15.7 C
Rome
sabato 10 Dicembre 2022
15.7 C
Rome
sabato 10 Dicembre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaContro Vincenzo Vecchi, la giustizia europea sposa il Codice Rocco

Contro Vincenzo Vecchi, la giustizia europea sposa il Codice Rocco

Vincenzo Vecchi, perseguitato per i fatti di Genova 2001, potrebbe essere estradato perché la Francia è disposta ad applicare una legge “fascistissima”

Racconta di «Facce stanche ed espressioni preoccupate», il giornalista Mathieu Dejean, raccontando su Mediapart la conferenza stampa del 5 ottobre all’Assemblea Nazionale dove, sotto l’egida del deputato comunista Pierre Dharréville, i membri del comitato di sostegno a Vincenzo Vecchi non hanno nascosto la loro angoscia e la loro stanchezza. Questo collettivo, composto principalmente da abitanti di Rochefort-en-Terre (Morbihan), è impegnato da tre anni in una lotta «omerica» in difesa del cittadino italiano di 52 anni, che vive in questo villaggio bretone da più di dieci anni, e al quale la giustizia italiana chiede di scontare una pena di dodici anni e sei mesi di carcere, per aver manifestato contro il G8 di Genova nel 2001.

“Vincenzo sta prendendo tutto questo con filosofia, siamo quasi più preoccupati di lui”, sorride Jean-Pierre Guenanten, un pescatore amico dell’attivista antiglobalizzazione, che ammette a Mediapart di essere diventato un “maratoneta”, come i suoi compagni, a forza di alti e bassi legali. Grazie alla loro mobilitazione e al lavoro dei loro avvocati, la consegna di Vincenzo Vecchi ha incontrato una forte resistenza fin dal 2019. Due tribunali francesi (la Corte d’appello di Rennes e la Corte d’appello di Angers) hanno rifiutato di eseguire il mandato d’arresto europeo (MAE) emesso dall’Italia nei suoi confronti. Una vicenda di cui anche Popoff s’è occupato più volte perché si trascina da anni e intreccia le derive autoritarie di due paesi, Francia e Italia. «Questo è un messaggio inequivocabile per tutti gli attivisti: gli Stati europei stanno avallando il regno della paura contro tutti coloro che osano unirsi ai movimenti di resistenza cosiddetti “radicali”, che non giocherebbero al saggio gioco della “manifestazione pacifica”», avverte un comunicato di Npa, Noveau Parti Anticapitaliste.

Dove inizia la violazione dei diritti fondamentali

Ma l’azione penale è implacabile, come denuncia la Lega per i diritti umani (LDH), che vede in Vincenzo Vecchi un caso sintomatico della “crescente criminalizzazione degli attivisti”. Per Marie-Christine Vergiat, vicepresidente della LDH, “si tratta di un caso esemplare e simbolico”, soprattutto nell’attuale contesto politico, sia in Italia che in Francia, “di messa in discussione dei diritti fondamentali”.

Il 14 luglio, la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) ha ordinato alla magistratura francese di applicare il MAE in virtù della “cooperazione giudiziaria” a livello europeo. Questo è stato un duro colpo per i suoi sostenitori. Finora, Vincenzo Vecchi era protetto da questa sorte dal principio della doppia incriminazione (secondo il quale il reato di cui è accusato nel Paese che emette il MAE deve essere riconosciuto dalla legge del Paese di esecuzione). Tuttavia, l’incriminazione italiana nei suoi confronti (“devastazione e saccheggio”) non ha un equivalente nel diritto francese.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

E per una buona ragione: nel 2004, la giustizia italiana ha rispolverato il codice Rocco, dal nome del Ministro della Giustizia di Mussolini, risalente al 1930, per condannare pesantemente i “dieci di Genova” (sulle 350 persone arrestate nell’ambito dei disordini del contro-vertice del 2001), tra cui Vincenzo Vecchi.

“Non è in nome di una legge insignificante che si invoca Vincenzo: questa legge Mussolini fu qualificata dallo stesso Mussolini come fascistissima”, riferisce lo scrittore Eric Vuillard, membro del comitato di sostegno. È un’incriminazione collettiva, che stabilisce una complicità passiva: basta essere stati lì, vicino a un episodio di disordine, durante una manifestazione, per essere considerati complici. Esiste al solo scopo di far temere rappresaglie, di spaventare i manifestanti, poiché comporta una pena fino a quindici anni di carcere. Questa legge è una legge centrale del fascismo, appartiene in sostanza a una dittatura. Stiamo quindi superando una soglia critica nella violazione del diritto di manifestare, ci stiamo allontanando dalle pratiche standard delle democrazie liberali”.

Vincenzo Vecchi in aula

Tuttavia, la CGUE ritiene che “non è richiesta una perfetta corrispondenza tra gli elementi costitutivi del reato in questione nello Stato membro di emissione e nello Stato membro di esecuzione” del mandato. “La CGUE dà un’interpretazione così restrittiva della condizione della doppia incriminazione che abolisce qualsiasi limite all’automaticità del MAE nello spazio giuridico europeo e annienta tutti i controlli e la protezione che questa condizione assicurava”, si preoccupa Arnaud Gamet, membro del comitato di sostegno.

Spetta ora alla Corte di Cassazione pronunciarsi, l’11 ottobre alle 10, su questo caso individuale di “una persona presa dal vento gelido delle istituzioni” (per usare l’espressione di Éric Vuillard), che minaccia i diritti fondamentali in generale.

