0.8 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
0.8 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoPisa rinasce sulla Riva Mancina

Pisa rinasce sulla Riva Mancina

Al via la festa della lista di cittadinanza Una città in comune, un’occasione per pensare collettivamente a un nuovo modo di costruire la sinistra, partendo dai territori e dai conflitti

10290606_914157505277335_1001168569110276911_n

 

Si parlerà di alternative contro l’austerity e le larghe intese a Riva Mancina, la festa organizzata dalla lista di cittadinanza di sinistra “Una città in comune”. Alle 21:30 di venerdì 18 luglio a Pisa in Piazza San Paolo a Ripa d’Arno saranno presenti Nicoletta Dosio, Tommaso Fattori e Luigi Sturniolo, per animare un dibattito in cui si discuterà di nuove pratiche del conflitto dentro e fuori dalle istituzioni. Dai comuni all’Europa. Dal Movimento NO TAV a quello NO Ponte. Dalla Val di

Susa all’eresia amministrativa di “Cambiamo Messina dal basso” con Renato Accorinti, passando per le lotte per i beni comuni in Toscana e non solo.

 

Riva mancina è la prima festa cittadina organizzata da “Una città in comune”, un progetto politico nato nel marzo del 2013 per dare una sponda istituzionale alle varie anime della sinistra diffusa pisana, riuscendo a prendere l’8% in coalizione con Rifondazione Comunista alle amministrative della primavera scorsa. Dopo un anno di lavoro dentro e fuori dal “palazzo”, gli attivisti hanno organizzato in una bella piazza sulla riva sinistra dell’Arno tre giorni di dibattiti, concerti e

attività per bambini. Oltre al dibattito del 18 ci saranno altri appuntamenti importanti, come l’incontro di giovedì 17 con Tomaso Montanari e Adriano Prosperi incentrato sulla valorizzazione del patrimonio culturale. Inoltre ci saranno i concerti di Miriam Mellerin e Steeplejack e sarà possibile cenare.

 

In un anno di attività l’esperienza di “Una città in comune” sta dimostrando che un progetto di sinistra può prendersi il proprio spazio politico, senza fare da stampella a partiti più grandi e senza ridursi alla mera testimonianza. Un progetto di sinistra in grado di stare all’opposizione con coerenza e propositività, ma con grandi ambizioni e apertura verso l’esterno, per fare rete su scala locale e nazionale. Alle 18 del 18 luglio è infatti in programma l’incontro “Territori in

comune” che vedrà la presenza di liste di cittadinanza provenienti da tutta la provincia di Pisa.

 

Un altro spazio a sinistra contro le grandi opere e le speculazioni del partito del mattone è possibile, per potenziarlo occorre mettere in relazione e sinergia le tante esperienze territoriali che da anni

portano avanti istanze e battaglie in tutta Italia. In quest’ottica si può leggere il tentativo di far rete con altre realtà simili diffuse sul territorio nazionale. E’ nata infatti a Pisa nel novembre del 2013 la

rete “Le città in comune”, della quale oltre a Pisa fanno parte alcune liste di cittadinanza che vanno da Messina a Imperia, da Firenze a Roma. All’interno della rete in questi pochi mesi sono nate campagne comuni che ogni lista sta declinando sul proprio territorio. Beni comuni, patrimonio comune e disobbedienza al patto di stabilità e all’articolo 5 del Piano Casa, queste sono state le prime iniziative portate avanti dalla rete sui territori, dentro e fuori dalle istituzioni.

 

Riva Mancina è un’occasione per pensare collettivamente a un nuovo modo di costruire la sinistra, partendo dai territori e dai conflitti che su essi si svolgono quotidianamente. L’appuntamento è quindi a Pisa, dal 17 al 19 luglio, sulla riva sinistra dell’Arno.

cartolina-dibattito-18-piccola-compressa

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio