6.9 C
Rome
venerdì 3 Febbraio 2023
6.9 C
Rome
venerdì 3 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homein fondo a sinistraLa base inquieta della France insoumise

La base inquieta della France insoumise

Mancanza di democrazia interna: la base militante de La France insoumise per la prima volta in una posizione di sfiducia nei confronti di Mélenchon [Mathieu Dejean]

I leader de La France insoumise (LFI) sanno da Lenin che una situazione diventa rivoluzionaria quando “chi sta sotto” non vuole più continuare a vivere nel vecchio modo e “chi sta sopra” non può più farlo. Probabilmente non pensavano che la diagnosi si sarebbe mai applicata alla loro organizzazione. Eppure questo è ciò che sembra prendere gradualmente forma all’interno del movimento di sinistra.

Al vertice, la crisi politica è stata aperta dall’annuncio, alla vigilia dell’assemblea rappresentativa del 10 dicembre (che avrebbe dovuto compiere un passo verso la ristrutturazione interna del movimento), della designazione di Manuel Bompard come nuovo coordinatore de facto. Il carattere unilaterale di questa decisione e l’esclusione dal coordinamento di diverse personalità di LFI che incarnano sensibilità diverse da Jean-Luc Mélenchon (nonostante il loro invito a far parte di un “consiglio politico” elaborato all’ultimo momento), a vantaggio di persone vicine all’ex candidato alle presidenziali, hanno dato vita a un movimento di protesta senza precedenti.

I deputati Clémentine Autain, Raquel Garrido, Alexis Corbière e François Ruffin hanno espresso pubblicamente il loro disaccordo in termini duri. Il termine “fallimento” è stato utilizzato da Raquel Garrido, oltre che dall’economista Cédric Durand e dal sociologo Razmig Keucheyan, entrambi coinvolti nell’Istituto La Boétie, co-presieduto dalla deputata Clémence Guetté e da Jean-Luc Mélenchon.

In un articolo pubblicato su Mediapart, i due intellettuali scrivono: “L’organizzazione deve avere una leadership legittima, che aggreghi le forze. E lì dobbiamo ammettere che è un fallimento. Lo sforzo di formalizzare gli organismi è stato encomiabile, ma la designazione “per consenso” di una leadership organizzativa alla fine dell'”assemblea rappresentativa del movimento” è, per usare un eufemismo, maldestra. È senza dubbio l’ultimo sussulto di un modo di operare che ha spinto FI alla ribalta politica e che per questo è difficile da eliminare, ma che non è più adatto ai compiti del momento.

Stanchezza degli attivisti

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

In seguito a ciò, il 13 dicembre, l’ex coordinatore nazionale di LFI, Adrien Quatennens, è stato condannato a quattro mesi di carcere con la condizionale per violenza domestica nei confronti dell’ex moglie. Il gruppo parlamentare LFI ha deciso, dopo un dibattito interno e una votazione in più fasi, di sospendere il deputato del Nord per quattro mesi.

Tuttavia, alla fine di questo periodo, è stato annunciato il suo ritorno, a condizione che seguisse un corso di responsabilizzazione sulla violenza contro le donne.

Si tratta di una posizione mediana, frutto di riflessioni sulla proporzionalità delle sanzioni dopo #MeToo, ma giudicata incompatibile con gli impegni femministi di LFI da alcune attiviste, che avevano già disapprovato la reazione di Jean-Luc Mélenchon al momento del ritiro di Adrien Quatennens. Le due interviste rilasciate subito dopo la condanna, a La Voix du Nord e a BFMTV, in cui si finge vittima e ribalta le accuse, hanno reso ancora più esplosiva la situazione. Alcuni parlamentari si sono dissociati da lui – alcuni, come la deputata della Dordogna Pascale Martin, hanno detto che avrebbe dovuto essere “escluso dal gruppo”.

Un’esclusione pura e semplice avrebbe significato che Adrien non avrebbe potuto migliorare in alcun modo”, ha difeso Antoine Léaument, deputato dell’Essonne. Ha commesso una colpa, si è dichiarato colpevole e ha riconosciuto che si trattava di una colpa grave. La decisione collettiva che abbiamo preso tiene conto sia dei nostri impegni femministi sia della nostra logica in termini di legge e giustizia – dobbiamo anche prevedere come riabilitare.

Argomentazioni inascoltabili per una parte della base militante di LFI, che per la prima volta si è posta in una posizione di sfiducia duratura nei confronti della leadership. In una tribuna pubblicata su Mediapart, una cinquantina di insoumis-es, spesso giovani, alcuni dei quali membri del collettivo “Relève féministe”, fanno il collegamento tra i due aspetti della crisi che l’organizzazione sta attraversando: “La cattiva gestione dell’affare Quatennens è per noi anche il sintomo di un problema ricorrente all’interno de La France insoumise: la mancanza di democrazia interna. Per risolvere fratture e controversie, il nostro movimento deve più che mai ascoltare l’appello della sua base militante e dare seguito alle dimissioni di Adrien Quatennens.”

A riprova di questa dualità del problema, alcuni citano un messaggio inviato dalla deputata parigina Sophia Chikirou in un circolo Telegram che riunisce un centinaio di dirigenti dell’LFI, poche ore prima della condanna di Adrien Quatennens. La co-responsabile dello spazio “battaglia mediatica” nel nuovo coordinamento ha indicato una lista di “elementi” per preparare la “furia mediatica” che avrebbe “subito”. Una di queste, che precede la decisione collettiva presa successivamente dal gruppo: “Lui [Adrien Quatennens – ndr] deve poter tornare perché ci deve essere una graduazione nelle sanzioni”. Questa tendenza alla verticalità del potere, concentrata intorno alla prima cerchia di Jean-Luc Mélenchon, irrita internamente.

Mentre il 16 dicembre, in occasione di un incontro a Saint-Étienne (Loira), il tre volte candidato alle presidenziali ha reagito alle critiche, dicendo che gli dispiaceva a volte fare da “parafulmine” per “tutte le ambizioni dei [loro] amici”, un esponente di LFI ha replicato, sotto anonimato: “Non è lui il parafulmine, è lui che dà gli ordini”.

È sulla base di queste critiche che una dozzina di gruppi d’azione dei Giovani Insoumis-es si sono dichiarati in “sciopero militante” (nonostante la loro dipendenza statutaria dalla LFI) per chiedere che Adrien Quatennens non rappresenti più il movimento. I due gruppi si riuniranno per prendere una posizione pubblica comune entro la fine di dicembre.

L’opacità del processo decisionale in LFI e la mancanza di un’ampia inclusione di tutti gli attivisti fa sì che le decisioni prese dal coordinamento o dal gruppo parlamentare non siano condivise, soprattutto dai giovani”, critica Lou Toussaint, giovane insoumise di Strasburgo. Dobbiamo funzionare in modo più democratico se vogliamo che il movimento si rafforzi.

Nel caso dei giovani insoumis-es, essi hanno cercato di mettere la questione della democrazia interna all’ordine del giorno delle loro giornate di formazione nell’agosto 2022, dopo la pubblicazione di un post sul blog di Clémentine Autain, ma sono stati respinti dalla direzione. “Ci è stato detto che questo non era il quadro giusto”, ha riassunto un testimone. Il co-leader dei Giovani Insoumis, Aurélien Le Coq (ex manager della campagna di Adrien Quatennens), contattato per questo articolo, non ha risposto alla nostra richiesta.

Il movimento appare quindi diviso sia in alto che in basso. Sui social network, i sostenitori di Adrien Quatennens hanno lanciato i tag #AdrienReviens e #SoutienAdrienQuatennens, con immagini che deplorano la sua “doppia punizione” e altre petizioni contro le “molestie politiche”. Alcuni quadri intermedi cercano di calmare gli animi in nome del sindacato che sta dietro al programma “L’Avenir en commun”, come Maxime Da Silva, ex candidato alle legislative, che su Twitter invita a “pensare alle conseguenze prima di postare o rispondere ai giornalisti”.

Anche Antoine Léaument, l’ex responsabile della comunicazione digitale di Jean-Luc Mélenchon, ora incaricato della “vita del movimento” nel nuovo coordinamento, chiede di rinnovare il dialogo. Convinto che la nuova organizzazione goda di un ampio consenso tra gli attivisti, si oppone tuttavia all’idea delle votazioni interne: “Quando si è in un movimento in cui non c’è divergenza di linee politiche, il voto non è sempre lo strumento migliore per prendere decisioni democratiche. Non disprezzo gli attivisti che pensano che avremmo potuto fare meglio.

Spero che riusciremo a coinvolgere il maggior numero possibile di persone e che riusciremo innanzitutto a bloccare la riforma delle pensioni”, ha detto, specificando che da qui alla prossima assemblea rappresentativa, che si terrà tra sei mesi, la struttura del movimento potrebbe essere portata a cambiare.

La speranza di una convergenza con il gruppo parlamentare

Molti sono comunque preoccupati in questo contesto di una potenziale emorragia di attivisti, come quella che LFI ha sperimentato nel 2017. Anche il Discord Insoumis, una comunità autonoma di LFI creata nel 2016 con 17.500 membri più o meno attivi, e che nel 2017 è stata considerata “un team di comunicazione bis” dalla direttrice della comunicazione di Jean-Luc Mélenchon, Sophia Chikirou, ha ufficialmente sospeso le sue azioni in segno di protesta.

Contattata da Mediapart, la Discordia Insoumis ci ha risposto collettivamente per iscritto. Senza mettere in discussione l’organizzazione del movimento “in questa fase”, una parte della comunità avrebbe comunque voluto “una consultazione più ampia” del movimento sul reintegro del deputato del Nord, “dato che la portata della decisione impegna quotidianamente la credibilità dei militanti e, oltre a ciò, le [loro] alleanze con altri partiti di sinistra”. Diverse personalità della Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale (Nupes) hanno infatti manifestato il loro disagio per l’eventuale ritorno tra le loro fila di Adrien Quatennens.

Tuttavia, il collettivo afferma di non volere una scissione e di avere “buone ragioni per dubitare che il suo ritorno al gruppo LFI sia la posizione della maggioranza”: “Abbiamo parlato pubblicamente, per la prima volta, per mettere in discussione la leadership di FI con l’obiettivo di incoraggiarli a rivedere la loro posizione. Escludere Adrien Quatennens in modo permanente e al più presto dal gruppo parlamentare ci permetterebbe di non alienarci la base dei militanti”.

Per il momento, tuttavia, sono soprattutto i manifestanti che si oppongono al ritorno di Adrien Quatennens a essere messi da parte. Cécilia Potier, un’attivista femminista che si è unita ai gruppi di azione (GA) di LFI durante le elezioni presidenziali nelle Bouches-du-Rhône, riferisce di essere stata “esclusa” senza preavviso da un circuito Telegram. “È difficile esprimersi se non si è d’accordo con quanto viene detto ai vertici del movimento. In via ufficiosa, so che molti attivisti stanno stringendo i denti, soprattutto le donne”, spiega.

Sullo sfondo di queste preoccupazioni per il futuro del movimento, si pone anche la questione della potenziale successione di Jean-Luc Mélenchon.

Un’attivista insoumis di Parigi, Alma (nome di battesimo cambiato su sua richiesta) sostiene inoltre che le è stato impedito di pubblicare messaggi sul circuito Telegram del suo GA, dopo aver trasferito la copertina di Libération dedicata allo “sproloquio” di Clémentine Autain sulla democratizzazione di LFI. “È una vera preoccupazione, se questa è la Sesta Repubblica, alle prossime elezioni voterò scheda bianca”, denuncia, affermando di sperare in una soluzione grazie ai membri del gruppo parlamentare che hanno fatto sentire il loro dissenso.

Lou Toussaint ripone anche molte speranze nel gruppo di 75 deputati dell’LFI che hanno creato, sotto l’egida della loro presidente Mathilde Panot, un modo di operare in cui il voto non è un tabù e senza che l’espressione individuale sia sistematicamente vista come un segno di slealtà. “Spero che grazie a loro saremo ascoltati dal coordinamento nazionale e che ci sarà un vero atto di rifondazione con i gruppi giovanili”, confida l’attivista impegnato in LFI dal 2016.

Sullo sfondo di queste preoccupazioni per il futuro del movimento, si pone anche la questione della potenziale successione di Jean-Luc Mélenchon. Dopo le elezioni legislative aveva dichiarato di voler essere “sostituito” da “colui che sarà il più amato dal grande numero”. Ma il blocco dell’apparato insoumis potrebbe impedire tali vocazioni.

Un giovane attivista di Insoumis nel Puy-de-Dôme, che desidera rimanere anonimo, afferma che “gli attivisti di Insoumis vogliono dire la loro su chi succederà a Mélenchon, se davvero qualcuno gli succederà. “Vorremmo poter dire la nostra e non essere messi di fronte al fatto compiuto dalla stampa, come è accaduto per il nostro nuovo coordinatore, Manuel Bompard”, ha detto. Non è che potremo farci qualcosa”, ha detto, “Non potremo farci nulla.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"