Una legge fascistissima applicata in Francia?

Nel frattempo, la sinistra partecipa a questa lotta per opporsi alla consegna all’Italia e per portare la questione all’attenzione dell’opinione pubblica. Settantasei deputati francesi comunisti, insoumis, ecologisti e socialisti hanno firmato un parere in tal senso. “La Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) sta privilegiando un vago concetto di “buona cooperazione” tra i Paesi europei a scapito di diritti fondamentali come la presunzione di innocenza e la proporzionalità tra pene e reati”. La CGUE ha fatto una scelta politica”, denuncia Frédéric Mathieu, deputato di La France insoumise-Nupes per Ille-et-Vilaine.

Presente alla conferenza stampa del 5 ottobre, anche l’ex candidato alle presidenziali Jean-Luc Mélenchon ha dato il suo sostegno alla causa, insistendo sul contesto politico in cui potrebbe avvenire il passaggio di consegne all’Italia, dato che il partito post-fascista di Giorgia Meloni ha largamente dominato le elezioni italiane del 25 settembre: “Mi sembra inquietante che la Meloni salga al potere in Italia, la patria dell’umanesimo, e che il suo primo rapporto con la Repubblica francese sia quello di farsi consegnare una persona che non ha commesso alcun reato. ” Le uniche accuse oggettive contro Vincenzo Vecchi includono l’aver spostato delle assi da un cantiere a una strada e l’essere stato visto bere una lattina vicino a un negozio di alimentari saccheggiato.

Per questi reati, il genovese ha già trascorso un anno e quattro mesi in carcere. “Sedici mesi di carcere e l’esilio dal suo Paese, lontano dalla sua famiglia, per undici anni, ne valgono la pena in relazione a ciò di cui è accusato. Non possiamo parlare di impunità”, sottolinea Jean-Pierre Guenanten.

Di fronte a questa “vendetta di Stato contro i dieci genovesi”, Pascale Jaouen, membro del comitato di sostegno ed ex magistrato, teme un “patto politico tra Francia e Italia per la restituzione di Vincenzo Vecchi”. “Chiede alla Corte di Cassazione, che ha ancora la possibilità, dopo i due rifiuti della giustizia francese di restituire l’italiano al suo Paese, di allinearsi a questa decisione.

In caso contrario, “si potrebbe ritenere che una legge Mussolini possa essere applicata in Francia”, osserva Maxime Tessier, uno degli avvocati di Vincenzo Vecchi. “È una preoccupazione estrema per un avvocato ma anche per un cittadino”, aggiunge. “Se mai verrà consegnato all’Italia, le autorità non potranno venire a prendere Vincenzo. Non sarà mai solo”, ha promesso il senatore ecologista del Morbihan, Joël Labbé.

Il contro-vertice di Genova del 2001 ha riunito 300.000 persone ed è stato accolto da una sanguinosa repressione. Un giovane manifestante, Carlo Giuliani, è stato colpito alla testa da un carabiniere. Lo stesso capo della polizia italiana, Franco Gabrielli, ha poi ammesso che la polizia ha commesso “atti di tortura” contro i manifestanti. Lo Stato italiano è stato condannato tre volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per non aver perseguito gli autori di questa repressione, oltre che per trattamenti inumani e degradanti. Questa immane mole di episodi feroci di repressione è stata descritta da Amnesty International come “la più grande violazione dei diritti umani e democratici in un Paese occidentale dalla Seconda guerra mondiale”.

Il sostegno si sta organizzando e ampliando

Dopo la manifestazione dell’8 agosto, che ha riunito più di 300 persone a Rochefort-en-Terre, dopo quella di Nantes che ha raccolto quasi 200 persone, sono previste azioni a Milano e Genova, a Bruxelles e a Liegi. Il Comitato di sostegno convoca una manifestazione l’11 ottobre a Parigi, dove la Corte di Cassazione si pronuncerà sull’estradizione o meno di Vincenzo in Italia, in un momento in cui una post-fascista sta per essere nominata Presidente del Consiglio in Italia! Chiede inoltre di riattivare ovunque i comitati locali per organizzare le mobilitazioni. «E la battaglia legale continua, e costa!», avvertono i sostenitori chiedendo un supporto su https://www.comite-soutien-vincenzo.org/

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Geopolitica della qualificazione del Marocco

Il Marocco va ai quarti, entusiasmo palestinese e dei popoli africani, un po' meno dei loro governi collusi con Israele. I qatarini provano a farne un successo arabo [Yunnes Abzouz e Rachida El Azzouzi]

Viktor Bout, la pedina che sta tanto a cuore al Cremlino

Il Cremlino ha scambiato l'ostaggio Brittney Griner per il trafficante Viktor Bout imprigionato oltreoceano [Antoine Perraud]

Le sliding doors di una signora in grigio

Lady Grey, di Will Eno, in scena alla Sala Mercato del Teatro Nazionale di Genova  Mostra e dimostra... ovvero quell'esercizio tra performa...

Il chitarrista più veloce della storia

di Guglielmo Mattia Esce il 4 dicembre “Full emersion”, il nuovo singolo del giovane musicista Davide Lo Surdo, il chitarrista più veloce...

Cina, sfidando il Pcc al canto dell’Internazionale

Cresce la rabbia contro il lockdown in Cina. Slogan contro il Pcc e Xi Jinping. La prima volta dal 1989 [François Bougon]