6.9 C
Rome
domenica 25 Febbraio 2024
6.9 C
Rome
domenica 25 Febbraio 2024
Homequotidiano movimentoFrancia, ancora un milione in piazza. Verso lo sciopero generale

Francia, ancora un milione in piazza. Verso lo sciopero generale

La lotta contro l’allungamento dell’età pensionabile. Anche nei luoghi di studio si sta strutturando il movimento. Next stop il 16 febbraio e poi lo sciopero il 7 marzo [Checchino Antonini]

La scommessa dell’intersindacale ha funzionato. La scelta di convocare la quarta giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni di sabato, per consentire alle famiglie e ai lavoratori che non possono scioperare di venire a ingrossare i cortei, ha ovviamente dato i suoi frutti.
Circa 963.000 manifestanti, secondo il Ministero degli Interni, hanno marciato in tutta la Francia per opporsi al piano di Emmanuel Macron di innalzare l’età pensionabile legale da 62 a 64 anni. Questa cifra è superiore a quella ufficiale della mobilitazione del 7 febbraio (750.000) e leggermente inferiore a quella delle giornate del 19 e 31 gennaio (rispettivamente 1,12 e 1,27 milioni). La CGT ha parlato di “oltre 2,5 milioni” di manifestanti.
Il desiderio di Laurent Berger, capo della CFDT, che venerdì aveva dichiarato su France Info che “più di un milione di manifestanti sarebbe stato un grande successo”, è stato quasi esaudito. La dinamica della mobilitazione rimane molto solida, come il record raggiunto a Parigi, dove due cortei ampiamente riforniti hanno collegato Place de la République a Place de la Nation, su percorsi diversi.
Il Ministero degli Interni ha presentato la cifra di 93.000 manifestanti nella capitale, mentre la CGT ha indicato un totale di 500.000 persone. In entrambi i casi, ciò corrisponde a un picco dall’inizio della mobilitazione, confermato anche dallo studio “Occurrence” (112.000).
Gli otto sindacati del gruppo intersindacale hanno già annunciato una quinta giornata di protesta per giovedì 16 febbraio. Questa volta i loro leader non si incontreranno a Parigi, ma ad Albi, la prefettura del Tarn, un modo per sottolineare la forza delle mobilitazioni in città di dimensioni modeste.
Soprattutto, hanno concordato una giornata volta a “bloccare la Francia in tutti i settori” martedì 7 marzo, alla fine delle vacanze scolastiche in tutte le zone, in un momento in cui il testo dovrebbe essere in discussione al Senato. La CFDT di Laurent Berger chiede quindi uno sciopero di 24 ore, se “il governo e i parlamentari rimarranno sordi alla protesta popolare”.
“Non siamo nella logica di uno sciopero rinnovabile”, ha tenuto a precisare il capo del primo sindacato centrale francese: “Non si tratta di un appello allo sciopero generale”, ha insistito. “La questione del rinnovo non si decide a livello di confederazioni sindacali, ma nelle aziende e nei servizi”, ha dichiarato Philippe Martinez, della CGT.
Il sindacato Solidaires, da parte sua, difende uno “sciopero rinnovabile a partire da mercoledì 8 marzo”, puntando sui settori dell’energia e delle ferrovie. La CGT-Cheminots è su una linea identica. I sindacati della RATP hanno già indetto uno sciopero rinnovabile a partire da quella data.
Il successo di questo quarto atto di mobilitazione arriva alla fine della prima settimana di esame del progetto di riforma in Assemblea. In questa fase è stato adottato un solo articolo, in un’atmosfera burrascosa. Ci sono ancora 16.000 emendamenti e 19 articoli da discutere, compreso il famoso settimo articolo, sull’estensione dell’età legale, il tutto entro il 17 febbraio, data limite per l’esame in Assemblea.
Anche in questo caso, le manifestazioni sono state molto partecipate nelle città di medie dimensioni, e nel complesso il 7 febbraio. È il caso, ad esempio, di Guingamp nella Côtes d’Armor (3.800 secondo la polizia), di Saint-Brieuc nello stesso dipartimento (7.600), di Dole nel Giura (2.200), di Boulogne-sur-Mer nelle Hauts-de-France (3.500), di Agen nel Lot-et-Garonne (3.100) o di Montauban nel Tarn-et-Garonne (3.200).
Nella marcia parigina, “non rinunciate a nulla”.
Mentre l’esecutivo dà l’impressione di voltare le spalle ai manifestanti, l’ipotesi emergente di uno sciopero più duro, a partire dalla fine delle vacanze scolastiche, è stata ripresa da molti nel corteo parigino.

Contro la riforma delle pensioni, le università e le scuole superiori stanno gradualmente entrando nel ballo
I giovani sono presenti nei cortei contro la riforma delle pensioni, soprattutto nelle città di medie dimensioni. Ma nei luoghi di studio gli scioperi sono più timidi. La futura riforma delle borse di studio e la volontà di reagire da parte degli studenti lavoratori potrebbero cambiare la situazione.

Tra il 31 gennaio e il 7 febbraio 2023 sono state bloccate una quindicina di facoltà e mobilitate circa 200 scuole superiori. La Fage, la principale organizzazione sindacale studentesca, dichiara che 180.000 giovani, iscritti o meno al sindacato, hanno partecipato ai cortei nell’ultimo giorno di mobilitazione. Anche i tradizionali bastioni della protesta studentesca e gli studenti delle scuole superiori si sono impegnati all’inizio di febbraio. A Rennes 2, durante il blocco del 6 febbraio, gli studenti hanno scritto le lettere rosse di “Vive la Commune!” sulla facciata dell’università, facendo così rivivere la lunga storia sociale del luogo (lo slogan, dipinto per 20 anni, era stato cancellato nel 2010). Le organizzazioni sindacali preferiscono sottolineare la mobilitazione nelle città studentesche, più defilate e meno segnate da una forte storia militante, in una configurazione del tutto simile a quella degli impiegati, con cortei molto grandi in diverse città di medie dimensioni fin dall’inizio del movimento.

Se le dinamiche non sono spettacolari, il motivo va ricercato anche nella ferma risposta delle autorità universitarie e liceali alle azioni di blocco, così come delle forze dell’ordine, nonostante la tradizione di “apertura universitaria” e gli atenei a lungo ritenuti santuari di un certo numero di azioni politiche. L’escalation della repressione è una parte importante della comprensione del movimento.

Martedì 7 febbraio, la polizia ha arrestato tre minorenni, in seguito al blocco del Lycée Racine di Parigi, minorenni che sono stati presi in custodia e sono ora sotto minaccia di processo, riferisce un comunicato dell’équipe del Lycée, riunita in assemblea generale il 9 febbraio 2023.

Il Lycée Racine non è un caso isolato: dalle prime mobilitazioni contro la riforma delle pensioni, si sono verificati incidenti violenti in diverse università e scuole secondarie”, si legge in un comunicato. Deploriamo questa violenza della polizia, che può essere vista come un’intimidazione della mobilitazione dei giovani. Denunciamo anche la risposta giudiziaria, che ci sembra del tutto inappropriata». Nelle università, inoltre, i blocchi sono sempre più aggirati dai rettori, che scelgono di chiudere gli istituti e possono ora contare anche sulla carta dell’apprendimento a distanza. «Per noi sono strumenti perfetti per spezzare la mobilitazione». Ma anche qui il movimento si sta lentamente strutturando. L’allungamento dell’età pensionabile potrebbe essere percepito, in un contesto di maggiore precarietà, come “la provocazione del troppo” per una parte dei giovani, e favorire la “solidarietà intergenerazionale”. L’intreccio tra il mondo del lavoro e quello degli studenti sta trasformando qualitativamente le relazioni tra due universi che un tempo si erano concepiti come separati. Sempre più studenti lavorano durante gli studi, per non parlare degli stage. Questo cambia il rapporto tra gli studenti e la società, le rappresentazioni mentali, e costituisce una delle basi materiali per l’intersindacalità tra studenti e sindacati dei lavoratori e per le azioni su temi comuni. Anche perché perché il governo sta lavorando a una “riforma” delle borse di studio universitarie che preoccupa la maggior parte delle organizzazioni studentesche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]