18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomemalapoliziaI poliziotti violenti sul lavoro possono esserlo anche a casa

I poliziotti violenti sul lavoro possono esserlo anche a casa

E’ frequente ovunque il coinvolgimento di agenti in casi di razzismo e di violenza domestica. Uno studio americano conferma l’ipotesi di un continuum [Sophie Boutboul]

“Fanculo tua madre, sporca puttana, sporca razza, sei proprio come tutti quegli sporchi ribelli che controllo”. Ecco come un agente di polizia, di stanza alla Police Secours, ha attaccato la sua ex moglie, secondo la denuncia che lei ha presentato nel 2020. L’ufficiale è stato condannato l’anno successivo a 60 giorni di multa, un’alternativa al processo, per violenza domestica e commenti razzisti. È ancora in servizio – la promessa fatta dal ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, di rimuovere i poliziotti condannati si applica solo alle pene detentive.

La sua ex moglie assicura a Mediapart che lui le ha anche detto che “commetteva violenze contro i detenuti in custodia della polizia, come insulti razziali o schiaffi, dicendo che lo faceva da un angolo non inquadrato dalle telecamere. Ha anche confessato di aver effettuato controlli di natura razziale”. Il poliziotto ha riferito che riflette lo stesso senso di impunità della violenza domestica: “Mi ha detto che era intoccabile quando mi ha minacciato”.

Un’altra donna, il cui ex compagno della gendarmeria è stato condannato per violenza contro di lei, ha spiegato che oltre a fare commenti razzisti su di lei, usava i termini “bougnoules” e “blackos” per riferirsi alle persone razzializzate che fermava o affrontava durante le operazioni di polizia.

I poliziotti e i gendarmi che sono violenti nel corso del loro lavoro sarebbero più violenti anche a casa? Potrebbe esserci un legame tra il razzismo di alcuni membri delle forze di polizia e il loro comportamento nei confronti dei loro coniugi?

Philip Stinson, professore specializzato in giustizia penale negli Stati Uniti, è l’autore di uno studio in cui ha analizzato i legami, tra gli agenti di polizia, tra la violenza domestica e la cattiva condotta o gli errori: su 324 casi di agenti di polizia interrogati per violenza di genere in una coppia tra il 2005 e il 2007, il 21% ha coinvolto un agente che era stato anche interrogato in un tribunale federale “per violazione dei diritti civili”. Il ricercatore dice: “Potrebbe essere una cattiva condotta – perquisire qualcuno mentre si è fuori servizio – o una violenza contro qualcuno”.

Negli Stati Uniti, un caso illustra questo problema: quello di Freddie Gray, un nero di 25 anni morto sette giorni dopo un arresto violento a causa delle sue ferite (vertebre cervicali fratturate, tra l’altro) a Baltimora nell’aprile 2015; Brian Brice, uno degli agenti di polizia perseguiti dopo la sua morte, era stato precedentemente implicato in due casi di violenza domestica nel 2008 e nel 2013.

Il professore di diritto Leigh Goodmark, autore di diversi studi sulla morte di Freddie Gray, ma anche sugli agenti di polizia che sono violenti con i loro partner, come “Hands Up at Home: Military Masculinity and Police Officers Who Commit Violence Against Their Partners”, dice a Mediapart: “Ci sono ampie prove che suggeriscono un legame significativo tra gli agenti di polizia implicati per forza eccessiva sul lavoro e quelli che commettono violenza contro i loro partner a casa”. Dice: “Poiché sanno come funziona il sistema, che è improbabile che siano ritenuti responsabili di un uso eccessivo della forza, questo li autorizza e li incoraggia a usare la forza anche nelle loro relazioni personali”.

Sembra anche che ci sia bisogno di riflettere sulla violenza di genere e sessuale ai danni di donne razzializzate al di fuori delle relazioni, come sottolinea Leigh Goodmark citando diversi esempi di agenti di polizia che usano il loro potere negli Stati Uniti per commettere violenza contro donne razzializzate. Per esempio, Daniel Holtzclaw, un ex poliziotto di Oklahoma City, è stato riconosciuto colpevole di aver violentato e aggredito sessualmente tredici donne nere abusando della sua funzione durante gli arresti e con forza eccessiva. In Francia, alla fine di marzo, un poliziotto è stato processato per molestie sessuali e aggressione nei confronti di sette denuncianti straniere o di origine straniera che lo accusavano di aver abusato della sua posizione per violentarle.

L’ipotesi di un continuum di violenza

In Francia, i dati mancano: nessuna cifra, nessuno studio preciso in questa fase… Interrogato su questo punto, il servizio di comunicazione della polizia non ha risposto. Ma diversi attivisti e ricercatori intervistati da Mediapart suggeriscono che c’è un continuum di violenza sessista e razzista dalla caserma alla casa.

Prima di tutto, le condizioni di lavoro della polizia e la loro vicinanza quotidiana alla violenza sono da biasimare. Dagli Stati Uniti, il ricercatore Philip Stinson sottolinea che “la violenza inizia sul lavoro. E c’è un problema con un eccesso di violenza che alcuni poliziotti portano a casa”.

Ma al di là di questo, è anche la concezione “virile” della professione di poliziotto o gendarme ad essere incriminata, in un contesto in cui il razzismo è profondamente radicato.

Lo scrittore e sociologo Kaoutar Harchi si chiede: “Se adottiamo una prospettiva intersezionale [che consiste nel riflettere in modo trasversale sui diversi tipi di dominazione, di classe, di razza o di genere in particolare – ndr], possiamo chiederci fino a che punto un individuo suscettibile di commettere un atto di violenza sessista non sarebbe suscettibile di commetterne altri di natura razzista, soprattutto per gli agenti di polizia, il cui rapporto con il mondo è segnato da valori maschili di controllo e sorveglianza”.

Nella commissione “Police, Justice, Prison” del collettivo afrofemminista Mwasi, Laure e Marie abbondano: “È una professione con rischi psicosociali catastrofici, che esaspera la virilità, che permette al patriarcato di esprimersi senza limiti, con un’ideologia razzista, classista e sessista. E si insegna loro che, anche al di fuori dell’orario di lavoro, l’uniforme non li abbandona mai veramente”.

Anche la storica e politologa Vanessa Codaccioni, docente di scienze politiche e autrice di La Légitime Défense (CNRS Éditions, 2018), si chiede: “Si può, nel contesto del proprio lavoro, mettere in atto pratiche discriminatorie e di violenza contro minoranze razziali che si vanno a controllare, molestare, insultare, colpire o addirittura uccidere, e avere un atteggiamento pacifico e rispettoso nella propria casa? L’ipotesi è che ci sarebbe una forma di continuum di violenza tra pratiche professionali e personali, una porosità, ma sarebbe necessario poterlo sostenere con studi quantitativi.

Secondo il sociologo Mathieu Rigouste, autore di La Domination policière – une violence industrielle (La Fabrique Éditions, 2012), questo presunto legame tra razzismo, violenza in servizio e in casa potrebbe essere spiegato da un intreccio di relazioni di dominazione: “La forza di polizia è guidata da una sorta di ricerca permanente di sottomissione nell’interazione con l’altro, e tutto ciò che le resiste è visto come illegalità. Cerca di sottomettere il corpo dell’altro, che si tratti di una persona razzializzata o di una donna nello spazio domestico”.

Paul Rocher, economista e autore di Gazer, mutiler, soumettre (La Fabrique Éditions), conferma: “L’istituzione della polizia produce razzismo e sessismo, e si può dedurre che un poliziotto incline a commettere atti razzisti e sessisti nel corso del suo lavoro potrebbe comportarsi in modo simile a casa.”

Ostacoli simili nel percorso polizia-giustizia

Una cosa è certa, ci sono somiglianze tra gli ostacoli che incontrano le vittime della violenza della polizia e quelli che incontrano le vittime della violenza domestica commessa da un poliziotto o da un gendarme: rifiuto di sporgere denuncia, false dichiarazioni, minacce di rappresaglie, minimizzazione dei fatti…

L’avvocato e membro della Ligue des droits de l’homme Arié Alimi lo conferma: “Ci sono correlazioni tra il trattamento poliziesco e quello giudiziario, che va controcorrente rispetto alla ricerca della verità, con una cattiva accoglienza delle denunce, una volontà da parte della procura di non indagare veramente, e una visione un po’ sprezzante della vittima, che viene fatta sentire colpevole, sia che si tratti di una donna violentata dal suo compagno o di una vittima della violenza della polizia”.

Marie e Laure, del collettivo afrofemminista Mwasi, mettono anche in guardia sull’impunità di cui può godere la polizia. “La parola di una persona, uomo o donna, e per di più una persona razzializzata, quando dice di essere stata vittima di violenza da parte di poliziotti o gendarmi, è sempre messa in discussione. Di fronte a questo, essi sono sottoposti a giuramento, ad un altro livello di credibilità”.

Inoltre, il sociologo Kaoutar Harchi mette in guardia sulla percezione di questi uomini nella società: “C’è l’idea che i poliziotti non possano commettere violenza, a fortiori violenza sessista e sessuale, poiché il loro compito è quello di arrestare coloro che la commettono, che sono, secondo loro, le sezioni razziali e operaie della popolazione maschile. Questo gruppo professionale gode di una posizione eroicamente bianca. Come uomini bianchi, godono della percezione che la loro violenza sia accidentale e non strutturale, parte di un ordine sociale più profondo. Questa si chiama razzializzazione del sessismo.

Nel caso di un alto ufficiale della gendarmeria che era violento con la moglie nera, quest’ultima ha riferito che l’ha presa a calci: “Dato che sei nera, la tua pelle non si marcherà… Sono un gendarme, e a chi vogliamo credere? Non a te, una donna nera!”

“Questa minaccia dimostra che il razzismo è totalmente incorporato dall’ufficiale”, nota Marie, del collettivo afrofemminista Mwasi. A Mwasi, ricordiamo anche il caso di Chahinez Daoud, uccisa dal suo compagno nel febbraio 2021, e il poliziotto che ha raccolto la sua denuncia, che è stato lui stesso condannato per violenza contro la sua compagna. C’erano “seri dubbi sulla sua accuratezza”. “L’agente di polizia che l’ha ascoltata era stato condannato per violenza domestica, e si trovava di fronte a una donna razzializzata che indossava un foulard. La gestione della sua denuncia è stata doppiamente parziale?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio