18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homeconsumare stancaSanders contro Amazon, senza sindacati nessun appalto federale

Sanders contro Amazon, senza sindacati nessun appalto federale

Escludere da tutti i contratti federali Amazon finché non smette di boicottare i sindacati [John Nichols]

Quando Joe Biden ha vinto la presidenza nel 2020, lo ha fatto come un candidato apertamente pro-sindacato. Non si è limitato a parlare in modo favorevole ai lavoratori – ha prodotto un piano per “rafforzare l’organizzazione dei lavoratori, la contrattazione collettiva e i sindacati”. E il piano è sceso nei dettagli. Per esempio, ha promesso di “garantire che i dollari federali non vadano ai datori di lavoro che si impegnano in attività di sabotaggio dei sindacati, che partecipano al furto dei salari o che violano il diritto del lavoro”.
Nella sua campagna Biden ha dichiarato che “istituirà un divieto federale pluriennale per tutti i datori di lavoro che si oppongono illegalmente ai sindacati” e “garantirà che i contratti federali vadano solo ai datori di lavoro che firmano accordi di neutralità impegnandosi a non condurre campagne antisindacali”. Inoltre assegnerà i contratti solo ai datori di lavoro che sostengono i loro lavoratori, compresi quelli che pagano un salario minimo di 15 dollari all’ora e benefici per la famiglia”.
Messaggio eccellente. Ora, è il momento di dare seguito al messaggio.
I lavoratori di Amazon hanno organizzato i magazzini dell’azienda e cercato di impegnarsi nella contrattazione collettiva. Da quando il 1° aprile si è diffusa la notizia che l’Amazon Labor Union ha vinto un voto di rappresentanza nel magazzino Amazon di Staten Island a New York City, i lavoratori di più di 50 magazzini Amazon hanno contattato Chris Smalls, Derrick Palmers e gli altri organizzatori dell’ALU. Non c’è dubbio che i lavoratori vogliano sindacalizzarsi. Infatti, ha detto Brett Daniels, il direttore dell’organizzazione del comitato dei lavoratori di ALU, “abbiamo lavoratori in tutto il paese già in comunicazione con noi che vogliono organizzarsi”.
Ma Amazon, un importante appaltatore federale, sta ponendo ogni ostacolo che può trovare sulla strada dei lavoratori. La corporazione immensamente redditizia, che ha goduto di vendite nette di quasi 470 miliardi di dollari nel 2021, si è opposta ai legittimi sforzi dei suoi dipendenti per assicurarsi la rappresentanza sindacale. L’approccio rigorosamente anti-sindacale di Amazon non è un segreto. È stato dettagliato in articoli con titoli come “Come Amazon schiaccia i sindacati” (The New York Times) e “Come Amazon tiene d’occhio l’attivismo dei dipendenti per tenere lontani i sindacati” (CNBC).
Così il senatore Bernie Sanders dice che è ora che il presidente mantenga la sua promessa elettorale e “firmi un ordine esecutivo per proibire ad aziende come Amazon che hanno violato le leggi sul lavoro di ricevere contratti federali pagati dai contribuenti d’America”. In una lettera inviata a Biden martedì, Sanders ha sostenuto che Amazon “è il manifesto del perché questo ordine esecutivo anti-sindacale è necessario ora più che mai”.
La lettera ha notato che, negli ultimi 18 anni, “Amazon ha ricevuto migliaia di contratti federali del valore di miliardi di dollari. Il Washington Post, anch’esso di proprietà del signor Bezos, ha riferito che Amazon è in linea per ricevere un contratto cloud dalla National Security Agency che vale fino a 10 miliardi di dollari – un contratto che non dovrebbe ricevere finché continua a violare le leggi sul lavoro. Un’altra azienda di proprietà di Bezos, Blue Origin, potrebbe anche ricevere un contratto dalla NASA per un valore fino a 10 miliardi di dollari per far volare un’astronave sulla luna, dopo che più di 20 dipendenti attuali ed ex dipendenti hanno affermato che questa azienda ha ripetutamente discriminato i lavoratori e non ha rispettato i protocolli di sicurezza”.
Sanders, che si è incontrato con i lavoratori di Amazon domenica a New York, non si è limitato a spedire la lettera al presidente. È andato al Senato e ha espresso un biasimo per gli sforzi del miliardario fondatore di Amazon, Jeff Bezos, e dei suoi luogotenenti per bloccare l’organizzazione sindacale a Staten Island. “Il signor Bezos e Amazon hanno fatto tutto il possibile, legale e illegale, per sconfiggere il sindacato”, ha detto Sanders. “In effetti, Amazon non può nemmeno venire a patti con la realtà che i lavoratori di Staten Island hanno vinto le loro elezioni sindacali onestamente. Per rallentare il processo, i suoi avvocati hanno fatto appello a quel risultato elettorale al NLRB. La loro strategia è ovviamente quella di usare la loro incredibile ricchezza per temporeggiare, temporeggiare e temporeggiare. In ogni modo possibile, si rifiutano di negoziare un primo contratto equo con l’Amazon Labor Union”.
Il senatore ha spiegato che gli abusi a Staten Island fanno parte della ben più ampia agenda anti-sindacale di Amazon.
“Amazon è stata impegnata in un massiccio tentativo di minare l’organizzazione sindacale in diretta violazione delle leggi e dei regolamenti sul lavoro”, ha detto Sanders, che poi è entrato nello specifico:
“Amazon è stata sanzionata per più di 75 milioni di dollari per aver infranto le leggi federali sulla discriminazione e sui salari ed è attualmente citata in giudizio dal NLRB per reintegrare un lavoratore che è stato illegalmente licenziato per aver organizzato un sindacato”.
“L’NLRB ha trovato molteplici casi di opposizione illegale ai sindacati da parte di Amazon, e ci sono attualmente 59 casi di Unfair Labor Practice aperti e pendenti davanti all’NLRB.

“Numerosi dipendenti attuali ed ex dipendenti hanno dichiarato che Amazon si è impegnata in molestie illegali e discriminazioni basate su razza, sesso e orientamento sessuale.
“Amazon classifica erroneamente gli autisti delle consegne come appaltatori indipendenti piuttosto che come dipendenti per eludere le responsabilità fiscali, salariali e dei benefici.
“Le inadeguate politiche di sicurezza sul posto di lavoro di Amazon comportano anche gravi rischi per i lavoratori. In alcuni casi, i loro tassi di infortuni sul lavoro sono più di 2,5 volte la media del settore. Lo scorso dicembre, sei lavoratori di Amazon sono morti dopo che è stato loro richiesto di continuare a lavorare durante condizioni climatiche non sicure in un magazzino che non aveva strutture o politiche di sicurezza adeguate.”
Sanders ha raccontato a The Nation questa settimana che intende continuare a mobilitarsi con i lavoratori di Amazon mentre si diffondono le spinte organizzative e le votazioni per la rappresentanza sindacale. Per il senatore, bloccare il rivenditore online dagli appalti federali è una questione di responsabilità di base e di rispetto dello stato di diritto. “Amazon può essere una grande e redditizia società, può essere di proprietà di una delle persone più ricche d’America, ma non può esserle permesso di continuare a violare la legge e i diritti dei suoi dipendenti. Se ai lavoratori viene chiesto di obbedire alla legge, lo devono fare o vengono puniti dalla legge”, ha detto Sanders ai suoi colleghi questa settimana. “Questo stesso principio deve essere sostenuto per una grande e potente società come Amazon”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio