8 C
Rome
mercoledì 3 Marzo 2021
8 C
Rome
mercoledì 3 Marzo 2021
Home cronache sociali Bimbi abusati e torturati, la pedofilia dilaga in Italia

Bimbi abusati e torturati, la pedofilia dilaga in Italia

Due arresti e trentaquattro indagati in seguito a una maxi operazione contro la pedofilia online condotta dalla polizia postale italiana e da quella tedesca.

di Giorgia Pietropaoli

violenza-bambini02

I bambini dovrebbero avere diritto a un’infanzia spensierata e alla loro innocenza, quell’innocenza che permette loro di riporre fiducia negli adulti. E ancora una volta gli adulti decidono di calpestare quella stessa innocenza con atti che distruggono l’essenza stessa di un bambino. Ecco cosa accade quando vengono girati e diffusi sul web video porno che mostrano bambini protagonisti di soprusi sessuali. È assurdo anche solo scoprire che ci sono persone capaci di pensare di fare una cosa simile.

Ogni tanto, per fortuna, capita di stanare questi orrendi individui. È successo oggi, venerdì primo agosto, quando due persone sono state arrestate e decine di altre sono state indagate in un’operazione contro la pedofilia on-line eseguita, congiuntamente, dalla polizia postale italiana e da quella tedesca. La Procura di Catania ha disposto perquisizioni domiciliari in diverse città d’Italia, a carico di trentaquattro soggetti accusati di avere scaricato e diffuso su internet video di pornografia minorile, con abusi sessuali e anche torture su bambini di pochi anni.

Le indagini dell’operazione, che la polizia ha chiamato eDonkey2000 (dal nome del programma peer-to-peer utilizzato per caricare il materiale sul web), si sono svolte a Milano, dove è stato fermato un uomo di sessantatré anni, e a Bologna, dove è stato arrestato un uomo di quarantatré anni originario di Imola, entrambi in possesso di materiale pedopornografico che mostrava bambini molto piccoli in situazioni e atteggiamenti particolarmente scabrosi.

Le perquisizioni sono state effettuate a Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Como, Cuneo, Firenze, Ferrara, Livorno, Milano, Messina, Napoli, Novara, Pesaro, Pisa, Ragusa, Roma, Savona, Siena, Siracusa, Torino e Verona. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati, oltre a materiale pedopornografico, anche computer, hard disk, pen-drive e supporti ottici. I video diffusi su internet mostravano abusi sessuali nei confronti di bambini spesso di pochi anni, che venivano anche sottoposti a “torture con pratiche sessuali di sconcertante sadismo”.

La polizia tedesca, con la quale da anni la polizia postale ha una stretta collaborazione, ha condiviso con le autorità italiane i dati che hanno permesso di identificare gli indagati. Le indagini sono state coordinate dal Centro nazionale di contrasto della pedopornografia on line (Cncpo) di Roma.
Ci saranno approfondimenti investigativi atti a confermare la responsabilità degli indagati e verrà analizzato il materiale sequestrato nel tentativo di identificare i minori, vittime degli abusi e delle violenze.

Ci vorrà fegato per guardare questo scempio compiuto nei confronti di bambini che avrebbero dovuto essere soltanto protetti, amati. Se questi sono uomini, quali saranno le bestie?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia)