell’ultimo anno, Insider ha confermato che quelli della vendita al dettaglio, del tempo libero e dell’ospitalità hanno guidato la tendenza. La diatriba del lavoratore di Wal-Mart è stata una voce di ragione e compassione da uno dei settori lavorativi più tristi del mondo industrializzato.
Alcuni giornalisti hanno avuto un approccio cauto al fenomeno, attribuendo il Big Quit ad aggiustamenti a breve termine come i pagamenti degli stimoli e l’aumento della disoccupazione. Noam Scheiber ha gettato acqua fredda sulle affermazioni più estatiche, sottolineando che i cattivi lavori non stavano migliorando. “Ci sono poche prove che i lavoratori dei servizi stiano ottenendo qualche significativo guadagno a lungo termine”, ha scritto sul New York Times. Il giornalista di politica del lavoro Timothy Noah era ancora più incredulo. “Non stiamo assistendo a un momento storico per la forza lavoro americana” ha scritto su The New Republic. “Stiamo assistendo solo a una “tregua momentanea dall’orribile spostamento a lungo termine del reddito nazionale dal lavoro al capitale”.
Nel 2022, un po’ del luccichio della Grande Dimissione era svanito, ma l’abitudine era difficile da rompere, specialmente dopo che i dati del Bureau of Labor Statistics mostravano che 4,3 milioni di persone si erano licenziate a gennaio, un tasso del 23% più alto di prima della pandemia. Derek Thompson di The Atlantic ha proposto che “l’economia del settore dei servizi a basso salario sta sperimentando l’equivalente della ‘free agency’ in una lega sportiva professionale”, un fenomeno che ha chiamato “il grande cambiamento”. Nel programma CBS Mornings, Jill Schlesinger ha spiegato che “la maggior parte di queste persone stanno passando da un lavoro all’altro” e ha offerto “il Grande Rimescolamento” come descrittore più accurato.
Anche se i giornalisti non riuscivano a decidere un nome, c’era un ampio accordo sul fatto che i lavoratori stavano esercitando una nuova autorità collettiva. Persino Noah ha riconsiderato la sua posizione. “La ” Great Resignation ” è uno sviluppo così meraviglioso”, ha scritto, “che ho avuto qualche problema a credere che sia reale”.
Il primo scetticismo di Noè potrebbe essere stato corretto. Secondo il Bureau of Labor Statistics, i lavoratori sono stati pagati il 5,6% in più negli ultimi 12 mesi. Ma anche l’inflazione è ai massimi storici, con prezzi in media più alti dell’8,5% a marzo. Le celebrazioni dei guadagni dei lavoratori sembrano del tutto bizzarre, dato che la vita quotidiana è diventata significativamente più costosa.
Nei posti di lavoro a basso salario, gli aumenti di stipendio sono spesso complicati. Nel mio negozio, una cassiera con 30 anni di esperienza che chiamerò Diane ha ricevuto un aumento di stipendio nel 2021, da 15,00 a 15,40 dollari. Mi sono congratulato con lei, ma si è detta offesa. “Le tasse per la mia roulotte aumentano di 50 dollari ogni anno”, mi ha detto. “Un extra di 40 centesimi lo copre a malapena”. L’aumento dei costi degli alloggi significava che il salario di Diane stava effettivamente diminuendo, ma ci si aspettava che lei si sentisse grata.
Uno sguardo più profondo all’America dei bassi salari rivela una realtà ancora più sinistra. Secondo la Brookings Institution, un record del 44% dei lavoratori americani ha un lavoro a basso salario nel marzo del 2020, con quasi un terzo che vive sotto la soglia di povertà. Nel frattempo, i datori di lavoro sono pieni di soldi. Un rapporto di FactSet del 2021 ha mostrato che le aziende dello S&P 500 hanno registrato i margini di profitto più alti dal 2008, superando di gran lunga le aspettative più rosee di Wall Street. Aziende come McDonald’s e Chipotle hanno risposto alla manna dal cielo offrendo agli investitori rialzi di cassa, mentre il costo dei fast food è aumentato dell’8% in un solo anno.
Venduto come uno stimolo economico, il Cares Act era un salvataggio aziendale che nemmeno i giornalisti del Financial Times potevano negare. “Mentre Wall Street è stata stabilizzata… e i ricchi hanno ricevuto sostanziali benefici fiscali che in alcuni casi potrebbero durare per anni”, ha notato un articolo del 2020, “il destino economico delle famiglie americane di medio e basso reddito rimane molto nel limbo”. Grazie in parte ai trilioni messi dalla Fed per sostenere il mercato delle obbligazioni societarie, i miliardari hanno visto la loro ricchezza salire del 70% dall’inizio della pandemia.
