9.3 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
9.3 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
Homequotidiano movimentoGemini Network, la radio si può scrivere leggere cucinare

Gemini Network, la radio si può scrivere leggere cucinare

Gemini Day: sabato 25 marzo al Brancaleone la giornata delle radio indipendenti

Gemini Network, il network delle Radio Indipendenti, torna a Roma per una giornata di cultura, socialità, radio, informazione. Sabato 25 marzo al centro sociale Brancaleone – storico spazio sociale di Montesacro – si terrà una giornata ricca di contenuti e momenti di aggregazione, frutto di una cooperazione tra radio che da quasi tre anni unisce esperienze diverse sparse in giro per lo Stivale.

Una giornata in cui Gemini si rappresenta materialmente ed esce per l’ennesima volta dallo steccato immateriale della comunicazione radiofonica, dopo i festival di Perugia e Padova e la carovana radiofonica fatta lo scorso ottobre, che è stata in grado di raccogliere le voci delle tante esperienze di solidarietà dal basso che sono attive nel territorio nazionale, terminando con una “due giorni” in Calabria, tra Cosenza e Rosarno.

Al Brancaleone ci saranno workshop, talk radiofonici, presentazioni di libri, spettacoli di cabaret e musica, tutto all’insegna del rendere vivo e sempre aperto il processo che si cela dietro a una redazione “diffusa” di un network radiofonico.

Si parte venerdì 24 marzo alle 20.30 con la cena popolare ai Magazzini Popolari di Casalbertone. La mattina seguente, dopo un momento di accoglienza e la pausa pranzo, si parte con il primo talk radiofonico, un radiogiornale a cura di Gemini Network con dei commenti alle principali notizie di attualità politica.

Alle 14,30 iniziano i quattro workshop: Music Magazine, che spiegherà tecniche e i principali strumenti del giornalismo musicale, a cura della webzine di Radio Sherwood; “La realtà a fumetti”, a cura del fumettista e illustratore Giamomo Taddeo Traini, che entrerà nei meandri del graphic journalism; “Le parole per dirlo”, la laboratoria che ci guiderà verso un percorso di liberazione dal linguaggio patriarcale, nella radiofonia e non solo; “Dall’informazione all’infotainment”, ovvero cosa si nasconde davvero dietro le scelte televisive, con l’inviata de Le Iene Valeria Castellano che ci porterà dietro le quinte del mondo televisivo, con un’analisi dell’informazione italiana da ieri ad oggi.

Si prosegue alle 17,30 con il talk sulla strage di Cutro, che avrà come ospiti il giornalista di Fanpage Valerio Renzi e la direttrice di Meltring Pot Barbara Barbieri, che farà il punto sulla situazione politica apertasi in Italia dopo una delle più gravi stragi avvenute a largo delle nostre coste e il successivo decreto immigrazione del governo Meloni.

A seguire, il collettivo di divulgazione storica Cronache Ribelli presenta il box “Fascisti e antifascisti” una serie di loro opere che affronta a tutto tondo la questione del Ventennio fascista, dallo squadrismo degli esordi alla Resistenza. In serata andrà in scena il cabaret astrologico di Astronza, l’astrologia come strumento complesso di conoscenza di sé, degli altri e di tutto ciò che ci gira attorno e ci attraversa. La ricca giornata verrà chiusa dj set Gemini All Stars, che vedrà tutte le radio della rete prodigarsi con scalette e selecta musicali. Per tutta la giornata verrà servito cibo vegano, all’insegna dell’etichetta ecologista che ha sempre connotato la visione comune di Gemini Network.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale