22 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
22 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
Homein fondo a sinistraFrancia, la Nupes si scioglie per le Europee (e rispunta Segolene)

Francia, la Nupes si scioglie per le Europee (e rispunta Segolene)

Per Verdi, Ps e comunisti una lista comune per le europee è impossibile. Gli Insoumis continuano a insistere [Abzouz, Dejean, Graulle e Gueugneau]

Tra la firma di un libro e una foto con gli attivisti de La France insoumise (LFI), Benoît Hamon si gode il suo momento di gloria. Venerdì 25 agosto, l’ex candidato socialista alle presidenziali si è allontanato dal suo ritiro dalla vita politica, giusto il tempo di infilarsi durante una conferenza all’Amfis estivo del movimento melenchonista a Châteauneuf-sur-Isère: “Dobbiamo creare le condizioni per una lista unica della sinistra e degli ecologisti alle elezioni europee. L’esistenza di una lista unica ci permetterà di prendere slancio in vista del 2027. Questo argomento dovrebbe mettere a tacere tutte le polemiche”.

Il suo appello è stato immediatamente raccolto su X (ex Twitter) dai leader ribelli che da mesi invocano questa lista comune. Mentre tornava alla sua auto, diretto al Campus estivo del Partito socialista (PS) a Blois e poi alle Giornate estive degli ecologisti a Le Havre, dove predicherà lo stesso messaggio, Benoît Hamon ha cominciato a sognare un’esplosione di energia unitaria: “Sono lucido, è complicato, ma potremmo analizzare lo scenario dall’esterno [dei partiti]. Mi piacerebbe che la gente lo facesse, perché di fronte all’imminenza di una vittoria dell’estrema destra nel 2027, questa divisione non ha lo stesso significato”.

Nonostante l’offerta di LFI di affidare la testa della lista agli ecologisti e di tenere conto dei loro risultati (favorevoli) alle elezioni europee del 2019, nel 2024 vogliono andare da soli. All’Amfis, le sfuriate continuano. Ali Rabeh, sindaco di Génération a Trappes (Yvelines), ad esempio: “Gli ecologisti si assumono una pesante responsabilità di fronte alla storia. Questa disunione porterà alla disunione nelle elezioni comunali e inevitabilmente alla nostra dispersione nelle elezioni presidenziali”.

Poco dopo, Ségolène Royal, discutendo con il coordinatore nazionale di LFI, Manuel Bompard, in un anfiteatro gremito, ha tentato un “hacking” annunciando che avrebbe preso “un’iniziativa” a favore dell’unione. Durante un incontro con la stampa, l’ex candidata socialista alla presidenza ha dichiarato: “Metteremo insieme una lista, una lista unitaria”. E si è spinta oltre: “Naturalmente, sono disponibile a guidare questa lista”. Appena uscito da un seminario sulle lotte dei quartieri popolari, Éric Coquerel è rimasto sbalordito.

Mélenchon e Royal erano soliti scontrarsi all’interno del Partito Socialista, e le posizioni pubbliche che ha assunto da quando si è ritirata dalla politica sulle persone arrestate a Mantes-la-Jolie, sui crimini di guerra in Ucraina e sul dispiegamento militare durante i “gilets jaunes” – hanno regolarmente suscitato polemiche. Per non parlare del fatto che a settembre condurrà una puntata con Cyril Hanouna su C8…

Tuttavia, tutto lascia pensare che gli Insoumis non siano del tutto impreparati. All’ora di pranzo, Ségolène Royal ha pranzato con Manuel Bompard. Jean-Luc Mélenchon ha trascorso un po’ di tempo al caffè. Il tre volte candidato alle presidenziali ha dichiarato in serata: “Se non c’è una lista unitaria, ci sarà una lista di unità”. È un modo per dire che se la lista comune fallisce, LFI intende riunire le persone senza gli apparati. “È un modo per promuovere l’idea di una lista comune”, afferma Manuel Bompard. A giugno, ha dichiarato a Le Parisien: “Se qualcuno mi dice: Royal capo lista, ok! Non potranno dire che sono un rompiscatole…”.

Nel Partito Socialista, scetticismo sull’unione

A Blois, l’uscita dell’ex amica Royal ha lasciato i socialisti scettici. Come minimo. Interrogato alla fine della giornata di sabato, mentre il Campus estivo del PS volgeva al termine, Olivier Faure, primo segretario, ha evitato la domanda: “Non sono il portavoce” di Ségolène Royal, “il futuro dirà se c’è un desiderio di futuro comune anche grazie a lei”.

Durante il suo discorso di sabato, Olivier Faure ha ancora una volta sostenuto l’unione di tutta la sinistra, affermando di voler essere “tanto semplice quanto chiaro”:  “Sono sicuramente, risolutamente, indefettibilmente, un sostenitore e, a mio modo, un artigiano dell’incontro tra la sinistra e gli ecologisti”.In questo atto di equilibrio, Faure ha detto ad alta voce ciò che molti socialisti ripetevano nei corridoi del Campus: “La situazione attuale non è preoccupante” perché questo scrutinio ha una specificità, quella di “aggiungere forze piuttosto che sottrarle, indipendentemente dalle configurazioni politiche, poiché il voto è proporzionale”.

Arnaud, 46 anni, membro del PS dal 2007, e Laetitia, 40 anni, membro dal 2006, entrambi di Tarn-et-Garonne, si sono incontrati poco dopo il discorso ed entrambi hanno salutato Olivier Faure come “al di sopra della mischia”. Per Arnaud, “il 2024 è fuori discussione finché EELV andrà avanti da solo e non c’è modo di farla franca”. Ma “ci ritroveremo in seguito, sulle questioni fondamentali siamo sullo stesso movimento”, insiste, perché “l’importante è che alla fine ci mettiamo tutti dietro lo stesso candidato [nel 2027], siamo destinati a questo”.

Laetitia è “ottimista” perché, a suo avviso, la Nupes (Nouvelle Union populaire, écologique et sociale) è riuscita a creare “uno spazio di discussione in cui, è vero, a volte non siamo d’accordo, ma almeno lo diciamo”. Sul campo”, continua Arnaud, “l’unione è ciò che la gente si aspetta, e lo dice semplicemente”.

Christophe, 62 anni e iscritto dal 1997, è più duro. “L’affermazione di un’offerta politica socialista mi sembra normale e appropriata, a maggior ragione in un’elezione proporzionale dove le coalizioni non sono giustificate”, afferma.E aggiunge: “L’idea di Europa proposta dal Partito socialista è molto diversa da quella proposta da LFI. Sulle questioni sociali ci sono convergenze, ma su questi temi siamo molto distanti”.

Per quanto riguarda il futuro, l’attivista rimane scettico: “Non credo che l’alleanza con LFI debba continuare così. LFI è un repellente per il nostro elettorato, penso che il PS dovrebbe piuttosto affermarsi e federarsi attorno ad esso”. Christophe è quindi in linea con i membri di Refondations, l’opposizione interna al PS guidata dal sindaco di Rouen, Nicolas Mayer-Rossignol, e dalla deputata parigina Lamia El Aaraje. Da tempo spingono per la fine della Nupes e vedono le elezioni europee come un’opportunità.

“Dobbiamo andare oltre la Nupes e costruire una coalizione più ampia, chiara ed equilibrata”, spiega Nicolas Mayer-Rossignol, che sostiene un’alleanza con la Convention di Bernard Cazeneuve, Place publique di Raphaël Glucksmann e Parti radical de gauche di Guillaume Lacroix. Quanto all’iniziativa di Ségolène Royal, Lamia El Aaraje è chiara: “Una lista unitaria non può essere decretata, e non credo affatto che sia una buona idea”.

Raphaël Glucksmann, che abbiamo incontrato sabato, fa il modesto, anche se sa che il PS lo vuole fortemente. “Con Place Publique lanceremo la nostra mobilitazione, elaboreremo il nostro progetto”, dice, prima di aggiungere che “lavora bene” con il Partito socialista.

Ciò che è certo per lui è che il suo movimento “non ha le stesse posizioni di LFI o di Ségolène Royal sull’Ucraina, sulla Cina o sulla difesa europea”, quindi la sua “credibilità” è in gioco se non si unisce alle altre forze.

Consapevoli di essere su un filo di lana, sabato i leader socialisti hanno fatto un ultimo tentativo di disinnescare la situazione davanti alla stampa. Olivier Faure: “Ho sempre detto che non è l’alleanza a dettare il progetto, ma è il progetto a dettare l’alleanza.A causa della decisione del PCF e dei Verdi, non abbiamo potuto avere questa discussione, ma se la discussione fosse riaperta, ovviamente la discuteremo”. Johanna Rolland, sindaco di Nantes e primo vicesegretario del partito: “Non permetteremo che si dica che l’idea di unirsi per il 2027 si sta esaurendo, non lo permetteremo”.

Tra i Verdi, la Nupes sì, ma…

Intanto a Le Havre, dove si sono tenute le Journées d’été des Verts, la Nupes è nei pensieri di tutti. Ma non si parla di riaprire il dibattito sulla lista europea, nonostante i colpi di alcuni invitati.Venerdì, durante una sessione plenaria dedicata al 2027, la deputata insoumise Clémentine Autain ha esclamato: “la Nupes va talmente bene che dovremmo averla per le elezioni europee!”. C’è stato qualche applauso, ma anche qualche fischio da parte del pubblico.

Il giorno dopo, è toccato a Benoît Hamon, di ritorno da Blois, cercare di evangelizzare la platea: “Non capisco perché non accettate che Marie [Toussaint – n.d.r.] sia a capo di un’unica lista”, ha contestato dal podio che condivideva con David Cormand, evidentemente stufo di veder riproporre la questione strategica.

Clémentine Autain era in missione ufficiale, ma c’è stata una votazione interna all’EELV e abbiamo scelto di mettere insieme una lista autonoma. Dovete smetterla di cercare di torcerci le braccia”, ha dichiarato un attivista della Val-de-Marne poco dopo il discorso di Benoît Hamon.

Giudicando che finché Mélenchon, le sue tentazioni egemoniche e le sue idee sulle questioni internazionali saranno ancora attuali, i Verdi non saranno pronti a unire le forze con LFI, il 60enne ha aggiunto: “Inoltre, se avessimo una lista unica alle elezioni europee, ci sarebbero liste dissidenti sia dei Verdi che dei socialisti, il che ci impedirebbe di ottenere un buon punteggio”.

Resta il fatto che tra i “jeunes écolos” e i sostenitori di Sandrine Rousseau, più aperti a una lista Nupes a sinistra, l’idea di un’unione non è del tutto scomparsa dalla mente delle persone. Va detto che la direzione dell’EELV, che continua a fare riferimento all’indiscutibile risultato del voto interno di luglio (86 % a favore di una lista autonoma), è stato attento a non prolungare i dibattiti interni sull’opportunità di una candidatura unica.

“Abbiamo chiuso la porta a un’alleanza dell’ultimo minuto troppo presto, avremmo potuto prenderci un po’ più di tempo per pensarci”, lamenta un giovane attivista che si è finalmente avvicinato all’idea di una lista autonoma, ma che in ogni caso non si fa molte illusioni sull’esito delle elezioni europee.

A giudicare dalle risate di scherno e dagli sguardi imbronciati dei presenti quando Ségolène Royal ha proposto una lista comune, è chiaro che la trovata politica del fine settimana è stata un fallimento e che è servita solo a rafforzare la scelta autonoma degli ecologisti presenti a Le Havre.

È la prova che LFI non sta prendendo sul serio le elezioni”, ha dichiarato domenica l’eurodeputato David Cormand. Ma al di là della manovra tattica, questo appoggio solleva davvero questioni fondamentali. La posizione di Ségolène Royal sull’aggressione russa in Ucraina – è arrivata persino a contestare il bombardamento di un ospedale [la maternità di Marioupol – n.d.r.] da parte della Russia – e la posizione di Didier Raoult durante la pandemia, il fatto che abbia coniato il termine “ecologia punitiva”, che abbia promosso il concetto di “crescita verde” come ministro dell’Ecologia e che stia facendo il suo ritorno come editorialista per Hanouna/Bolloré rivela differenze politiche che mi sembrano fondamentali.

Al Docks, tuttavia, gli ecologisti speravano che la disunione alle elezioni europee non fosse sinonimo di sepoltura della Nupes. “La questione fondamentale è come costruire la battaglia culturale contro l’estrema destra, e questo non può essere ridotto a questioni tattiche”, dice Alexis, che immagina che si possano tenere riunioni congiunte con gli alleati di Nupes, un po’ come le riunioni sulle pensioni, per le elezioni europee.

Bénédicte Monville, che non può partecipare alle elezioni europee, sta anche accarezzando l’idea di apporre un logo “Nupes” sulle quattro liste in competizione, per mostrare agli elettori che la divisione elettorale non ha avuto la meglio sull’alleanza…

La Nupes, sì, ma dopo… Questa è stata la linea principale adottata dalla leader del partito, Marine Tondelier, nel suo discorso programmatico alle Journées d’été, dove ha invitato i suoi partner di sinistra a scrivere una nuova pagina della Nupes, a partire dalle elezioni europee. Una nuova fase avviata “fin da ora, e qualunque cosa accada alle elezioni europee”, in cui i partiti comincerebbero già a riflettere insieme su un programma comune per il 2027 e a decidere, prima della fine del 2024, il metodo per nominare un candidato unico.

Il PCF, solo ma sereno

Anche a Strasburgo il “colpo” di Royal ha suscitato sorrisetti. Dai dirigenti del PCF agli attivisti, l’ipotesi viene scartata a priori e derisa. Soprattutto, rafforza la scelta dei membri del partito di procedere da soli. Fabien Roussel è stato il primo.

“Ségolène Royal deve essere molto felice, e sono molto felice anche per lei che gli Insoumis la accolgano a braccia aperte”, ha ironizzato il segretario nazionale del PCF, che ha detto di voler mettere al primo posto le “idee” piuttosto che le “persone” e di ritenere che la Nupes debba rimanere “una coalizione di forze politiche, e non debba diventare una forza politica” a sé stante.

Sul podio delle università estive del suo partito, e davanti a una folla di “compagni” elettrizzati da ogni sua battuta umoristica e anti-Macron, il leader comunista ha colto l’occasione per affrontare, senza nominarli, alcuni dei suoi alleati del Nupes: “Quando la sinistra si preoccupa più del rumore che fa che delle soluzioni da costruire, i francesi se ne allontanano”.

Il capo lista del partito per le elezioni europee, Léon Deffontaines, ha ribadito il concetto nel suo discorso conclusivo: “I comunisti hanno il loro discorso e il loro progetto per le elezioni europee.

Molti attivisti, come Bastien, sostengono questa linea e denunciano l’atteggiamento di coloro che a sinistra “saltano a piè pari”, discutendo di unità prima di parlare di programma. La lista unitaria guidata da Royal è una farsa elettorale”, afferma il 23enne, iscritto al partito dal 2016. Quando vedo questo spettacolo spaventoso, sono contento che dalla nostra parte ci sia un progetto con una linea chiara su sovranità, pace ed ecologia, anche se restiamo aperti al dialogo”.

E poi, più importanti dei bisticci di partito, ci sono i disaccordi di fondo, sul nucleare in particolare, e le opposte concezioni dell’Europa, insistono diversi attivisti. “I Verdi e i socialisti difendono una visione federalista dell’Europa, mentre noi ci opponiamo a qualsiasi allargamento dell’Unione Europea, che aumenterebbe la concorrenza tra i lavoratori”, afferma un comunista della federazione della Marna.

Un compagno è stato divertito dal ritorno sotto i riflettori dei media di due ex finalisti delle elezioni presidenziali: “Ho aperto X e Ségolène Royal e Nicolas Sarkozy erano in ‘trend’. Per un attimo ho pensato di essere tornata nel 2007”.

Hélène Bidard, vicesindaco comunista di Parigi, non vede di buon occhio il ritorno alla ribalta politica di Ségolène Royal ed è preoccupata per “lo strano spettacolo che la sinistra sta allestendo per gli elettori”. Ha criticato l’incoerenza dei leader ribelli, in particolare Jean-Luc Mélenchon, Alexis Corbière e Danielle Simonnet, che hanno lasciato il PS per fondare il Parti de gauche perché si sono opposti al Trattato costituzionale (TCE), che Royal invece sosteneva. La Francia del “sì” al TCE non può rappresentare un’alternativa credibile per la sinistra, che chiede un’Europa diversa”, ha insistito.

“Siamo in un momento in cui i partiti si stanno vendicando”, ha deplorato Sandrine Rousseau sabato all’Amfis, cercando di mettere in guardia dagli effetti potenzialmente dannosi delle ripetute tattiche di pressione da parte degli Insoumis – e raccogliendo alcuni fischi nel frangente.

Domenica, a Valence, anche Gilles, un attivista di Sevran (Seine-Saint-Denis), sembrava vedere il pericolo: “Quando ci si unisce, si entra in un nuovo territorio. Spetta alla LFI, in quanto forza trainante della sinistra, ascoltare ed entrare in empatia con i suoi partner”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione

Ecco perché hanno arrestato Toti e un po’ di padroni della Liguria

L'ordinanza della Procura della Repubblica e della DDA che ha decapitato la Regione e il mondo degli affari genovesi

Che Palestina sarà dopo il genocidio

La migliore “soluzione” che potrebbe scaturire è peggiore di quella che esisteva prima [Gilbert Achcar*]