17.8 C
Rome
lunedì 27 Maggio 2024
17.8 C
Rome
lunedì 27 Maggio 2024
Homecronache socialiBimbi abusati e torturati, la pedofilia dilaga in Italia

Bimbi abusati e torturati, la pedofilia dilaga in Italia

Due arresti e trentaquattro indagati in seguito a una maxi operazione contro la pedofilia online condotta dalla polizia postale italiana e da quella tedesca.

di Giorgia Pietropaoli

violenza-bambini02

I bambini dovrebbero avere diritto a un’infanzia spensierata e alla loro innocenza, quell’innocenza che permette loro di riporre fiducia negli adulti. E ancora una volta gli adulti decidono di calpestare quella stessa innocenza con atti che distruggono l’essenza stessa di un bambino. Ecco cosa accade quando vengono girati e diffusi sul web video porno che mostrano bambini protagonisti di soprusi sessuali. È assurdo anche solo scoprire che ci sono persone capaci di pensare di fare una cosa simile.

Ogni tanto, per fortuna, capita di stanare questi orrendi individui. È successo oggi, venerdì primo agosto, quando due persone sono state arrestate e decine di altre sono state indagate in un’operazione contro la pedofilia on-line eseguita, congiuntamente, dalla polizia postale italiana e da quella tedesca. La Procura di Catania ha disposto perquisizioni domiciliari in diverse città d’Italia, a carico di trentaquattro soggetti accusati di avere scaricato e diffuso su internet video di pornografia minorile, con abusi sessuali e anche torture su bambini di pochi anni.

Le indagini dell’operazione, che la polizia ha chiamato eDonkey2000 (dal nome del programma peer-to-peer utilizzato per caricare il materiale sul web), si sono svolte a Milano, dove è stato fermato un uomo di sessantatré anni, e a Bologna, dove è stato arrestato un uomo di quarantatré anni originario di Imola, entrambi in possesso di materiale pedopornografico che mostrava bambini molto piccoli in situazioni e atteggiamenti particolarmente scabrosi.

Le perquisizioni sono state effettuate a Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Como, Cuneo, Firenze, Ferrara, Livorno, Milano, Messina, Napoli, Novara, Pesaro, Pisa, Ragusa, Roma, Savona, Siena, Siracusa, Torino e Verona. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati, oltre a materiale pedopornografico, anche computer, hard disk, pen-drive e supporti ottici. I video diffusi su internet mostravano abusi sessuali nei confronti di bambini spesso di pochi anni, che venivano anche sottoposti a “torture con pratiche sessuali di sconcertante sadismo”.

La polizia tedesca, con la quale da anni la polizia postale ha una stretta collaborazione, ha condiviso con le autorità italiane i dati che hanno permesso di identificare gli indagati. Le indagini sono state coordinate dal Centro nazionale di contrasto della pedopornografia on line (Cncpo) di Roma.
Ci saranno approfondimenti investigativi atti a confermare la responsabilità degli indagati e verrà analizzato il materiale sequestrato nel tentativo di identificare i minori, vittime degli abusi e delle violenze.

Ci vorrà fegato per guardare questo scempio compiuto nei confronti di bambini che avrebbero dovuto essere soltanto protetti, amati. Se questi sono uomini, quali saranno le bestie?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Putin non si è mai impegnato a “denazificare” la Russia

Al di là della retorica putiniana l'estrema destra russa non è preoccupata, almeno finché serve al governo [Nicolas Lebourg]

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]