18.4 C
Rome
venerdì 12 Luglio 2024
18.4 C
Rome
venerdì 12 Luglio 2024
Homeculture1953, la morte di Stalin apre una nuova era

1953, la morte di Stalin apre una nuova era

70 anni fa moriva il Ratto della Giorgia, il dittatore che ha diretto la degenerazione del processo rivoluzionario in Urss [Laurent Ripart]

“Tutta la Russia pianse: da quel giorno sapevamo che nessuno pensava più al posto nostro”. Queste parole del poeta kruscioviano Evtoutchenko testimoniano lo shock, ma anche la rottura, che la morte di Stalin, il 5 marzo 1953, costituì per tutti i sovietici e per il movimento comunista internazionale.
Nei suoi ultimi anni di vita, Stalin aveva talmente paura di essere assassinato che scelse di non dormire al Cremlino, dove lasciò le luci accese nel suo ufficio per tutta la notte, per far credere di vegliare costantemente sul benessere del popolo sovietico.
Serata fatale a Kountsevo
Tuttavia, quando non soggiornava in una delle sue lussuose residenze nel Caucaso, dove risiedeva per metà dell’anno, il dittatore trascorreva le sue notti nella dacia ultra-sicura che aveva costruito a Kountsevo, una decina di chilometri a sud-ovest di Mosca.
È lì che il 28 febbraio, dopo aver trascorso la notte, come era sua abitudine, a bere e mangiare con Beria, Bulganin, Krusciov e Malenkov, si ritirò poco prima delle 6 del mattino nei suoi appartamenti privati, dove non dormiva mai nella stessa stanza, per motivi di sicurezza.
Krusciov, che ha lasciato il resoconto più dettagliato degli eventi nelle sue memorie pubblicate nel 1970, racconta che la famiglia attese invano che il dittatore uscisse dai suoi appartamenti verso mezzogiorno, l’ora in cui Stalin si svegliava abitualmente. Il personale e le guardie del corpo trascorsero il pomeriggio dietro le porte, preoccupati per la mancata reazione di Stalin e per il fatto di essere entrati nei suoi appartamenti senza permesso. Solo alle 22 i capi della sicurezza decisero coraggiosamente di mandare una vecchia cameriera negli appartamenti di Stalin. Lo trovò a terra nella sua biblioteca: immerso nell’urina, Stalin aveva l’intero lato destro paralizzato e probabilmente giaceva in uno stato di semi-coscienza da molte ore.

Una lenta agonia
Dopo aver sistemato Stalin su un letto, il personale di Kountsevo avvertì Beria, che vietò loro di chiamare i medici. Secondo Krusciov, Beria, che in qualità di capo della polizia sapeva che Stalin aveva intenzione di farlo arrestare presto, aveva tutto l’interesse a non farlo curare. È possibile, tuttavia, che Beria volesse semplicemente rispettare la fobia di Stalin per i medici, che lo aveva portato a far arrestare il proprio pochi mesi prima. Dopo circa dieci ore, tuttavia, si decise di inviare dei medici che non sapevano cosa fare, se non prescrivere delle sanguisughe al moribondo per ridurre la pressione sanguigna. Beria inviò anche i suoi agenti nelle prigioni per interrogare i medici che Stalin aveva fatto arrestare: sulla base della descrizione clinica fornita loro, essi spiegarono che non c’era speranza e che la morte era inevitabile.
Ancora disteso sul suo letto, Stalin stava lentamente asfissiando, senza ricevere alcuna cura reale. Il 4 marzo, Malenkov decise che la popolazione doveva essere preparata alla morte del loro leader supremo e la radio annunciò a tutta la popolazione che le condizioni del compagno Stalin erano preoccupanti. Il patriarca di Mosca e il rabbino capo indissero immediatamente una veglia di preghiera, prima che la radio sovietica annunciasse alle 4 del mattino del 6 marzo che “il cuore del compagno d’armi di Lenin, il portabandiera del suo genio e della sua causa, il saggio educatore e la guida del Partito Comunista e dell’Unione Sovietica, ha cessato di battere il 5 marzo 1953 alle 21.50”.

Tragico funerale
Molti resoconti testimoniano che l’annuncio della morte di Stalin fu accolto con grida di gioia nei campi di lavoro, che allora contenevano 2,5 milioni di sovietici. Gli archivi sovietici conservano anche i procedimenti a carico di alcuni cittadini condannati a 10 anni di carcere per aver accolto con entusiasmo la notizia della morte di Stalin. Tuttavia, la stragrande maggioranza della popolazione espresse con cautela o sincerità il proprio profondo dolore per la perdita di Stalin.

Il corpo di Stalin fu deposto nella Sala delle Colonne della Casa dei Sindacati, nello stesso luogo in cui era stato deposto il corpo di Lenin nel 1924. Ben presto si formò un’enorme coda, lunga 16 km, che permise ai moscoviti in lacrime di piangere davanti alla salma di Stalin. Il 9 marzo, le autorità organizzarono un funerale per portare il corpo nel mausoleo costruito sulla Piazza Rossa, dove sarebbe stato deposto accanto a Lenin, imbalsamato per l’eternità.

La folla era così numerosa che la cerimonia si trasformò in un dramma, con 1.500 persone che morirono soffocate o calpestate nell’orribile calca causata dalla solita negligenza dell’amministrazione che non riuscì a contenere i milioni di sovietici portati per i funerali.

Un’eco internazionale
A detta di tutti, gli attivisti e i leader comunisti furono profondamente scioccati dalla notizia della morte di Stalin. Leader navigati come Mao e Zhou Enlai piansero quando appresero la notizia. In Italia, il Segretario Generale del PCI Togliatti si commosse terribilmente quando si presentò alla Camera dei Deputati per annunciare la morte di Stalin. Con l’accordo degli altri parlamentari, spiegò che i deputati non potevano continuare i loro lavori in questo contesto, perché una morte del genere “abbraccia il cuore di tutta l’umanità civile, poiché non è necessario aver condiviso le idee di Joseph Stalin, aver esaltato le sue opere, per essere colpiti, attoniti, nel momento in cui questa vita prodigiosa finisce”.
In Francia, dove il governo ha ordinato tre giorni di lutto ufficiale, Jacques Duclos, che aveva guidato il PCF dalla partenza di Thorez per Mosca nel 1950, non è riuscito a trattenere i singhiozzi quando si è presentato davanti al comitato centrale per annunciare la morte di Stalin. Il Pcf coprì le sedi con enormi lastre nere, cariche di ritratti di Stalin, davanti alle quali attivisti e lavoratori si recarono per piangere, deporre fiori e firmare registri di condoglianze. Il culto di Stalin continuò anche dopo la sua morte. Per aver pubblicato un ritratto non realistico di Stalin (Picasso è anche l’autore dei disegni in evidenza, ndr) nel numero speciale di Lettres françaises a lui dedicato, Picasso subì le ire della direzione del PCF e Aragon dovette fare autocritica per aver permesso che un ritratto non conforme ai canoni del realismo socialista apparisse sulla rivista da lui diretta.

L’apertura della successione
Forse perché si sentiva in punto di morte, Stalin aveva rafforzato il suo ferreo controllo sulla società nei suoi ultimi mesi. Aveva appena lanciato una delirante campagna antisemita, arrestando decine di migliaia di ebrei in nome della lotta al “cosmopolitismo”. Quattro mesi prima di morire, aveva pubblicato 20 milioni di copie de I problemi economici del socialismo in URSS, in cui annunciava l’intenzione di abolire i complotti individuali kolkhosiani, in altre parole un ritorno al grande terrore degli anni Trenta. La sua paranoia lo aveva persino portato a sciogliere il Politburo in ottobre, prima di annunciare che nuove purghe avrebbero colpito la leadership, minacciando apertamente Molotov e Mikoyan, la cui vita era appesa a un filo.
Sebbene Stalin fosse determinato a non avere mai un erede, la sua successione doveva essere prevista. Al funerale, Malenkov, un piccolo burocrate di scarso spessore che Stalin aveva nominato suo numero 2, sembrava in grado di assumere la leadership, ma dovette presto frenare le sue ambizioni e il 15 marzo dovette dimettersi dalla segreteria del Comitato Centrale. Se si stava creando una nuova leadership, questa è stata organizzata secondo il principio della collegialità, in totale rottura con l’era staliniana.

Un brutale cambio d’epoca
Molto rapidamente, i sovietici si resero conto che erano in corso profondi cambiamenti. Il 20 marzo la Pravda fu pubblicata senza che il nome di Stalin comparisse mai. Il 27 marzo Beria proclama un’amnistia e fa liberare più di un milione di prigionieri in pochi giorni. Il 6 aprile la Pravda annunciò non solo che i medici di Stalin erano stati rilasciati, ma anche che tutte le accuse contro di loro erano false e che i poliziotti che li avevano torturati erano stati arrestati. Il 16 aprile, i lettori della Pravda rimasero increduli quando videro un articolo che sottolineava l’importanza della democrazia e della collegialità nel partito, spiegando che le critiche dovevano essere lasciate fluire liberamente.
Anche i leader occidentali rimasero stupiti nel vedere una chiara rottura nella politica estera dell’URSS. Il 19 marzo, i sovietici annunciarono di voler negoziare una pace in Corea con i cinesi, aprendo il processo che portò al Trattato di armistizio di Panmunjom il 27 luglio 1953. Allo stesso tempo, i sovietici smantellarono i posti di blocco che bloccavano Berlino Ovest e i suoi diplomatici aprirono la prospettiva della riunificazione della Germania in cambio della sua neutralizzazione.

La fine di un mondo
Il nuovo corso dei sovietici destabilizzò i Paesi dominati dell’Europa centrale, dove i piccoli Stalin che gestivano i partiti comunisti videro i loro nuovi padroni prendere una direzione completamente opposta alla loro. A maggio, scioperi operai scuotono la Bulgaria, poi le agitazioni si diffondono in Cecoslovacchia, dove la città di Plzen è teatro di disordini all’inizio di giugno. A metà giugno, scioperi insurrezionali scoppiano a Berlino Est; si diffondono a tal punto che l’esercito russo spara sui dimostranti, uccidendo più di 100 persone. La scomparsa di Stalin pose un problema importante alla nuova leadership: come mantenere il sistema sovietico e allo stesso tempo voltare pagina rispetto al delirante regime stalinista?
In ogni caso, la rottura si consumò e la nuova leadership collegiale ne diede una nuova prova quando fece arrestare Beria alla fine di giugno del 1953, l’uomo che per anni aveva diretto la polizia di Stalin e incarnato per tutti i sovietici i peggiori eccessi di questo regime. Processato secondo gli standard più puri dei processi staliniani, condannato a morte e giustiziato, Beria divenne così la vittima espiatoria del sistema che aveva messo in piedi, colui che dimostrò che Stalin aveva portato nella tomba il terrorismo di Stato con cui aveva schiacciato la società sovietica per un quarto di secolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina

Gaza, questa guerra è contro i bambini, ormai si sa

Dalla nostra inviata a Gerusalemme

Chi è Davide e chi è Golia adesso?

Gaza, chi non è stato ucciso soffre da mesi nella zona a più alta concentrazione di fame e sete del pianeta

La guerra di Netanyahu svuota Gerusalemme

Rumori, colori, odori, sapori sono scomparsi dalla città vecchia, attendono anche loro, chiusi dietro gli usci, la fine della guerra