30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
30.2 C
Rome
giovedì 30 Giugno 2022
Homein fondo a sinistraNupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. La suddivisione degli eletti per partito [Mathieu Dejean]

Qual è la migliore strategia da adottare per apparire chiaramente come la prima forza di opposizione al presidente Macron? La questione sta sollecitando Jean-Luc Mélenchon. All’indomani di un secondo turno di elezioni legislative che non ha permesso alla Nuova Unione Popolare, Ecologica e Sociale (Nupes) di ottenere una maggioranza, nemmeno relativa, il leader dell’unione della sinistra e degli ecologisti – lungi dall’aver appeso il grembiule al chiodo, nonostante non fosse candidato – ha avanzato una proposta che ha colto di sorpresa i suoi partner.

Nel dettaglio, 72 seggi sono stati conquistati 
da France Insoumise (LFI); 
24 dal Partito Socialista (PS); 
12 dal Partito Comunista Francese (PCF) 
e 23 da Europe Écologie-Les Verts (EELV).

“Dobbiamo essere e rimanere un’alternativa unita. In altre parole, la Nupes dovrebbe costituirsi come gruppo unico in parlamento, in modo che, senza alcuna possibile discussione, sia stabilito chi guida l’opposizione nel Paese […]”, ha dichiarato solennemente davanti alla sede de La France insoumise (LFI). “È un elemento di ordine che si impone nel caos che avanza. […] Non è un’ingiunzione, è una proposta, naturalmente non impedisce a ciascun partito di avere una delegazione auto-organizzata”, ha aggiunto.
Mentre il Rassemblement National (RN) compete con La France insoumise (LFI) per lo status di primo avversario di Emmanuel Macron, grazie a un punteggio storicamente elevato (che gli conferisce un numero di deputati superiore a quello del solo movimento insoumis), l’ex deputato di Bouches-du-Rhône vuole approfittare della forza numerica del Nupes (147 deputati) affinché questo status torni inequivocabilmente alla sinistra e agli ecologisti.
“È una proposta, l’abbiamo messa sul tavolo perché pensiamo che la situazione sia senza precedenti. Dobbiamo essere identificati come l’opposizione a Macron, e non lasciare il posto al RN”, ha dichiarato Manuel Bompard, ex direttore della campagna presidenziale di Jean-Luc Mélenchon, eletto a Marsiglia. Il partito di estrema destra, forte del suo punteggio, sta infatti puntando alla presidenza della Commissione Finanze che, secondo il regolamento dell’Assemblea Nazionale, appartiene all’opposizione – senza specificare quale. Le recenti dichiarazioni di Marc Fesneau e Olivia Grégoire, due ministri del governo Borne, hanno preoccupato Jean-Luc Mélenchon su questo tema: “Sono pronti a insediare il Fronte Nazionale nel comitato finanziario”, ha detto.
Ma questo non è l’unico motivo di preoccupazione dei quadri insoumis. Nell’instabile situazione politica emersa dalle urne, prevedono anche un possibile scioglimento dell’Assemblea nazionale, nel qual caso vogliono poter apparire come l’opposizione più evidente agli elettori. Se abbiamo un unico gruppo di opposizione, ci consolidiamo politicamente, e non solo simbolicamente”, teorizza la deputata insoumise Clémentine Autain. La Nupes deve durare ed essere solida, in modo che in caso di scioglimento sia pronta a imporsi”.
Questa volontà di istituzionalizzare il Nupes non piace però ai partner di LFI, che sono molto scettici sia sul metodo che sul contenuto della proposta. La numero 2 del PS, Corinne Narassiguin, contattata da Mediapart, ritiene che “non ci sia un argomento” e che le dichiarazioni del leader del Nupes siano “pensieri ad alta voce” che dovrebbero essere riservati a un quadro di discussione comune. “La complementarietà è un punto di forza, a patto che ci sia un intergruppo: quattro gruppi significano più risorse, più nicchie parlamentari e più tempo di parola”, ha difeso, ricordando che “gli ecologisti, i comunisti e i socialisti restano attaccati alle loro identità”.
Di fatto, questa dichiarazione ha fatto rivivere i dilemmi esistenziali dei partiti politici che, dopo le elezioni presidenziali, temevano una forma di assorbimento in un cartello sotto il dominio dell’insoumise. Il PCF, il PS e l’EELV hanno quindi rifiutato la proposta di un gruppo unico. “Il momento politico non invita alla confusione, ma alla coerenza e al rispetto degli impegni presi con gli elettori. Avere 4 gruppi non è una debolezza, è una forza”, ha reagito su Twitter l’eurodeputato dei Verdi David Cormand, che tiene molto all’autonomia dell’ecologia politica.
Contattato da Mediapart, il portavoce dell’EELV Alain Coulombel, uno dei più accaniti difensori della linea unitaria interna, è sulla stessa posizione: “Penso che sia un errore, che indebolisce Nupes mentre siamo solo agli inizi della legislatura. È precipitoso e non è accettabile in termini di metodo, visto che non c’è stata alcuna discussione”. Il ruolo preponderante di Jean-Luc Mélenchon, anche se non si è candidato alle elezioni legislative, lascia dubbi anche sui suoi partner. “È in grado di dare consigli”, ha risposto Manuel Bompard. Clémentine Autain afferma che, in questa proposta, il gruppo unico dei Nupes lascerebbe spazio di manovra ai partiti: “Proponiamo delegazioni in base ai partiti e una presidenza a rotazione ogni sei mesi. Se gli altri non vogliono, toccherà a loro giustificarsi e spiegarlo ai loro elettori.
Benjamin Lucas, membro di Génération.s, concorda sul fatto che la situazione dovrebbe portare a una riflessione collettiva: “La presenza massiccia dell’estrema destra dovrebbe mettere in discussione tutte le nostre certezze. È un fatto politico drammatico. Ovviamente, dobbiamo metterci in discussione per trovare un modo per resistere. Ciò implica che ci parliamo e che troviamo soluzioni affinché le voci della sinistra e degli ecologisti siano ascoltate e incarnate nell’Assemblea nazionale. Le prossime discussioni promettono di essere vivaci.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

“Radicali” in Cgil, la sfida conflittuale a Landini

Centinaia di lavoratori alla presentazione del documento alternativo: “Le radici del sindacato”

Il conflitto russo-ucraino divide la sinistra anti-guerra

Il campo antimperialista alla prova dall'invasione dell'Ucraina. Chi rifiuta l'invio delle armi, chi lo ritiene inevitabile [Fabien Escalona]

Bioeconomia senza trucchi, scienziati in cerca di esperienze concrete

Non basta dirsi bio per sottrarsi alle logiche dell'economia fossile. Come partecipare alla conferenza multidisciplinare di Bioeconomia

Melilla, l’esternalizzazione delle frontiere uccide ancora

Sale il bilancio della strage di migranti a Melilla. Sanchez si complimenta con i gendarmi marocchini. Tweet choc di Salvini 

Watergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

L'anniversario del 50 anni dallo scandalo Watergate cade nei giorni dell'inchiesta su Trump L'insabbiamento del Watergate da parte di Ni...