Una visione storica più ampia è anche istruttiva. Per speculare su dove la “” quitagion” di oggi potrebbe portare, David Dayen ha esaminato ciò che è successo ai servi della gleba e ai contadini in Inghilterra dopo che la peste nera ha spazzato via mezza Europa nel XIV secolo. La conseguente estrema carenza di manodopera, ha scritto in The American Prospect, ha dato ai lavoratori “la capacità di contrattare per salari in contanti, affitti più bassi, [e] condizioni meno pericolose”. Per un certo periodo, le risorse passarono dalla nobiltà ai lavoratori.
Ma i guadagni furono di breve durata. I ricchi portarono le loro lamentele al governo. Il risultato fu l’Ordinanza dei Lavoratori del 1349, una legge sul lavoro che “fissava i controlli sui salari… ai livelli precedenti la Morte Nera, [e] limitava la capacità di contrattare per ottenere più salario”. La legge rendeva anche la disoccupazione per coloro che avevano meno di 60 anni un crimine punibile con il carcere e rendeva illegale fare l’elemosina ai poveri. Il vecchio ordine sociale ritornò con una vendetta.
I paralleli con oggi sono chiari. I ricchi stanno ancora una volta cercando di capire come dirottare il denaro verso se stessi. Un’analisi di Institute for Policy Studies ha rivelato che la maggioranza dei datori di lavoro a basso salario ha aumentato la paga degli amministratori delegati di una media del 29% nel 2021, un periodo di disoccupazione di massa indotta dalla pandemia. Il rapporto indica il CEO della Hilton Hotels Christopher Nassetta, che ha guadagnato più di 55 milioni di dollari dopo che la sua azienda ha licenziato 32.000 lavoratori.
Non tutte le notizie sono negative. Due terzi degli americani ora sostengono i sindacati. Una recente ondata di scioperi degli insegnanti, azioni sindacali da parte dei lavoratori della sanità, ed entusiasmanti spinte organizzative nei negozi Starbucks sono tutti degni di celebrazione e sostegno. La recente vittoria al JFK8, un magazzino Amazon a Staten Island, suggerisce che la battaglia tra lavoro e capitale si sta scaldando. Ma queste ribellioni stanno avvenendo mentre il tasso di sindacalizzazione è in calo. Oggi, poco più del 10% dei lavoratori è rappresentato da un sindacato, un numero che è sceso di più della metà in 40 anni.
È chiaro che negli ultimi due anni, la Grande Dimissione non ha interrotto questa dinamica. Secondo l’Economic Policy Institute, il tasso di sindacalizzazione è aumentato nel 2020, ma solo perché la maggior parte dei posti di lavoro persi durante la pandemia erano nei settori dei servizi e dell’ospitalità, che hanno meno probabilità di essere sindacalizzati. Nel 2021, il tasso di sindacalizzazione era sceso di nuovo, perché i posti di lavoro che sono tornati erano gli stessi non sindacalizzati che erano stati persi, un fenomeno EPI chiamato “effetto trampolino”. L’evidenza suggerisce che non si stanno creando nuovi e migliori posti di lavoro. I lavoratori che se ne vanno si spostano lateralmente verso gli stessi settori occupazionali che hanno lasciato.
C’è una ragione per cui il presidente del sindacato Amazon Chris Smalls ha usato la sua nuova piattaforma mediatica per deridere l’ossessione del giornalismo per le Grandi Dimissioni. “Quando lasci il tuo lavoro, indovina un po’?”, ha detto alla NPR. “Assumono qualcun altro. Così salti da un incendio all’altro”.
Il problema di Smalls solleva la domanda: Perché così tanti media hanno inquadrato il Big Quit come una buona notizia per i dipendenti?
La posizione sociale dei giornalisti fornisce una risposta. Le persone che riportano le notizie provengono sproporzionatamente da ambienti privilegiati. Uno studio del 2018 ha mostrato che quasi la metà dei giornalisti impiegati al Washington Post e al New York Times ha frequentato università d’élite, e il 20% ha frequentato un istituto della Ivy League. In “The Social Identity of Journalists”, lo studioso Daniel Kreiss ha notato che il giornalismo professionale ha anche un pregiudizio geografico. I giornalisti, ha scritto, sono “raggruppati nelle aree urbane ed esurbane che spesso sono andate economicamente meglio delle loro controparti rurali”. Un altro modo per dirlo è che la maggior parte dei giornalisti non ha mai avuto un lavoro da classe operaia.
Il sospetto nei confronti dei media tradizionali è stato uno dei motivi per cui ho inacidito l’inquadratura della Great Resignation. Ora vedo la maggior parte della copertura delle Grandi Dimissioni come parte di ciò che Adolph Reed ha chiamato una “politica culturale” che condivide la “feticizzazione degli eroi e la propensione per le storie ispiratrici di superamento individuale” dell’industria dello spettacolo. Non è un caso che la politica culturale sia il terreno preferito della classe manageriale professionale a cui appartiene la maggior parte dei giornalisti.
Scrivere la vita degli altri richiede più che l’immaginazione. Prendete il video virale della partenza dell’impiegato di Wal-Mart. Per quanto coraggioso, l’atto della McGrath probabilmente non ha fatto nulla per migliorare la situazione dei suoi colleghi. Potrebbe anche aver peggiorato il loro lavoro, dato che i capi che erano stati umiliati pubblicamente potrebbero aver sfogato la loro rabbia sui dipendenti che hanno sostenuto McGrath. Chiunque abbia lavorato in un negozio al dettaglio sa che le punizioni arrivano in molte forme, compresi gli orari imprevedibili e i turni peggiori. I media raramente seguono i lavoratori lasciati indietro.
Non è una sorpresa che i media diano forma al mondo che pretendono di descrivere. Ciò che è stato meno compreso è quanto sia alta la posta in gioco per i lavoratori a basso salario. La campagna organizzativa dell’anno scorso in un magazzino di Amazon a Bessemer, Ala, è un caso esemplare. Dopo mesi di preparazione e una massiccia copertura della stampa, gli organizzatori hanno tenuto una votazione per decidere se i lavoratori volevano formare un sindacato. Con quasi due terzi di voti negativi, la campagna è stata un flop.
Su The Nation, l’organizzatrice e studiosa di lunga data Jane McAlevey ha scritto un’autopsia della campagna. Ha notato che gli organizzatori non avevano un conteggio accurato di quante persone lavoravano al sito ed erano più preoccupati di dare ai dipendenti una piattaforma digitale per esprimere il loro malcontento con Amazon che di costruire un sostegno popolare per un sindacato.
McAlevey ha anche incolpato i media per la superficialità dei resoconti. C’è stata molta enfasi nella stampa, ha spiegato, sulla “percentuale di lavoratori che sono neri nel magazzino di Amazon, suggerendo che la demografia è il destino”. I giornalisti hanno anche omesso di notare “l’assenza di importanti leader religiosi locali che sostengono pubblicamente i lavoratori”, suggerendo che gli organizzatori di Bessemer non hanno convinto i membri della comunità a sostenere la spinta alla sindacalizzazione. “I media… non avrebbero mai dovuto sopravvalutare questa campagna”, ha scritto, quando “la sconfitta imminente era evidente ovunque”.
La critica di McAlevey è un appello per una valutazione chiara delle perdite dei lavoratori a basso salario e dei loro guadagni. È ora di fare il punto sul fatto che non c’è ancora un salario minimo federale di 15 dollari, nessuna assistenza sanitaria universale e nessun congedo pagato per malattia. In effetti, queste richieste sembrano più lontane ora di quanto non lo fossero prima che i media iniziassero ad annunciare il Big Quit come un punto di svolta per i lavoratori.
Data la disparità tra ciò che la gente vuole e ciò che ottiene dai politici e dai responsabili delle politiche, non posso offrire una soluzione facile alla situazione.

La mia tesi è che il giornalismo d’élite è parte del problema, e il suo smantellamento deve essere parte della soluzione.
La mia disillusione nei confronti delle Grandi Dimissioni si è consolidata la notte in cui l’imbustatrice ha lasciato il lavoro. Per i miei colleghi e per me, la partenza della donna non significava altro che più lavoro per il resto di noi. Layla avrebbe dovuto imbustare da sola, aggiungendo ulteriore tensione a un lavoro le cui esigenze fisiche sono note solo a chi lo ha fatto. Il negozio era ora senza un’imbustatrice, il che garantiva un lavoro aggiuntivo per tutti durante una delle stagioni di shopping più intense dell’anno.
Quella sera mi sono avvicinato alla cassa di Layla per darle la brutta notizia. Ma lei sapeva già cosa era successo. “Mi ha lasciato, vero?” disse la mia collega. “Si è licenziata”, risposi. Layla iniziò a registrare il cliente successivo. “Immagino che siamo da soli”. Annuii. “Siamo da soli”.

Ann LarsonAnn Larson è una scrittrice e attivista che si occupa di istruzione, debito e lavoro a basso salario. I suoi scritti sono apparsi su The New Republic, The Chronicle of Higher Education e altre pubblicazioni.
Questo pezzo è stato sostenuto dall’Economic Hardship Reporting Project.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio

Fumetti, ritorna ARF! e si porta Paco Roca

Tra gli eventi di ARF!, il festival dei fumetti in programma dal 13 al 15 maggio, c'è una mostra sul disegnatore spagnolo Considerato all’u...