29.5 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
29.5 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
Homecronache socialiOperazione "Evelyn", la fuga della giornalista che ha sfidato Putin

Operazione “Evelyn”, la fuga della giornalista che ha sfidato Putin

Marina Ovsiannikova è in Francia e racconta come è riuscita a sfuggire alle grinfie di Putin [Matthieu Suc]

Il confine è lì da qualche parte nella notte. I fuggitivi hanno dovuto abbandonare il loro veicolo impantanato. Si sono fatti strada a tentoni, nascondendosi nel buio quando i fari delle auto delle guardie di frontiera sono apparsi in lontananza. Il campo è infinito, la guida che li accompagna cerca di orientarsi guardando le stelle. Sono in giro da ore.

Da qualche parte, in una foresta, qualcuno li sta aspettando. Da qualche parte in questa foresta si trovano dall’altra parte del confine. Da qualche parte in questa foresta c’è la libertà. La vera libertà. Ma, nella notte buia, nessuna foresta. Il tempo vola, le forze si affievoliscono, la speranza si spegne, così Marina Ovsiannikova grida in mezzo al campo: “Perché lo sto facendo? Sarebbe meglio finire in prigione…”.

Quattro mesi dopo, la giornalista russa che ha sfidato Vladimir Putin ha ritrovato il sorriso e la speranza. Nella tarda mattinata di venerdì 10 febbraio, si è presentata presso la sede di Reporter senza frontiere (RSF), nel 2° arrondissement di Parigi, per una conferenza stampa a cui hanno partecipato media di tutto il mondo.

Vestita con un sobrio abito nero, che lasciava intravedere solo i capelli e gli orecchini d’oro, Marina Ovsiannikova si è rivolta al pubblico: “Salve, grazie a tutti per essere qui, sono felice di essere a Parigi! Poi continua nella sua lingua madre, scusandosi di sfuggita, perché sta imparando il francese, ma padroneggia ancora solo poche parole.

Fin dall’inizio, prima di raccontare la sua storia, ha un pensiero per la guerra che infuria a 2.000 chilometri di distanza. “Intervengo in un giorno tragico in cui la Russia sta lanciando una nuova offensiva in Ucraina.

Venerdì mattina, l’invasore ha lanciato un nuovo attacco “massiccio” con 71 missili e sette droni esplosivi che hanno preso di mira diversi siti energetici.

“Agli ucraini auguro di vincere contro questo regime criminale. Stanno combattendo per noi, per il nostro futuro”, insiste la giornalista russa.

Accanto a lei, Christophe Deloire, segretario generale di RSF, ha spiegato l’importanza della presenza di Marina Ovsiannikova: “per dimostrare che è possibile resistere alle macchine della propaganda, che è possibile opporsi alla falsificazione della storia e degli eventi attuali e alla manipolazione. E la triste realtà dei media russi: 37 giornalisti sono stati uccisi da quando Putin è salito al potere 23 anni fa, almeno altri 20 sono ora in prigione e 200 media locali sono considerati “agenti degli stranieri”, cioè spie e traditori.

Quattro mesi fa, Marina Ovsiannikova era in cima alla lista di coloro che la dittatura russa considera traditori dall’interno. La sua presenza in Francia è inaspettata e costituisce un terribile affronto a Putin e al suo apparato di sicurezza. La giornalista ringrazia RSF. “Mi hanno salvato. Hanno aiutato me e mio figlio a fuggire”, insiste la donna, consapevole però che d’ora in poi vivrà sotto la minaccia dei killer dell’FSB (ex KGB). “Ovviamente temo per la mia vita. Quando parlo con i miei amici in Russia, mi dicono: “Cosa preferiresti: morire di Novitchok o per un ‘incidente’ d’auto?”. Il Novitchok è l’agente nervino utilizzato per avvelenare Sergei Skripal, ex spia russa che ha tradito.

Un segnale contro la propaganda. La storia di Marina Ovsiannikova inizia, per il mondo intero, lunedì 14 marzo 2022. Quel giorno, la giornalista e produttrice si è autoinvitata al notiziario di Pervi Kanal, il principale canale nazionale, quello in cui lavora.

Alle spalle della collega Ekaterina Andreyeva, che presenta il telegiornale dal 1998, Marina regge un cartello con la scritta: “Fermate la guerra”. Non credete alla propaganda. Vi stanno mentendo. I russi sono contrari alla guerra. La scena dura pochi secondi, prima di essere interrotta dalla trasmissione di un servizio sugli ospedali, ponendo fine alla diretta sul set.

La coraggiosa giornalista 44enne che ha osato sfidare la censura di Putin il 19° giorno del conflitto è stata immediatamente arrestata, poiché il regolatore dei media russi aveva vietato la parola “guerra” fin dalle prime ore dell’invasione. Il solo fatto di pronunciarla è di per sé un reato. Inoltre, nel tempio della propaganda del Cremlino, non si fa menzione dei massacri in corso a Mariupol, questa strategica città portuale situata tra la Crimea e il Donbass, assediata e affamata da quasi tre settimane e dove la situazione è “quasi disperata, secondo Medici Senza Frontiere.

Così l’immagine della giornalista che dice no e chiama le cose con il loro nome diventa virale. Lei incarna la resistenza russa al dittatore, o almeno la sua manifestazione più visibile. In pochi secondi di trasmissione rubata, armata di un semplice pezzo di carta, Marina Ovsiannikova è diventata un simbolo.

Un simbolo contestato. Alcuni in Russia e Ucraina ricordano che per anni la donna che oggi dice no alla guerra ha trasmesso la propaganda del Cremlino senza alcuna apparente remora. Faceva parte del sistema: il suo ex marito, con cui ha avuto un figlio e una figlia, è un dirigente del canale televisivo RT (ex Russia Today).

“Una delle prime domande che le sono state poste durante la conferenza stampa è stata: “Cosa ti ha spinto a compiere questo atto di resistenza dopo anni di sottomissione? Marina descrive una “graduale presa di coscienza” e ammette senza difficoltà di essersi “nascosta per anni”.

Racconta di media controllati e imbavagliati, di connessioni Internet spiate, dove solo l’installazione di una VPN sul suo computer le permette di aggirare la censura e di avere accesso a informazioni non filtrate. Fa un parallelo con “l’epoca di Stalin, della repressione politica”.

Fino allo shock del 24 febbraio 2022. La guerra.

Questo riporta alla mente brutti ricordi per questa ragazza nata da padre ucraino e madre russa, cresciuta a Grozny. Durante la prima guerra cecena (1994-1996), la sua casa è stata distrutta dall’esercito russo.  “Abbiamo dovuto fuggire senza nulla. Mi sono detta che gli ucraini dovevano subire la stessa cosa…”.

La sua decisione è stata presa. Ma dove esprimere questa rabbia? Non ci sono più media indipendenti sul territorio russo (sono andati in esilio, alcuni sono aiutati da RSF, dice Christophe Deloire). Così Marina Ovsiannikova ha deciso di operare dal proprio datore di lavoro, nel cuore del sistema, nell’emittente televisiva più seguita in Russia, anche da un certo Vladimir Putin. “Sembra che la presentatrice gli piaccia…”, dice a proposito della sua collega Ekaterina Andreyeva, che ha continuato a presentare, imperturbabile, mentre lei dimostrava alle sue spalle.

Martedì 15 marzo, Marina Ovsiannikova ha riacquistato la libertà dopo aver lasciato il tribunale, dove è stata multata di 30.000 rubli (oltre 250 euro). Oltre alla multa, la donna è passibile di azioni penali, poiché all’inizio del mese il presidente russo ha firmato una nuova legge che punisce la diffusione di informazioni volte a “screditare” le forze militari con un massimo di 15 anni di carcere.

Parlando nella serata, Marina Ovsiannikova ha detto: “Non riconosco la mia colpa. Resto convinto che la Russia stia commettendo un crimine […] e che sia l’aggressore in Ucraina”.

È riuscita a lasciare il Paese per un po’ di tempo per lavorare per il media tedesco Die Welt, prima di tornare per riottenere la custodia dei figli. Questo non le ha impedito di manifestare davanti al Cremlino a luglio, con un manifesto che definiva  Vladimir Putin un assassino e i suoi soldati fascisti.

Questo l’ha portata ad essere nuovamente arrestata e accusata di “diffondere false informazioni” sull’esercito russo. In attesa del processo, è agli arresti domiciliari e le è vietato l’uso di qualsiasi mezzo di comunicazione.

“Le autorità russe hanno preferito distruggere la mia vita piuttosto che mettermi in prigione”, dice oggi. Secondo la donna, i tempi per decidere l’affidamento dei figli tra lei e l’ex marito sono stati accelerati. Agli arresti domiciliari, non può partecipare a nessuna udienza e quando viene presa la decisione di affidare la custodia al padre, nel documento si legge che “la madre sta facendo attività politica”.

“Non ho dubbi che tutto questo venga da lassù”, conclude.

E il 9 ottobre, dice, sarà processata per aver dato pubblicamente il numero di bambini morti in Ucraina. Un numero trovato sul sito delle Nazioni Unite, un sito autorizzato dal momento che la Russia è uno Stato membro. Ma un numero “ritenuto falso e quindi considerato illegale da riprendere”, dice il giornalista. Ricorda ancora il numero in questione: 352. 352 bambini morti “a luglio”, aggiunge. Il suo avvocato è convinto che sarà condannata a dieci anni di carcere per questo, quindi le dice di fuggire “per salvarsi la vita”. Ma come? Marina Ovsiannikova indossa un braccialetto elettronico.

Il 3 ottobre, l’AFP ha rivelato che il ministero degli Interni russo aveva emesso un avviso di ricerca per la giornalista, suggerendo che fosse in fuga con la figlia. Il 17 ottobre, il suo avvocato ha confermato che madre e figlia si trovavano da qualche parte in Europa. “Stanno bene, stanno aspettando di parlare pubblicamente, ma per il momento non è certo”, ha detto Dmitri Zakhvatov.

Questa fuga è il risultato dell’operazione “Evelyn”, il nome in codice utilizzato da RSF per indicare Marina Ovsiannikova.

Prima di iniziare la storia, degna di un romanzo di spionaggio, Christophe Deloire avverte che purtroppo sarà frammentaria. “Rimarranno delle zone d’ombra per la sicurezza di coloro che ci hanno aiutato.

Il segretario generale di RSF ha contattato la giornalista russa quattro giorni dopo l’episodio del telegiornale interrotto per offrirle aiuto. Hanno continuato a sentirsi durante l’estate. A settembre, Marina Ovsiannikova lo contatta nuovamente “attraverso un intermediario”. All’epoca non le era consentito comunicare con il mondo esterno. Marina Ovsiannikova è decisa a lasciare la sua patria. L’operazione “Evelyn” entra nella sua fase attiva.

La situazione è complicata dal fatto che il figlio disconosce la sua azione e che sua madre ritiene che meriti il carcere per ciò che ha fatto. “Mia madre mi osservava più delle forze di sicurezza”, sorride al ricordo.

Marina Ovsiannikova è scomparsa nella notte tra venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre 2022. La data è stata scelta deliberatamente. “C’era meno rischio che qualcuno ci cercasse durante il fine settimana…”.

Dall’altra parte del continente, Christophe Deloire e un altro membro di RSF non erano molto contenti quella sera. “Non eravamo convinti al 100% che ce l’avrebbero fatta.

Marina e sua figlia hanno attraversato la Russia a bordo di sette veicoli uno dopo l’altro. Solo nel secondo veicolo la giornalista si è resa conto che, nel panico dell’evento, aveva dimenticato di togliere il braccialetto elettronico. L’ha tagliato con le pinze speciali.

Mentre il confine si avvicina, l’ultimo veicolo si blocca in un campo. Hanno dovuto procedere al buio e a piedi. Dopo molte ore di ansia, le due donne e la loro guida raggiungono la foresta di un paese di confine dove le persone le stanno aspettando. Con i visti Schengen, entrano nell’Unione Europea e si dirigono in Francia.

All’indomani del telegiornale del 14 marzo, Emmanuel Macron ha dichiarato di voler “avviare iniziative per offrire protezione, in ambasciata o con l’asilo politico” alla giornalista che aveva osato sfidare il Cremlino. Questa promessa è stata mantenuta”, rivela Christophe Deloire, che chiarisce che le autorità avevano dato il loro consenso ad accogliere Marina Ovsiannikova in Francia. È stato un merito della Francia aiutare una persona che incarna la resistenza alla propaganda.

Il segretario generale di RSF ha poi parlato della casa di campagna in cui Marina e sua figlia sono state ospitate nei primi giorni. “Abbiamo anche fatto la spesa”, dice.

Tuttavia, dice di non poter rivelare il punto di ingresso in Francia. Perché no? Perché rivelerebbe il coinvolgimento dello Stato francese?

Una fuga di questo tipo, di una persona così mirata, sembra difficilmente realizzabile da parte di una ONG senza l’intervento di un servizio di intelligence e i mezzi di uno Stato. Mediapart ha posto la domanda a Christophe Deloire, che l’ha respinta (probabilmente non poteva fare altrimenti): “Questa è un’operazione coordinata da RSF, non è stata organizzata dai servizi segreti.

Ci limitiamo a notare che non dice che i servizi segreti non hanno partecipato all’operazione “Évelyne”. Ma questo è un aspetto secondario. Che Marina Ovsiannikova sia stata aiutata da un servizio segreto occidentale o sia stata fatta fuoriuscire con i soli mezzi di RSF e di alcuni amici russi, sembra un affronto all’FSB e all’uomo che ne era a capo prima di fare carriera come capo del Cremlino.

Non abbiamo ancora sentito l’ultima parola su Marina Ovsiannikova. Questo venerdì, Zwischen Gut und Böse (“Tra il bene e il male. How I finally stood up to the Kremlin’s propaganda”), un libro autobiografico attualmente in corso di traduzione in francese e in altre quattro lingue.

In questo libro, descrive alcuni dei trucchi della “fabbrica della propaganda” del suo datore di lavoro, Pervi Kanal: la diffusione di informazioni su Vladimir Putin non deve mai essere seguita da cattive notizie. Viene presentato come il salvatore della Russia. D’altra parte, c’è un divieto latente di ricevere buone notizie dagli Stati Uniti e dall’Europa occidentale. Nella mente dei russi deve essere trasmessa l’immagine che tutti gli americani sostengono il movimento LGBT, uccidono i neri, abusano dei bambini russi adottati, scrive.

Ma qualunque cosa faccia o scriva, il processo alla sua legittimità continua. Alla conferenza stampa di Parigi, un giornalista della televisione indipendente russa Dojd le ha chiesto della diffidenza che suscita in Ucraina e persino tra i giornalisti indipendenti del suo Paese. “”Sei stata rigettata dall’opposizione, è triste per te, non è vero?”.

Marina Ovsiannikova non si è sottratta alla domanda e, ad essere sinceri, non è sembrata turbata. ” Per quanto mi riguarda, tra qualche tempo sarò sola con me stessa. Non importa come mi guardano gli altri, sarò sola con la mia coscienza. E quando mi chiedo: cosa ho fatto all’inizio di questa guerra? Ebbene, saprò di aver fatto la cosa giusta.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte